21-23 settembre 2018 Colloque Aicl a Roman (Romania)

Av

Dal 21 al 23 settembre 2018 Avrà luogo a Roman, in Romania, il Colloque annuale dell’associazione Internazionale dei Critici letterari presieduta da Neria De Giovanni.

r

Il tema dibattuto ricorda che nel 2018 si chiudono le manifestazione in ricordo del centenario della Grande guerra. Infatti  sarà al centro del dibattito critico:  “

“E’ la seconda volta in pochi anni che il colloque AICL  si svolge  in Romania- dichiara Neria De Giovanni- infatti  nel  2015 siamo stati ospitati magnificamente a Piatra Neampt  per dibattere sul tema “La letteratura nella storia, la storia nella letteratura” ed adesso, tre anni dopo, sempre la storia fa da supporto alle nostre analisi critico letterarie, con una tematica molto esplicita che si rifà alla fine della prima guerra mondiale.

Saremo ospiti della città di Roman e della provincia di Piatra Neampt e potremo, come sempre, visitare i luoghi di cultura e storia più significativi del territorio.

L’organizzazione- conclude Neria De Giovanni-  in loco è stata coordinata dal vicepresidente internazionale il prof. Stefan Damian, italianista dell’Università di Cluj, e dal poeta e scrittore Tudorel  Radu”.

Il prof. Angel Basanta, docente all’Università di Madrid, presidente dell’Associazione Spagnola dei Critici letterari e Segretario generale dell’AICL, oltre svolgere la propria relazione, presenterà al Bureau Internazionale l’iscrizione di sei nuovi soci dalla Spagna.

Tra i delegati che interverranno a Roman, oltre ai critici romeni, segnaliamo:  il vicepresidente dell’AICL, Ichiro Saito dal Giappone, Antonio Mendoza dal  Venezuela,  Josefa Conthioch e Fina Sala dalla Catalogna, Jean Pierre Castellani dalla Francia,  Arjan Kallco dall’Albania, e tra gli italiani: dalla Sicilia Corrado Monaca  (Ispica) e Grazia Dormiente (Modica), dalla Liguria Rosa Elisa Giangoia e Bruno Rombi (Genova), dalla Puglia Silvano Trevisani (Taranto), e da Roma Antonio Maria Masia, Sabino Caronia, e il tesoriere dell’AICL  Massimo Milza.

Come nel precedente colloquio anche questo del 2018 conterrà una bella sorpresa e una buona pratica per i convegnisti, infatti l’organizzazione romena ha pubblicato il testo degli Atti del Colloque che così potrà essere seguito agevolmente da tutti i partecipanti, relatori e ascoltatori.

 

 

28- 29 giugno 2013 Convegno Internazionale «Il Mediterraneo: alle origini della letteratura di viaggio» A.I.C.L. e AGENZIA per il PATRIMONIO CULTURALE EUROMEDITERRANEO insieme per la VALORIZZAZIONE DELLA CULTURA DEL MEDITERRANEO


 

MORRA DE SANCTIS, 14 e 15 ottobre 2011, "Letteratura e sentimento nazionale"

Nell'occasione del centocinquantenario dell'Unità d'Italia il Comune di Morra De Sanctis ha voluto onorare la memoria del suo grande cittadino, Francesco De Sanctis, ospitando un convegno internazionale su un tema importante che ha accompagnato il processo storico della nostra Nazione sia pre che post unitario: l'apporto che gli uomini di cultura, poeti, scrittori e letterati in particolare, hanno dato alla consapevolezza del sentimento di "italianità", di coesione nazionale, di unità e solidarietà tra Nord e Sud del Paese.
Nel nome di Francesco De Sanctis, che fu anche primo Ministro della Pubblica Istruzione dello Stato Unitario, nel Castello di Morra De Sanctis, nei giorni 14 e 15 ottobre 2011 si è svolto il convegno internazionale "Letteratura e sentimento nazionale", evento inserito nell'ambito delle celebrazioni organizzate dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri.

 

PENNA SAN GIOVANNI, 8 e 9 Ottobre 2010, "Letteratura e Mistero tra i monti Azzurri della Sibilla"

L’8 e il 9 ottobre 2010 a Penna San Giovanni, nel cuore dei leopardiani Monti Azzurri, si è svolto l’annuale incontro dell’ A.I.C.L. 

All’incontro di Penna, fortemente voluto dal Presidente della Comunità Montana, Giampiero Feliciotti, sempre attento a cogliere le occasioni più prestigiose per la valorizzazione del territorio, hanno partecipato oltre 20 delegati provenienti principalmente dalle varie regioni d’Italia, (dalla Puglia alla Liguria, dal Veneto alla Sardegna, dalla Toscana alla Calabria, passando per Roma), ma anche da diverse realtà europee (Grecia, Francia, Romania e Portogallo), nonché dell’America Latina, Venezuela, e dal Giappone. Il convegno ha avuto un tema suggestivo, "Letteratura e mistero tra i Monti Azzurri della Sibilla", perché è tradizione dell’A.I.C.L. scegliere per ogni incontro annuale un tema in sintonia con l’ambiente che lo ospita, e anche perché il mistero, tra mito e realtà, è parte integrante della letteratura di ogni tempo e Paese. 


 

LUCCA, 2 - 4 Ottobre 2009, "Letteratura e Cibo"

Letteratura e cibo” è l’invitante argomento scelto dall’A.I.C.L. per il suo annuale incontro che si è svolto a Lucca dal 2 al 4 ottobre 2009 nella sala di lettura dell’Agorà.

 Il tema del Convegno “Letteratura e cibo” sottolinea la presenza del cibo che rappresenta una costante nella letteratura di ogni epoca e ogni paese. Il cibo è un elemento caratterizzante delle singole culture ed è portatore di importanti valori sociali e comunicativi. I miti e le leggende, le fiabe ed i racconti popolari, hanno sempre trovato nel cibo una tematica ricorrente così come è stato messo in luce nei due giorni di lavoro che Lucca, città nota in campo internazionale per i suoi prodotti alimentari di qualità oltre che per la sua indiscutibile leadership in campo culturale, ha accettato con piacere di ospitare. 


 

                                                            Il premio Nobel nella letteratura del mondo


                                                           

 

 

L'Association Internationale des Critiques Litteraires sbarca a Pozzallo

 

« Il Premio Nobel della letteratura nel mondo » è il tema che i critici e gli scrittori dell’Associazione Internazionale dei Critici letterari svolgeranno nel loro convegno annuale che si terrà a Pozzallo il 20-21 gennaio p.v.

Su invito ed organizzazione del prof. Corrado Monaca, Direttore Strategico cultura e territorio, l’AICL sbarca per la seconda volta in Sicilia dopo il Convegno di Gela del 2001, in occasione del centenario della nascita di Salvatore Quasimodo.

Nel 2017 ricorrono i centocinquanta anni dalla nascita del Premio Nobel Luigi Pirandello, del quale  insieme al premio Nobel Grazia Deledda proprio nel 2016 appena trascorso si sono celebrati gli ottanta anni dalla morte.

Per questo il Bureau Internazionale AICL, presieduto da Neria De Giovanni, ha invitato i delegati dell’Associazione a una riflessione sul valore dei Premi Nobel per la letteratura nei diversi Paesi del mondo.
Critici e scrittori provenienti dal Giappone, Spagna, Francia, USA, Venezuela, Romania, Albania , Catalogna, oltre che da diverse città italiane, Roma, Taranto, Genova, Torino, si confronteranno nella Scuola « A.Amore, presso l’Auditorium Paolo Monaca, appena inaugurato con la donazione da parte della famiglia Monaca di un busto di bronzo dell’artista Paolo Marazzi che con la sua arte unisce Baltico e Mediterraneo passando per Assisi.

In apertura un importante omaggio alla città che ospita il Convegno, con la relazione di Grazia Dormiente sul carteggio inedito tra Giorgio La Pira e Salvatore Quasimodo.

Per la Francia, Andrè Ughetto parlerà del Premio Nobel Federic Mistral e Jean Pierre Castellani di Albert Camus ; per la Spagna Angel Basanta, Segretario Generale dell’AICL, relazionerà su Camillo Josè Cela, mentre le catalane Josefa Contioch e Lulisa Julià parleranno della diffusione in Catalogna dei premi Nobel italiani Deledda, Pirandello e Quasimodo. Anche il romeno Horia Alupului omaggerà l’Italia con la sua relazione su Grazia Deledda in Romania, e Tudorel Radu offrirà un parallelo tra il nostro Pirandello e il romeno Brancusi  e Stefan Damian vicepresidente dell’AICL relazionerà sui luoghi di Salvatore Quasimodo. ’albanese Arjan Kallco omaggerà anche la Sicilia parlando di Quasimodo mentre Andrea Guiati che insegna in USA parlerà dell’ultimo premio Nobel, Bob Dylan.

Molta nutrita la presenza italiana : Piefranco Bruni parla di Pirandello, di Quasimodo Silvano Trevisani, mentre il Dante dei Premi Nobel è il tema svolto da Giovanna Ioli. Montale e Quasimodo sono all’attenzione di Rosa Elisa Giangoia, e Sabino Caronia parla di Pirandello tra Sciasia e Debenedetti. Antonio Maria Masia affronta Dario Fo. Mentre Bruno Rombi parla di Neruda in Sardegna in rapporto a  Grazia Deledda e Franco Idone raccoglie i Nobel che salgono e quelli che scendono… Dal Venezuela, Antonio Mendoza offre un ritratto della polacca Wislawa Szybroska.

Il convegno sarà l’occasione anche per visitare i luoghi di cultura del territorio: a Pozzallo, dopo l’incontro con il Sindaco, ci sarà la visita alla Casa Natale e al Museo di Giorgio La Pira  e alla mostra didattica “ Pozzallo nel vortice del tempo- Pozzallo dalla preistoria al XXI secolo”  allestita presso l’Istituto Comprensivo A. Amore . A Ispica,  incontro  con il Sindaco e visita dei luoghi di” Divorzio all’italiana” di Pietro Germi e di Montalbano, il famoso commissario nato dalla penna di Andrea Camilleri. Infine a Modica per la casa di Salvatore Quasimodo e il Museo del cioccolato.

In conclusione del Convegno, come d’uso per gli incontri Internazionali dell’Associazione, verrà consegnato il Premio Europeo Farfa di cultura e territorio , che quest’anno andrà ad esponenti del territorio ibleo.

 



Maggiori informazioni https://aicl-org.webnode.it/

 

L'Association Internationale des Critiques Litteraires sbarca a Pozzallo

 

« Il Premio Nobel della letteratura nel mondo » è il tema che i critici e gli scrittori dell’Associazione Internazionale dei Critici letterari svolgeranno nel loro convegno annuale che si terrà a Pozzallo il 20-21 gennaio p.v.

Su invito ed organizzazione del prof. Corrado Monaca, Direttore Strategico cultura e territorio, l’AICL sbarca per la seconda volta in Sicilia dopo il Convegno di Gela del 2001, in occasione del centenario della nascita di Salvatore Quasimodo.

Nel 2017 ricorrono i centocinquanta anni dalla nascita del Premio Nobel Luigi Pirandello, del quale  insieme al premio Nobel Grazia Deledda proprio nel 2016 appena trascorso si sono celebrati gli ottanta anni dalla morte.

Per questo il Bureau Internazionale AICL, presieduto da Neria De Giovanni, ha invitato i delegati dell’Associazione a una riflessione sul valore dei Premi Nobel per la letteratura nei diversi Paesi del mondo.
Critici e scrittori provenienti dal Giappone, Spagna, Francia, USA, Venezuela, Romania, Albania , Catalogna, oltre che da diverse città italiane, Roma, Taranto, Genova, Torino, si confronteranno nella Scuola « A.Amore, presso l’Auditorium Paolo Monaca, appena inaugurato con la donazione da parte della famiglia Monaca di un busto di bronzo dell’artista Paolo Marazzi che con la sua arte unisce Baltico e Mediterraneo passando per Assisi.

In apertura un importante omaggio alla città che ospita il Convegno, con la relazione di Grazia Dormiente sul carteggio inedito tra Giorgio La Pira e Salvatore Quasimodo.

Per la Francia, Andrè Ughetto parlerà del Premio Nobel Federic Mistral e Jean Pierre Castellani di Albert Camus ; per la Spagna Angel Basanta, Segretario Generale dell’AICL, relazionerà su Camillo Josè Cela, mentre le catalane Josefa Contioch e Lulisa Julià parleranno della diffusione in Catalogna dei premi Nobel italiani Deledda, Pirandello e Quasimodo. Anche il romeno Horia Alupului omaggerà l’Italia con la sua relazione su Grazia Deledda in Romania, e Tudorel Radu offrirà un parallelo tra il nostro Pirandello e il romeno Brancusi  e Stefan Damian vicepresidente dell’AICL relazionerà sui luoghi di Salvatore Quasimodo. ’albanese Arjan Kallco omaggerà anche la Sicilia parlando di Quasimodo mentre Andrea Guiati che insegna in USA parlerà dell’ultimo premio Nobel, Bob Dylan.

Molta nutrita la presenza italiana : Piefranco Bruni parla di Pirandello, di Quasimodo Silvano Trevisani, mentre il Dante dei Premi Nobel è il tema svolto da Giovanna Ioli. Montale e Quasimodo sono all’attenzione di Rosa Elisa Giangoia, e Sabino Caronia parla di Pirandello tra Sciasia e Debenedetti. Antonio Maria Masia affronta Dario Fo. Mentre Bruno Rombi parla di Neruda in Sardegna in rapporto a  Grazia Deledda e Franco Idone raccoglie i Nobel che salgono e quelli che scendono… Dal Venezuela, Antonio Mendoza offre un ritratto della polacca Wislawa Szybroska.

Il convegno sarà l’occasione anche per visitare i luoghi di cultura del territorio: a Pozzallo, dopo l’incontro con il Sindaco, ci sarà la visita alla Casa Natale e al Museo di Giorgio La Pira  e alla mostra didattica “ Pozzallo nel vortice del tempo- Pozzallo dalla preistoria al XXI secolo”  allestita presso l’Istituto Comprensivo A. Amore . A Ispica,  incontro  con il Sindaco e visita dei luoghi di” Divorzio all’italiana” di Pietro Germi e di Montalbano, il famoso commissario nato dalla penna di Andrea Camilleri. Infine a Modica per la casa di Salvatore Quasimodo e il Museo del cioccolato.

In conclusione del Convegno, come d’uso per gli incontri Internazionali dell’Associazione, verrà consegnato il Premio Europeo Farfa di cultura e territorio , che quest’anno andrà ad esponenti del territorio ibleo.

 



Maggiori informazioni https://aicl-org.webnode.it/

 

L'Association Internationale des Critiques Litteraires sbarca a Pozzallo

 

« Il Premio Nobel della letteratura nel mondo » è il tema che i critici e gli scrittori dell’Associazione Internazionale dei Critici letterari svolgeranno nel loro convegno annuale che si terrà a Pozzallo il 20-21 gennaio p.v.

Su invito ed organizzazione del prof. Corrado Monaca, Direttore Strategico cultura e territorio, l’AICL sbarca per la seconda volta in Sicilia dopo il Convegno di Gela del 2001, in occasione del centenario della nascita di Salvatore Quasimodo.

Nel 2017 ricorrono i centocinquanta anni dalla nascita del Premio Nobel Luigi Pirandello, del quale  insieme al premio Nobel Grazia Deledda proprio nel 2016 appena trascorso si sono celebrati gli ottanta anni dalla morte.

Per questo il Bureau Internazionale AICL, presieduto da Neria De Giovanni, ha invitato i delegati dell’Associazione a una riflessione sul valore dei Premi Nobel per la letteratura nei diversi Paesi del mondo.
Critici e scrittori provenienti dal Giappone, Spagna, Francia, USA, Venezuela, Romania, Albania , Catalogna, oltre che da diverse città italiane, Roma, Taranto, Genova, Torino, si confronteranno nella Scuola « A.Amore, presso l’Auditorium Paolo Monaca, appena inaugurato con la donazione da parte della famiglia Monaca di un busto di bronzo dell’artista Paolo Marazzi che con la sua arte unisce Baltico e Mediterraneo passando per Assisi.

In apertura un importante omaggio alla città che ospita il Convegno, con la relazione di Grazia Dormiente sul carteggio inedito tra Giorgio La Pira e Salvatore Quasimodo.

Per la Francia, Andrè Ughetto parlerà del Premio Nobel Federic Mistral e Jean Pierre Castellani di Albert Camus ; per la Spagna Angel Basanta, Segretario Generale dell’AICL, relazionerà su Camillo Josè Cela, mentre le catalane Josefa Contioch e Lulisa Julià parleranno della diffusione in Catalogna dei premi Nobel italiani Deledda, Pirandello e Quasimodo. Anche il romeno Horia Alupului omaggerà l’Italia con la sua relazione su Grazia Deledda in Romania, e Tudorel Radu offrirà un parallelo tra il nostro Pirandello e il romeno Brancusi  e Stefan Damian vicepresidente dell’AICL relazionerà sui luoghi di Salvatore Quasimodo. ’albanese Arjan Kallco omaggerà anche la Sicilia parlando di Quasimodo mentre Andrea Guiati che insegna in USA parlerà dell’ultimo premio Nobel, Bob Dylan.

Molta nutrita la presenza italiana : Piefranco Bruni parla di Pirandello, di Quasimodo Silvano Trevisani, mentre il Dante dei Premi Nobel è il tema svolto da Giovanna Ioli. Montale e Quasimodo sono all’attenzione di Rosa Elisa Giangoia, e Sabino Caronia parla di Pirandello tra Sciasia e Debenedetti. Antonio Maria Masia affronta Dario Fo. Mentre Bruno Rombi parla di Neruda in Sardegna in rapporto a  Grazia Deledda e Franco Idone raccoglie i Nobel che salgono e quelli che scendono… Dal Venezuela, Antonio Mendoza offre un ritratto della polacca Wislawa Szybroska.

Il convegno sarà l’occasione anche per visitare i luoghi di cultura del territorio: a Pozzallo, dopo l’incontro con il Sindaco, ci sarà la visita alla Casa Natale e al Museo di Giorgio La Pira  e alla mostra didattica “ Pozzallo nel vortice del tempo- Pozzallo dalla preistoria al XXI secolo”  allestita presso l’Istituto Comprensivo A. Amore . A Ispica,  incontro  con il Sindaco e visita dei luoghi di” Divorzio all’italiana” di Pietro Germi e di Montalbano, il famoso commissario nato dalla penna di Andrea Camilleri. Infine a Modica per la casa di Salvatore Quasimodo e il Museo del cioccolato.

In conclusione del Convegno, come d’uso per gli incontri Internazionali dell’Associazione, verrà consegnato il Premio Europeo Farfa di cultura e territorio , che quest’anno andrà ad esponenti del territorio ibleo.

 



Maggiori informazioni https://aicl-org.webnode.it/

 

L'Association Internationale des Critiques Litteraires sbarca a Pozzallo

 

« Il Premio Nobel della letteratura nel mondo » è il tema che i critici e gli scrittori dell’Associazione Internazionale dei Critici letterari svolgeranno nel loro convegno annuale che si terrà a Pozzallo il 20-21 gennaio p.v.

Su invito ed organizzazione del prof. Corrado Monaca, Direttore Strategico cultura e territorio, l’AICL sbarca per la seconda volta in Sicilia dopo il Convegno di Gela del 2001, in occasione del centenario della nascita di Salvatore Quasimodo.

Nel 2017 ricorrono i centocinquanta anni dalla nascita del Premio Nobel Luigi Pirandello, del quale  insieme al premio Nobel Grazia Deledda proprio nel 2016 appena trascorso si sono celebrati gli ottanta anni dalla morte.

Per questo il Bureau Internazionale AICL, presieduto da Neria De Giovanni, ha invitato i delegati dell’Associazione a una riflessione sul valore dei Premi Nobel per la letteratura nei diversi Paesi del mondo.
Critici e scrittori provenienti dal Giappone, Spagna, Francia, USA, Venezuela, Romania, Albania , Catalogna, oltre che da diverse città italiane, Roma, Taranto, Genova, Torino, si confronteranno nella Scuola « A.Amore, presso l’Auditorium Paolo Monaca, appena inaugurato con la donazione da parte della famiglia Monaca di un busto di bronzo dell’artista Paolo Marazzi che con la sua arte unisce Baltico e Mediterraneo passando per Assisi.

In apertura un importante omaggio alla città che ospita il Convegno, con la relazione di Grazia Dormiente sul carteggio inedito tra Giorgio La Pira e Salvatore Quasimodo.

Per la Francia, Andrè Ughetto parlerà del Premio Nobel Federic Mistral e Jean Pierre Castellani di Albert Camus ; per la Spagna Angel Basanta, Segretario Generale dell’AICL, relazionerà su Camillo Josè Cela, mentre le catalane Josefa Contioch e Lulisa Julià parleranno della diffusione in Catalogna dei premi Nobel italiani Deledda, Pirandello e Quasimodo. Anche il romeno Horia Alupului omaggerà l’Italia con la sua relazione su Grazia Deledda in Romania, e Tudorel Radu offrirà un parallelo tra il nostro Pirandello e il romeno Brancusi  e Stefan Damian vicepresidente dell’AICL relazionerà sui luoghi di Salvatore Quasimodo. ’albanese Arjan Kallco omaggerà anche la Sicilia parlando di Quasimodo mentre Andrea Guiati che insegna in USA parlerà dell’ultimo premio Nobel, Bob Dylan.

Molta nutrita la presenza italiana : Piefranco Bruni parla di Pirandello, di Quasimodo Silvano Trevisani, mentre il Dante dei Premi Nobel è il tema svolto da Giovanna Ioli. Montale e Quasimodo sono all’attenzione di Rosa Elisa Giangoia, e Sabino Caronia parla di Pirandello tra Sciasia e Debenedetti. Antonio Maria Masia affronta Dario Fo. Mentre Bruno Rombi parla di Neruda in Sardegna in rapporto a  Grazia Deledda e Franco Idone raccoglie i Nobel che salgono e quelli che scendono… Dal Venezuela, Antonio Mendoza offre un ritratto della polacca Wislawa Szybroska.

Il convegno sarà l’occasione anche per visitare i luoghi di cultura del territorio: a Pozzallo, dopo l’incontro con il Sindaco, ci sarà la visita alla Casa Natale e al Museo di Giorgio La Pira  e alla mostra didattica “ Pozzallo nel vortice del tempo- Pozzallo dalla preistoria al XXI secolo”  allestita presso l’Istituto Comprensivo A. Amore . A Ispica,  incontro  con il Sindaco e visita dei luoghi di” Divorzio all’italiana” di Pietro Germi e di Montalbano, il famoso commissario nato dalla penna di Andrea Camilleri. Infine a Modica per la casa di Salvatore Quasimodo e il Museo del cioccolato.

In conclusione del Convegno, come d’uso per gli incontri Internazionali dell’Associazione, verrà consegnato il Premio Europeo Farfa di cultura e territorio , che quest’anno andrà ad esponenti del territorio ibleo.

 



Maggiori informazioni https://aicl-org.webnode.it/

 

L'Association Internationale des Critiques Litteraires sbarca a Pozzallo

 

« Il Premio Nobel della letteratura nel mondo » è il tema che i critici e gli scrittori dell’Associazione Internazionale dei Critici letterari svolgeranno nel loro convegno annuale che si terrà a Pozzallo il 20-21 gennaio p.v.

Su invito ed organizzazione del prof. Corrado Monaca, Direttore Strategico cultura e territorio, l’AICL sbarca per la seconda volta in Sicilia dopo il Convegno di Gela del 2001, in occasione del centenario della nascita di Salvatore Quasimodo.

Nel 2017 ricorrono i centocinquanta anni dalla nascita del Premio Nobel Luigi Pirandello, del quale  insieme al premio Nobel Grazia Deledda proprio nel 2016 appena trascorso si sono celebrati gli ottanta anni dalla morte.

Per questo il Bureau Internazionale AICL, presieduto da Neria De Giovanni, ha invitato i delegati dell’Associazione a una riflessione sul valore dei Premi Nobel per la letteratura nei diversi Paesi del mondo.
Critici e scrittori provenienti dal Giappone, Spagna, Francia, USA, Venezuela, Romania, Albania , Catalogna, oltre che da diverse città italiane, Roma, Taranto, Genova, Torino, si confronteranno nella Scuola « A.Amore, presso l’Auditorium Paolo Monaca, appena inaugurato con la donazione da parte della famiglia Monaca di un busto di bronzo dell’artista Paolo Marazzi che con la sua arte unisce Baltico e Mediterraneo passando per Assisi.

In apertura un importante omaggio alla città che ospita il Convegno, con la relazione di Grazia Dormiente sul carteggio inedito tra Giorgio La Pira e Salvatore Quasimodo.

Per la Francia, Andrè Ughetto parlerà del Premio Nobel Federic Mistral e Jean Pierre Castellani di Albert Camus ; per la Spagna Angel Basanta, Segretario Generale dell’AICL, relazionerà su Camillo Josè Cela, mentre le catalane Josefa Contioch e Lulisa Julià parleranno della diffusione in Catalogna dei premi Nobel italiani Deledda, Pirandello e Quasimodo. Anche il romeno Horia Alupului omaggerà l’Italia con la sua relazione su Grazia Deledda in Romania, e Tudorel Radu offrirà un parallelo tra il nostro Pirandello e il romeno Brancusi  e Stefan Damian vicepresidente dell’AICL relazionerà sui luoghi di Salvatore Quasimodo. ’albanese Arjan Kallco omaggerà anche la Sicilia parlando di Quasimodo mentre Andrea Guiati che insegna in USA parlerà dell’ultimo premio Nobel, Bob Dylan.

Molta nutrita la presenza italiana : Piefranco Bruni parla di Pirandello, di Quasimodo Silvano Trevisani, mentre il Dante dei Premi Nobel è il tema svolto da Giovanna Ioli. Montale e Quasimodo sono all’attenzione di Rosa Elisa Giangoia, e Sabino Caronia parla di Pirandello tra Sciasia e Debenedetti. Antonio Maria Masia affronta Dario Fo. Mentre Bruno Rombi parla di Neruda in Sardegna in rapporto a  Grazia Deledda e Franco Idone raccoglie i Nobel che salgono e quelli che scendono… Dal Venezuela, Antonio Mendoza offre un ritratto della polacca Wislawa Szybroska.

Il convegno sarà l’occasione anche per visitare i luoghi di cultura del territorio: a Pozzallo, dopo l’incontro con il Sindaco, ci sarà la visita alla Casa Natale e al Museo di Giorgio La Pira  e alla mostra didattica “ Pozzallo nel vortice del tempo- Pozzallo dalla preistoria al XXI secolo”  allestita presso l’Istituto Comprensivo A. Amore . A Ispica,  incontro  con il Sindaco e visita dei luoghi di” Divorzio all’italiana” di Pietro Germi e di Montalbano, il famoso commissario nato dalla penna di Andrea Camilleri. Infine a Modica per la casa di Salvatore Quasimodo e il Museo del cioccolato.

In conclusione del Convegno, come d’uso per gli incontri Internazionali dell’Associazione, verrà consegnato il Premio Europeo Farfa di cultura e territorio , che quest’anno andrà ad esponenti del territorio ibleo.

 



Maggiori informazioni https://aicl-org.webnode.it/

 

L'Association Internationale des Critiques Litteraires sbarca a Pozzallo

 

« Il Premio Nobel della letteratura nel mondo » è il tema che i critici e gli scrittori dell’Associazione Internazionale dei Critici letterari svolgeranno nel loro convegno annuale che si terrà a Pozzallo il 20-21 gennaio p.v.

Su invito ed organizzazione del prof. Corrado Monaca, Direttore Strategico cultura e territorio, l’AICL sbarca per la seconda volta in Sicilia dopo il Convegno di Gela del 2001, in occasione del centenario della nascita di Salvatore Quasimodo.

Nel 2017 ricorrono i centocinquanta anni dalla nascita del Premio Nobel Luigi Pirandello, del quale  insieme al premio Nobel Grazia Deledda proprio nel 2016 appena trascorso si sono celebrati gli ottanta anni dalla morte.

Per questo il Bureau Internazionale AICL, presieduto da Neria De Giovanni, ha invitato i delegati dell’Associazione a una riflessione sul valore dei Premi Nobel per la letteratura nei diversi Paesi del mondo.
Critici e scrittori provenienti dal Giappone, Spagna, Francia, USA, Venezuela, Romania, Albania , Catalogna, oltre che da diverse città italiane, Roma, Taranto, Genova, Torino, si confronteranno nella Scuola « A.Amore, presso l’Auditorium Paolo Monaca, appena inaugurato con la donazione da parte della famiglia Monaca di un busto di bronzo dell’artista Paolo Marazzi che con la sua arte unisce Baltico e Mediterraneo passando per Assisi.

In apertura un importante omaggio alla città che ospita il Convegno, con la relazione di Grazia Dormiente sul carteggio inedito tra Giorgio La Pira e Salvatore Quasimodo.

Per la Francia, Andrè Ughetto parlerà del Premio Nobel Federic Mistral e Jean Pierre Castellani di Albert Camus ; per la Spagna Angel Basanta, Segretario Generale dell’AICL, relazionerà su Camillo Josè Cela, mentre le catalane Josefa Contioch e Lulisa Julià parleranno della diffusione in Catalogna dei premi Nobel italiani Deledda, Pirandello e Quasimodo. Anche il romeno Horia Alupului omaggerà l’Italia con la sua relazione su Grazia Deledda in Romania, e Tudorel Radu offrirà un parallelo tra il nostro Pirandello e il romeno Brancusi  e Stefan Damian vicepresidente dell’AICL relazionerà sui luoghi di Salvatore Quasimodo. ’albanese Arjan Kallco omaggerà anche la Sicilia parlando di Quasimodo mentre Andrea Guiati che insegna in USA parlerà dell’ultimo premio Nobel, Bob Dylan.

Molta nutrita la presenza italiana : Piefranco Bruni parla di Pirandello, di Quasimodo Silvano Trevisani, mentre il Dante dei Premi Nobel è il tema svolto da Giovanna Ioli. Montale e Quasimodo sono all’attenzione di Rosa Elisa Giangoia, e Sabino Caronia parla di Pirandello tra Sciasia e Debenedetti. Antonio Maria Masia affronta Dario Fo. Mentre Bruno Rombi parla di Neruda in Sardegna in rapporto a  Grazia Deledda e Franco Idone raccoglie i Nobel che salgono e quelli che scendono… Dal Venezuela, Antonio Mendoza offre un ritratto della polacca Wislawa Szybroska.

Il convegno sarà l’occasione anche per visitare i luoghi di cultura del territorio: a Pozzallo, dopo l’incontro con il Sindaco, ci sarà la visita alla Casa Natale e al Museo di Giorgio La Pira  e alla mostra didattica “ Pozzallo nel vortice del tempo- Pozzallo dalla preistoria al XXI secolo”  allestita presso l’Istituto Comprensivo A. Amore . A Ispica,  incontro  con il Sindaco e visita dei luoghi di” Divorzio all’italiana” di Pietro Germi e di Montalbano, il famoso commissario nato dalla penna di Andrea Camilleri. Infine a Modica per la casa di Salvatore Quasimodo e il Museo del cioccolato.

In conclusione del Convegno, come d’uso per gli incontri Internazionali dell’Associazione, verrà consegnato il Premio Europeo Farfa di cultura e territorio , che quest’anno andrà ad esponenti del territorio ibleo.

 



Maggiori informazioni https://aicl-org.webnode.it/

 

L'Association Internationale des Critiques Litteraires sbarca a Pozzallo

 

« Il Premio Nobel della letteratura nel mondo » è il tema che i critici e gli scrittori dell’Associazione Internazionale dei Critici letterari svolgeranno nel loro convegno annuale che si terrà a Pozzallo il 20-21 gennaio p.v.

Su invito ed organizzazione del prof. Corrado Monaca, Direttore Strategico cultura e territorio, l’AICL sbarca per la seconda volta in Sicilia dopo il Convegno di Gela del 2001, in occasione del centenario della nascita di Salvatore Quasimodo.

Nel 2017 ricorrono i centocinquanta anni dalla nascita del Premio Nobel Luigi Pirandello, del quale  insieme al premio Nobel Grazia Deledda proprio nel 2016 appena trascorso si sono celebrati gli ottanta anni dalla morte.

Per questo il Bureau Internazionale AICL, presieduto da Neria De Giovanni, ha invitato i delegati dell’Associazione a una riflessione sul valore dei Premi Nobel per la letteratura nei diversi Paesi del mondo.
Critici e scrittori provenienti dal Giappone, Spagna, Francia, USA, Venezuela, Romania, Albania , Catalogna, oltre che da diverse città italiane, Roma, Taranto, Genova, Torino, si confronteranno nella Scuola « A.Amore, presso l’Auditorium Paolo Monaca, appena inaugurato con la donazione da parte della famiglia Monaca di un busto di bronzo dell’artista Paolo Marazzi che con la sua arte unisce Baltico e Mediterraneo passando per Assisi.

In apertura un importante omaggio alla città che ospita il Convegno, con la relazione di Grazia Dormiente sul carteggio inedito tra Giorgio La Pira e Salvatore Quasimodo.

Per la Francia, Andrè Ughetto parlerà del Premio Nobel Federic Mistral e Jean Pierre Castellani di Albert Camus ; per la Spagna Angel Basanta, Segretario Generale dell’AICL, relazionerà su Camillo Josè Cela, mentre le catalane Josefa Contioch e Lulisa Julià parleranno della diffusione in Catalogna dei premi Nobel italiani Deledda, Pirandello e Quasimodo. Anche il romeno Horia Alupului omaggerà l’Italia con la sua relazione su Grazia Deledda in Romania, e Tudorel Radu offrirà un parallelo tra il nostro Pirandello e il romeno Brancusi  e Stefan Damian vicepresidente dell’AICL relazionerà sui luoghi di Salvatore Quasimodo. ’albanese Arjan Kallco omaggerà anche la Sicilia parlando di Quasimodo mentre Andrea Guiati che insegna in USA parlerà dell’ultimo premio Nobel, Bob Dylan.

Molta nutrita la presenza italiana : Piefranco Bruni parla di Pirandello, di Quasimodo Silvano Trevisani, mentre il Dante dei Premi Nobel è il tema svolto da Giovanna Ioli. Montale e Quasimodo sono all’attenzione di Rosa Elisa Giangoia, e Sabino Caronia parla di Pirandello tra Sciasia e Debenedetti. Antonio Maria Masia affronta Dario Fo. Mentre Bruno Rombi parla di Neruda in Sardegna in rapporto a  Grazia Deledda e Franco Idone raccoglie i Nobel che salgono e quelli che scendono… Dal Venezuela, Antonio Mendoza offre un ritratto della polacca Wislawa Szybroska.

Il convegno sarà l’occasione anche per visitare i luoghi di cultura del territorio: a Pozzallo, dopo l’incontro con il Sindaco, ci sarà la visita alla Casa Natale e al Museo di Giorgio La Pira  e alla mostra didattica “ Pozzallo nel vortice del tempo- Pozzallo dalla preistoria al XXI secolo”  allestita presso l’Istituto Comprensivo A. Amore . A Ispica,  incontro  con il Sindaco e visita dei luoghi di” Divorzio all’italiana” di Pietro Germi e di Montalbano, il famoso commissario nato dalla penna di Andrea Camilleri. Infine a Modica per la casa di Salvatore Quasimodo e il Museo del cioccolato.

In conclusione del Convegno, come d’uso per gli incontri Internazionali dell’Associazione, verrà consegnato il Premio Europeo Farfa di cultura e territorio , che quest’anno andrà ad esponenti del territorio ibleo.

 



Maggiori informazioni https://aicl-org.webnode.it/

 

L'Association Internationale des Critiques Litteraires sbarca a Pozzallo

 

« Il Premio Nobel della letteratura nel mondo » è il tema che i critici e gli scrittori dell’Associazione Internazionale dei Critici letterari svolgeranno nel loro convegno annuale che si terrà a Pozzallo il 20-21 gennaio p.v.

Su invito ed organizzazione del prof. Corrado Monaca, Direttore Strategico cultura e territorio, l’AICL sbarca per la seconda volta in Sicilia dopo il Convegno di Gela del 2001, in occasione del centenario della nascita di Salvatore Quasimodo.

Nel 2017 ricorrono i centocinquanta anni dalla nascita del Premio Nobel Luigi Pirandello, del quale  insieme al premio Nobel Grazia Deledda proprio nel 2016 appena trascorso si sono celebrati gli ottanta anni dalla morte.

Per questo il Bureau Internazionale AICL, presieduto da Neria De Giovanni, ha invitato i delegati dell’Associazione a una riflessione sul valore dei Premi Nobel per la letteratura nei diversi Paesi del mondo.
Critici e scrittori provenienti dal Giappone, Spagna, Francia, USA, Venezuela, Romania, Albania , Catalogna, oltre che da diverse città italiane, Roma, Taranto, Genova, Torino, si confronteranno nella Scuola « A.Amore, presso l’Auditorium Paolo Monaca, appena inaugurato con la donazione da parte della famiglia Monaca di un busto di bronzo dell’artista Paolo Marazzi che con la sua arte unisce Baltico e Mediterraneo passando per Assisi.

In apertura un importante omaggio alla città che ospita il Convegno, con la relazione di Grazia Dormiente sul carteggio inedito tra Giorgio La Pira e Salvatore Quasimodo.

Per la Francia, Andrè Ughetto parlerà del Premio Nobel Federic Mistral e Jean Pierre Castellani di Albert Camus ; per la Spagna Angel Basanta, Segretario Generale dell’AICL, relazionerà su Camillo Josè Cela, mentre le catalane Josefa Contioch e Lulisa Julià parleranno della diffusione in Catalogna dei premi Nobel italiani Deledda, Pirandello e Quasimodo. Anche il romeno Horia Alupului omaggerà l’Italia con la sua relazione su Grazia Deledda in Romania, e Tudorel Radu offrirà un parallelo tra il nostro Pirandello e il romeno Brancusi  e Stefan Damian vicepresidente dell’AICL relazionerà sui luoghi di Salvatore Quasimodo. ’albanese Arjan Kallco omaggerà anche la Sicilia parlando di Quasimodo mentre Andrea Guiati che insegna in USA parlerà dell’ultimo premio Nobel, Bob Dylan.

Molta nutrita la presenza italiana : Piefranco Bruni parla di Pirandello, di Quasimodo Silvano Trevisani, mentre il Dante dei Premi Nobel è il tema svolto da Giovanna Ioli. Montale e Quasimodo sono all’attenzione di Rosa Elisa Giangoia, e Sabino Caronia parla di Pirandello tra Sciasia e Debenedetti. Antonio Maria Masia affronta Dario Fo. Mentre Bruno Rombi parla di Neruda in Sardegna in rapporto a  Grazia Deledda e Franco Idone raccoglie i Nobel che salgono e quelli che scendono… Dal Venezuela, Antonio Mendoza offre un ritratto della polacca Wislawa Szybroska.

Il convegno sarà l’occasione anche per visitare i luoghi di cultura del territorio: a Pozzallo, dopo l’incontro con il Sindaco, ci sarà la visita alla Casa Natale e al Museo di Giorgio La Pira  e alla mostra didattica “ Pozzallo nel vortice del tempo- Pozzallo dalla preistoria al XXI secolo”  allestita presso l’Istituto Comprensivo A. Amore . A Ispica,  incontro  con il Sindaco e visita dei luoghi di” Divorzio all’italiana” di Pietro Germi e di Montalbano, il famoso commissario nato dalla penna di Andrea Camilleri. Infine a Modica per la casa di Salvatore Quasimodo e il Museo del cioccolato.

In conclusione del Convegno, come d’uso per gli incontri Internazionali dell’Associazione, verrà consegnato il Premio Europeo Farfa di cultura e territorio , che quest’anno andrà ad esponenti del territorio ibleo.

 



Maggiori informazioni https://aicl-org.webnode.it/

 

L'Association Internationale des Critiques Litteraires sbarca a Pozzallo

 

« Il Premio Nobel della letteratura nel mondo » è il tema che i critici e gli scrittori dell’Associazione Internazionale dei Critici letterari svolgeranno nel loro convegno annuale che si terrà a Pozzallo il 20-21 gennaio p.v.

Su invito ed organizzazione del prof. Corrado Monaca, Direttore Strategico cultura e territorio, l’AICL sbarca per la seconda volta in Sicilia dopo il Convegno di Gela del 2001, in occasione del centenario della nascita di Salvatore Quasimodo.

Nel 2017 ricorrono i centocinquanta anni dalla nascita del Premio Nobel Luigi Pirandello, del quale  insieme al premio Nobel Grazia Deledda proprio nel 2016 appena trascorso si sono celebrati gli ottanta anni dalla morte.

Per questo il Bureau Internazionale AICL, presieduto da Neria De Giovanni, ha invitato i delegati dell’Associazione a una riflessione sul valore dei Premi Nobel per la letteratura nei diversi Paesi del mondo.
Critici e scrittori provenienti dal Giappone, Spagna, Francia, USA, Venezuela, Romania, Albania , Catalogna, oltre che da diverse città italiane, Roma, Taranto, Genova, Torino, si confronteranno nella Scuola « A.Amore, presso l’Auditorium Paolo Monaca, appena inaugurato con la donazione da parte della famiglia Monaca di un busto di bronzo dell’artista Paolo Marazzi che con la sua arte unisce Baltico e Mediterraneo passando per Assisi.

In apertura un importante omaggio alla città che ospita il Convegno, con la relazione di Grazia Dormiente sul carteggio inedito tra Giorgio La Pira e Salvatore Quasimodo.

Per la Francia, Andrè Ughetto parlerà del Premio Nobel Federic Mistral e Jean Pierre Castellani di Albert Camus ; per la Spagna Angel Basanta, Segretario Generale dell’AICL, relazionerà su Camillo Josè Cela, mentre le catalane Josefa Contioch e Lulisa Julià parleranno della diffusione in Catalogna dei premi Nobel italiani Deledda, Pirandello e Quasimodo. Anche il romeno Horia Alupului omaggerà l’Italia con la sua relazione su Grazia Deledda in Romania, e Tudorel Radu offrirà un parallelo tra il nostro Pirandello e il romeno Brancusi  e Stefan Damian vicepresidente dell’AICL relazionerà sui luoghi di Salvatore Quasimodo. ’albanese Arjan Kallco omaggerà anche la Sicilia parlando di Quasimodo mentre Andrea Guiati che insegna in USA parlerà dell’ultimo premio Nobel, Bob Dylan.

Molta nutrita la presenza italiana : Piefranco Bruni parla di Pirandello, di Quasimodo Silvano Trevisani, mentre il Dante dei Premi Nobel è il tema svolto da Giovanna Ioli. Montale e Quasimodo sono all’attenzione di Rosa Elisa Giangoia, e Sabino Caronia parla di Pirandello tra Sciasia e Debenedetti. Antonio Maria Masia affronta Dario Fo. Mentre Bruno Rombi parla di Neruda in Sardegna in rapporto a  Grazia Deledda e Franco Idone raccoglie i Nobel che salgono e quelli che scendono… Dal Venezuela, Antonio Mendoza offre un ritratto della polacca Wislawa Szybroska.

Il convegno sarà l’occasione anche per visitare i luoghi di cultura del territorio: a Pozzallo, dopo l’incontro con il Sindaco, ci sarà la visita alla Casa Natale e al Museo di Giorgio La Pira  e alla mostra didattica “ Pozzallo nel vortice del tempo- Pozzallo dalla preistoria al XXI secolo”  allestita presso l’Istituto Comprensivo A. Amore . A Ispica,  incontro  con il Sindaco e visita dei luoghi di” Divorzio all’italiana” di Pietro Germi e di Montalbano, il famoso commissario nato dalla penna di Andrea Camilleri. Infine a Modica per la casa di Salvatore Quasimodo e il Museo del cioccolato.

In conclusione del Convegno, come d’uso per gli incontri Internazionali dell’Associazione, verrà consegnato il Premio Europeo Farfa di cultura e territorio , che quest’anno andrà ad esponenti del territorio ibleo.

 



Maggiori informazioni https://aicl-org.webnode.it/

 

L'Association Internationale des Critiques Litteraires sbarca a Pozzallo

 

« Il Premio Nobel della letteratura nel mondo » è il tema che i critici e gli scrittori dell’Associazione Internazionale dei Critici letterari svolgeranno nel loro convegno annuale che si terrà a Pozzallo il 20-21 gennaio p.v.

Su invito ed organizzazione del prof. Corrado Monaca, Direttore Strategico cultura e territorio, l’AICL sbarca per la seconda volta in Sicilia dopo il Convegno di Gela del 2001, in occasione del centenario della nascita di Salvatore Quasimodo.

Nel 2017 ricorrono i centocinquanta anni dalla nascita del Premio Nobel Luigi Pirandello, del quale  insieme al premio Nobel Grazia Deledda proprio nel 2016 appena trascorso si sono celebrati gli ottanta anni dalla morte.

Per questo il Bureau Internazionale AICL, presieduto da Neria De Giovanni, ha invitato i delegati dell’Associazione a una riflessione sul valore dei Premi Nobel per la letteratura nei diversi Paesi del mondo.
Critici e scrittori provenienti dal Giappone, Spagna, Francia, USA, Venezuela, Romania, Albania , Catalogna, oltre che da diverse città italiane, Roma, Taranto, Genova, Torino, si confronteranno nella Scuola « A.Amore, presso l’Auditorium Paolo Monaca, appena inaugurato con la donazione da parte della famiglia Monaca di un busto di bronzo dell’artista Paolo Marazzi che con la sua arte unisce Baltico e Mediterraneo passando per Assisi.

In apertura un importante omaggio alla città che ospita il Convegno, con la relazione di Grazia Dormiente sul carteggio inedito tra Giorgio La Pira e Salvatore Quasimodo.

Per la Francia, Andrè Ughetto parlerà del Premio Nobel Federic Mistral e Jean Pierre Castellani di Albert Camus ; per la Spagna Angel Basanta, Segretario Generale dell’AICL, relazionerà su Camillo Josè Cela, mentre le catalane Josefa Contioch e Lulisa Julià parleranno della diffusione in Catalogna dei premi Nobel italiani Deledda, Pirandello e Quasimodo. Anche il romeno Horia Alupului omaggerà l’Italia con la sua relazione su Grazia Deledda in Romania, e Tudorel Radu offrirà un parallelo tra il nostro Pirandello e il romeno Brancusi  e Stefan Damian vicepresidente dell’AICL relazionerà sui luoghi di Salvatore Quasimodo. ’albanese Arjan Kallco omaggerà anche la Sicilia parlando di Quasimodo mentre Andrea Guiati che insegna in USA parlerà dell’ultimo premio Nobel, Bob Dylan.

Molta nutrita la presenza italiana : Piefranco Bruni parla di Pirandello, di Quasimodo Silvano Trevisani, mentre il Dante dei Premi Nobel è il tema svolto da Giovanna Ioli. Montale e Quasimodo sono all’attenzione di Rosa Elisa Giangoia, e Sabino Caronia parla di Pirandello tra Sciasia e Debenedetti. Antonio Maria Masia affronta Dario Fo. Mentre Bruno Rombi parla di Neruda in Sardegna in rapporto a  Grazia Deledda e Franco Idone raccoglie i Nobel che salgono e quelli che scendono… Dal Venezuela, Antonio Mendoza offre un ritratto della polacca Wislawa Szybroska.

Il convegno sarà l’occasione anche per visitare i luoghi di cultura del territorio: a Pozzallo, dopo l’incontro con il Sindaco, ci sarà la visita alla Casa Natale e al Museo di Giorgio La Pira  e alla mostra didattica “ Pozzallo nel vortice del tempo- Pozzallo dalla preistoria al XXI secolo”  allestita presso l’Istituto Comprensivo A. Amore . A Ispica,  incontro  con il Sindaco e visita dei luoghi di” Divorzio all’italiana” di Pietro Germi e di Montalbano, il famoso commissario nato dalla penna di Andrea Camilleri. Infine a Modica per la casa di Salvatore Quasimodo e il Museo del cioccolato.

In conclusione del Convegno, come d’uso per gli incontri Internazionali dell’Associazione, verrà consegnato il Premio Europeo Farfa di cultura e territorio , che quest’anno andrà ad esponenti del territorio ibleo.

 



Maggiori informazioni https://aicl-org.webnode.it/

 

L'Association Internationale des Critiques Litteraires sbarca a Pozzallo

 

« Il Premio Nobel della letteratura nel mondo » è il tema che i critici e gli scrittori dell’Associazione Internazionale dei Critici letterari svolgeranno nel loro convegno annuale che si terrà a Pozzallo il 20-21 gennaio p.v.

Su invito ed organizzazione del prof. Corrado Monaca, Direttore Strategico cultura e territorio, l’AICL sbarca per la seconda volta in Sicilia dopo il Convegno di Gela del 2001, in occasione del centenario della nascita di Salvatore Quasimodo.

Nel 2017 ricorrono i centocinquanta anni dalla nascita del Premio Nobel Luigi Pirandello, del quale  insieme al premio Nobel Grazia Deledda proprio nel 2016 appena trascorso si sono celebrati gli ottanta anni dalla morte.

Per questo il Bureau Internazionale AICL, presieduto da Neria De Giovanni, ha invitato i delegati dell’Associazione a una riflessione sul valore dei Premi Nobel per la letteratura nei diversi Paesi del mondo.
Critici e scrittori provenienti dal Giappone, Spagna, Francia, USA, Venezuela, Romania, Albania , Catalogna, oltre che da diverse città italiane, Roma, Taranto, Genova, Torino, si confronteranno nella Scuola « A.Amore, presso l’Auditorium Paolo Monaca, appena inaugurato con la donazione da parte della famiglia Monaca di un busto di bronzo dell’artista Paolo Marazzi che con la sua arte unisce Baltico e Mediterraneo passando per Assisi.

In apertura un importante omaggio alla città che ospita il Convegno, con la relazione di Grazia Dormiente sul carteggio inedito tra Giorgio La Pira e Salvatore Quasimodo.

Per la Francia, Andrè Ughetto parlerà del Premio Nobel Federic Mistral e Jean Pierre Castellani di Albert Camus ; per la Spagna Angel Basanta, Segretario Generale dell’AICL, relazionerà su Camillo Josè Cela, mentre le catalane Josefa Contioch e Lulisa Julià parleranno della diffusione in Catalogna dei premi Nobel italiani Deledda, Pirandello e Quasimodo. Anche il romeno Horia Alupului omaggerà l’Italia con la sua relazione su Grazia Deledda in Romania, e Tudorel Radu offrirà un parallelo tra il nostro Pirandello e il romeno Brancusi  e Stefan Damian vicepresidente dell’AICL relazionerà sui luoghi di Salvatore Quasimodo. ’albanese Arjan Kallco omaggerà anche la Sicilia parlando di Quasimodo mentre Andrea Guiati che insegna in USA parlerà dell’ultimo premio Nobel, Bob Dylan.

Molta nutrita la presenza italiana : Piefranco Bruni parla di Pirandello, di Quasimodo Silvano Trevisani, mentre il Dante dei Premi Nobel è il tema svolto da Giovanna Ioli. Montale e Quasimodo sono all’attenzione di Rosa Elisa Giangoia, e Sabino Caronia parla di Pirandello tra Sciasia e Debenedetti. Antonio Maria Masia affronta Dario Fo. Mentre Bruno Rombi parla di Neruda in Sardegna in rapporto a  Grazia Deledda e Franco Idone raccoglie i Nobel che salgono e quelli che scendono… Dal Venezuela, Antonio Mendoza offre un ritratto della polacca Wislawa Szybroska.

Il convegno sarà l’occasione anche per visitare i luoghi di cultura del territorio: a Pozzallo, dopo l’incontro con il Sindaco, ci sarà la visita alla Casa Natale e al Museo di Giorgio La Pira  e alla mostra didattica “ Pozzallo nel vortice del tempo- Pozzallo dalla preistoria al XXI secolo”  allestita presso l’Istituto Comprensivo A. Amore . A Ispica,  incontro  con il Sindaco e visita dei luoghi di” Divorzio all’italiana” di Pietro Germi e di Montalbano, il famoso commissario nato dalla penna di Andrea Camilleri. Infine a Modica per la casa di Salvatore Quasimodo e il Museo del cioccolato.

In conclusione del Convegno, come d’uso per gli incontri Internazionali dell’Associazione, verrà consegnato il Premio Europeo Farfa di cultura e territorio , che quest’anno andrà ad esponenti del territorio ibleo.

 



Maggiori informazioni https://aicl-org.webnode.it/

 

L'Association Internationale des Critiques Litteraires sbarca a Pozzallo

 

« Il Premio Nobel della letteratura nel mondo » è il tema che i critici e gli scrittori dell’Associazione Internazionale dei Critici letterari svolgeranno nel loro convegno annuale che si terrà a Pozzallo il 20-21 gennaio p.v.

Su invito ed organizzazione del prof. Corrado Monaca, Direttore Strategico cultura e territorio, l’AICL sbarca per la seconda volta in Sicilia dopo il Convegno di Gela del 2001, in occasione del centenario della nascita di Salvatore Quasimodo.

Nel 2017 ricorrono i centocinquanta anni dalla nascita del Premio Nobel Luigi Pirandello, del quale  insieme al premio Nobel Grazia Deledda proprio nel 2016 appena trascorso si sono celebrati gli ottanta anni dalla morte.

Per questo il Bureau Internazionale AICL, presieduto da Neria De Giovanni, ha invitato i delegati dell’Associazione a una riflessione sul valore dei Premi Nobel per la letteratura nei diversi Paesi del mondo.
Critici e scrittori provenienti dal Giappone, Spagna, Francia, USA, Venezuela, Romania, Albania , Catalogna, oltre che da diverse città italiane, Roma, Taranto, Genova, Torino, si confronteranno nella Scuola « A.Amore, presso l’Auditorium Paolo Monaca, appena inaugurato con la donazione da parte della famiglia Monaca di un busto di bronzo dell’artista Paolo Marazzi che con la sua arte unisce Baltico e Mediterraneo passando per Assisi.

In apertura un importante omaggio alla città che ospita il Convegno, con la relazione di Grazia Dormiente sul carteggio inedito tra Giorgio La Pira e Salvatore Quasimodo.

Per la Francia, Andrè Ughetto parlerà del Premio Nobel Federic Mistral e Jean Pierre Castellani di Albert Camus ; per la Spagna Angel Basanta, Segretario Generale dell’AICL, relazionerà su Camillo Josè Cela, mentre le catalane Josefa Contioch e Lulisa Julià parleranno della diffusione in Catalogna dei premi Nobel italiani Deledda, Pirandello e Quasimodo. Anche il romeno Horia Alupului omaggerà l’Italia con la sua relazione su Grazia Deledda in Romania, e Tudorel Radu offrirà un parallelo tra il nostro Pirandello e il romeno Brancusi  e Stefan Damian vicepresidente dell’AICL relazionerà sui luoghi di Salvatore Quasimodo. ’albanese Arjan Kallco omaggerà anche la Sicilia parlando di Quasimodo mentre Andrea Guiati che insegna in USA parlerà dell’ultimo premio Nobel, Bob Dylan.

Molta nutrita la presenza italiana : Piefranco Bruni parla di Pirandello, di Quasimodo Silvano Trevisani, mentre il Dante dei Premi Nobel è il tema svolto da Giovanna Ioli. Montale e Quasimodo sono all’attenzione di Rosa Elisa Giangoia, e Sabino Caronia parla di Pirandello tra Sciasia e Debenedetti. Antonio Maria Masia affronta Dario Fo. Mentre Bruno Rombi parla di Neruda in Sardegna in rapporto a  Grazia Deledda e Franco Idone raccoglie i Nobel che salgono e quelli che scendono… Dal Venezuela, Antonio Mendoza offre un ritratto della polacca Wislawa Szybroska.

Il convegno sarà l’occasione anche per visitare i luoghi di cultura del territorio: a Pozzallo, dopo l’incontro con il Sindaco, ci sarà la visita alla Casa Natale e al Museo di Giorgio La Pira  e alla mostra didattica “ Pozzallo nel vortice del tempo- Pozzallo dalla preistoria al XXI secolo”  allestita presso l’Istituto Comprensivo A. Amore . A Ispica,  incontro  con il Sindaco e visita dei luoghi di” Divorzio all’italiana” di Pietro Germi e di Montalbano, il famoso commissario nato dalla penna di Andrea Camilleri. Infine a Modica per la casa di Salvatore Quasimodo e il Museo del cioccolato.

In conclusione del Convegno, come d’uso per gli incontri Internazionali dell’Associazione, verrà consegnato il Premio Europeo Farfa di cultura e territorio , che quest’anno andrà ad esponenti del territorio ibleo.

 



Maggiori informazioni https://aicl-org.webnode.it/

 

L'Association Internationale des Critiques Litteraires sbarca a Pozzallo

 

« Il Premio Nobel della letteratura nel mondo » è il tema che i critici e gli scrittori dell’Associazione Internazionale dei Critici letterari svolgeranno nel loro convegno annuale che si terrà a Pozzallo il 20-21 gennaio p.v.

Su invito ed organizzazione del prof. Corrado Monaca, Direttore Strategico cultura e territorio, l’AICL sbarca per la seconda volta in Sicilia dopo il Convegno di Gela del 2001, in occasione del centenario della nascita di Salvatore Quasimodo.

Nel 2017 ricorrono i centocinquanta anni dalla nascita del Premio Nobel Luigi Pirandello, del quale  insieme al premio Nobel Grazia Deledda proprio nel 2016 appena trascorso si sono celebrati gli ottanta anni dalla morte.

Per questo il Bureau Internazionale AICL, presieduto da Neria De Giovanni, ha invitato i delegati dell’Associazione a una riflessione sul valore dei Premi Nobel per la letteratura nei diversi Paesi del mondo.
Critici e scrittori provenienti dal Giappone, Spagna, Francia, USA, Venezuela, Romania, Albania , Catalogna, oltre che da diverse città italiane, Roma, Taranto, Genova, Torino, si confronteranno nella Scuola « A.Amore, presso l’Auditorium Paolo Monaca, appena inaugurato con la donazione da parte della famiglia Monaca di un busto di bronzo dell’artista Paolo Marazzi che con la sua arte unisce Baltico e Mediterraneo passando per Assisi.

In apertura un importante omaggio alla città che ospita il Convegno, con la relazione di Grazia Dormiente sul carteggio inedito tra Giorgio La Pira e Salvatore Quasimodo.

Per la Francia, Andrè Ughetto parlerà del Premio Nobel Federic Mistral e Jean Pierre Castellani di Albert Camus ; per la Spagna Angel Basanta, Segretario Generale dell’AICL, relazionerà su Camillo Josè Cela, mentre le catalane Josefa Contioch e Lulisa Julià parleranno della diffusione in Catalogna dei premi Nobel italiani Deledda, Pirandello e Quasimodo. Anche il romeno Horia Alupului omaggerà l’Italia con la sua relazione su Grazia Deledda in Romania, e Tudorel Radu offrirà un parallelo tra il nostro Pirandello e il romeno Brancusi  e Stefan Damian vicepresidente dell’AICL relazionerà sui luoghi di Salvatore Quasimodo. ’albanese Arjan Kallco omaggerà anche la Sicilia parlando di Quasimodo mentre Andrea Guiati che insegna in USA parlerà dell’ultimo premio Nobel, Bob Dylan.

Molta nutrita la presenza italiana : Piefranco Bruni parla di Pirandello, di Quasimodo Silvano Trevisani, mentre il Dante dei Premi Nobel è il tema svolto da Giovanna Ioli. Montale e Quasimodo sono all’attenzione di Rosa Elisa Giangoia, e Sabino Caronia parla di Pirandello tra Sciasia e Debenedetti. Antonio Maria Masia affronta Dario Fo. Mentre Bruno Rombi parla di Neruda in Sardegna in rapporto a  Grazia Deledda e Franco Idone raccoglie i Nobel che salgono e quelli che scendono… Dal Venezuela, Antonio Mendoza offre un ritratto della polacca Wislawa Szybroska.

Il convegno sarà l’occasione anche per visitare i luoghi di cultura del territorio: a Pozzallo, dopo l’incontro con il Sindaco, ci sarà la visita alla Casa Natale e al Museo di Giorgio La Pira  e alla mostra didattica “ Pozzallo nel vortice del tempo- Pozzallo dalla preistoria al XXI secolo”  allestita presso l’Istituto Comprensivo A. Amore . A Ispica,  incontro  con il Sindaco e visita dei luoghi di” Divorzio all’italiana” di Pietro Germi e di Montalbano, il famoso commissario nato dalla penna di Andrea Camilleri. Infine a Modica per la casa di Salvatore Quasimodo e il Museo del cioccolato.

In conclusione del Convegno, come d’uso per gli incontri Internazionali dell’Associazione, verrà consegnato il Premio Europeo Farfa di cultura e territorio , che quest’anno andrà ad esponenti del territorio ibleo.

 



Maggiori informazioni https://aicl-org.webnode.it/

 

L'Association Internationale des Critiques Litteraires sbarca a Pozzallo

 

« Il Premio Nobel della letteratura nel mondo » è il tema che i critici e gli scrittori dell’Associazione Internazionale dei Critici letterari svolgeranno nel loro convegno annuale che si terrà a Pozzallo il 20-21 gennaio p.v.

Su invito ed organizzazione del prof. Corrado Monaca, Direttore Strategico cultura e territorio, l’AICL sbarca per la seconda volta in Sicilia dopo il Convegno di Gela del 2001, in occasione del centenario della nascita di Salvatore Quasimodo.

Nel 2017 ricorrono i centocinquanta anni dalla nascita del Premio Nobel Luigi Pirandello, del quale  insieme al premio Nobel Grazia Deledda proprio nel 2016 appena trascorso si sono celebrati gli ottanta anni dalla morte.

Per questo il Bureau Internazionale AICL, presieduto da Neria De Giovanni, ha invitato i delegati dell’Associazione a una riflessione sul valore dei Premi Nobel per la letteratura nei diversi Paesi del mondo.
Critici e scrittori provenienti dal Giappone, Spagna, Francia, USA, Venezuela, Romania, Albania , Catalogna, oltre che da diverse città italiane, Roma, Taranto, Genova, Torino, si confronteranno nella Scuola « A.Amore, presso l’Auditorium Paolo Monaca, appena inaugurato con la donazione da parte della famiglia Monaca di un busto di bronzo dell’artista Paolo Marazzi che con la sua arte unisce Baltico e Mediterraneo passando per Assisi.

In apertura un importante omaggio alla città che ospita il Convegno, con la relazione di Grazia Dormiente sul carteggio inedito tra Giorgio La Pira e Salvatore Quasimodo.

Per la Francia, Andrè Ughetto parlerà del Premio Nobel Federic Mistral e Jean Pierre Castellani di Albert Camus ; per la Spagna Angel Basanta, Segretario Generale dell’AICL, relazionerà su Camillo Josè Cela, mentre le catalane Josefa Contioch e Lulisa Julià parleranno della diffusione in Catalogna dei premi Nobel italiani Deledda, Pirandello e Quasimodo. Anche il romeno Horia Alupului omaggerà l’Italia con la sua relazione su Grazia Deledda in Romania, e Tudorel Radu offrirà un parallelo tra il nostro Pirandello e il romeno Brancusi  e Stefan Damian vicepresidente dell’AICL relazionerà sui luoghi di Salvatore Quasimodo. ’albanese Arjan Kallco omaggerà anche la Sicilia parlando di Quasimodo mentre Andrea Guiati che insegna in USA parlerà dell’ultimo premio Nobel, Bob Dylan.

Molta nutrita la presenza italiana : Piefranco Bruni parla di Pirandello, di Quasimodo Silvano Trevisani, mentre il Dante dei Premi Nobel è il tema svolto da Giovanna Ioli. Montale e Quasimodo sono all’attenzione di Rosa Elisa Giangoia, e Sabino Caronia parla di Pirandello tra Sciasia e Debenedetti. Antonio Maria Masia affronta Dario Fo. Mentre Bruno Rombi parla di Neruda in Sardegna in rapporto a  Grazia Deledda e Franco Idone raccoglie i Nobel che salgono e quelli che scendono… Dal Venezuela, Antonio Mendoza offre un ritratto della polacca Wislawa Szybroska.

Il convegno sarà l’occasione anche per visitare i luoghi di cultura del territorio: a Pozzallo, dopo l’incontro con il Sindaco, ci sarà la visita alla Casa Natale e al Museo di Giorgio La Pira  e alla mostra didattica “ Pozzallo nel vortice del tempo- Pozzallo dalla preistoria al XXI secolo”  allestita presso l’Istituto Comprensivo A. Amore . A Ispica,  incontro  con il Sindaco e visita dei luoghi di” Divorzio all’italiana” di Pietro Germi e di Montalbano, il famoso commissario nato dalla penna di Andrea Camilleri. Infine a Modica per la casa di Salvatore Quasimodo e il Museo del cioccolato.

In conclusione del Convegno, come d’uso per gli incontri Internazionali dell’Associazione, verrà consegnato il Premio Europeo Farfa di cultura e territorio , che quest’anno andrà ad esponenti del territorio ibleo.

 



Maggiori informazioni https://aicl-org.webnode.it/

 

L'Association Internationale des Critiques Litteraires sbarca a Pozzallo

 

« Il Premio Nobel della letteratura nel mondo » è il tema che i critici e gli scrittori dell’Associazione Internazionale dei Critici letterari svolgeranno nel loro convegno annuale che si terrà a Pozzallo il 20-21 gennaio p.v.

Su invito ed organizzazione del prof. Corrado Monaca, Direttore Strategico cultura e territorio, l’AICL sbarca per la seconda volta in Sicilia dopo il Convegno di Gela del 2001, in occasione del centenario della nascita di Salvatore Quasimodo.

Nel 2017 ricorrono i centocinquanta anni dalla nascita del Premio Nobel Luigi Pirandello, del quale  insieme al premio Nobel Grazia Deledda proprio nel 2016 appena trascorso si sono celebrati gli ottanta anni dalla morte.

Per questo il Bureau Internazionale AICL, presieduto da Neria De Giovanni, ha invitato i delegati dell’Associazione a una riflessione sul valore dei Premi Nobel per la letteratura nei diversi Paesi del mondo.
Critici e scrittori provenienti dal Giappone, Spagna, Francia, USA, Venezuela, Romania, Albania , Catalogna, oltre che da diverse città italiane, Roma, Taranto, Genova, Torino, si confronteranno nella Scuola « A.Amore, presso l’Auditorium Paolo Monaca, appena inaugurato con la donazione da parte della famiglia Monaca di un busto di bronzo dell’artista Paolo Marazzi che con la sua arte unisce Baltico e Mediterraneo passando per Assisi.

In apertura un importante omaggio alla città che ospita il Convegno, con la relazione di Grazia Dormiente sul carteggio inedito tra Giorgio La Pira e Salvatore Quasimodo.

Per la Francia, Andrè Ughetto parlerà del Premio Nobel Federic Mistral e Jean Pierre Castellani di Albert Camus ; per la Spagna Angel Basanta, Segretario Generale dell’AICL, relazionerà su Camillo Josè Cela, mentre le catalane Josefa Contioch e Lulisa Julià parleranno della diffusione in Catalogna dei premi Nobel italiani Deledda, Pirandello e Quasimodo. Anche il romeno Horia Alupului omaggerà l’Italia con la sua relazione su Grazia Deledda in Romania, e Tudorel Radu offrirà un parallelo tra il nostro Pirandello e il romeno Brancusi  e Stefan Damian vicepresidente dell’AICL relazionerà sui luoghi di Salvatore Quasimodo. ’albanese Arjan Kallco omaggerà anche la Sicilia parlando di Quasimodo mentre Andrea Guiati che insegna in USA parlerà dell’ultimo premio Nobel, Bob Dylan.

Molta nutrita la presenza italiana : Piefranco Bruni parla di Pirandello, di Quasimodo Silvano Trevisani, mentre il Dante dei Premi Nobel è il tema svolto da Giovanna Ioli. Montale e Quasimodo sono all’attenzione di Rosa Elisa Giangoia, e Sabino Caronia parla di Pirandello tra Sciasia e Debenedetti. Antonio Maria Masia affronta Dario Fo. Mentre Bruno Rombi parla di Neruda in Sardegna in rapporto a  Grazia Deledda e Franco Idone raccoglie i Nobel che salgono e quelli che scendono… Dal Venezuela, Antonio Mendoza offre un ritratto della polacca Wislawa Szybroska.

Il convegno sarà l’occasione anche per visitare i luoghi di cultura del territorio: a Pozzallo, dopo l’incontro con il Sindaco, ci sarà la visita alla Casa Natale e al Museo di Giorgio La Pira  e alla mostra didattica “ Pozzallo nel vortice del tempo- Pozzallo dalla preistoria al XXI secolo”  allestita presso l’Istituto Comprensivo A. Amore . A Ispica,  incontro  con il Sindaco e visita dei luoghi di” Divorzio all’italiana” di Pietro Germi e di Montalbano, il famoso commissario nato dalla penna di Andrea Camilleri. Infine a Modica per la casa di Salvatore Quasimodo e il Museo del cioccolato.

In conclusione del Convegno, come d’uso per gli incontri Internazionali dell’Associazione, verrà consegnato il Premio Europeo Farfa di cultura e territorio , che quest’anno andrà ad esponenti del territorio ibleo.

 



Maggiori informazioni https://aicl-org.webnode.it/

 

L'Association Internationale des Critiques Litteraires sbarca a Pozzallo

 

« Il Premio Nobel della letteratura nel mondo » è il tema che i critici e gli scrittori dell’Associazione Internazionale dei Critici letterari svolgeranno nel loro convegno annuale che si terrà a Pozzallo il 20-21 gennaio p.v.

Su invito ed organizzazione del prof. Corrado Monaca, Direttore Strategico cultura e territorio, l’AICL sbarca per la seconda volta in Sicilia dopo il Convegno di Gela del 2001, in occasione del centenario della nascita di Salvatore Quasimodo.

Nel 2017 ricorrono i centocinquanta anni dalla nascita del Premio Nobel Luigi Pirandello, del quale  insieme al premio Nobel Grazia Deledda proprio nel 2016 appena trascorso si sono celebrati gli ottanta anni dalla morte.

Per questo il Bureau Internazionale AICL, presieduto da Neria De Giovanni, ha invitato i delegati dell’Associazione a una riflessione sul valore dei Premi Nobel per la letteratura nei diversi Paesi del mondo.
Critici e scrittori provenienti dal Giappone, Spagna, Francia, USA, Venezuela, Romania, Albania , Catalogna, oltre che da diverse città italiane, Roma, Taranto, Genova, Torino, si confronteranno nella Scuola « A.Amore, presso l’Auditorium Paolo Monaca, appena inaugurato con la donazione da parte della famiglia Monaca di un busto di bronzo dell’artista Paolo Marazzi che con la sua arte unisce Baltico e Mediterraneo passando per Assisi.

In apertura un importante omaggio alla città che ospita il Convegno, con la relazione di Grazia Dormiente sul carteggio inedito tra Giorgio La Pira e Salvatore Quasimodo.

Per la Francia, Andrè Ughetto parlerà del Premio Nobel Federic Mistral e Jean Pierre Castellani di Albert Camus ; per la Spagna Angel Basanta, Segretario Generale dell’AICL, relazionerà su Camillo Josè Cela, mentre le catalane Josefa Contioch e Lulisa Julià parleranno della diffusione in Catalogna dei premi Nobel italiani Deledda, Pirandello e Quasimodo. Anche il romeno Horia Alupului omaggerà l’Italia con la sua relazione su Grazia Deledda in Romania, e Tudorel Radu offrirà un parallelo tra il nostro Pirandello e il romeno Brancusi  e Stefan Damian vicepresidente dell’AICL relazionerà sui luoghi di Salvatore Quasimodo. ’albanese Arjan Kallco omaggerà anche la Sicilia parlando di Quasimodo mentre Andrea Guiati che insegna in USA parlerà dell’ultimo premio Nobel, Bob Dylan.

Molta nutrita la presenza italiana : Piefranco Bruni parla di Pirandello, di Quasimodo Silvano Trevisani, mentre il Dante dei Premi Nobel è il tema svolto da Giovanna Ioli. Montale e Quasimodo sono all’attenzione di Rosa Elisa Giangoia, e Sabino Caronia parla di Pirandello tra Sciasia e Debenedetti. Antonio Maria Masia affronta Dario Fo. Mentre Bruno Rombi parla di Neruda in Sardegna in rapporto a  Grazia Deledda e Franco Idone raccoglie i Nobel che salgono e quelli che scendono… Dal Venezuela, Antonio Mendoza offre un ritratto della polacca Wislawa Szybroska.

Il convegno sarà l’occasione anche per visitare i luoghi di cultura del territorio: a Pozzallo, dopo l’incontro con il Sindaco, ci sarà la visita alla Casa Natale e al Museo di Giorgio La Pira  e alla mostra didattica “ Pozzallo nel vortice del tempo- Pozzallo dalla preistoria al XXI secolo”  allestita presso l’Istituto Comprensivo A. Amore . A Ispica,  incontro  con il Sindaco e visita dei luoghi di” Divorzio all’italiana” di Pietro Germi e di Montalbano, il famoso commissario nato dalla penna di Andrea Camilleri. Infine a Modica per la casa di Salvatore Quasimodo e il Museo del cioccolato.

In conclusione del Convegno, come d’uso per gli incontri Internazionali dell’Associazione, verrà consegnato il Premio Europeo Farfa di cultura e territorio , che quest’anno andrà ad esponenti del territorio ibleo.

 



Maggiori informazioni https://aicl-org.webnode.it/

 

L'Association Internationale des Critiques Litteraires sbarca a Pozzallo

 

« Il Premio Nobel della letteratura nel mondo » è il tema che i critici e gli scrittori dell’Associazione Internazionale dei Critici letterari svolgeranno nel loro convegno annuale che si terrà a Pozzallo il 20-21 gennaio p.v.

Su invito ed organizzazione del prof. Corrado Monaca, Direttore Strategico cultura e territorio, l’AICL sbarca per la seconda volta in Sicilia dopo il Convegno di Gela del 2001, in occasione del centenario della nascita di Salvatore Quasimodo.

Nel 2017 ricorrono i centocinquanta anni dalla nascita del Premio Nobel Luigi Pirandello, del quale  insieme al premio Nobel Grazia Deledda proprio nel 2016 appena trascorso si sono celebrati gli ottanta anni dalla morte.

Per questo il Bureau Internazionale AICL, presieduto da Neria De Giovanni, ha invitato i delegati dell’Associazione a una riflessione sul valore dei Premi Nobel per la letteratura nei diversi Paesi del mondo.
Critici e scrittori provenienti dal Giappone, Spagna, Francia, USA, Venezuela, Romania, Albania , Catalogna, oltre che da diverse città italiane, Roma, Taranto, Genova, Torino, si confronteranno nella Scuola « A.Amore, presso l’Auditorium Paolo Monaca, appena inaugurato con la donazione da parte della famiglia Monaca di un busto di bronzo dell’artista Paolo Marazzi che con la sua arte unisce Baltico e Mediterraneo passando per Assisi.

In apertura un importante omaggio alla città che ospita il Convegno, con la relazione di Grazia Dormiente sul carteggio inedito tra Giorgio La Pira e Salvatore Quasimodo.

Per la Francia, Andrè Ughetto parlerà del Premio Nobel Federic Mistral e Jean Pierre Castellani di Albert Camus ; per la Spagna Angel Basanta, Segretario Generale dell’AICL, relazionerà su Camillo Josè Cela, mentre le catalane Josefa Contioch e Lulisa Julià parleranno della diffusione in Catalogna dei premi Nobel italiani Deledda, Pirandello e Quasimodo. Anche il romeno Horia Alupului omaggerà l’Italia con la sua relazione su Grazia Deledda in Romania, e Tudorel Radu offrirà un parallelo tra il nostro Pirandello e il romeno Brancusi  e Stefan Damian vicepresidente dell’AICL relazionerà sui luoghi di Salvatore Quasimodo. ’albanese Arjan Kallco omaggerà anche la Sicilia parlando di Quasimodo mentre Andrea Guiati che insegna in USA parlerà dell’ultimo premio Nobel, Bob Dylan.

Molta nutrita la presenza italiana : Piefranco Bruni parla di Pirandello, di Quasimodo Silvano Trevisani, mentre il Dante dei Premi Nobel è il tema svolto da Giovanna Ioli. Montale e Quasimodo sono all’attenzione di Rosa Elisa Giangoia, e Sabino Caronia parla di Pirandello tra Sciasia e Debenedetti. Antonio Maria Masia affronta Dario Fo. Mentre Bruno Rombi parla di Neruda in Sardegna in rapporto a  Grazia Deledda e Franco Idone raccoglie i Nobel che salgono e quelli che scendono… Dal Venezuela, Antonio Mendoza offre un ritratto della polacca Wislawa Szybroska.

Il convegno sarà l’occasione anche per visitare i luoghi di cultura del territorio: a Pozzallo, dopo l’incontro con il Sindaco, ci sarà la visita alla Casa Natale e al Museo di Giorgio La Pira  e alla mostra didattica “ Pozzallo nel vortice del tempo- Pozzallo dalla preistoria al XXI secolo”  allestita presso l’Istituto Comprensivo A. Amore . A Ispica,  incontro  con il Sindaco e visita dei luoghi di” Divorzio all’italiana” di Pietro Germi e di Montalbano, il famoso commissario nato dalla penna di Andrea Camilleri. Infine a Modica per la casa di Salvatore Quasimodo e il Museo del cioccolato.

In conclusione del Convegno, come d’uso per gli incontri Internazionali dell’Associazione, verrà consegnato il Premio Europeo Farfa di cultura e territorio , che quest’anno andrà ad esponenti del territorio ibleo.

 



Maggiori informazioni https://aicl-org.webnode.it/

 

L'Association Internationale des Critiques Litteraires sbarca a Pozzallo

 

« Il Premio Nobel della letteratura nel mondo » è il tema che i critici e gli scrittori dell’Associazione Internazionale dei Critici letterari svolgeranno nel loro convegno annuale che si terrà a Pozzallo il 20-21 gennaio p.v.

Su invito ed organizzazione del prof. Corrado Monaca, Direttore Strategico cultura e territorio, l’AICL sbarca per la seconda volta in Sicilia dopo il Convegno di Gela del 2001, in occasione del centenario della nascita di Salvatore Quasimodo.

Nel 2017 ricorrono i centocinquanta anni dalla nascita del Premio Nobel Luigi Pirandello, del quale  insieme al premio Nobel Grazia Deledda proprio nel 2016 appena trascorso si sono celebrati gli ottanta anni dalla morte.

Per questo il Bureau Internazionale AICL, presieduto da Neria De Giovanni, ha invitato i delegati dell’Associazione a una riflessione sul valore dei Premi Nobel per la letteratura nei diversi Paesi del mondo.
Critici e scrittori provenienti dal Giappone, Spagna, Francia, USA, Venezuela, Romania, Albania , Catalogna, oltre che da diverse città italiane, Roma, Taranto, Genova, Torino, si confronteranno nella Scuola « A.Amore, presso l’Auditorium Paolo Monaca, appena inaugurato con la donazione da parte della famiglia Monaca di un busto di bronzo dell’artista Paolo Marazzi che con la sua arte unisce Baltico e Mediterraneo passando per Assisi.

In apertura un importante omaggio alla città che ospita il Convegno, con la relazione di Grazia Dormiente sul carteggio inedito tra Giorgio La Pira e Salvatore Quasimodo.

Per la Francia, Andrè Ughetto parlerà del Premio Nobel Federic Mistral e Jean Pierre Castellani di Albert Camus ; per la Spagna Angel Basanta, Segretario Generale dell’AICL, relazionerà su Camillo Josè Cela, mentre le catalane Josefa Contioch e Lulisa Julià parleranno della diffusione in Catalogna dei premi Nobel italiani Deledda, Pirandello e Quasimodo. Anche il romeno Horia Alupului omaggerà l’Italia con la sua relazione su Grazia Deledda in Romania, e Tudorel Radu offrirà un parallelo tra il nostro Pirandello e il romeno Brancusi  e Stefan Damian vicepresidente dell’AICL relazionerà sui luoghi di Salvatore Quasimodo. ’albanese Arjan Kallco omaggerà anche la Sicilia parlando di Quasimodo mentre Andrea Guiati che insegna in USA parlerà dell’ultimo premio Nobel, Bob Dylan.

Molta nutrita la presenza italiana : Piefranco Bruni parla di Pirandello, di Quasimodo Silvano Trevisani, mentre il Dante dei Premi Nobel è il tema svolto da Giovanna Ioli. Montale e Quasimodo sono all’attenzione di Rosa Elisa Giangoia, e Sabino Caronia parla di Pirandello tra Sciasia e Debenedetti. Antonio Maria Masia affronta Dario Fo. Mentre Bruno Rombi parla di Neruda in Sardegna in rapporto a  Grazia Deledda e Franco Idone raccoglie i Nobel che salgono e quelli che scendono… Dal Venezuela, Antonio Mendoza offre un ritratto della polacca Wislawa Szybroska.

Il convegno sarà l’occasione anche per visitare i luoghi di cultura del territorio: a Pozzallo, dopo l’incontro con il Sindaco, ci sarà la visita alla Casa Natale e al Museo di Giorgio La Pira  e alla mostra didattica “ Pozzallo nel vortice del tempo- Pozzallo dalla preistoria al XXI secolo”  allestita presso l’Istituto Comprensivo A. Amore . A Ispica,  incontro  con il Sindaco e visita dei luoghi di” Divorzio all’italiana” di Pietro Germi e di Montalbano, il famoso commissario nato dalla penna di Andrea Camilleri. Infine a Modica per la casa di Salvatore Quasimodo e il Museo del cioccolato.

In conclusione del Convegno, come d’uso per gli incontri Internazionali dell’Associazione, verrà consegnato il Premio Europeo Farfa di cultura e territorio , che quest’anno andrà ad esponenti del territorio ibleo.

 



Maggiori informazioni https://aicl-org.webnode.it/

 

L'Association Internationale des Critiques Litteraires sbarca a Pozzallo

 

« Il Premio Nobel della letteratura nel mondo » è il tema che i critici e gli scrittori dell’Associazione Internazionale dei Critici letterari svolgeranno nel loro convegno annuale che si terrà a Pozzallo il 20-21 gennaio p.v.

Su invito ed organizzazione del prof. Corrado Monaca, Direttore Strategico cultura e territorio, l’AICL sbarca per la seconda volta in Sicilia dopo il Convegno di Gela del 2001, in occasione del centenario della nascita di Salvatore Quasimodo.

Nel 2017 ricorrono i centocinquanta anni dalla nascita del Premio Nobel Luigi Pirandello, del quale  insieme al premio Nobel Grazia Deledda proprio nel 2016 appena trascorso si sono celebrati gli ottanta anni dalla morte.

Per questo il Bureau Internazionale AICL, presieduto da Neria De Giovanni, ha invitato i delegati dell’Associazione a una riflessione sul valore dei Premi Nobel per la letteratura nei diversi Paesi del mondo.
Critici e scrittori provenienti dal Giappone, Spagna, Francia, USA, Venezuela, Romania, Albania , Catalogna, oltre che da diverse città italiane, Roma, Taranto, Genova, Torino, si confronteranno nella Scuola « A.Amore, presso l’Auditorium Paolo Monaca, appena inaugurato con la donazione da parte della famiglia Monaca di un busto di bronzo dell’artista Paolo Marazzi che con la sua arte unisce Baltico e Mediterraneo passando per Assisi.

In apertura un importante omaggio alla città che ospita il Convegno, con la relazione di Grazia Dormiente sul carteggio inedito tra Giorgio La Pira e Salvatore Quasimodo.

Per la Francia, Andrè Ughetto parlerà del Premio Nobel Federic Mistral e Jean Pierre Castellani di Albert Camus ; per la Spagna Angel Basanta, Segretario Generale dell’AICL, relazionerà su Camillo Josè Cela, mentre le catalane Josefa Contioch e Lulisa Julià parleranno della diffusione in Catalogna dei premi Nobel italiani Deledda, Pirandello e Quasimodo. Anche il romeno Horia Alupului omaggerà l’Italia con la sua relazione su Grazia Deledda in Romania, e Tudorel Radu offrirà un parallelo tra il nostro Pirandello e il romeno Brancusi  e Stefan Damian vicepresidente dell’AICL relazionerà sui luoghi di Salvatore Quasimodo. ’albanese Arjan Kallco omaggerà anche la Sicilia parlando di Quasimodo mentre Andrea Guiati che insegna in USA parlerà dell’ultimo premio Nobel, Bob Dylan.

Molta nutrita la presenza italiana : Piefranco Bruni parla di Pirandello, di Quasimodo Silvano Trevisani, mentre il Dante dei Premi Nobel è il tema svolto da Giovanna Ioli. Montale e Quasimodo sono all’attenzione di Rosa Elisa Giangoia, e Sabino Caronia parla di Pirandello tra Sciasia e Debenedetti. Antonio Maria Masia affronta Dario Fo. Mentre Bruno Rombi parla di Neruda in Sardegna in rapporto a  Grazia Deledda e Franco Idone raccoglie i Nobel che salgono e quelli che scendono… Dal Venezuela, Antonio Mendoza offre un ritratto della polacca Wislawa Szybroska.

Il convegno sarà l’occasione anche per visitare i luoghi di cultura del territorio: a Pozzallo, dopo l’incontro con il Sindaco, ci sarà la visita alla Casa Natale e al Museo di Giorgio La Pira  e alla mostra didattica “ Pozzallo nel vortice del tempo- Pozzallo dalla preistoria al XXI secolo”  allestita presso l’Istituto Comprensivo A. Amore . A Ispica,  incontro  con il Sindaco e visita dei luoghi di” Divorzio all’italiana” di Pietro Germi e di Montalbano, il famoso commissario nato dalla penna di Andrea Camilleri. Infine a Modica per la casa di Salvatore Quasimodo e il Museo del cioccolato.

In conclusione del Convegno, come d’uso per gli incontri Internazionali dell’Associazione, verrà consegnato il Premio Europeo Farfa di cultura e territorio , che quest’anno andrà ad esponenti del territorio ibleo.

 



Maggiori informazioni https://aicl-org.webnode.it/

 

L'Association Internationale des Critiques Litteraires sbarca a Pozzallo

 

« Il Premio Nobel della letteratura nel mondo » è il tema che i critici e gli scrittori dell’Associazione Internazionale dei Critici letterari svolgeranno nel loro convegno annuale che si terrà a Pozzallo il 20-21 gennaio p.v.

Su invito ed organizzazione del prof. Corrado Monaca, Direttore Strategico cultura e territorio, l’AICL sbarca per la seconda volta in Sicilia dopo il Convegno di Gela del 2001, in occasione del centenario della nascita di Salvatore Quasimodo.

Nel 2017 ricorrono i centocinquanta anni dalla nascita del Premio Nobel Luigi Pirandello, del quale  insieme al premio Nobel Grazia Deledda proprio nel 2016 appena trascorso si sono celebrati gli ottanta anni dalla morte.

Per questo il Bureau Internazionale AICL, presieduto da Neria De Giovanni, ha invitato i delegati dell’Associazione a una riflessione sul valore dei Premi Nobel per la letteratura nei diversi Paesi del mondo.
Critici e scrittori provenienti dal Giappone, Spagna, Francia, USA, Venezuela, Romania, Albania , Catalogna, oltre che da diverse città italiane, Roma, Taranto, Genova, Torino, si confronteranno nella Scuola « A.Amore, presso l’Auditorium Paolo Monaca, appena inaugurato con la donazione da parte della famiglia Monaca di un busto di bronzo dell’artista Paolo Marazzi che con la sua arte unisce Baltico e Mediterraneo passando per Assisi.

In apertura un importante omaggio alla città che ospita il Convegno, con la relazione di Grazia Dormiente sul carteggio inedito tra Giorgio La Pira e Salvatore Quasimodo.

Per la Francia, Andrè Ughetto parlerà del Premio Nobel Federic Mistral e Jean Pierre Castellani di Albert Camus ; per la Spagna Angel Basanta, Segretario Generale dell’AICL, relazionerà su Camillo Josè Cela, mentre le catalane Josefa Contioch e Lulisa Julià parleranno della diffusione in Catalogna dei premi Nobel italiani Deledda, Pirandello e Quasimodo. Anche il romeno Horia Alupului omaggerà l’Italia con la sua relazione su Grazia Deledda in Romania, e Tudorel Radu offrirà un parallelo tra il nostro Pirandello e il romeno Brancusi  e Stefan Damian vicepresidente dell’AICL relazionerà sui luoghi di Salvatore Quasimodo. ’albanese Arjan Kallco omaggerà anche la Sicilia parlando di Quasimodo mentre Andrea Guiati che insegna in USA parlerà dell’ultimo premio Nobel, Bob Dylan.

Molta nutrita la presenza italiana : Piefranco Bruni parla di Pirandello, di Quasimodo Silvano Trevisani, mentre il Dante dei Premi Nobel è il tema svolto da Giovanna Ioli. Montale e Quasimodo sono all’attenzione di Rosa Elisa Giangoia, e Sabino Caronia parla di Pirandello tra Sciasia e Debenedetti. Antonio Maria Masia affronta Dario Fo. Mentre Bruno Rombi parla di Neruda in Sardegna in rapporto a  Grazia Deledda e Franco Idone raccoglie i Nobel che salgono e quelli che scendono… Dal Venezuela, Antonio Mendoza offre un ritratto della polacca Wislawa Szybroska.

Il convegno sarà l’occasione anche per visitare i luoghi di cultura del territorio: a Pozzallo, dopo l’incontro con il Sindaco, ci sarà la visita alla Casa Natale e al Museo di Giorgio La Pira  e alla mostra didattica “ Pozzallo nel vortice del tempo- Pozzallo dalla preistoria al XXI secolo”  allestita presso l’Istituto Comprensivo A. Amore . A Ispica,  incontro  con il Sindaco e visita dei luoghi di” Divorzio all’italiana” di Pietro Germi e di Montalbano, il famoso commissario nato dalla penna di Andrea Camilleri. Infine a Modica per la casa di Salvatore Quasimodo e il Museo del cioccolato.

In conclusione del Convegno, come d’uso per gli incontri Internazionali dell’Associazione, verrà consegnato il Premio Europeo Farfa di cultura e territorio , che quest’anno andrà ad esponenti del territorio ibleo.

 



Maggiori informazioni https://aicl-org.webnode.it/

 

L'Association Internationale des Critiques Litteraires sbarca a Pozzallo

 

« Il Premio Nobel della letteratura nel mondo » è il tema che i critici e gli scrittori dell’Associazione Internazionale dei Critici letterari svolgeranno nel loro convegno annuale che si terrà a Pozzallo il 20-21 gennaio p.v.

Su invito ed organizzazione del prof. Corrado Monaca, Direttore Strategico cultura e territorio, l’AICL sbarca per la seconda volta in Sicilia dopo il Convegno di Gela del 2001, in occasione del centenario della nascita di Salvatore Quasimodo.

Nel 2017 ricorrono i centocinquanta anni dalla nascita del Premio Nobel Luigi Pirandello, del quale  insieme al premio Nobel Grazia Deledda proprio nel 2016 appena trascorso si sono celebrati gli ottanta anni dalla morte.

Per questo il Bureau Internazionale AICL, presieduto da Neria De Giovanni, ha invitato i delegati dell’Associazione a una riflessione sul valore dei Premi Nobel per la letteratura nei diversi Paesi del mondo.
Critici e scrittori provenienti dal Giappone, Spagna, Francia, USA, Venezuela, Romania, Albania , Catalogna, oltre che da diverse città italiane, Roma, Taranto, Genova, Torino, si confronteranno nella Scuola « A.Amore, presso l’Auditorium Paolo Monaca, appena inaugurato con la donazione da parte della famiglia Monaca di un busto di bronzo dell’artista Paolo Marazzi che con la sua arte unisce Baltico e Mediterraneo passando per Assisi.

In apertura un importante omaggio alla città che ospita il Convegno, con la relazione di Grazia Dormiente sul carteggio inedito tra Giorgio La Pira e Salvatore Quasimodo.

Per la Francia, Andrè Ughetto parlerà del Premio Nobel Federic Mistral e Jean Pierre Castellani di Albert Camus ; per la Spagna Angel Basanta, Segretario Generale dell’AICL, relazionerà su Camillo Josè Cela, mentre le catalane Josefa Contioch e Lulisa Julià parleranno della diffusione in Catalogna dei premi Nobel italiani Deledda, Pirandello e Quasimodo. Anche il romeno Horia Alupului omaggerà l’Italia con la sua relazione su Grazia Deledda in Romania, e Tudorel Radu offrirà un parallelo tra il nostro Pirandello e il romeno Brancusi  e Stefan Damian vicepresidente dell’AICL relazionerà sui luoghi di Salvatore Quasimodo. ’albanese Arjan Kallco omaggerà anche la Sicilia parlando di Quasimodo mentre Andrea Guiati che insegna in USA parlerà dell’ultimo premio Nobel, Bob Dylan.

Molta nutrita la presenza italiana : Piefranco Bruni parla di Pirandello, di Quasimodo Silvano Trevisani, mentre il Dante dei Premi Nobel è il tema svolto da Giovanna Ioli. Montale e Quasimodo sono all’attenzione di Rosa Elisa Giangoia, e Sabino Caronia parla di Pirandello tra Sciasia e Debenedetti. Antonio Maria Masia affronta Dario Fo. Mentre Bruno Rombi parla di Neruda in Sardegna in rapporto a  Grazia Deledda e Franco Idone raccoglie i Nobel che salgono e quelli che scendono… Dal Venezuela, Antonio Mendoza offre un ritratto della polacca Wislawa Szybroska.

Il convegno sarà l’occasione anche per visitare i luoghi di cultura del territorio: a Pozzallo, dopo l’incontro con il Sindaco, ci sarà la visita alla Casa Natale e al Museo di Giorgio La Pira  e alla mostra didattica “ Pozzallo nel vortice del tempo- Pozzallo dalla preistoria al XXI secolo”  allestita presso l’Istituto Comprensivo A. Amore . A Ispica,  incontro  con il Sindaco e visita dei luoghi di” Divorzio all’italiana” di Pietro Germi e di Montalbano, il famoso commissario nato dalla penna di Andrea Camilleri. Infine a Modica per la casa di Salvatore Quasimodo e il Museo del cioccolato.

In conclusione del Convegno, come d’uso per gli incontri Internazionali dell’Associazione, verrà consegnato il Premio Europeo Farfa di cultura e territorio , che quest’anno andrà ad esponenti del territorio ibleo.

 



Maggiori informazioni https://aicl-org.webnode.it/

 

L'Association Internationale des Critiques Litteraires sbarca a Pozzallo

 

« Il Premio Nobel della letteratura nel mondo » è il tema che i critici e gli scrittori dell’Associazione Internazionale dei Critici letterari svolgeranno nel loro convegno annuale che si terrà a Pozzallo il 20-21 gennaio p.v.

Su invito ed organizzazione del prof. Corrado Monaca, Direttore Strategico cultura e territorio, l’AICL sbarca per la seconda volta in Sicilia dopo il Convegno di Gela del 2001, in occasione del centenario della nascita di Salvatore Quasimodo.

Nel 2017 ricorrono i centocinquanta anni dalla nascita del Premio Nobel Luigi Pirandello, del quale  insieme al premio Nobel Grazia Deledda proprio nel 2016 appena trascorso si sono celebrati gli ottanta anni dalla morte.

Per questo il Bureau Internazionale AICL, presieduto da Neria De Giovanni, ha invitato i delegati dell’Associazione a una riflessione sul valore dei Premi Nobel per la letteratura nei diversi Paesi del mondo.
Critici e scrittori provenienti dal Giappone, Spagna, Francia, USA, Venezuela, Romania, Albania , Catalogna, oltre che da diverse città italiane, Roma, Taranto, Genova, Torino, si confronteranno nella Scuola « A.Amore, presso l’Auditorium Paolo Monaca, appena inaugurato con la donazione da parte della famiglia Monaca di un busto di bronzo dell’artista Paolo Marazzi che con la sua arte unisce Baltico e Mediterraneo passando per Assisi.

In apertura un importante omaggio alla città che ospita il Convegno, con la relazione di Grazia Dormiente sul carteggio inedito tra Giorgio La Pira e Salvatore Quasimodo.

Per la Francia, Andrè Ughetto parlerà del Premio Nobel Federic Mistral e Jean Pierre Castellani di Albert Camus ; per la Spagna Angel Basanta, Segretario Generale dell’AICL, relazionerà su Camillo Josè Cela, mentre le catalane Josefa Contioch e Lulisa Julià parleranno della diffusione in Catalogna dei premi Nobel italiani Deledda, Pirandello e Quasimodo. Anche il romeno Horia Alupului omaggerà l’Italia con la sua relazione su Grazia Deledda in Romania, e Tudorel Radu offrirà un parallelo tra il nostro Pirandello e il romeno Brancusi  e Stefan Damian vicepresidente dell’AICL relazionerà sui luoghi di Salvatore Quasimodo. ’albanese Arjan Kallco omaggerà anche la Sicilia parlando di Quasimodo mentre Andrea Guiati che insegna in USA parlerà dell’ultimo premio Nobel, Bob Dylan.

Molta nutrita la presenza italiana : Piefranco Bruni parla di Pirandello, di Quasimodo Silvano Trevisani, mentre il Dante dei Premi Nobel è il tema svolto da Giovanna Ioli. Montale e Quasimodo sono all’attenzione di Rosa Elisa Giangoia, e Sabino Caronia parla di Pirandello tra Sciasia e Debenedetti. Antonio Maria Masia affronta Dario Fo. Mentre Bruno Rombi parla di Neruda in Sardegna in rapporto a  Grazia Deledda e Franco Idone raccoglie i Nobel che salgono e quelli che scendono… Dal Venezuela, Antonio Mendoza offre un ritratto della polacca Wislawa Szybroska.

Il convegno sarà l’occasione anche per visitare i luoghi di cultura del territorio: a Pozzallo, dopo l’incontro con il Sindaco, ci sarà la visita alla Casa Natale e al Museo di Giorgio La Pira  e alla mostra didattica “ Pozzallo nel vortice del tempo- Pozzallo dalla preistoria al XXI secolo”  allestita presso l’Istituto Comprensivo A. Amore . A Ispica,  incontro  con il Sindaco e visita dei luoghi di” Divorzio all’italiana” di Pietro Germi e di Montalbano, il famoso commissario nato dalla penna di Andrea Camilleri. Infine a Modica per la casa di Salvatore Quasimodo e il Museo del cioccolato.

In conclusione del Convegno, come d’uso per gli incontri Internazionali dell’Associazione, verrà consegnato il Premio Europeo Farfa di cultura e territorio , che quest’anno andrà ad esponenti del territorio ibleo.

 



Maggiori informazioni https://aicl-org.webnode.it/

 

L'Association Internationale des Critiques Litteraires sbarca a Pozzallo

 

« Il Premio Nobel della letteratura nel mondo » è il tema che i critici e gli scrittori dell’Associazione Internazionale dei Critici letterari svolgeranno nel loro convegno annuale che si terrà a Pozzallo il 20-21 gennaio p.v.

Su invito ed organizzazione del prof. Corrado Monaca, Direttore Strategico cultura e territorio, l’AICL sbarca per la seconda volta in Sicilia dopo il Convegno di Gela del 2001, in occasione del centenario della nascita di Salvatore Quasimodo.

Nel 2017 ricorrono i centocinquanta anni dalla nascita del Premio Nobel Luigi Pirandello, del quale  insieme al premio Nobel Grazia Deledda proprio nel 2016 appena trascorso si sono celebrati gli ottanta anni dalla morte.

Per questo il Bureau Internazionale AICL, presieduto da Neria De Giovanni, ha invitato i delegati dell’Associazione a una riflessione sul valore dei Premi Nobel per la letteratura nei diversi Paesi del mondo.
Critici e scrittori provenienti dal Giappone, Spagna, Francia, USA, Venezuela, Romania, Albania , Catalogna, oltre che da diverse città italiane, Roma, Taranto, Genova, Torino, si confronteranno nella Scuola « A.Amore, presso l’Auditorium Paolo Monaca, appena inaugurato con la donazione da parte della famiglia Monaca di un busto di bronzo dell’artista Paolo Marazzi che con la sua arte unisce Baltico e Mediterraneo passando per Assisi.

In apertura un importante omaggio alla città che ospita il Convegno, con la relazione di Grazia Dormiente sul carteggio inedito tra Giorgio La Pira e Salvatore Quasimodo.

Per la Francia, Andrè Ughetto parlerà del Premio Nobel Federic Mistral e Jean Pierre Castellani di Albert Camus ; per la Spagna Angel Basanta, Segretario Generale dell’AICL, relazionerà su Camillo Josè Cela, mentre le catalane Josefa Contioch e Lulisa Julià parleranno della diffusione in Catalogna dei premi Nobel italiani Deledda, Pirandello e Quasimodo. Anche il romeno Horia Alupului omaggerà l’Italia con la sua relazione su Grazia Deledda in Romania, e Tudorel Radu offrirà un parallelo tra il nostro Pirandello e il romeno Brancusi  e Stefan Damian vicepresidente dell’AICL relazionerà sui luoghi di Salvatore Quasimodo. ’albanese Arjan Kallco omaggerà anche la Sicilia parlando di Quasimodo mentre Andrea Guiati che insegna in USA parlerà dell’ultimo premio Nobel, Bob Dylan.

Molta nutrita la presenza italiana : Piefranco Bruni parla di Pirandello, di Quasimodo Silvano Trevisani, mentre il Dante dei Premi Nobel è il tema svolto da Giovanna Ioli. Montale e Quasimodo sono all’attenzione di Rosa Elisa Giangoia, e Sabino Caronia parla di Pirandello tra Sciasia e Debenedetti. Antonio Maria Masia affronta Dario Fo. Mentre Bruno Rombi parla di Neruda in Sardegna in rapporto a  Grazia Deledda e Franco Idone raccoglie i Nobel che salgono e quelli che scendono… Dal Venezuela, Antonio Mendoza offre un ritratto della polacca Wislawa Szybroska.

Il convegno sarà l’occasione anche per visitare i luoghi di cultura del territorio: a Pozzallo, dopo l’incontro con il Sindaco, ci sarà la visita alla Casa Natale e al Museo di Giorgio La Pira  e alla mostra didattica “ Pozzallo nel vortice del tempo- Pozzallo dalla preistoria al XXI secolo”  allestita presso l’Istituto Comprensivo A. Amore . A Ispica,  incontro  con il Sindaco e visita dei luoghi di” Divorzio all’italiana” di Pietro Germi e di Montalbano, il famoso commissario nato dalla penna di Andrea Camilleri. Infine a Modica per la casa di Salvatore Quasimodo e il Museo del cioccolato.

In conclusione del Convegno, come d’uso per gli incontri Internazionali dell’Associazione, verrà consegnato il Premio Europeo Farfa di cultura e territorio , che quest’anno andrà ad esponenti del territorio ibleo.

 



Maggiori informazioni https://aicl-org.webnode.it/

 

L'Association Internationale des Critiques Litteraires sbarca a Pozzallo

 

« Il Premio Nobel della letteratura nel mondo » è il tema che i critici e gli scrittori dell’Associazione Internazionale dei Critici letterari svolgeranno nel loro convegno annuale che si terrà a Pozzallo il 20-21 gennaio p.v.

Su invito ed organizzazione del prof. Corrado Monaca, Direttore Strategico cultura e territorio, l’AICL sbarca per la seconda volta in Sicilia dopo il Convegno di Gela del 2001, in occasione del centenario della nascita di Salvatore Quasimodo.

Nel 2017 ricorrono i centocinquanta anni dalla nascita del Premio Nobel Luigi Pirandello, del quale  insieme al premio Nobel Grazia Deledda proprio nel 2016 appena trascorso si sono celebrati gli ottanta anni dalla morte.

Per questo il Bureau Internazionale AICL, presieduto da Neria De Giovanni, ha invitato i delegati dell’Associazione a una riflessione sul valore dei Premi Nobel per la letteratura nei diversi Paesi del mondo.
Critici e scrittori provenienti dal Giappone, Spagna, Francia, USA, Venezuela, Romania, Albania , Catalogna, oltre che da diverse città italiane, Roma, Taranto, Genova, Torino, si confronteranno nella Scuola « A.Amore, presso l’Auditorium Paolo Monaca, appena inaugurato con la donazione da parte della famiglia Monaca di un busto di bronzo dell’artista Paolo Marazzi che con la sua arte unisce Baltico e Mediterraneo passando per Assisi.

In apertura un importante omaggio alla città che ospita il Convegno, con la relazione di Grazia Dormiente sul carteggio inedito tra Giorgio La Pira e Salvatore Quasimodo.

Per la Francia, Andrè Ughetto parlerà del Premio Nobel Federic Mistral e Jean Pierre Castellani di Albert Camus ; per la Spagna Angel Basanta, Segretario Generale dell’AICL, relazionerà su Camillo Josè Cela, mentre le catalane Josefa Contioch e Lulisa Julià parleranno della diffusione in Catalogna dei premi Nobel italiani Deledda, Pirandello e Quasimodo. Anche il romeno Horia Alupului omaggerà l’Italia con la sua relazione su Grazia Deledda in Romania, e Tudorel Radu offrirà un parallelo tra il nostro Pirandello e il romeno Brancusi  e Stefan Damian vicepresidente dell’AICL relazionerà sui luoghi di Salvatore Quasimodo. ’albanese Arjan Kallco omaggerà anche la Sicilia parlando di Quasimodo mentre Andrea Guiati che insegna in USA parlerà dell’ultimo premio Nobel, Bob Dylan.

Molta nutrita la presenza italiana : Piefranco Bruni parla di Pirandello, di Quasimodo Silvano Trevisani, mentre il Dante dei Premi Nobel è il tema svolto da Giovanna Ioli. Montale e Quasimodo sono all’attenzione di Rosa Elisa Giangoia, e Sabino Caronia parla di Pirandello tra Sciasia e Debenedetti. Antonio Maria Masia affronta Dario Fo. Mentre Bruno Rombi parla di Neruda in Sardegna in rapporto a  Grazia Deledda e Franco Idone raccoglie i Nobel che salgono e quelli che scendono… Dal Venezuela, Antonio Mendoza offre un ritratto della polacca Wislawa Szybroska.

Il convegno sarà l’occasione anche per visitare i luoghi di cultura del territorio: a Pozzallo, dopo l’incontro con il Sindaco, ci sarà la visita alla Casa Natale e al Museo di Giorgio La Pira  e alla mostra didattica “ Pozzallo nel vortice del tempo- Pozzallo dalla preistoria al XXI secolo”  allestita presso l’Istituto Comprensivo A. Amore . A Ispica,  incontro  con il Sindaco e visita dei luoghi di” Divorzio all’italiana” di Pietro Germi e di Montalbano, il famoso commissario nato dalla penna di Andrea Camilleri. Infine a Modica per la casa di Salvatore Quasimodo e il Museo del cioccolato.

In conclusione del Convegno, come d’uso per gli incontri Internazionali dell’Associazione, verrà consegnato il Premio Europeo Farfa di cultura e territorio , che quest’anno andrà ad esponenti del territorio ibleo.

 



Maggiori informazioni https://aicl-org.webnode.it/

 

L'Association Internationale des Critiques Litteraires sbarca a Pozzallo

 

« Il Premio Nobel della letteratura nel mondo » è il tema che i critici e gli scrittori dell’Associazione Internazionale dei Critici letterari svolgeranno nel loro convegno annuale che si terrà a Pozzallo il 20-21 gennaio p.v.

Su invito ed organizzazione del prof. Corrado Monaca, Direttore Strategico cultura e territorio, l’AICL sbarca per la seconda volta in Sicilia dopo il Convegno di Gela del 2001, in occasione del centenario della nascita di Salvatore Quasimodo.

Nel 2017 ricorrono i centocinquanta anni dalla nascita del Premio Nobel Luigi Pirandello, del quale  insieme al premio Nobel Grazia Deledda proprio nel 2016 appena trascorso si sono celebrati gli ottanta anni dalla morte.

Per questo il Bureau Internazionale AICL, presieduto da Neria De Giovanni, ha invitato i delegati dell’Associazione a una riflessione sul valore dei Premi Nobel per la letteratura nei diversi Paesi del mondo.
Critici e scrittori provenienti dal Giappone, Spagna, Francia, USA, Venezuela, Romania, Albania , Catalogna, oltre che da diverse città italiane, Roma, Taranto, Genova, Torino, si confronteranno nella Scuola « A.Amore, presso l’Auditorium Paolo Monaca, appena inaugurato con la donazione da parte della famiglia Monaca di un busto di bronzo dell’artista Paolo Marazzi che con la sua arte unisce Baltico e Mediterraneo passando per Assisi.

In apertura un importante omaggio alla città che ospita il Convegno, con la relazione di Grazia Dormiente sul carteggio inedito tra Giorgio La Pira e Salvatore Quasimodo.

Per la Francia, Andrè Ughetto parlerà del Premio Nobel Federic Mistral e Jean Pierre Castellani di Albert Camus ; per la Spagna Angel Basanta, Segretario Generale dell’AICL, relazionerà su Camillo Josè Cela, mentre le catalane Josefa Contioch e Lulisa Julià parleranno della diffusione in Catalogna dei premi Nobel italiani Deledda, Pirandello e Quasimodo. Anche il romeno Horia Alupului omaggerà l’Italia con la sua relazione su Grazia Deledda in Romania, e Tudorel Radu offrirà un parallelo tra il nostro Pirandello e il romeno Brancusi  e Stefan Damian vicepresidente dell’AICL relazionerà sui luoghi di Salvatore Quasimodo. ’albanese Arjan Kallco omaggerà anche la Sicilia parlando di Quasimodo mentre Andrea Guiati che insegna in USA parlerà dell’ultimo premio Nobel, Bob Dylan.

Molta nutrita la presenza italiana : Piefranco Bruni parla di Pirandello, di Quasimodo Silvano Trevisani, mentre il Dante dei Premi Nobel è il tema svolto da Giovanna Ioli. Montale e Quasimodo sono all’attenzione di Rosa Elisa Giangoia, e Sabino Caronia parla di Pirandello tra Sciasia e Debenedetti. Antonio Maria Masia affronta Dario Fo. Mentre Bruno Rombi parla di Neruda in Sardegna in rapporto a  Grazia Deledda e Franco Idone raccoglie i Nobel che salgono e quelli che scendono… Dal Venezuela, Antonio Mendoza offre un ritratto della polacca Wislawa Szybroska.

Il convegno sarà l’occasione anche per visitare i luoghi di cultura del territorio: a Pozzallo, dopo l’incontro con il Sindaco, ci sarà la visita alla Casa Natale e al Museo di Giorgio La Pira  e alla mostra didattica “ Pozzallo nel vortice del tempo- Pozzallo dalla preistoria al XXI secolo”  allestita presso l’Istituto Comprensivo A. Amore . A Ispica,  incontro  con il Sindaco e visita dei luoghi di” Divorzio all’italiana” di Pietro Germi e di Montalbano, il famoso commissario nato dalla penna di Andrea Camilleri. Infine a Modica per la casa di Salvatore Quasimodo e il Museo del cioccolato.

In conclusione del Convegno, come d’uso per gli incontri Internazionali dell’Associazione, verrà consegnato il Premio Europeo Farfa di cultura e territorio , che quest’anno andrà ad esponenti del territorio ibleo.

 



Maggiori informazioni https://aicl-org.webnode.it/

 

L'Association Internationale des Critiques Litteraires sbarca a Pozzallo

 

« Il Premio Nobel della letteratura nel mondo » è il tema che i critici e gli scrittori dell’Associazione Internazionale dei Critici letterari svolgeranno nel loro convegno annuale che si terrà a Pozzallo il 20-21 gennaio p.v.

Su invito ed organizzazione del prof. Corrado Monaca, Direttore Strategico cultura e territorio, l’AICL sbarca per la seconda volta in Sicilia dopo il Convegno di Gela del 2001, in occasione del centenario della nascita di Salvatore Quasimodo.

Nel 2017 ricorrono i centocinquanta anni dalla nascita del Premio Nobel Luigi Pirandello, del quale  insieme al premio Nobel Grazia Deledda proprio nel 2016 appena trascorso si sono celebrati gli ottanta anni dalla morte.

Per questo il Bureau Internazionale AICL, presieduto da Neria De Giovanni, ha invitato i delegati dell’Associazione a una riflessione sul valore dei Premi Nobel per la letteratura nei diversi Paesi del mondo.
Critici e scrittori provenienti dal Giappone, Spagna, Francia, USA, Venezuela, Romania, Albania , Catalogna, oltre che da diverse città italiane, Roma, Taranto, Genova, Torino, si confronteranno nella Scuola « A.Amore, presso l’Auditorium Paolo Monaca, appena inaugurato con la donazione da parte della famiglia Monaca di un busto di bronzo dell’artista Paolo Marazzi che con la sua arte unisce Baltico e Mediterraneo passando per Assisi.

In apertura un importante omaggio alla città che ospita il Convegno, con la relazione di Grazia Dormiente sul carteggio inedito tra Giorgio La Pira e Salvatore Quasimodo.

Per la Francia, Andrè Ughetto parlerà del Premio Nobel Federic Mistral e Jean Pierre Castellani di Albert Camus ; per la Spagna Angel Basanta, Segretario Generale dell’AICL, relazionerà su Camillo Josè Cela, mentre le catalane Josefa Contioch e Lulisa Julià parleranno della diffusione in Catalogna dei premi Nobel italiani Deledda, Pirandello e Quasimodo. Anche il romeno Horia Alupului omaggerà l’Italia con la sua relazione su Grazia Deledda in Romania, e Tudorel Radu offrirà un parallelo tra il nostro Pirandello e il romeno Brancusi  e Stefan Damian vicepresidente dell’AICL relazionerà sui luoghi di Salvatore Quasimodo. ’albanese Arjan Kallco omaggerà anche la Sicilia parlando di Quasimodo mentre Andrea Guiati che insegna in USA parlerà dell’ultimo premio Nobel, Bob Dylan.

Molta nutrita la presenza italiana : Piefranco Bruni parla di Pirandello, di Quasimodo Silvano Trevisani, mentre il Dante dei Premi Nobel è il tema svolto da Giovanna Ioli. Montale e Quasimodo sono all’attenzione di Rosa Elisa Giangoia, e Sabino Caronia parla di Pirandello tra Sciasia e Debenedetti. Antonio Maria Masia affronta Dario Fo. Mentre Bruno Rombi parla di Neruda in Sardegna in rapporto a  Grazia Deledda e Franco Idone raccoglie i Nobel che salgono e quelli che scendono… Dal Venezuela, Antonio Mendoza offre un ritratto della polacca Wislawa Szybroska.

Il convegno sarà l’occasione anche per visitare i luoghi di cultura del territorio: a Pozzallo, dopo l’incontro con il Sindaco, ci sarà la visita alla Casa Natale e al Museo di Giorgio La Pira  e alla mostra didattica “ Pozzallo nel vortice del tempo- Pozzallo dalla preistoria al XXI secolo”  allestita presso l’Istituto Comprensivo A. Amore . A Ispica,  incontro  con il Sindaco e visita dei luoghi di” Divorzio all’italiana” di Pietro Germi e di Montalbano, il famoso commissario nato dalla penna di Andrea Camilleri. Infine a Modica per la casa di Salvatore Quasimodo e il Museo del cioccolato.

In conclusione del Convegno, come d’uso per gli incontri Internazionali dell’Associazione, verrà consegnato il Premio Europeo Farfa di cultura e territorio , che quest’anno andrà ad esponenti del territorio ibleo.

 



Maggiori informazioni https://aicl-org.webnode.it/

 

L'Association Internationale des Critiques Litteraires sbarca a Pozzallo

 

« Il Premio Nobel della letteratura nel mondo » è il tema che i critici e gli scrittori dell’Associazione Internazionale dei Critici letterari svolgeranno nel loro convegno annuale che si terrà a Pozzallo il 20-21 gennaio p.v.

Su invito ed organizzazione del prof. Corrado Monaca, Direttore Strategico cultura e territorio, l’AICL sbarca per la seconda volta in Sicilia dopo il Convegno di Gela del 2001, in occasione del centenario della nascita di Salvatore Quasimodo.

Nel 2017 ricorrono i centocinquanta anni dalla nascita del Premio Nobel Luigi Pirandello, del quale  insieme al premio Nobel Grazia Deledda proprio nel 2016 appena trascorso si sono celebrati gli ottanta anni dalla morte.

Per questo il Bureau Internazionale AICL, presieduto da Neria De Giovanni, ha invitato i delegati dell’Associazione a una riflessione sul valore dei Premi Nobel per la letteratura nei diversi Paesi del mondo.
Critici e scrittori provenienti dal Giappone, Spagna, Francia, USA, Venezuela, Romania, Albania , Catalogna, oltre che da diverse città italiane, Roma, Taranto, Genova, Torino, si confronteranno nella Scuola « A.Amore, presso l’Auditorium Paolo Monaca, appena inaugurato con la donazione da parte della famiglia Monaca di un busto di bronzo dell’artista Paolo Marazzi che con la sua arte unisce Baltico e Mediterraneo passando per Assisi.

In apertura un importante omaggio alla città che ospita il Convegno, con la relazione di Grazia Dormiente sul carteggio inedito tra Giorgio La Pira e Salvatore Quasimodo.

Per la Francia, Andrè Ughetto parlerà del Premio Nobel Federic Mistral e Jean Pierre Castellani di Albert Camus ; per la Spagna Angel Basanta, Segretario Generale dell’AICL, relazionerà su Camillo Josè Cela, mentre le catalane Josefa Contioch e Lulisa Julià parleranno della diffusione in Catalogna dei premi Nobel italiani Deledda, Pirandello e Quasimodo. Anche il romeno Horia Alupului omaggerà l’Italia con la sua relazione su Grazia Deledda in Romania, e Tudorel Radu offrirà un parallelo tra il nostro Pirandello e il romeno Brancusi  e Stefan Damian vicepresidente dell’AICL relazionerà sui luoghi di Salvatore Quasimodo. ’albanese Arjan Kallco omaggerà anche la Sicilia parlando di Quasimodo mentre Andrea Guiati che insegna in USA parlerà dell’ultimo premio Nobel, Bob Dylan.

Molta nutrita la presenza italiana : Piefranco Bruni parla di Pirandello, di Quasimodo Silvano Trevisani, mentre il Dante dei Premi Nobel è il tema svolto da Giovanna Ioli. Montale e Quasimodo sono all’attenzione di Rosa Elisa Giangoia, e Sabino Caronia parla di Pirandello tra Sciasia e Debenedetti. Antonio Maria Masia affronta Dario Fo. Mentre Bruno Rombi parla di Neruda in Sardegna in rapporto a  Grazia Deledda e Franco Idone raccoglie i Nobel che salgono e quelli che scendono… Dal Venezuela, Antonio Mendoza offre un ritratto della polacca Wislawa Szybroska.

Il convegno sarà l’occasione anche per visitare i luoghi di cultura del territorio: a Pozzallo, dopo l’incontro con il Sindaco, ci sarà la visita alla Casa Natale e al Museo di Giorgio La Pira  e alla mostra didattica “ Pozzallo nel vortice del tempo- Pozzallo dalla preistoria al XXI secolo”  allestita presso l’Istituto Comprensivo A. Amore . A Ispica,  incontro  con il Sindaco e visita dei luoghi di” Divorzio all’italiana” di Pietro Germi e di Montalbano, il famoso commissario nato dalla penna di Andrea Camilleri. Infine a Modica per la casa di Salvatore Quasimodo e il Museo del cioccolato.

In conclusione del Convegno, come d’uso per gli incontri Internazionali dell’Associazione, verrà consegnato il Premio Europeo Farfa di cultura e territorio , che quest’anno andrà ad esponenti del territorio ibleo.

 



Maggiori informazioni https://aicl-org.webnode.it/

 

L'Association Internationale des Critiques Litteraires sbarca a Pozzallo

 

« Il Premio Nobel della letteratura nel mondo » è il tema che i critici e gli scrittori dell’Associazione Internazionale dei Critici letterari svolgeranno nel loro convegno annuale che si terrà a Pozzallo il 20-21 gennaio p.v.

Su invito ed organizzazione del prof. Corrado Monaca, Direttore Strategico cultura e territorio, l’AICL sbarca per la seconda volta in Sicilia dopo il Convegno di Gela del 2001, in occasione del centenario della nascita di Salvatore Quasimodo.

Nel 2017 ricorrono i centocinquanta anni dalla nascita del Premio Nobel Luigi Pirandello, del quale  insieme al premio Nobel Grazia Deledda proprio nel 2016 appena trascorso si sono celebrati gli ottanta anni dalla morte.

Per questo il Bureau Internazionale AICL, presieduto da Neria De Giovanni, ha invitato i delegati dell’Associazione a una riflessione sul valore dei Premi Nobel per la letteratura nei diversi Paesi del mondo.
Critici e scrittori provenienti dal Giappone, Spagna, Francia, USA, Venezuela, Romania, Albania , Catalogna, oltre che da diverse città italiane, Roma, Taranto, Genova, Torino, si confronteranno nella Scuola « A.Amore, presso l’Auditorium Paolo Monaca, appena inaugurato con la donazione da parte della famiglia Monaca di un busto di bronzo dell’artista Paolo Marazzi che con la sua arte unisce Baltico e Mediterraneo passando per Assisi.

In apertura un importante omaggio alla città che ospita il Convegno, con la relazione di Grazia Dormiente sul carteggio inedito tra Giorgio La Pira e Salvatore Quasimodo.

Per la Francia, Andrè Ughetto parlerà del Premio Nobel Federic Mistral e Jean Pierre Castellani di Albert Camus ; per la Spagna Angel Basanta, Segretario Generale dell’AICL, relazionerà su Camillo Josè Cela, mentre le catalane Josefa Contioch e Lulisa Julià parleranno della diffusione in Catalogna dei premi Nobel italiani Deledda, Pirandello e Quasimodo. Anche il romeno Horia Alupului omaggerà l’Italia con la sua relazione su Grazia Deledda in Romania, e Tudorel Radu offrirà un parallelo tra il nostro Pirandello e il romeno Brancusi  e Stefan Damian vicepresidente dell’AICL relazionerà sui luoghi di Salvatore Quasimodo. ’albanese Arjan Kallco omaggerà anche la Sicilia parlando di Quasimodo mentre Andrea Guiati che insegna in USA parlerà dell’ultimo premio Nobel, Bob Dylan.

Molta nutrita la presenza italiana : Piefranco Bruni parla di Pirandello, di Quasimodo Silvano Trevisani, mentre il Dante dei Premi Nobel è il tema svolto da Giovanna Ioli. Montale e Quasimodo sono all’attenzione di Rosa Elisa Giangoia, e Sabino Caronia parla di Pirandello tra Sciasia e Debenedetti. Antonio Maria Masia affronta Dario Fo. Mentre Bruno Rombi parla di Neruda in Sardegna in rapporto a  Grazia Deledda e Franco Idone raccoglie i Nobel che salgono e quelli che scendono… Dal Venezuela, Antonio Mendoza offre un ritratto della polacca Wislawa Szybroska.

Il convegno sarà l’occasione anche per visitare i luoghi di cultura del territorio: a Pozzallo, dopo l’incontro con il Sindaco, ci sarà la visita alla Casa Natale e al Museo di Giorgio La Pira  e alla mostra didattica “ Pozzallo nel vortice del tempo- Pozzallo dalla preistoria al XXI secolo”  allestita presso l’Istituto Comprensivo A. Amore . A Ispica,  incontro  con il Sindaco e visita dei luoghi di” Divorzio all’italiana” di Pietro Germi e di Montalbano, il famoso commissario nato dalla penna di Andrea Camilleri. Infine a Modica per la casa di Salvatore Quasimodo e il Museo del cioccolato.

In conclusione del Convegno, come d’uso per gli incontri Internazionali dell’Associazione, verrà consegnato il Premio Europeo Farfa di cultura e territorio , che quest’anno andrà ad esponenti del territorio ibleo.

 



Maggiori informazioni https://aicl-org.webnode.it/

 

L'Association Internationale des Critiques Litteraires sbarca a Pozzallo

 

« Il Premio Nobel della letteratura nel mondo » è il tema che i critici e gli scrittori dell’Associazione Internazionale dei Critici letterari svolgeranno nel loro convegno annuale che si terrà a Pozzallo il 20-21 gennaio p.v.

Su invito ed organizzazione del prof. Corrado Monaca, Direttore Strategico cultura e territorio, l’AICL sbarca per la seconda volta in Sicilia dopo il Convegno di Gela del 2001, in occasione del centenario della nascita di Salvatore Quasimodo.

Nel 2017 ricorrono i centocinquanta anni dalla nascita del Premio Nobel Luigi Pirandello, del quale  insieme al premio Nobel Grazia Deledda proprio nel 2016 appena trascorso si sono celebrati gli ottanta anni dalla morte.

Per questo il Bureau Internazionale AICL, presieduto da Neria De Giovanni, ha invitato i delegati dell’Associazione a una riflessione sul valore dei Premi Nobel per la letteratura nei diversi Paesi del mondo.
Critici e scrittori provenienti dal Giappone, Spagna, Francia, USA, Venezuela, Romania, Albania , Catalogna, oltre che da diverse città italiane, Roma, Taranto, Genova, Torino, si confronteranno nella Scuola « A.Amore, presso l’Auditorium Paolo Monaca, appena inaugurato con la donazione da parte della famiglia Monaca di un busto di bronzo dell’artista Paolo Marazzi che con la sua arte unisce Baltico e Mediterraneo passando per Assisi.

In apertura un importante omaggio alla città che ospita il Convegno, con la relazione di Grazia Dormiente sul carteggio inedito tra Giorgio La Pira e Salvatore Quasimodo.

Per la Francia, Andrè Ughetto parlerà del Premio Nobel Federic Mistral e Jean Pierre Castellani di Albert Camus ; per la Spagna Angel Basanta, Segretario Generale dell’AICL, relazionerà su Camillo Josè Cela, mentre le catalane Josefa Contioch e Lulisa Julià parleranno della diffusione in Catalogna dei premi Nobel italiani Deledda, Pirandello e Quasimodo. Anche il romeno Horia Alupului omaggerà l’Italia con la sua relazione su Grazia Deledda in Romania, e Tudorel Radu offrirà un parallelo tra il nostro Pirandello e il romeno Brancusi  e Stefan Damian vicepresidente dell’AICL relazionerà sui luoghi di Salvatore Quasimodo. ’albanese Arjan Kallco omaggerà anche la Sicilia parlando di Quasimodo mentre Andrea Guiati che insegna in USA parlerà dell’ultimo premio Nobel, Bob Dylan.

Molta nutrita la presenza italiana : Piefranco Bruni parla di Pirandello, di Quasimodo Silvano Trevisani, mentre il Dante dei Premi Nobel è il tema svolto da Giovanna Ioli. Montale e Quasimodo sono all’attenzione di Rosa Elisa Giangoia, e Sabino Caronia parla di Pirandello tra Sciasia e Debenedetti. Antonio Maria Masia affronta Dario Fo. Mentre Bruno Rombi parla di Neruda in Sardegna in rapporto a  Grazia Deledda e Franco Idone raccoglie i Nobel che salgono e quelli che scendono… Dal Venezuela, Antonio Mendoza offre un ritratto della polacca Wislawa Szybroska.

Il convegno sarà l’occasione anche per visitare i luoghi di cultura del territorio: a Pozzallo, dopo l’incontro con il Sindaco, ci sarà la visita alla Casa Natale e al Museo di Giorgio La Pira  e alla mostra didattica “ Pozzallo nel vortice del tempo- Pozzallo dalla preistoria al XXI secolo”  allestita presso l’Istituto Comprensivo A. Amore . A Ispica,  incontro  con il Sindaco e visita dei luoghi di” Divorzio all’italiana” di Pietro Germi e di Montalbano, il famoso commissario nato dalla penna di Andrea Camilleri. Infine a Modica per la casa di Salvatore Quasimodo e il Museo del cioccolato.

In conclusione del Convegno, come d’uso per gli incontri Internazionali dell’Associazione, verrà consegnato il Premio Europeo Farfa di cultura e territorio , che quest’anno andrà ad esponenti del territorio ibleo.

 



Maggiori informazioni https://aicl-org.webnode.it/

 

L'Association Internationale des Critiques Litteraires sbarca a Pozzallo

 

« Il Premio Nobel della letteratura nel mondo » è il tema che i critici e gli scrittori dell’Associazione Internazionale dei Critici letterari svolgeranno nel loro convegno annuale che si terrà a Pozzallo il 20-21 gennaio p.v.

Su invito ed organizzazione del prof. Corrado Monaca, Direttore Strategico cultura e territorio, l’AICL sbarca per la seconda volta in Sicilia dopo il Convegno di Gela del 2001, in occasione del centenario della nascita di Salvatore Quasimodo.

Nel 2017 ricorrono i centocinquanta anni dalla nascita del Premio Nobel Luigi Pirandello, del quale  insieme al premio Nobel Grazia Deledda proprio nel 2016 appena trascorso si sono celebrati gli ottanta anni dalla morte.

Per questo il Bureau Internazionale AICL, presieduto da Neria De Giovanni, ha invitato i delegati dell’Associazione a una riflessione sul valore dei Premi Nobel per la letteratura nei diversi Paesi del mondo.
Critici e scrittori provenienti dal Giappone, Spagna, Francia, USA, Venezuela, Romania, Albania , Catalogna, oltre che da diverse città italiane, Roma, Taranto, Genova, Torino, si confronteranno nella Scuola « A.Amore, presso l’Auditorium Paolo Monaca, appena inaugurato con la donazione da parte della famiglia Monaca di un busto di bronzo dell’artista Paolo Marazzi che con la sua arte unisce Baltico e Mediterraneo passando per Assisi.

In apertura un importante omaggio alla città che ospita il Convegno, con la relazione di Grazia Dormiente sul carteggio inedito tra Giorgio La Pira e Salvatore Quasimodo.

Per la Francia, Andrè Ughetto parlerà del Premio Nobel Federic Mistral e Jean Pierre Castellani di Albert Camus ; per la Spagna Angel Basanta, Segretario Generale dell’AICL, relazionerà su Camillo Josè Cela, mentre le catalane Josefa Contioch e Lulisa Julià parleranno della diffusione in Catalogna dei premi Nobel italiani Deledda, Pirandello e Quasimodo. Anche il romeno Horia Alupului omaggerà l’Italia con la sua relazione su Grazia Deledda in Romania, e Tudorel Radu offrirà un parallelo tra il nostro Pirandello e il romeno Brancusi  e Stefan Damian vicepresidente dell’AICL relazionerà sui luoghi di Salvatore Quasimodo. ’albanese Arjan Kallco omaggerà anche la Sicilia parlando di Quasimodo mentre Andrea Guiati che insegna in USA parlerà dell’ultimo premio Nobel, Bob Dylan.

Molta nutrita la presenza italiana : Piefranco Bruni parla di Pirandello, di Quasimodo Silvano Trevisani, mentre il Dante dei Premi Nobel è il tema svolto da Giovanna Ioli. Montale e Quasimodo sono all’attenzione di Rosa Elisa Giangoia, e Sabino Caronia parla di Pirandello tra Sciasia e Debenedetti. Antonio Maria Masia affronta Dario Fo. Mentre Bruno Rombi parla di Neruda in Sardegna in rapporto a  Grazia Deledda e Franco Idone raccoglie i Nobel che salgono e quelli che scendono… Dal Venezuela, Antonio Mendoza offre un ritratto della polacca Wislawa Szybroska.

Il convegno sarà l’occasione anche per visitare i luoghi di cultura del territorio: a Pozzallo, dopo l’incontro con il Sindaco, ci sarà la visita alla Casa Natale e al Museo di Giorgio La Pira  e alla mostra didattica “ Pozzallo nel vortice del tempo- Pozzallo dalla preistoria al XXI secolo”  allestita presso l’Istituto Comprensivo A. Amore . A Ispica,  incontro  con il Sindaco e visita dei luoghi di” Divorzio all’italiana” di Pietro Germi e di Montalbano, il famoso commissario nato dalla penna di Andrea Camilleri. Infine a Modica per la casa di Salvatore Quasimodo e il Museo del cioccolato.

In conclusione del Convegno, come d’uso per gli incontri Internazionali dell’Associazione, verrà consegnato il Premio Europeo Farfa di cultura e territorio , che quest’anno andrà ad esponenti del territorio ibleo.

 



Maggiori informazioni https://aicl-org.webnode.it/

 

L'Association Internationale des Critiques Litteraires sbarca a Pozzallo

 

« Il Premio Nobel della letteratura nel mondo » è il tema che i critici e gli scrittori dell’Associazione Internazionale dei Critici letterari svolgeranno nel loro convegno annuale che si terrà a Pozzallo il 20-21 gennaio p.v.

Su invito ed organizzazione del prof. Corrado Monaca, Direttore Strategico cultura e territorio, l’AICL sbarca per la seconda volta in Sicilia dopo il Convegno di Gela del 2001, in occasione del centenario della nascita di Salvatore Quasimodo.

Nel 2017 ricorrono i centocinquanta anni dalla nascita del Premio Nobel Luigi Pirandello, del quale  insieme al premio Nobel Grazia Deledda proprio nel 2016 appena trascorso si sono celebrati gli ottanta anni dalla morte.

Per questo il Bureau Internazionale AICL, presieduto da Neria De Giovanni, ha invitato i delegati dell’Associazione a una riflessione sul valore dei Premi Nobel per la letteratura nei diversi Paesi del mondo.
Critici e scrittori provenienti dal Giappone, Spagna, Francia, USA, Venezuela, Romania, Albania , Catalogna, oltre che da diverse città italiane, Roma, Taranto, Genova, Torino, si confronteranno nella Scuola « A.Amore, presso l’Auditorium Paolo Monaca, appena inaugurato con la donazione da parte della famiglia Monaca di un busto di bronzo dell’artista Paolo Marazzi che con la sua arte unisce Baltico e Mediterraneo passando per Assisi.

In apertura un importante omaggio alla città che ospita il Convegno, con la relazione di Grazia Dormiente sul carteggio inedito tra Giorgio La Pira e Salvatore Quasimodo.

Per la Francia, Andrè Ughetto parlerà del Premio Nobel Federic Mistral e Jean Pierre Castellani di Albert Camus ; per la Spagna Angel Basanta, Segretario Generale dell’AICL, relazionerà su Camillo Josè Cela, mentre le catalane Josefa Contioch e Lulisa Julià parleranno della diffusione in Catalogna dei premi Nobel italiani Deledda, Pirandello e Quasimodo. Anche il romeno Horia Alupului omaggerà l’Italia con la sua relazione su Grazia Deledda in Romania, e Tudorel Radu offrirà un parallelo tra il nostro Pirandello e il romeno Brancusi  e Stefan Damian vicepresidente dell’AICL relazionerà sui luoghi di Salvatore Quasimodo. ’albanese Arjan Kallco omaggerà anche la Sicilia parlando di Quasimodo mentre Andrea Guiati che insegna in USA parlerà dell’ultimo premio Nobel, Bob Dylan.

Molta nutrita la presenza italiana : Piefranco Bruni parla di Pirandello, di Quasimodo Silvano Trevisani, mentre il Dante dei Premi Nobel è il tema svolto da Giovanna Ioli. Montale e Quasimodo sono all’attenzione di Rosa Elisa Giangoia, e Sabino Caronia parla di Pirandello tra Sciasia e Debenedetti. Antonio Maria Masia affronta Dario Fo. Mentre Bruno Rombi parla di Neruda in Sardegna in rapporto a  Grazia Deledda e Franco Idone raccoglie i Nobel che salgono e quelli che scendono… Dal Venezuela, Antonio Mendoza offre un ritratto della polacca Wislawa Szybroska.

Il convegno sarà l’occasione anche per visitare i luoghi di cultura del territorio: a Pozzallo, dopo l’incontro con il Sindaco, ci sarà la visita alla Casa Natale e al Museo di Giorgio La Pira  e alla mostra didattica “ Pozzallo nel vortice del tempo- Pozzallo dalla preistoria al XXI secolo”  allestita presso l’Istituto Comprensivo A. Amore . A Ispica,  incontro  con il Sindaco e visita dei luoghi di” Divorzio all’italiana” di Pietro Germi e di Montalbano, il famoso commissario nato dalla penna di Andrea Camilleri. Infine a Modica per la casa di Salvatore Quasimodo e il Museo del cioccolato.

In conclusione del Convegno, come d’uso per gli incontri Internazionali dell’Associazione, verrà consegnato il Premio Europeo Farfa di cultura e territorio , che quest’anno andrà ad esponenti del territorio ibleo.

 



Maggiori informazioni https://aicl-org.webnode.it/

 

L'Association Internationale des Critiques Litteraires sbarca a Pozzallo

 

« Il Premio Nobel della letteratura nel mondo » è il tema che i critici e gli scrittori dell’Associazione Internazionale dei Critici letterari svolgeranno nel loro convegno annuale che si terrà a Pozzallo il 20-21 gennaio p.v.

Su invito ed organizzazione del prof. Corrado Monaca, Direttore Strategico cultura e territorio, l’AICL sbarca per la seconda volta in Sicilia dopo il Convegno di Gela del 2001, in occasione del centenario della nascita di Salvatore Quasimodo.

Nel 2017 ricorrono i centocinquanta anni dalla nascita del Premio Nobel Luigi Pirandello, del quale  insieme al premio Nobel Grazia Deledda proprio nel 2016 appena trascorso si sono celebrati gli ottanta anni dalla morte.

Per questo il Bureau Internazionale AICL, presieduto da Neria De Giovanni, ha invitato i delegati dell’Associazione a una riflessione sul valore dei Premi Nobel per la letteratura nei diversi Paesi del mondo.
Critici e scrittori provenienti dal Giappone, Spagna, Francia, USA, Venezuela, Romania, Albania , Catalogna, oltre che da diverse città italiane, Roma, Taranto, Genova, Torino, si confronteranno nella Scuola « A.Amore, presso l’Auditorium Paolo Monaca, appena inaugurato con la donazione da parte della famiglia Monaca di un busto di bronzo dell’artista Paolo Marazzi che con la sua arte unisce Baltico e Mediterraneo passando per Assisi.

In apertura un importante omaggio alla città che ospita il Convegno, con la relazione di Grazia Dormiente sul carteggio inedito tra Giorgio La Pira e Salvatore Quasimodo.

Per la Francia, Andrè Ughetto parlerà del Premio Nobel Federic Mistral e Jean Pierre Castellani di Albert Camus ; per la Spagna Angel Basanta, Segretario Generale dell’AICL, relazionerà su Camillo Josè Cela, mentre le catalane Josefa Contioch e Lulisa Julià parleranno della diffusione in Catalogna dei premi Nobel italiani Deledda, Pirandello e Quasimodo. Anche il romeno Horia Alupului omaggerà l’Italia con la sua relazione su Grazia Deledda in Romania, e Tudorel Radu offrirà un parallelo tra il nostro Pirandello e il romeno Brancusi  e Stefan Damian vicepresidente dell’AICL relazionerà sui luoghi di Salvatore Quasimodo. ’albanese Arjan Kallco omaggerà anche la Sicilia parlando di Quasimodo mentre Andrea Guiati che insegna in USA parlerà dell’ultimo premio Nobel, Bob Dylan.

Molta nutrita la presenza italiana : Piefranco Bruni parla di Pirandello, di Quasimodo Silvano Trevisani, mentre il Dante dei Premi Nobel è il tema svolto da Giovanna Ioli. Montale e Quasimodo sono all’attenzione di Rosa Elisa Giangoia, e Sabino Caronia parla di Pirandello tra Sciasia e Debenedetti. Antonio Maria Masia affronta Dario Fo. Mentre Bruno Rombi parla di Neruda in Sardegna in rapporto a  Grazia Deledda e Franco Idone raccoglie i Nobel che salgono e quelli che scendono… Dal Venezuela, Antonio Mendoza offre un ritratto della polacca Wislawa Szybroska.

Il convegno sarà l’occasione anche per visitare i luoghi di cultura del territorio: a Pozzallo, dopo l’incontro con il Sindaco, ci sarà la visita alla Casa Natale e al Museo di Giorgio La Pira  e alla mostra didattica “ Pozzallo nel vortice del tempo- Pozzallo dalla preistoria al XXI secolo”  allestita presso l’Istituto Comprensivo A. Amore . A Ispica,  incontro  con il Sindaco e visita dei luoghi di” Divorzio all’italiana” di Pietro Germi e di Montalbano, il famoso commissario nato dalla penna di Andrea Camilleri. Infine a Modica per la casa di Salvatore Quasimodo e il Museo del cioccolato.

In conclusione del Convegno, come d’uso per gli incontri Internazionali dell’Associazione, verrà consegnato il Premio Europeo Farfa di cultura e territorio , che quest’anno andrà ad esponenti del territorio ibleo.

 



Maggiori informazioni https://aicl-org.webnode.it/

 

L'Association Internationale des Critiques Litteraires sbarca a Pozzallo

 

« Il Premio Nobel della letteratura nel mondo » è il tema che i critici e gli scrittori dell’Associazione Internazionale dei Critici letterari svolgeranno nel loro convegno annuale che si terrà a Pozzallo il 20-21 gennaio p.v.

Su invito ed organizzazione del prof. Corrado Monaca, Direttore Strategico cultura e territorio, l’AICL sbarca per la seconda volta in Sicilia dopo il Convegno di Gela del 2001, in occasione del centenario della nascita di Salvatore Quasimodo.

Nel 2017 ricorrono i centocinquanta anni dalla nascita del Premio Nobel Luigi Pirandello, del quale  insieme al premio Nobel Grazia Deledda proprio nel 2016 appena trascorso si sono celebrati gli ottanta anni dalla morte.

Per questo il Bureau Internazionale AICL, presieduto da Neria De Giovanni, ha invitato i delegati dell’Associazione a una riflessione sul valore dei Premi Nobel per la letteratura nei diversi Paesi del mondo.
Critici e scrittori provenienti dal Giappone, Spagna, Francia, USA, Venezuela, Romania, Albania , Catalogna, oltre che da diverse città italiane, Roma, Taranto, Genova, Torino, si confronteranno nella Scuola « A.Amore, presso l’Auditorium Paolo Monaca, appena inaugurato con la donazione da parte della famiglia Monaca di un busto di bronzo dell’artista Paolo Marazzi che con la sua arte unisce Baltico e Mediterraneo passando per Assisi.

In apertura un importante omaggio alla città che ospita il Convegno, con la relazione di Grazia Dormiente sul carteggio inedito tra Giorgio La Pira e Salvatore Quasimodo.

Per la Francia, Andrè Ughetto parlerà del Premio Nobel Federic Mistral e Jean Pierre Castellani di Albert Camus ; per la Spagna Angel Basanta, Segretario Generale dell’AICL, relazionerà su Camillo Josè Cela, mentre le catalane Josefa Contioch e Lulisa Julià parleranno della diffusione in Catalogna dei premi Nobel italiani Deledda, Pirandello e Quasimodo. Anche il romeno Horia Alupului omaggerà l’Italia con la sua relazione su Grazia Deledda in Romania, e Tudorel Radu offrirà un parallelo tra il nostro Pirandello e il romeno Brancusi  e Stefan Damian vicepresidente dell’AICL relazionerà sui luoghi di Salvatore Quasimodo. ’albanese Arjan Kallco omaggerà anche la Sicilia parlando di Quasimodo mentre Andrea Guiati che insegna in USA parlerà dell’ultimo premio Nobel, Bob Dylan.

Molta nutrita la presenza italiana : Piefranco Bruni parla di Pirandello, di Quasimodo Silvano Trevisani, mentre il Dante dei Premi Nobel è il tema svolto da Giovanna Ioli. Montale e Quasimodo sono all’attenzione di Rosa Elisa Giangoia, e Sabino Caronia parla di Pirandello tra Sciasia e Debenedetti. Antonio Maria Masia affronta Dario Fo. Mentre Bruno Rombi parla di Neruda in Sardegna in rapporto a  Grazia Deledda e Franco Idone raccoglie i Nobel che salgono e quelli che scendono… Dal Venezuela, Antonio Mendoza offre un ritratto della polacca Wislawa Szybroska.

Il convegno sarà l’occasione anche per visitare i luoghi di cultura del territorio: a Pozzallo, dopo l’incontro con il Sindaco, ci sarà la visita alla Casa Natale e al Museo di Giorgio La Pira  e alla mostra didattica “ Pozzallo nel vortice del tempo- Pozzallo dalla preistoria al XXI secolo”  allestita presso l’Istituto Comprensivo A. Amore . A Ispica,  incontro  con il Sindaco e visita dei luoghi di” Divorzio all’italiana” di Pietro Germi e di Montalbano, il famoso commissario nato dalla penna di Andrea Camilleri. Infine a Modica per la casa di Salvatore Quasimodo e il Museo del cioccolato.

In conclusione del Convegno, come d’uso per gli incontri Internazionali dell’Associazione, verrà consegnato il Premio Europeo Farfa di cultura e territorio , che quest’anno andrà ad esponenti del territorio ibleo.

 



Maggiori informazioni https://aicl-org.webnode.it/

 

L'Association Internationale des Critiques Litteraires sbarca a Pozzallo

 

« Il Premio Nobel della letteratura nel mondo » è il tema che i critici e gli scrittori dell’Associazione Internazionale dei Critici letterari svolgeranno nel loro convegno annuale che si terrà a Pozzallo il 20-21 gennaio p.v.

Su invito ed organizzazione del prof. Corrado Monaca, Direttore Strategico cultura e territorio, l’AICL sbarca per la seconda volta in Sicilia dopo il Convegno di Gela del 2001, in occasione del centenario della nascita di Salvatore Quasimodo.

Nel 2017 ricorrono i centocinquanta anni dalla nascita del Premio Nobel Luigi Pirandello, del quale  insieme al premio Nobel Grazia Deledda proprio nel 2016 appena trascorso si sono celebrati gli ottanta anni dalla morte.

Per questo il Bureau Internazionale AICL, presieduto da Neria De Giovanni, ha invitato i delegati dell’Associazione a una riflessione sul valore dei Premi Nobel per la letteratura nei diversi Paesi del mondo.
Critici e scrittori provenienti dal Giappone, Spagna, Francia, USA, Venezuela, Romania, Albania , Catalogna, oltre che da diverse città italiane, Roma, Taranto, Genova, Torino, si confronteranno nella Scuola « A.Amore, presso l’Auditorium Paolo Monaca, appena inaugurato con la donazione da parte della famiglia Monaca di un busto di bronzo dell’artista Paolo Marazzi che con la sua arte unisce Baltico e Mediterraneo passando per Assisi.

In apertura un importante omaggio alla città che ospita il Convegno, con la relazione di Grazia Dormiente sul carteggio inedito tra Giorgio La Pira e Salvatore Quasimodo.

Per la Francia, Andrè Ughetto parlerà del Premio Nobel Federic Mistral e Jean Pierre Castellani di Albert Camus ; per la Spagna Angel Basanta, Segretario Generale dell’AICL, relazionerà su Camillo Josè Cela, mentre le catalane Josefa Contioch e Lulisa Julià parleranno della diffusione in Catalogna dei premi Nobel italiani Deledda, Pirandello e Quasimodo. Anche il romeno Horia Alupului omaggerà l’Italia con la sua relazione su Grazia Deledda in Romania, e Tudorel Radu offrirà un parallelo tra il nostro Pirandello e il romeno Brancusi  e Stefan Damian vicepresidente dell’AICL relazionerà sui luoghi di Salvatore Quasimodo. ’albanese Arjan Kallco omaggerà anche la Sicilia parlando di Quasimodo mentre Andrea Guiati che insegna in USA parlerà dell’ultimo premio Nobel, Bob Dylan.

Molta nutrita la presenza italiana : Piefranco Bruni parla di Pirandello, di Quasimodo Silvano Trevisani, mentre il Dante dei Premi Nobel è il tema svolto da Giovanna Ioli. Montale e Quasimodo sono all’attenzione di Rosa Elisa Giangoia, e Sabino Caronia parla di Pirandello tra Sciasia e Debenedetti. Antonio Maria Masia affronta Dario Fo. Mentre Bruno Rombi parla di Neruda in Sardegna in rapporto a  Grazia Deledda e Franco Idone raccoglie i Nobel che salgono e quelli che scendono… Dal Venezuela, Antonio Mendoza offre un ritratto della polacca Wislawa Szybroska.

Il convegno sarà l’occasione anche per visitare i luoghi di cultura del territorio: a Pozzallo, dopo l’incontro con il Sindaco, ci sarà la visita alla Casa Natale e al Museo di Giorgio La Pira  e alla mostra didattica “ Pozzallo nel vortice del tempo- Pozzallo dalla preistoria al XXI secolo”  allestita presso l’Istituto Comprensivo A. Amore . A Ispica,  incontro  con il Sindaco e visita dei luoghi di” Divorzio all’italiana” di Pietro Germi e di Montalbano, il famoso commissario nato dalla penna di Andrea Camilleri. Infine a Modica per la casa di Salvatore Quasimodo e il Museo del cioccolato.

In conclusione del Convegno, come d’uso per gli incontri Internazionali dell’Associazione, verrà consegnato il Premio Europeo Farfa di cultura e territorio , che quest’anno andrà ad esponenti del territorio ibleo.

 



Maggiori informazioni https://aicl-org.webnode.it/

 

L'Association Internationale des Critiques Litteraires sbarca a Pozzallo

 

« Il Premio Nobel della letteratura nel mondo » è il tema che i critici e gli scrittori dell’Associazione Internazionale dei Critici letterari svolgeranno nel loro convegno annuale che si terrà a Pozzallo il 20-21 gennaio p.v.

Su invito ed organizzazione del prof. Corrado Monaca, Direttore Strategico cultura e territorio, l’AICL sbarca per la seconda volta in Sicilia dopo il Convegno di Gela del 2001, in occasione del centenario della nascita di Salvatore Quasimodo.

Nel 2017 ricorrono i centocinquanta anni dalla nascita del Premio Nobel Luigi Pirandello, del quale  insieme al premio Nobel Grazia Deledda proprio nel 2016 appena trascorso si sono celebrati gli ottanta anni dalla morte.

Per questo il Bureau Internazionale AICL, presieduto da Neria De Giovanni, ha invitato i delegati dell’Associazione a una riflessione sul valore dei Premi Nobel per la letteratura nei diversi Paesi del mondo.
Critici e scrittori provenienti dal Giappone, Spagna, Francia, USA, Venezuela, Romania, Albania , Catalogna, oltre che da diverse città italiane, Roma, Taranto, Genova, Torino, si confronteranno nella Scuola « A.Amore, presso l’Auditorium Paolo Monaca, appena inaugurato con la donazione da parte della famiglia Monaca di un busto di bronzo dell’artista Paolo Marazzi che con la sua arte unisce Baltico e Mediterraneo passando per Assisi.

In apertura un importante omaggio alla città che ospita il Convegno, con la relazione di Grazia Dormiente sul carteggio inedito tra Giorgio La Pira e Salvatore Quasimodo.

Per la Francia, Andrè Ughetto parlerà del Premio Nobel Federic Mistral e Jean Pierre Castellani di Albert Camus ; per la Spagna Angel Basanta, Segretario Generale dell’AICL, relazionerà su Camillo Josè Cela, mentre le catalane Josefa Contioch e Lulisa Julià parleranno della diffusione in Catalogna dei premi Nobel italiani Deledda, Pirandello e Quasimodo. Anche il romeno Horia Alupului omaggerà l’Italia con la sua relazione su Grazia Deledda in Romania, e Tudorel Radu offrirà un parallelo tra il nostro Pirandello e il romeno Brancusi  e Stefan Damian vicepresidente dell’AICL relazionerà sui luoghi di Salvatore Quasimodo. ’albanese Arjan Kallco omaggerà anche la Sicilia parlando di Quasimodo mentre Andrea Guiati che insegna in USA parlerà dell’ultimo premio Nobel, Bob Dylan.

Molta nutrita la presenza italiana : Piefranco Bruni parla di Pirandello, di Quasimodo Silvano Trevisani, mentre il Dante dei Premi Nobel è il tema svolto da Giovanna Ioli. Montale e Quasimodo sono all’attenzione di Rosa Elisa Giangoia, e Sabino Caronia parla di Pirandello tra Sciasia e Debenedetti. Antonio Maria Masia affronta Dario Fo. Mentre Bruno Rombi parla di Neruda in Sardegna in rapporto a  Grazia Deledda e Franco Idone raccoglie i Nobel che salgono e quelli che scendono… Dal Venezuela, Antonio Mendoza offre un ritratto della polacca Wislawa Szybroska.

Il convegno sarà l’occasione anche per visitare i luoghi di cultura del territorio: a Pozzallo, dopo l’incontro con il Sindaco, ci sarà la visita alla Casa Natale e al Museo di Giorgio La Pira  e alla mostra didattica “ Pozzallo nel vortice del tempo- Pozzallo dalla preistoria al XXI secolo”  allestita presso l’Istituto Comprensivo A. Amore . A Ispica,  incontro  con il Sindaco e visita dei luoghi di” Divorzio all’italiana” di Pietro Germi e di Montalbano, il famoso commissario nato dalla penna di Andrea Camilleri. Infine a Modica per la casa di Salvatore Quasimodo e il Museo del cioccolato.

In conclusione del Convegno, come d’uso per gli incontri Internazionali dell’Associazione, verrà consegnato il Premio Europeo Farfa di cultura e territorio , che quest’anno andrà ad esponenti del territorio ibleo.

 



Maggiori informazioni https://aicl-org.webnode.it/

 

L'Association Internationale des Critiques Litteraires sbarca a Pozzallo

 

« Il Premio Nobel della letteratura nel mondo » è il tema che i critici e gli scrittori dell’Associazione Internazionale dei Critici letterari svolgeranno nel loro convegno annuale che si terrà a Pozzallo il 20-21 gennaio p.v.

Su invito ed organizzazione del prof. Corrado Monaca, Direttore Strategico cultura e territorio, l’AICL sbarca per la seconda volta in Sicilia dopo il Convegno di Gela del 2001, in occasione del centenario della nascita di Salvatore Quasimodo.

Nel 2017 ricorrono i centocinquanta anni dalla nascita del Premio Nobel Luigi Pirandello, del quale  insieme al premio Nobel Grazia Deledda proprio nel 2016 appena trascorso si sono celebrati gli ottanta anni dalla morte.

Per questo il Bureau Internazionale AICL, presieduto da Neria De Giovanni, ha invitato i delegati dell’Associazione a una riflessione sul valore dei Premi Nobel per la letteratura nei diversi Paesi del mondo.
Critici e scrittori provenienti dal Giappone, Spagna, Francia, USA, Venezuela, Romania, Albania , Catalogna, oltre che da diverse città italiane, Roma, Taranto, Genova, Torino, si confronteranno nella Scuola « A.Amore, presso l’Auditorium Paolo Monaca, appena inaugurato con la donazione da parte della famiglia Monaca di un busto di bronzo dell’artista Paolo Marazzi che con la sua arte unisce Baltico e Mediterraneo passando per Assisi.

In apertura un importante omaggio alla città che ospita il Convegno, con la relazione di Grazia Dormiente sul carteggio inedito tra Giorgio La Pira e Salvatore Quasimodo.

Per la Francia, Andrè Ughetto parlerà del Premio Nobel Federic Mistral e Jean Pierre Castellani di Albert Camus ; per la Spagna Angel Basanta, Segretario Generale dell’AICL, relazionerà su Camillo Josè Cela, mentre le catalane Josefa Contioch e Lulisa Julià parleranno della diffusione in Catalogna dei premi Nobel italiani Deledda, Pirandello e Quasimodo. Anche il romeno Horia Alupului omaggerà l’Italia con la sua relazione su Grazia Deledda in Romania, e Tudorel Radu offrirà un parallelo tra il nostro Pirandello e il romeno Brancusi  e Stefan Damian vicepresidente dell’AICL relazionerà sui luoghi di Salvatore Quasimodo. ’albanese Arjan Kallco omaggerà anche la Sicilia parlando di Quasimodo mentre Andrea Guiati che insegna in USA parlerà dell’ultimo premio Nobel, Bob Dylan.

Molta nutrita la presenza italiana : Piefranco Bruni parla di Pirandello, di Quasimodo Silvano Trevisani, mentre il Dante dei Premi Nobel è il tema svolto da Giovanna Ioli. Montale e Quasimodo sono all’attenzione di Rosa Elisa Giangoia, e Sabino Caronia parla di Pirandello tra Sciasia e Debenedetti. Antonio Maria Masia affronta Dario Fo. Mentre Bruno Rombi parla di Neruda in Sardegna in rapporto a  Grazia Deledda e Franco Idone raccoglie i Nobel che salgono e quelli che scendono… Dal Venezuela, Antonio Mendoza offre un ritratto della polacca Wislawa Szybroska.

Il convegno sarà l’occasione anche per visitare i luoghi di cultura del territorio: a Pozzallo, dopo l’incontro con il Sindaco, ci sarà la visita alla Casa Natale e al Museo di Giorgio La Pira  e alla mostra didattica “ Pozzallo nel vortice del tempo- Pozzallo dalla preistoria al XXI secolo”  allestita presso l’Istituto Comprensivo A. Amore . A Ispica,  incontro  con il Sindaco e visita dei luoghi di” Divorzio all’italiana” di Pietro Germi e di Montalbano, il famoso commissario nato dalla penna di Andrea Camilleri. Infine a Modica per la casa di Salvatore Quasimodo e il Museo del cioccolato.

In conclusione del Convegno, come d’uso per gli incontri Internazionali dell’Associazione, verrà consegnato il Premio Europeo Farfa di cultura e territorio , che quest’anno andrà ad esponenti del territorio ibleo.

 



Maggiori informazioni https://aicl-org.webnode.it/

 

L'Association Internationale des Critiques Litteraires sbarca a Pozzallo

 

« Il Premio Nobel della letteratura nel mondo » è il tema che i critici e gli scrittori dell’Associazione Internazionale dei Critici letterari svolgeranno nel loro convegno annuale che si terrà a Pozzallo il 20-21 gennaio p.v.

Su invito ed organizzazione del prof. Corrado Monaca, Direttore Strategico cultura e territorio, l’AICL sbarca per la seconda volta in Sicilia dopo il Convegno di Gela del 2001, in occasione del centenario della nascita di Salvatore Quasimodo.

Nel 2017 ricorrono i centocinquanta anni dalla nascita del Premio Nobel Luigi Pirandello, del quale  insieme al premio Nobel Grazia Deledda proprio nel 2016 appena trascorso si sono celebrati gli ottanta anni dalla morte.

Per questo il Bureau Internazionale AICL, presieduto da Neria De Giovanni, ha invitato i delegati dell’Associazione a una riflessione sul valore dei Premi Nobel per la letteratura nei diversi Paesi del mondo.
Critici e scrittori provenienti dal Giappone, Spagna, Francia, USA, Venezuela, Romania, Albania , Catalogna, oltre che da diverse città italiane, Roma, Taranto, Genova, Torino, si confronteranno nella Scuola « A.Amore, presso l’Auditorium Paolo Monaca, appena inaugurato con la donazione da parte della famiglia Monaca di un busto di bronzo dell’artista Paolo Marazzi che con la sua arte unisce Baltico e Mediterraneo passando per Assisi.

In apertura un importante omaggio alla città che ospita il Convegno, con la relazione di Grazia Dormiente sul carteggio inedito tra Giorgio La Pira e Salvatore Quasimodo.

Per la Francia, Andrè Ughetto parlerà del Premio Nobel Federic Mistral e Jean Pierre Castellani di Albert Camus ; per la Spagna Angel Basanta, Segretario Generale dell’AICL, relazionerà su Camillo Josè Cela, mentre le catalane Josefa Contioch e Lulisa Julià parleranno della diffusione in Catalogna dei premi Nobel italiani Deledda, Pirandello e Quasimodo. Anche il romeno Horia Alupului omaggerà l’Italia con la sua relazione su Grazia Deledda in Romania, e Tudorel Radu offrirà un parallelo tra il nostro Pirandello e il romeno Brancusi  e Stefan Damian vicepresidente dell’AICL relazionerà sui luoghi di Salvatore Quasimodo. ’albanese Arjan Kallco omaggerà anche la Sicilia parlando di Quasimodo mentre Andrea Guiati che insegna in USA parlerà dell’ultimo premio Nobel, Bob Dylan.

Molta nutrita la presenza italiana : Piefranco Bruni parla di Pirandello, di Quasimodo Silvano Trevisani, mentre il Dante dei Premi Nobel è il tema svolto da Giovanna Ioli. Montale e Quasimodo sono all’attenzione di Rosa Elisa Giangoia, e Sabino Caronia parla di Pirandello tra Sciasia e Debenedetti. Antonio Maria Masia affronta Dario Fo. Mentre Bruno Rombi parla di Neruda in Sardegna in rapporto a  Grazia Deledda e Franco Idone raccoglie i Nobel che salgono e quelli che scendono… Dal Venezuela, Antonio Mendoza offre un ritratto della polacca Wislawa Szybroska.

Il convegno sarà l’occasione anche per visitare i luoghi di cultura del territorio: a Pozzallo, dopo l’incontro con il Sindaco, ci sarà la visita alla Casa Natale e al Museo di Giorgio La Pira  e alla mostra didattica “ Pozzallo nel vortice del tempo- Pozzallo dalla preistoria al XXI secolo”  allestita presso l’Istituto Comprensivo A. Amore . A Ispica,  incontro  con il Sindaco e visita dei luoghi di” Divorzio all’italiana” di Pietro Germi e di Montalbano, il famoso commissario nato dalla penna di Andrea Camilleri. Infine a Modica per la casa di Salvatore Quasimodo e il Museo del cioccolato.

In conclusione del Convegno, come d’uso per gli incontri Internazionali dell’Associazione, verrà consegnato il Premio Europeo Farfa di cultura e territorio , che quest’anno andrà ad esponenti del territorio ibleo.

 



Maggiori informazioni https://aicl-org.webnode.it/

 

L'Association Internationale des Critiques Litteraires sbarca a Pozzallo

 

« Il Premio Nobel della letteratura nel mondo » è il tema che i critici e gli scrittori dell’Associazione Internazionale dei Critici letterari svolgeranno nel loro convegno annuale che si terrà a Pozzallo il 20-21 gennaio p.v.

Su invito ed organizzazione del prof. Corrado Monaca, Direttore Strategico cultura e territorio, l’AICL sbarca per la seconda volta in Sicilia dopo il Convegno di Gela del 2001, in occasione del centenario della nascita di Salvatore Quasimodo.

Nel 2017 ricorrono i centocinquanta anni dalla nascita del Premio Nobel Luigi Pirandello, del quale  insieme al premio Nobel Grazia Deledda proprio nel 2016 appena trascorso si sono celebrati gli ottanta anni dalla morte.

Per questo il Bureau Internazionale AICL, presieduto da Neria De Giovanni, ha invitato i delegati dell’Associazione a una riflessione sul valore dei Premi Nobel per la letteratura nei diversi Paesi del mondo.
Critici e scrittori provenienti dal Giappone, Spagna, Francia, USA, Venezuela, Romania, Albania , Catalogna, oltre che da diverse città italiane, Roma, Taranto, Genova, Torino, si confronteranno nella Scuola « A.Amore, presso l’Auditorium Paolo Monaca, appena inaugurato con la donazione da parte della famiglia Monaca di un busto di bronzo dell’artista Paolo Marazzi che con la sua arte unisce Baltico e Mediterraneo passando per Assisi.

In apertura un importante omaggio alla città che ospita il Convegno, con la relazione di Grazia Dormiente sul carteggio inedito tra Giorgio La Pira e Salvatore Quasimodo.

Per la Francia, Andrè Ughetto parlerà del Premio Nobel Federic Mistral e Jean Pierre Castellani di Albert Camus ; per la Spagna Angel Basanta, Segretario Generale dell’AICL, relazionerà su Camillo Josè Cela, mentre le catalane Josefa Contioch e Lulisa Julià parleranno della diffusione in Catalogna dei premi Nobel italiani Deledda, Pirandello e Quasimodo. Anche il romeno Horia Alupului omaggerà l’Italia con la sua relazione su Grazia Deledda in Romania, e Tudorel Radu offrirà un parallelo tra il nostro Pirandello e il romeno Brancusi  e Stefan Damian vicepresidente dell’AICL relazionerà sui luoghi di Salvatore Quasimodo. ’albanese Arjan Kallco omaggerà anche la Sicilia parlando di Quasimodo mentre Andrea Guiati che insegna in USA parlerà dell’ultimo premio Nobel, Bob Dylan.

Molta nutrita la presenza italiana : Piefranco Bruni parla di Pirandello, di Quasimodo Silvano Trevisani, mentre il Dante dei Premi Nobel è il tema svolto da Giovanna Ioli. Montale e Quasimodo sono all’attenzione di Rosa Elisa Giangoia, e Sabino Caronia parla di Pirandello tra Sciasia e Debenedetti. Antonio Maria Masia affronta Dario Fo. Mentre Bruno Rombi parla di Neruda in Sardegna in rapporto a  Grazia Deledda e Franco Idone raccoglie i Nobel che salgono e quelli che scendono… Dal Venezuela, Antonio Mendoza offre un ritratto della polacca Wislawa Szybroska.

Il convegno sarà l’occasione anche per visitare i luoghi di cultura del territorio: a Pozzallo, dopo l’incontro con il Sindaco, ci sarà la visita alla Casa Natale e al Museo di Giorgio La Pira  e alla mostra didattica “ Pozzallo nel vortice del tempo- Pozzallo dalla preistoria al XXI secolo”  allestita presso l’Istituto Comprensivo A. Amore . A Ispica,  incontro  con il Sindaco e visita dei luoghi di” Divorzio all’italiana” di Pietro Germi e di Montalbano, il famoso commissario nato dalla penna di Andrea Camilleri. Infine a Modica per la casa di Salvatore Quasimodo e il Museo del cioccolato.

In conclusione del Convegno, come d’uso per gli incontri Internazionali dell’Associazione, verrà consegnato il Premio Europeo Farfa di cultura e territorio , che quest’anno andrà ad esponenti del territorio ibleo.

 



Maggiori informazioni https://aicl-org.webnode.it/

 

L'Association Internationale des Critiques Litteraires sbarca a Pozzallo

 

« Il Premio Nobel della letteratura nel mondo » è il tema che i critici e gli scrittori dell’Associazione Internazionale dei Critici letterari svolgeranno nel loro convegno annuale che si terrà a Pozzallo il 20-21 gennaio p.v.

Su invito ed organizzazione del prof. Corrado Monaca, Direttore Strategico cultura e territorio, l’AICL sbarca per la seconda volta in Sicilia dopo il Convegno di Gela del 2001, in occasione del centenario della nascita di Salvatore Quasimodo.

Nel 2017 ricorrono i centocinquanta anni dalla nascita del Premio Nobel Luigi Pirandello, del quale  insieme al premio Nobel Grazia Deledda proprio nel 2016 appena trascorso si sono celebrati gli ottanta anni dalla morte.

Per questo il Bureau Internazionale AICL, presieduto da Neria De Giovanni, ha invitato i delegati dell’Associazione a una riflessione sul valore dei Premi Nobel per la letteratura nei diversi Paesi del mondo.
Critici e scrittori provenienti dal Giappone, Spagna, Francia, USA, Venezuela, Romania, Albania , Catalogna, oltre che da diverse città italiane, Roma, Taranto, Genova, Torino, si confronteranno nella Scuola « A.Amore, presso l’Auditorium Paolo Monaca, appena inaugurato con la donazione da parte della famiglia Monaca di un busto di bronzo dell’artista Paolo Marazzi che con la sua arte unisce Baltico e Mediterraneo passando per Assisi.

In apertura un importante omaggio alla città che ospita il Convegno, con la relazione di Grazia Dormiente sul carteggio inedito tra Giorgio La Pira e Salvatore Quasimodo.

Per la Francia, Andrè Ughetto parlerà del Premio Nobel Federic Mistral e Jean Pierre Castellani di Albert Camus ; per la Spagna Angel Basanta, Segretario Generale dell’AICL, relazionerà su Camillo Josè Cela, mentre le catalane Josefa Contioch e Lulisa Julià parleranno della diffusione in Catalogna dei premi Nobel italiani Deledda, Pirandello e Quasimodo. Anche il romeno Horia Alupului omaggerà l’Italia con la sua relazione su Grazia Deledda in Romania, e Tudorel Radu offrirà un parallelo tra il nostro Pirandello e il romeno Brancusi  e Stefan Damian vicepresidente dell’AICL relazionerà sui luoghi di Salvatore Quasimodo. ’albanese Arjan Kallco omaggerà anche la Sicilia parlando di Quasimodo mentre Andrea Guiati che insegna in USA parlerà dell’ultimo premio Nobel, Bob Dylan.

Molta nutrita la presenza italiana : Piefranco Bruni parla di Pirandello, di Quasimodo Silvano Trevisani, mentre il Dante dei Premi Nobel è il tema svolto da Giovanna Ioli. Montale e Quasimodo sono all’attenzione di Rosa Elisa Giangoia, e Sabino Caronia parla di Pirandello tra Sciasia e Debenedetti. Antonio Maria Masia affronta Dario Fo. Mentre Bruno Rombi parla di Neruda in Sardegna in rapporto a  Grazia Deledda e Franco Idone raccoglie i Nobel che salgono e quelli che scendono… Dal Venezuela, Antonio Mendoza offre un ritratto della polacca Wislawa Szybroska.

Il convegno sarà l’occasione anche per visitare i luoghi di cultura del territorio: a Pozzallo, dopo l’incontro con il Sindaco, ci sarà la visita alla Casa Natale e al Museo di Giorgio La Pira  e alla mostra didattica “ Pozzallo nel vortice del tempo- Pozzallo dalla preistoria al XXI secolo”  allestita presso l’Istituto Comprensivo A. Amore . A Ispica,  incontro  con il Sindaco e visita dei luoghi di” Divorzio all’italiana” di Pietro Germi e di Montalbano, il famoso commissario nato dalla penna di Andrea Camilleri. Infine a Modica per la casa di Salvatore Quasimodo e il Museo del cioccolato.

In conclusione del Convegno, come d’uso per gli incontri Internazionali dell’Associazione, verrà consegnato il Premio Europeo Farfa di cultura e territorio , che quest’anno andrà ad esponenti del territorio ibleo.

 



Maggiori informazioni https://aicl-org.webnode.it/

 

L'Association Internationale des Critiques Litteraires sbarca a Pozzallo

 

« Il Premio Nobel della letteratura nel mondo » è il tema che i critici e gli scrittori dell’Associazione Internazionale dei Critici letterari svolgeranno nel loro convegno annuale che si terrà a Pozzallo il 20-21 gennaio p.v.

Su invito ed organizzazione del prof. Corrado Monaca, Direttore Strategico cultura e territorio, l’AICL sbarca per la seconda volta in Sicilia dopo il Convegno di Gela del 2001, in occasione del centenario della nascita di Salvatore Quasimodo.

Nel 2017 ricorrono i centocinquanta anni dalla nascita del Premio Nobel Luigi Pirandello, del quale  insieme al premio Nobel Grazia Deledda proprio nel 2016 appena trascorso si sono celebrati gli ottanta anni dalla morte.

Per questo il Bureau Internazionale AICL, presieduto da Neria De Giovanni, ha invitato i delegati dell’Associazione a una riflessione sul valore dei Premi Nobel per la letteratura nei diversi Paesi del mondo.
Critici e scrittori provenienti dal Giappone, Spagna, Francia, USA, Venezuela, Romania, Albania , Catalogna, oltre che da diverse città italiane, Roma, Taranto, Genova, Torino, si confronteranno nella Scuola « A.Amore, presso l’Auditorium Paolo Monaca, appena inaugurato con la donazione da parte della famiglia Monaca di un busto di bronzo dell’artista Paolo Marazzi che con la sua arte unisce Baltico e Mediterraneo passando per Assisi.

In apertura un importante omaggio alla città che ospita il Convegno, con la relazione di Grazia Dormiente sul carteggio inedito tra Giorgio La Pira e Salvatore Quasimodo.

Per la Francia, Andrè Ughetto parlerà del Premio Nobel Federic Mistral e Jean Pierre Castellani di Albert Camus ; per la Spagna Angel Basanta, Segretario Generale dell’AICL, relazionerà su Camillo Josè Cela, mentre le catalane Josefa Contioch e Lulisa Julià parleranno della diffusione in Catalogna dei premi Nobel italiani Deledda, Pirandello e Quasimodo. Anche il romeno Horia Alupului omaggerà l’Italia con la sua relazione su Grazia Deledda in Romania, e Tudorel Radu offrirà un parallelo tra il nostro Pirandello e il romeno Brancusi  e Stefan Damian vicepresidente dell’AICL relazionerà sui luoghi di Salvatore Quasimodo. ’albanese Arjan Kallco omaggerà anche la Sicilia parlando di Quasimodo mentre Andrea Guiati che insegna in USA parlerà dell’ultimo premio Nobel, Bob Dylan.

Molta nutrita la presenza italiana : Piefranco Bruni parla di Pirandello, di Quasimodo Silvano Trevisani, mentre il Dante dei Premi Nobel è il tema svolto da Giovanna Ioli. Montale e Quasimodo sono all’attenzione di Rosa Elisa Giangoia, e Sabino Caronia parla di Pirandello tra Sciasia e Debenedetti. Antonio Maria Masia affronta Dario Fo. Mentre Bruno Rombi parla di Neruda in Sardegna in rapporto a  Grazia Deledda e Franco Idone raccoglie i Nobel che salgono e quelli che scendono… Dal Venezuela, Antonio Mendoza offre un ritratto della polacca Wislawa Szybroska.

Il convegno sarà l’occasione anche per visitare i luoghi di cultura del territorio: a Pozzallo, dopo l’incontro con il Sindaco, ci sarà la visita alla Casa Natale e al Museo di Giorgio La Pira  e alla mostra didattica “ Pozzallo nel vortice del tempo- Pozzallo dalla preistoria al XXI secolo”  allestita presso l’Istituto Comprensivo A. Amore . A Ispica,  incontro  con il Sindaco e visita dei luoghi di” Divorzio all’italiana” di Pietro Germi e di Montalbano, il famoso commissario nato dalla penna di Andrea Camilleri. Infine a Modica per la casa di Salvatore Quasimodo e il Museo del cioccolato.

In conclusione del Convegno, come d’uso per gli incontri Internazionali dell’Associazione, verrà consegnato il Premio Europeo Farfa di cultura e territorio , che quest’anno andrà ad esponenti del territorio ibleo.

 



Maggiori informazioni https://aicl-org.webnode.it/

 

L'Association Internationale des Critiques Litteraires sbarca a Pozzallo

 

« Il Premio Nobel della letteratura nel mondo » è il tema che i critici e gli scrittori dell’Associazione Internazionale dei Critici letterari svolgeranno nel loro convegno annuale che si terrà a Pozzallo il 20-21 gennaio p.v.

Su invito ed organizzazione del prof. Corrado Monaca, Direttore Strategico cultura e territorio, l’AICL sbarca per la seconda volta in Sicilia dopo il Convegno di Gela del 2001, in occasione del centenario della nascita di Salvatore Quasimodo.

Nel 2017 ricorrono i centocinquanta anni dalla nascita del Premio Nobel Luigi Pirandello, del quale  insieme al premio Nobel Grazia Deledda proprio nel 2016 appena trascorso si sono celebrati gli ottanta anni dalla morte.

Per questo il Bureau Internazionale AICL, presieduto da Neria De Giovanni, ha invitato i delegati dell’Associazione a una riflessione sul valore dei Premi Nobel per la letteratura nei diversi Paesi del mondo.
Critici e scrittori provenienti dal Giappone, Spagna, Francia, USA, Venezuela, Romania, Albania , Catalogna, oltre che da diverse città italiane, Roma, Taranto, Genova, Torino, si confronteranno nella Scuola « A.Amore, presso l’Auditorium Paolo Monaca, appena inaugurato con la donazione da parte della famiglia Monaca di un busto di bronzo dell’artista Paolo Marazzi che con la sua arte unisce Baltico e Mediterraneo passando per Assisi.

In apertura un importante omaggio alla città che ospita il Convegno, con la relazione di Grazia Dormiente sul carteggio inedito tra Giorgio La Pira e Salvatore Quasimodo.

Per la Francia, Andrè Ughetto parlerà del Premio Nobel Federic Mistral e Jean Pierre Castellani di Albert Camus ; per la Spagna Angel Basanta, Segretario Generale dell’AICL, relazionerà su Camillo Josè Cela, mentre le catalane Josefa Contioch e Lulisa Julià parleranno della diffusione in Catalogna dei premi Nobel italiani Deledda, Pirandello e Quasimodo. Anche il romeno Horia Alupului omaggerà l’Italia con la sua relazione su Grazia Deledda in Romania, e Tudorel Radu offrirà un parallelo tra il nostro Pirandello e il romeno Brancusi  e Stefan Damian vicepresidente dell’AICL relazionerà sui luoghi di Salvatore Quasimodo. ’albanese Arjan Kallco omaggerà anche la Sicilia parlando di Quasimodo mentre Andrea Guiati che insegna in USA parlerà dell’ultimo premio Nobel, Bob Dylan.

Molta nutrita la presenza italiana : Piefranco Bruni parla di Pirandello, di Quasimodo Silvano Trevisani, mentre il Dante dei Premi Nobel è il tema svolto da Giovanna Ioli. Montale e Quasimodo sono all’attenzione di Rosa Elisa Giangoia, e Sabino Caronia parla di Pirandello tra Sciasia e Debenedetti. Antonio Maria Masia affronta Dario Fo. Mentre Bruno Rombi parla di Neruda in Sardegna in rapporto a  Grazia Deledda e Franco Idone raccoglie i Nobel che salgono e quelli che scendono… Dal Venezuela, Antonio Mendoza offre un ritratto della polacca Wislawa Szybroska.

Il convegno sarà l’occasione anche per visitare i luoghi di cultura del territorio: a Pozzallo, dopo l’incontro con il Sindaco, ci sarà la visita alla Casa Natale e al Museo di Giorgio La Pira  e alla mostra didattica “ Pozzallo nel vortice del tempo- Pozzallo dalla preistoria al XXI secolo”  allestita presso l’Istituto Comprensivo A. Amore . A Ispica,  incontro  con il Sindaco e visita dei luoghi di” Divorzio all’italiana” di Pietro Germi e di Montalbano, il famoso commissario nato dalla penna di Andrea Camilleri. Infine a Modica per la casa di Salvatore Quasimodo e il Museo del cioccolato.

In conclusione del Convegno, come d’uso per gli incontri Internazionali dell’Associazione, verrà consegnato il Premio Europeo Farfa di cultura e territorio , che quest’anno andrà ad esponenti del territorio ibleo.

 



Maggiori informazioni https://aicl-org.webnode.it/

 

L'Association Internationale des Critiques Litteraires sbarca a Pozzallo

 

« Il Premio Nobel della letteratura nel mondo » è il tema che i critici e gli scrittori dell’Associazione Internazionale dei Critici letterari svolgeranno nel loro convegno annuale che si terrà a Pozzallo il 20-21 gennaio p.v.

Su invito ed organizzazione del prof. Corrado Monaca, Direttore Strategico cultura e territorio, l’AICL sbarca per la seconda volta in Sicilia dopo il Convegno di Gela del 2001, in occasione del centenario della nascita di Salvatore Quasimodo.

Nel 2017 ricorrono i centocinquanta anni dalla nascita del Premio Nobel Luigi Pirandello, del quale  insieme al premio Nobel Grazia Deledda proprio nel 2016 appena trascorso si sono celebrati gli ottanta anni dalla morte.

Per questo il Bureau Internazionale AICL, presieduto da Neria De Giovanni, ha invitato i delegati dell’Associazione a una riflessione sul valore dei Premi Nobel per la letteratura nei diversi Paesi del mondo.
Critici e scrittori provenienti dal Giappone, Spagna, Francia, USA, Venezuela, Romania, Albania , Catalogna, oltre che da diverse città italiane, Roma, Taranto, Genova, Torino, si confronteranno nella Scuola « A.Amore, presso l’Auditorium Paolo Monaca, appena inaugurato con la donazione da parte della famiglia Monaca di un busto di bronzo dell’artista Paolo Marazzi che con la sua arte unisce Baltico e Mediterraneo passando per Assisi.

In apertura un importante omaggio alla città che ospita il Convegno, con la relazione di Grazia Dormiente sul carteggio inedito tra Giorgio La Pira e Salvatore Quasimodo.

Per la Francia, Andrè Ughetto parlerà del Premio Nobel Federic Mistral e Jean Pierre Castellani di Albert Camus ; per la Spagna Angel Basanta, Segretario Generale dell’AICL, relazionerà su Camillo Josè Cela, mentre le catalane Josefa Contioch e Lulisa Julià parleranno della diffusione in Catalogna dei premi Nobel italiani Deledda, Pirandello e Quasimodo. Anche il romeno Horia Alupului omaggerà l’Italia con la sua relazione su Grazia Deledda in Romania, e Tudorel Radu offrirà un parallelo tra il nostro Pirandello e il romeno Brancusi  e Stefan Damian vicepresidente dell’AICL relazionerà sui luoghi di Salvatore Quasimodo. ’albanese Arjan Kallco omaggerà anche la Sicilia parlando di Quasimodo mentre Andrea Guiati che insegna in USA parlerà dell’ultimo premio Nobel, Bob Dylan.

Molta nutrita la presenza italiana : Piefranco Bruni parla di Pirandello, di Quasimodo Silvano Trevisani, mentre il Dante dei Premi Nobel è il tema svolto da Giovanna Ioli. Montale e Quasimodo sono all’attenzione di Rosa Elisa Giangoia, e Sabino Caronia parla di Pirandello tra Sciasia e Debenedetti. Antonio Maria Masia affronta Dario Fo. Mentre Bruno Rombi parla di Neruda in Sardegna in rapporto a  Grazia Deledda e Franco Idone raccoglie i Nobel che salgono e quelli che scendono… Dal Venezuela, Antonio Mendoza offre un ritratto della polacca Wislawa Szybroska.

Il convegno sarà l’occasione anche per visitare i luoghi di cultura del territorio: a Pozzallo, dopo l’incontro con il Sindaco, ci sarà la visita alla Casa Natale e al Museo di Giorgio La Pira  e alla mostra didattica “ Pozzallo nel vortice del tempo- Pozzallo dalla preistoria al XXI secolo”  allestita presso l’Istituto Comprensivo A. Amore . A Ispica,  incontro  con il Sindaco e visita dei luoghi di” Divorzio all’italiana” di Pietro Germi e di Montalbano, il famoso commissario nato dalla penna di Andrea Camilleri. Infine a Modica per la casa di Salvatore Quasimodo e il Museo del cioccolato.

In conclusione del Convegno, come d’uso per gli incontri Internazionali dell’Associazione, verrà consegnato il Premio Europeo Farfa di cultura e territorio , che quest’anno andrà ad esponenti del territorio ibleo.

 



Maggiori informazioni https://aicl-org.webnode.it/

 

L'Association Internationale des Critiques Litteraires sbarca a Pozzallo

 

« Il Premio Nobel della letteratura nel mondo » è il tema che i critici e gli scrittori dell’Associazione Internazionale dei Critici letterari svolgeranno nel loro convegno annuale che si terrà a Pozzallo il 20-21 gennaio p.v.

Su invito ed organizzazione del prof. Corrado Monaca, Direttore Strategico cultura e territorio, l’AICL sbarca per la seconda volta in Sicilia dopo il Convegno di Gela del 2001, in occasione del centenario della nascita di Salvatore Quasimodo.

Nel 2017 ricorrono i centocinquanta anni dalla nascita del Premio Nobel Luigi Pirandello, del quale  insieme al premio Nobel Grazia Deledda proprio nel 2016 appena trascorso si sono celebrati gli ottanta anni dalla morte.

Per questo il Bureau Internazionale AICL, presieduto da Neria De Giovanni, ha invitato i delegati dell’Associazione a una riflessione sul valore dei Premi Nobel per la letteratura nei diversi Paesi del mondo.
Critici e scrittori provenienti dal Giappone, Spagna, Francia, USA, Venezuela, Romania, Albania , Catalogna, oltre che da diverse città italiane, Roma, Taranto, Genova, Torino, si confronteranno nella Scuola « A.Amore, presso l’Auditorium Paolo Monaca, appena inaugurato con la donazione da parte della famiglia Monaca di un busto di bronzo dell’artista Paolo Marazzi che con la sua arte unisce Baltico e Mediterraneo passando per Assisi.

In apertura un importante omaggio alla città che ospita il Convegno, con la relazione di Grazia Dormiente sul carteggio inedito tra Giorgio La Pira e Salvatore Quasimodo.

Per la Francia, Andrè Ughetto parlerà del Premio Nobel Federic Mistral e Jean Pierre Castellani di Albert Camus ; per la Spagna Angel Basanta, Segretario Generale dell’AICL, relazionerà su Camillo Josè Cela, mentre le catalane Josefa Contioch e Lulisa Julià parleranno della diffusione in Catalogna dei premi Nobel italiani Deledda, Pirandello e Quasimodo. Anche il romeno Horia Alupului omaggerà l’Italia con la sua relazione su Grazia Deledda in Romania, e Tudorel Radu offrirà un parallelo tra il nostro Pirandello e il romeno Brancusi  e Stefan Damian vicepresidente dell’AICL relazionerà sui luoghi di Salvatore Quasimodo. ’albanese Arjan Kallco omaggerà anche la Sicilia parlando di Quasimodo mentre Andrea Guiati che insegna in USA parlerà dell’ultimo premio Nobel, Bob Dylan.

Molta nutrita la presenza italiana : Piefranco Bruni parla di Pirandello, di Quasimodo Silvano Trevisani, mentre il Dante dei Premi Nobel è il tema svolto da Giovanna Ioli. Montale e Quasimodo sono all’attenzione di Rosa Elisa Giangoia, e Sabino Caronia parla di Pirandello tra Sciasia e Debenedetti. Antonio Maria Masia affronta Dario Fo. Mentre Bruno Rombi parla di Neruda in Sardegna in rapporto a  Grazia Deledda e Franco Idone raccoglie i Nobel che salgono e quelli che scendono… Dal Venezuela, Antonio Mendoza offre un ritratto della polacca Wislawa Szybroska.

Il convegno sarà l’occasione anche per visitare i luoghi di cultura del territorio: a Pozzallo, dopo l’incontro con il Sindaco, ci sarà la visita alla Casa Natale e al Museo di Giorgio La Pira  e alla mostra didattica “ Pozzallo nel vortice del tempo- Pozzallo dalla preistoria al XXI secolo”  allestita presso l’Istituto Comprensivo A. Amore . A Ispica,  incontro  con il Sindaco e visita dei luoghi di” Divorzio all’italiana” di Pietro Germi e di Montalbano, il famoso commissario nato dalla penna di Andrea Camilleri. Infine a Modica per la casa di Salvatore Quasimodo e il Museo del cioccolato.

In conclusione del Convegno, come d’uso per gli incontri Internazionali dell’Associazione, verrà consegnato il Premio Europeo Farfa di cultura e territorio , che quest’anno andrà ad esponenti del territorio ibleo.

 



Maggiori informazioni https://aicl-org.webnode.it/

 

L'Association Internationale des Critiques Litteraires sbarca a Pozzallo

 

« Il Premio Nobel della letteratura nel mondo » è il tema che i critici e gli scrittori dell’Associazione Internazionale dei Critici letterari svolgeranno nel loro convegno annuale che si terrà a Pozzallo il 20-21 gennaio p.v.

Su invito ed organizzazione del prof. Corrado Monaca, Direttore Strategico cultura e territorio, l’AICL sbarca per la seconda volta in Sicilia dopo il Convegno di Gela del 2001, in occasione del centenario della nascita di Salvatore Quasimodo.

Nel 2017 ricorrono i centocinquanta anni dalla nascita del Premio Nobel Luigi Pirandello, del quale  insieme al premio Nobel Grazia Deledda proprio nel 2016 appena trascorso si sono celebrati gli ottanta anni dalla morte.

Per questo il Bureau Internazionale AICL, presieduto da Neria De Giovanni, ha invitato i delegati dell’Associazione a una riflessione sul valore dei Premi Nobel per la letteratura nei diversi Paesi del mondo.
Critici e scrittori provenienti dal Giappone, Spagna, Francia, USA, Venezuela, Romania, Albania , Catalogna, oltre che da diverse città italiane, Roma, Taranto, Genova, Torino, si confronteranno nella Scuola « A.Amore, presso l’Auditorium Paolo Monaca, appena inaugurato con la donazione da parte della famiglia Monaca di un busto di bronzo dell’artista Paolo Marazzi che con la sua arte unisce Baltico e Mediterraneo passando per Assisi.

In apertura un importante omaggio alla città che ospita il Convegno, con la relazione di Grazia Dormiente sul carteggio inedito tra Giorgio La Pira e Salvatore Quasimodo.

Per la Francia, Andrè Ughetto parlerà del Premio Nobel Federic Mistral e Jean Pierre Castellani di Albert Camus ; per la Spagna Angel Basanta, Segretario Generale dell’AICL, relazionerà su Camillo Josè Cela, mentre le catalane Josefa Contioch e Lulisa Julià parleranno della diffusione in Catalogna dei premi Nobel italiani Deledda, Pirandello e Quasimodo. Anche il romeno Horia Alupului omaggerà l’Italia con la sua relazione su Grazia Deledda in Romania, e Tudorel Radu offrirà un parallelo tra il nostro Pirandello e il romeno Brancusi  e Stefan Damian vicepresidente dell’AICL relazionerà sui luoghi di Salvatore Quasimodo. ’albanese Arjan Kallco omaggerà anche la Sicilia parlando di Quasimodo mentre Andrea Guiati che insegna in USA parlerà dell’ultimo premio Nobel, Bob Dylan.

Molta nutrita la presenza italiana : Piefranco Bruni parla di Pirandello, di Quasimodo Silvano Trevisani, mentre il Dante dei Premi Nobel è il tema svolto da Giovanna Ioli. Montale e Quasimodo sono all’attenzione di Rosa Elisa Giangoia, e Sabino Caronia parla di Pirandello tra Sciasia e Debenedetti. Antonio Maria Masia affronta Dario Fo. Mentre Bruno Rombi parla di Neruda in Sardegna in rapporto a  Grazia Deledda e Franco Idone raccoglie i Nobel che salgono e quelli che scendono… Dal Venezuela, Antonio Mendoza offre un ritratto della polacca Wislawa Szybroska.

Il convegno sarà l’occasione anche per visitare i luoghi di cultura del territorio: a Pozzallo, dopo l’incontro con il Sindaco, ci sarà la visita alla Casa Natale e al Museo di Giorgio La Pira  e alla mostra didattica “ Pozzallo nel vortice del tempo- Pozzallo dalla preistoria al XXI secolo”  allestita presso l’Istituto Comprensivo A. Amore . A Ispica,  incontro  con il Sindaco e visita dei luoghi di” Divorzio all’italiana” di Pietro Germi e di Montalbano, il famoso commissario nato dalla penna di Andrea Camilleri. Infine a Modica per la casa di Salvatore Quasimodo e il Museo del cioccolato.

In conclusione del Convegno, come d’uso per gli incontri Internazionali dell’Associazione, verrà consegnato il Premio Europeo Farfa di cultura e territorio , che quest’anno andrà ad esponenti del territorio ibleo.

 



Maggiori informazioni https://aicl-org.webnode.it/

 

L'Association Internationale des Critiques Litteraires sbarca a Pozzallo

 

« Il Premio Nobel della letteratura nel mondo » è il tema che i critici e gli scrittori dell’Associazione Internazionale dei Critici letterari svolgeranno nel loro convegno annuale che si terrà a Pozzallo il 20-21 gennaio p.v.

Su invito ed organizzazione del prof. Corrado Monaca, Direttore Strategico cultura e territorio, l’AICL sbarca per la seconda volta in Sicilia dopo il Convegno di Gela del 2001, in occasione del centenario della nascita di Salvatore Quasimodo.

Nel 2017 ricorrono i centocinquanta anni dalla nascita del Premio Nobel Luigi Pirandello, del quale  insieme al premio Nobel Grazia Deledda proprio nel 2016 appena trascorso si sono celebrati gli ottanta anni dalla morte.

Per questo il Bureau Internazionale AICL, presieduto da Neria De Giovanni, ha invitato i delegati dell’Associazione a una riflessione sul valore dei Premi Nobel per la letteratura nei diversi Paesi del mondo.
Critici e scrittori provenienti dal Giappone, Spagna, Francia, USA, Venezuela, Romania, Albania , Catalogna, oltre che da diverse città italiane, Roma, Taranto, Genova, Torino, si confronteranno nella Scuola « A.Amore, presso l’Auditorium Paolo Monaca, appena inaugurato con la donazione da parte della famiglia Monaca di un busto di bronzo dell’artista Paolo Marazzi che con la sua arte unisce Baltico e Mediterraneo passando per Assisi.

In apertura un importante omaggio alla città che ospita il Convegno, con la relazione di Grazia Dormiente sul carteggio inedito tra Giorgio La Pira e Salvatore Quasimodo.

Per la Francia, Andrè Ughetto parlerà del Premio Nobel Federic Mistral e Jean Pierre Castellani di Albert Camus ; per la Spagna Angel Basanta, Segretario Generale dell’AICL, relazionerà su Camillo Josè Cela, mentre le catalane Josefa Contioch e Lulisa Julià parleranno della diffusione in Catalogna dei premi Nobel italiani Deledda, Pirandello e Quasimodo. Anche il romeno Horia Alupului omaggerà l’Italia con la sua relazione su Grazia Deledda in Romania, e Tudorel Radu offrirà un parallelo tra il nostro Pirandello e il romeno Brancusi  e Stefan Damian vicepresidente dell’AICL relazionerà sui luoghi di Salvatore Quasimodo. ’albanese Arjan Kallco omaggerà anche la Sicilia parlando di Quasimodo mentre Andrea Guiati che insegna in USA parlerà dell’ultimo premio Nobel, Bob Dylan.

Molta nutrita la presenza italiana : Piefranco Bruni parla di Pirandello, di Quasimodo Silvano Trevisani, mentre il Dante dei Premi Nobel è il tema svolto da Giovanna Ioli. Montale e Quasimodo sono all’attenzione di Rosa Elisa Giangoia, e Sabino Caronia parla di Pirandello tra Sciasia e Debenedetti. Antonio Maria Masia affronta Dario Fo. Mentre Bruno Rombi parla di Neruda in Sardegna in rapporto a  Grazia Deledda e Franco Idone raccoglie i Nobel che salgono e quelli che scendono… Dal Venezuela, Antonio Mendoza offre un ritratto della polacca Wislawa Szybroska.

Il convegno sarà l’occasione anche per visitare i luoghi di cultura del territorio: a Pozzallo, dopo l’incontro con il Sindaco, ci sarà la visita alla Casa Natale e al Museo di Giorgio La Pira  e alla mostra didattica “ Pozzallo nel vortice del tempo- Pozzallo dalla preistoria al XXI secolo”  allestita presso l’Istituto Comprensivo A. Amore . A Ispica,  incontro  con il Sindaco e visita dei luoghi di” Divorzio all’italiana” di Pietro Germi e di Montalbano, il famoso commissario nato dalla penna di Andrea Camilleri. Infine a Modica per la casa di Salvatore Quasimodo e il Museo del cioccolato.

In conclusione del Convegno, come d’uso per gli incontri Internazionali dell’Associazione, verrà consegnato il Premio Europeo Farfa di cultura e territorio , che quest’anno andrà ad esponenti del territorio ibleo.

 



Maggiori informazioni https://aicl-org.webnode.it/

 

L'Association Internationale des Critiques Litteraires sbarca a Pozzallo

 

« Il Premio Nobel della letteratura nel mondo » è il tema che i critici e gli scrittori dell’Associazione Internazionale dei Critici letterari svolgeranno nel loro convegno annuale che si terrà a Pozzallo il 20-21 gennaio p.v.

Su invito ed organizzazione del prof. Corrado Monaca, Direttore Strategico cultura e territorio, l’AICL sbarca per la seconda volta in Sicilia dopo il Convegno di Gela del 2001, in occasione del centenario della nascita di Salvatore Quasimodo.

Nel 2017 ricorrono i centocinquanta anni dalla nascita del Premio Nobel Luigi Pirandello, del quale  insieme al premio Nobel Grazia Deledda proprio nel 2016 appena trascorso si sono celebrati gli ottanta anni dalla morte.

Per questo il Bureau Internazionale AICL, presieduto da Neria De Giovanni, ha invitato i delegati dell’Associazione a una riflessione sul valore dei Premi Nobel per la letteratura nei diversi Paesi del mondo.
Critici e scrittori provenienti dal Giappone, Spagna, Francia, USA, Venezuela, Romania, Albania , Catalogna, oltre che da diverse città italiane, Roma, Taranto, Genova, Torino, si confronteranno nella Scuola « A.Amore, presso l’Auditorium Paolo Monaca, appena inaugurato con la donazione da parte della famiglia Monaca di un busto di bronzo dell’artista Paolo Marazzi che con la sua arte unisce Baltico e Mediterraneo passando per Assisi.

In apertura un importante omaggio alla città che ospita il Convegno, con la relazione di Grazia Dormiente sul carteggio inedito tra Giorgio La Pira e Salvatore Quasimodo.

Per la Francia, Andrè Ughetto parlerà del Premio Nobel Federic Mistral e Jean Pierre Castellani di Albert Camus ; per la Spagna Angel Basanta, Segretario Generale dell’AICL, relazionerà su Camillo Josè Cela, mentre le catalane Josefa Contioch e Lulisa Julià parleranno della diffusione in Catalogna dei premi Nobel italiani Deledda, Pirandello e Quasimodo. Anche il romeno Horia Alupului omaggerà l’Italia con la sua relazione su Grazia Deledda in Romania, e Tudorel Radu offrirà un parallelo tra il nostro Pirandello e il romeno Brancusi  e Stefan Damian vicepresidente dell’AICL relazionerà sui luoghi di Salvatore Quasimodo. ’albanese Arjan Kallco omaggerà anche la Sicilia parlando di Quasimodo mentre Andrea Guiati che insegna in USA parlerà dell’ultimo premio Nobel, Bob Dylan.

Molta nutrita la presenza italiana : Piefranco Bruni parla di Pirandello, di Quasimodo Silvano Trevisani, mentre il Dante dei Premi Nobel è il tema svolto da Giovanna Ioli. Montale e Quasimodo sono all’attenzione di Rosa Elisa Giangoia, e Sabino Caronia parla di Pirandello tra Sciasia e Debenedetti. Antonio Maria Masia affronta Dario Fo. Mentre Bruno Rombi parla di Neruda in Sardegna in rapporto a  Grazia Deledda e Franco Idone raccoglie i Nobel che salgono e quelli che scendono… Dal Venezuela, Antonio Mendoza offre un ritratto della polacca Wislawa Szybroska.

Il convegno sarà l’occasione anche per visitare i luoghi di cultura del territorio: a Pozzallo, dopo l’incontro con il Sindaco, ci sarà la visita alla Casa Natale e al Museo di Giorgio La Pira  e alla mostra didattica “ Pozzallo nel vortice del tempo- Pozzallo dalla preistoria al XXI secolo”  allestita presso l’Istituto Comprensivo A. Amore . A Ispica,  incontro  con il Sindaco e visita dei luoghi di” Divorzio all’italiana” di Pietro Germi e di Montalbano, il famoso commissario nato dalla penna di Andrea Camilleri. Infine a Modica per la casa di Salvatore Quasimodo e il Museo del cioccolato.

In conclusione del Convegno, come d’uso per gli incontri Internazionali dell’Associazione, verrà consegnato il Premio Europeo Farfa di cultura e territorio , che quest’anno andrà ad esponenti del territorio ibleo.

 



Maggiori informazioni https://aicl-org.webnode.it/

 

L'Association Internationale des Critiques Litteraires sbarca a Pozzallo

 

« Il Premio Nobel della letteratura nel mondo » è il tema che i critici e gli scrittori dell’Associazione Internazionale dei Critici letterari svolgeranno nel loro convegno annuale che si terrà a Pozzallo il 20-21 gennaio p.v.

Su invito ed organizzazione del prof. Corrado Monaca, Direttore Strategico cultura e territorio, l’AICL sbarca per la seconda volta in Sicilia dopo il Convegno di Gela del 2001, in occasione del centenario della nascita di Salvatore Quasimodo.

Nel 2017 ricorrono i centocinquanta anni dalla nascita del Premio Nobel Luigi Pirandello, del quale  insieme al premio Nobel Grazia Deledda proprio nel 2016 appena trascorso si sono celebrati gli ottanta anni dalla morte.

Per questo il Bureau Internazionale AICL, presieduto da Neria De Giovanni, ha invitato i delegati dell’Associazione a una riflessione sul valore dei Premi Nobel per la letteratura nei diversi Paesi del mondo.
Critici e scrittori provenienti dal Giappone, Spagna, Francia, USA, Venezuela, Romania, Albania , Catalogna, oltre che da diverse città italiane, Roma, Taranto, Genova, Torino, si confronteranno nella Scuola « A.Amore, presso l’Auditorium Paolo Monaca, appena inaugurato con la donazione da parte della famiglia Monaca di un busto di bronzo dell’artista Paolo Marazzi che con la sua arte unisce Baltico e Mediterraneo passando per Assisi.

In apertura un importante omaggio alla città che ospita il Convegno, con la relazione di Grazia Dormiente sul carteggio inedito tra Giorgio La Pira e Salvatore Quasimodo.

Per la Francia, Andrè Ughetto parlerà del Premio Nobel Federic Mistral e Jean Pierre Castellani di Albert Camus ; per la Spagna Angel Basanta, Segretario Generale dell’AICL, relazionerà su Camillo Josè Cela, mentre le catalane Josefa Contioch e Lulisa Julià parleranno della diffusione in Catalogna dei premi Nobel italiani Deledda, Pirandello e Quasimodo. Anche il romeno Horia Alupului omaggerà l’Italia con la sua relazione su Grazia Deledda in Romania, e Tudorel Radu offrirà un parallelo tra il nostro Pirandello e il romeno Brancusi  e Stefan Damian vicepresidente dell’AICL relazionerà sui luoghi di Salvatore Quasimodo. ’albanese Arjan Kallco omaggerà anche la Sicilia parlando di Quasimodo mentre Andrea Guiati che insegna in USA parlerà dell’ultimo premio Nobel, Bob Dylan.

Molta nutrita la presenza italiana : Piefranco Bruni parla di Pirandello, di Quasimodo Silvano Trevisani, mentre il Dante dei Premi Nobel è il tema svolto da Giovanna Ioli. Montale e Quasimodo sono all’attenzione di Rosa Elisa Giangoia, e Sabino Caronia parla di Pirandello tra Sciasia e Debenedetti. Antonio Maria Masia affronta Dario Fo. Mentre Bruno Rombi parla di Neruda in Sardegna in rapporto a  Grazia Deledda e Franco Idone raccoglie i Nobel che salgono e quelli che scendono… Dal Venezuela, Antonio Mendoza offre un ritratto della polacca Wislawa Szybroska.

Il convegno sarà l’occasione anche per visitare i luoghi di cultura del territorio: a Pozzallo, dopo l’incontro con il Sindaco, ci sarà la visita alla Casa Natale e al Museo di Giorgio La Pira  e alla mostra didattica “ Pozzallo nel vortice del tempo- Pozzallo dalla preistoria al XXI secolo”  allestita presso l’Istituto Comprensivo A. Amore . A Ispica,  incontro  con il Sindaco e visita dei luoghi di” Divorzio all’italiana” di Pietro Germi e di Montalbano, il famoso commissario nato dalla penna di Andrea Camilleri. Infine a Modica per la casa di Salvatore Quasimodo e il Museo del cioccolato.

In conclusione del Convegno, come d’uso per gli incontri Internazionali dell’Associazione, verrà consegnato il Premio Europeo Farfa di cultura e territorio , che quest’anno andrà ad esponenti del territorio ibleo.

 



Maggiori informazioni https://aicl-org.webnode.it/

 

L'Association Internationale des Critiques Litteraires sbarca a Pozzallo

 

« Il Premio Nobel della letteratura nel mondo » è il tema che i critici e gli scrittori dell’Associazione Internazionale dei Critici letterari svolgeranno nel loro convegno annuale che si terrà a Pozzallo il 20-21 gennaio p.v.

Su invito ed organizzazione del prof. Corrado Monaca, Direttore Strategico cultura e territorio, l’AICL sbarca per la seconda volta in Sicilia dopo il Convegno di Gela del 2001, in occasione del centenario della nascita di Salvatore Quasimodo.

Nel 2017 ricorrono i centocinquanta anni dalla nascita del Premio Nobel Luigi Pirandello, del quale  insieme al premio Nobel Grazia Deledda proprio nel 2016 appena trascorso si sono celebrati gli ottanta anni dalla morte.

Per questo il Bureau Internazionale AICL, presieduto da Neria De Giovanni, ha invitato i delegati dell’Associazione a una riflessione sul valore dei Premi Nobel per la letteratura nei diversi Paesi del mondo.
Critici e scrittori provenienti dal Giappone, Spagna, Francia, USA, Venezuela, Romania, Albania , Catalogna, oltre che da diverse città italiane, Roma, Taranto, Genova, Torino, si confronteranno nella Scuola « A.Amore, presso l’Auditorium Paolo Monaca, appena inaugurato con la donazione da parte della famiglia Monaca di un busto di bronzo dell’artista Paolo Marazzi che con la sua arte unisce Baltico e Mediterraneo passando per Assisi.

In apertura un importante omaggio alla città che ospita il Convegno, con la relazione di Grazia Dormiente sul carteggio inedito tra Giorgio La Pira e Salvatore Quasimodo.

Per la Francia, Andrè Ughetto parlerà del Premio Nobel Federic Mistral e Jean Pierre Castellani di Albert Camus ; per la Spagna Angel Basanta, Segretario Generale dell’AICL, relazionerà su Camillo Josè Cela, mentre le catalane Josefa Contioch e Lulisa Julià parleranno della diffusione in Catalogna dei premi Nobel italiani Deledda, Pirandello e Quasimodo. Anche il romeno Horia Alupului omaggerà l’Italia con la sua relazione su Grazia Deledda in Romania, e Tudorel Radu offrirà un parallelo tra il nostro Pirandello e il romeno Brancusi  e Stefan Damian vicepresidente dell’AICL relazionerà sui luoghi di Salvatore Quasimodo. ’albanese Arjan Kallco omaggerà anche la Sicilia parlando di Quasimodo mentre Andrea Guiati che insegna in USA parlerà dell’ultimo premio Nobel, Bob Dylan.

Molta nutrita la presenza italiana : Piefranco Bruni parla di Pirandello, di Quasimodo Silvano Trevisani, mentre il Dante dei Premi Nobel è il tema svolto da Giovanna Ioli. Montale e Quasimodo sono all’attenzione di Rosa Elisa Giangoia, e Sabino Caronia parla di Pirandello tra Sciasia e Debenedetti. Antonio Maria Masia affronta Dario Fo. Mentre Bruno Rombi parla di Neruda in Sardegna in rapporto a  Grazia Deledda e Franco Idone raccoglie i Nobel che salgono e quelli che scendono… Dal Venezuela, Antonio Mendoza offre un ritratto della polacca Wislawa Szybroska.

Il convegno sarà l’occasione anche per visitare i luoghi di cultura del territorio: a Pozzallo, dopo l’incontro con il Sindaco, ci sarà la visita alla Casa Natale e al Museo di Giorgio La Pira  e alla mostra didattica “ Pozzallo nel vortice del tempo- Pozzallo dalla preistoria al XXI secolo”  allestita presso l’Istituto Comprensivo A. Amore . A Ispica,  incontro  con il Sindaco e visita dei luoghi di” Divorzio all’italiana” di Pietro Germi e di Montalbano, il famoso commissario nato dalla penna di Andrea Camilleri. Infine a Modica per la casa di Salvatore Quasimodo e il Museo del cioccolato.

In conclusione del Convegno, come d’uso per gli incontri Internazionali dell’Associazione, verrà consegnato il Premio Europeo Farfa di cultura e territorio , che quest’anno andrà ad esponenti del territorio ibleo.

 



Maggiori informazioni https://aicl-org.webnode.it/

 

L'Association Internationale des Critiques Litteraires sbarca a Pozzallo

 

« Il Premio Nobel della letteratura nel mondo » è il tema che i critici e gli scrittori dell’Associazione Internazionale dei Critici letterari svolgeranno nel loro convegno annuale che si terrà a Pozzallo il 20-21 gennaio p.v.

Su invito ed organizzazione del prof. Corrado Monaca, Direttore Strategico cultura e territorio, l’AICL sbarca per la seconda volta in Sicilia dopo il Convegno di Gela del 2001, in occasione del centenario della nascita di Salvatore Quasimodo.

Nel 2017 ricorrono i centocinquanta anni dalla nascita del Premio Nobel Luigi Pirandello, del quale  insieme al premio Nobel Grazia Deledda proprio nel 2016 appena trascorso si sono celebrati gli ottanta anni dalla morte.

Per questo il Bureau Internazionale AICL, presieduto da Neria De Giovanni, ha invitato i delegati dell’Associazione a una riflessione sul valore dei Premi Nobel per la letteratura nei diversi Paesi del mondo.
Critici e scrittori provenienti dal Giappone, Spagna, Francia, USA, Venezuela, Romania, Albania , Catalogna, oltre che da diverse città italiane, Roma, Taranto, Genova, Torino, si confronteranno nella Scuola « A.Amore, presso l’Auditorium Paolo Monaca, appena inaugurato con la donazione da parte della famiglia Monaca di un busto di bronzo dell’artista Paolo Marazzi che con la sua arte unisce Baltico e Mediterraneo passando per Assisi.

In apertura un importante omaggio alla città che ospita il Convegno, con la relazione di Grazia Dormiente sul carteggio inedito tra Giorgio La Pira e Salvatore Quasimodo.

Per la Francia, Andrè Ughetto parlerà del Premio Nobel Federic Mistral e Jean Pierre Castellani di Albert Camus ; per la Spagna Angel Basanta, Segretario Generale dell’AICL, relazionerà su Camillo Josè Cela, mentre le catalane Josefa Contioch e Lulisa Julià parleranno della diffusione in Catalogna dei premi Nobel italiani Deledda, Pirandello e Quasimodo. Anche il romeno Horia Alupului omaggerà l’Italia con la sua relazione su Grazia Deledda in Romania, e Tudorel Radu offrirà un parallelo tra il nostro Pirandello e il romeno Brancusi  e Stefan Damian vicepresidente dell’AICL relazionerà sui luoghi di Salvatore Quasimodo. ’albanese Arjan Kallco omaggerà anche la Sicilia parlando di Quasimodo mentre Andrea Guiati che insegna in USA parlerà dell’ultimo premio Nobel, Bob Dylan.

Molta nutrita la presenza italiana : Piefranco Bruni parla di Pirandello, di Quasimodo Silvano Trevisani, mentre il Dante dei Premi Nobel è il tema svolto da Giovanna Ioli. Montale e Quasimodo sono all’attenzione di Rosa Elisa Giangoia, e Sabino Caronia parla di Pirandello tra Sciasia e Debenedetti. Antonio Maria Masia affronta Dario Fo. Mentre Bruno Rombi parla di Neruda in Sardegna in rapporto a  Grazia Deledda e Franco Idone raccoglie i Nobel che salgono e quelli che scendono… Dal Venezuela, Antonio Mendoza offre un ritratto della polacca Wislawa Szybroska.

Il convegno sarà l’occasione anche per visitare i luoghi di cultura del territorio: a Pozzallo, dopo l’incontro con il Sindaco, ci sarà la visita alla Casa Natale e al Museo di Giorgio La Pira  e alla mostra didattica “ Pozzallo nel vortice del tempo- Pozzallo dalla preistoria al XXI secolo”  allestita presso l’Istituto Comprensivo A. Amore . A Ispica,  incontro  con il Sindaco e visita dei luoghi di” Divorzio all’italiana” di Pietro Germi e di Montalbano, il famoso commissario nato dalla penna di Andrea Camilleri. Infine a Modica per la casa di Salvatore Quasimodo e il Museo del cioccolato.

In conclusione del Convegno, come d’uso per gli incontri Internazionali dell’Associazione, verrà consegnato il Premio Europeo Farfa di cultura e territorio , che quest’anno andrà ad esponenti del territorio ibleo.

 



Maggiori informazioni https://aicl-org.webnode.it/

 

L'Association Internationale des Critiques Litteraires sbarca a Pozzallo

 

« Il Premio Nobel della letteratura nel mondo » è il tema che i critici e gli scrittori dell’Associazione Internazionale dei Critici letterari svolgeranno nel loro convegno annuale che si terrà a Pozzallo il 20-21 gennaio p.v.

Su invito ed organizzazione del prof. Corrado Monaca, Direttore Strategico cultura e territorio, l’AICL sbarca per la seconda volta in Sicilia dopo il Convegno di Gela del 2001, in occasione del centenario della nascita di Salvatore Quasimodo.

Nel 2017 ricorrono i centocinquanta anni dalla nascita del Premio Nobel Luigi Pirandello, del quale  insieme al premio Nobel Grazia Deledda proprio nel 2016 appena trascorso si sono celebrati gli ottanta anni dalla morte.

Per questo il Bureau Internazionale AICL, presieduto da Neria De Giovanni, ha invitato i delegati dell’Associazione a una riflessione sul valore dei Premi Nobel per la letteratura nei diversi Paesi del mondo.
Critici e scrittori provenienti dal Giappone, Spagna, Francia, USA, Venezuela, Romania, Albania , Catalogna, oltre che da diverse città italiane, Roma, Taranto, Genova, Torino, si confronteranno nella Scuola « A.Amore, presso l’Auditorium Paolo Monaca, appena inaugurato con la donazione da parte della famiglia Monaca di un busto di bronzo dell’artista Paolo Marazzi che con la sua arte unisce Baltico e Mediterraneo passando per Assisi.

In apertura un importante omaggio alla città che ospita il Convegno, con la relazione di Grazia Dormiente sul carteggio inedito tra Giorgio La Pira e Salvatore Quasimodo.

Per la Francia, Andrè Ughetto parlerà del Premio Nobel Federic Mistral e Jean Pierre Castellani di Albert Camus ; per la Spagna Angel Basanta, Segretario Generale dell’AICL, relazionerà su Camillo Josè Cela, mentre le catalane Josefa Contioch e Lulisa Julià parleranno della diffusione in Catalogna dei premi Nobel italiani Deledda, Pirandello e Quasimodo. Anche il romeno Horia Alupului omaggerà l’Italia con la sua relazione su Grazia Deledda in Romania, e Tudorel Radu offrirà un parallelo tra il nostro Pirandello e il romeno Brancusi  e Stefan Damian vicepresidente dell’AICL relazionerà sui luoghi di Salvatore Quasimodo. ’albanese Arjan Kallco omaggerà anche la Sicilia parlando di Quasimodo mentre Andrea Guiati che insegna in USA parlerà dell’ultimo premio Nobel, Bob Dylan.

Molta nutrita la presenza italiana : Piefranco Bruni parla di Pirandello, di Quasimodo Silvano Trevisani, mentre il Dante dei Premi Nobel è il tema svolto da Giovanna Ioli. Montale e Quasimodo sono all’attenzione di Rosa Elisa Giangoia, e Sabino Caronia parla di Pirandello tra Sciasia e Debenedetti. Antonio Maria Masia affronta Dario Fo. Mentre Bruno Rombi parla di Neruda in Sardegna in rapporto a  Grazia Deledda e Franco Idone raccoglie i Nobel che salgono e quelli che scendono… Dal Venezuela, Antonio Mendoza offre un ritratto della polacca Wislawa Szybroska.

Il convegno sarà l’occasione anche per visitare i luoghi di cultura del territorio: a Pozzallo, dopo l’incontro con il Sindaco, ci sarà la visita alla Casa Natale e al Museo di Giorgio La Pira  e alla mostra didattica “ Pozzallo nel vortice del tempo- Pozzallo dalla preistoria al XXI secolo”  allestita presso l’Istituto Comprensivo A. Amore . A Ispica,  incontro  con il Sindaco e visita dei luoghi di” Divorzio all’italiana” di Pietro Germi e di Montalbano, il famoso commissario nato dalla penna di Andrea Camilleri. Infine a Modica per la casa di Salvatore Quasimodo e il Museo del cioccolato.

In conclusione del Convegno, come d’uso per gli incontri Internazionali dell’Associazione, verrà consegnato il Premio Europeo Farfa di cultura e territorio , che quest’anno andrà ad esponenti del territorio ibleo.

 



Maggiori informazioni https://aicl-org.webnode.it/

 

L'Association Internationale des Critiques Litteraires sbarca a Pozzallo

 

« Il Premio Nobel della letteratura nel mondo » è il tema che i critici e gli scrittori dell’Associazione Internazionale dei Critici letterari svolgeranno nel loro convegno annuale che si terrà a Pozzallo il 20-21 gennaio p.v.

Su invito ed organizzazione del prof. Corrado Monaca, Direttore Strategico cultura e territorio, l’AICL sbarca per la seconda volta in Sicilia dopo il Convegno di Gela del 2001, in occasione del centenario della nascita di Salvatore Quasimodo.

Nel 2017 ricorrono i centocinquanta anni dalla nascita del Premio Nobel Luigi Pirandello, del quale  insieme al premio Nobel Grazia Deledda proprio nel 2016 appena trascorso si sono celebrati gli ottanta anni dalla morte.

Per questo il Bureau Internazionale AICL, presieduto da Neria De Giovanni, ha invitato i delegati dell’Associazione a una riflessione sul valore dei Premi Nobel per la letteratura nei diversi Paesi del mondo.
Critici e scrittori provenienti dal Giappone, Spagna, Francia, USA, Venezuela, Romania, Albania , Catalogna, oltre che da diverse città italiane, Roma, Taranto, Genova, Torino, si confronteranno nella Scuola « A.Amore, presso l’Auditorium Paolo Monaca, appena inaugurato con la donazione da parte della famiglia Monaca di un busto di bronzo dell’artista Paolo Marazzi che con la sua arte unisce Baltico e Mediterraneo passando per Assisi.

In apertura un importante omaggio alla città che ospita il Convegno, con la relazione di Grazia Dormiente sul carteggio inedito tra Giorgio La Pira e Salvatore Quasimodo.

Per la Francia, Andrè Ughetto parlerà del Premio Nobel Federic Mistral e Jean Pierre Castellani di Albert Camus ; per la Spagna Angel Basanta, Segretario Generale dell’AICL, relazionerà su Camillo Josè Cela, mentre le catalane Josefa Contioch e Lulisa Julià parleranno della diffusione in Catalogna dei premi Nobel italiani Deledda, Pirandello e Quasimodo. Anche il romeno Horia Alupului omaggerà l’Italia con la sua relazione su Grazia Deledda in Romania, e Tudorel Radu offrirà un parallelo tra il nostro Pirandello e il romeno Brancusi  e Stefan Damian vicepresidente dell’AICL relazionerà sui luoghi di Salvatore Quasimodo. ’albanese Arjan Kallco omaggerà anche la Sicilia parlando di Quasimodo mentre Andrea Guiati che insegna in USA parlerà dell’ultimo premio Nobel, Bob Dylan.

Molta nutrita la presenza italiana : Piefranco Bruni parla di Pirandello, di Quasimodo Silvano Trevisani, mentre il Dante dei Premi Nobel è il tema svolto da Giovanna Ioli. Montale e Quasimodo sono all’attenzione di Rosa Elisa Giangoia, e Sabino Caronia parla di Pirandello tra Sciasia e Debenedetti. Antonio Maria Masia affronta Dario Fo. Mentre Bruno Rombi parla di Neruda in Sardegna in rapporto a  Grazia Deledda e Franco Idone raccoglie i Nobel che salgono e quelli che scendono… Dal Venezuela, Antonio Mendoza offre un ritratto della polacca Wislawa Szybroska.

Il convegno sarà l’occasione anche per visitare i luoghi di cultura del territorio: a Pozzallo, dopo l’incontro con il Sindaco, ci sarà la visita alla Casa Natale e al Museo di Giorgio La Pira  e alla mostra didattica “ Pozzallo nel vortice del tempo- Pozzallo dalla preistoria al XXI secolo”  allestita presso l’Istituto Comprensivo A. Amore . A Ispica,  incontro  con il Sindaco e visita dei luoghi di” Divorzio all’italiana” di Pietro Germi e di Montalbano, il famoso commissario nato dalla penna di Andrea Camilleri. Infine a Modica per la casa di Salvatore Quasimodo e il Museo del cioccolato.

In conclusione del Convegno, come d’uso per gli incontri Internazionali dell’Associazione, verrà consegnato il Premio Europeo Farfa di cultura e territorio , che quest’anno andrà ad esponenti del territorio ibleo.

 



Maggiori informazioni https://aicl-org.webnode.it/

 

L'Association Internationale des Critiques Litteraires sbarca a Pozzallo

 

« Il Premio Nobel della letteratura nel mondo » è il tema che i critici e gli scrittori dell’Associazione Internazionale dei Critici letterari svolgeranno nel loro convegno annuale che si terrà a Pozzallo il 20-21 gennaio p.v.

Su invito ed organizzazione del prof. Corrado Monaca, Direttore Strategico cultura e territorio, l’AICL sbarca per la seconda volta in Sicilia dopo il Convegno di Gela del 2001, in occasione del centenario della nascita di Salvatore Quasimodo.

Nel 2017 ricorrono i centocinquanta anni dalla nascita del Premio Nobel Luigi Pirandello, del quale  insieme al premio Nobel Grazia Deledda proprio nel 2016 appena trascorso si sono celebrati gli ottanta anni dalla morte.

Per questo il Bureau Internazionale AICL, presieduto da Neria De Giovanni, ha invitato i delegati dell’Associazione a una riflessione sul valore dei Premi Nobel per la letteratura nei diversi Paesi del mondo.
Critici e scrittori provenienti dal Giappone, Spagna, Francia, USA, Venezuela, Romania, Albania , Catalogna, oltre che da diverse città italiane, Roma, Taranto, Genova, Torino, si confronteranno nella Scuola « A.Amore, presso l’Auditorium Paolo Monaca, appena inaugurato con la donazione da parte della famiglia Monaca di un busto di bronzo dell’artista Paolo Marazzi che con la sua arte unisce Baltico e Mediterraneo passando per Assisi.

In apertura un importante omaggio alla città che ospita il Convegno, con la relazione di Grazia Dormiente sul carteggio inedito tra Giorgio La Pira e Salvatore Quasimodo.

Per la Francia, Andrè Ughetto parlerà del Premio Nobel Federic Mistral e Jean Pierre Castellani di Albert Camus ; per la Spagna Angel Basanta, Segretario Generale dell’AICL, relazionerà su Camillo Josè Cela, mentre le catalane Josefa Contioch e Lulisa Julià parleranno della diffusione in Catalogna dei premi Nobel italiani Deledda, Pirandello e Quasimodo. Anche il romeno Horia Alupului omaggerà l’Italia con la sua relazione su Grazia Deledda in Romania, e Tudorel Radu offrirà un parallelo tra il nostro Pirandello e il romeno Brancusi  e Stefan Damian vicepresidente dell’AICL relazionerà sui luoghi di Salvatore Quasimodo. ’albanese Arjan Kallco omaggerà anche la Sicilia parlando di Quasimodo mentre Andrea Guiati che insegna in USA parlerà dell’ultimo premio Nobel, Bob Dylan.

Molta nutrita la presenza italiana : Piefranco Bruni parla di Pirandello, di Quasimodo Silvano Trevisani, mentre il Dante dei Premi Nobel è il tema svolto da Giovanna Ioli. Montale e Quasimodo sono all’attenzione di Rosa Elisa Giangoia, e Sabino Caronia parla di Pirandello tra Sciasia e Debenedetti. Antonio Maria Masia affronta Dario Fo. Mentre Bruno Rombi parla di Neruda in Sardegna in rapporto a  Grazia Deledda e Franco Idone raccoglie i Nobel che salgono e quelli che scendono… Dal Venezuela, Antonio Mendoza offre un ritratto della polacca Wislawa Szybroska.

Il convegno sarà l’occasione anche per visitare i luoghi di cultura del territorio: a Pozzallo, dopo l’incontro con il Sindaco, ci sarà la visita alla Casa Natale e al Museo di Giorgio La Pira  e alla mostra didattica “ Pozzallo nel vortice del tempo- Pozzallo dalla preistoria al XXI secolo”  allestita presso l’Istituto Comprensivo A. Amore . A Ispica,  incontro  con il Sindaco e visita dei luoghi di” Divorzio all’italiana” di Pietro Germi e di Montalbano, il famoso commissario nato dalla penna di Andrea Camilleri. Infine a Modica per la casa di Salvatore Quasimodo e il Museo del cioccolato.

In conclusione del Convegno, come d’uso per gli incontri Internazionali dell’Associazione, verrà consegnato il Premio Europeo Farfa di cultura e territorio , che quest’anno andrà ad esponenti del territorio ibleo.

 



Maggiori informazioni https://aicl-org.webnode.it/

 

L'Association Internationale des Critiques Litteraires sbarca a Pozzallo

 

« Il Premio Nobel della letteratura nel mondo » è il tema che i critici e gli scrittori dell’Associazione Internazionale dei Critici letterari svolgeranno nel loro convegno annuale che si terrà a Pozzallo il 20-21 gennaio p.v.

Su invito ed organizzazione del prof. Corrado Monaca, Direttore Strategico cultura e territorio, l’AICL sbarca per la seconda volta in Sicilia dopo il Convegno di Gela del 2001, in occasione del centenario della nascita di Salvatore Quasimodo.

Nel 2017 ricorrono i centocinquanta anni dalla nascita del Premio Nobel Luigi Pirandello, del quale  insieme al premio Nobel Grazia Deledda proprio nel 2016 appena trascorso si sono celebrati gli ottanta anni dalla morte.

Per questo il Bureau Internazionale AICL, presieduto da Neria De Giovanni, ha invitato i delegati dell’Associazione a una riflessione sul valore dei Premi Nobel per la letteratura nei diversi Paesi del mondo.
Critici e scrittori provenienti dal Giappone, Spagna, Francia, USA, Venezuela, Romania, Albania , Catalogna, oltre che da diverse città italiane, Roma, Taranto, Genova, Torino, si confronteranno nella Scuola « A.Amore, presso l’Auditorium Paolo Monaca, appena inaugurato con la donazione da parte della famiglia Monaca di un busto di bronzo dell’artista Paolo Marazzi che con la sua arte unisce Baltico e Mediterraneo passando per Assisi.

In apertura un importante omaggio alla città che ospita il Convegno, con la relazione di Grazia Dormiente sul carteggio inedito tra Giorgio La Pira e Salvatore Quasimodo.

Per la Francia, Andrè Ughetto parlerà del Premio Nobel Federic Mistral e Jean Pierre Castellani di Albert Camus ; per la Spagna Angel Basanta, Segretario Generale dell’AICL, relazionerà su Camillo Josè Cela, mentre le catalane Josefa Contioch e Lulisa Julià parleranno della diffusione in Catalogna dei premi Nobel italiani Deledda, Pirandello e Quasimodo. Anche il romeno Horia Alupului omaggerà l’Italia con la sua relazione su Grazia Deledda in Romania, e Tudorel Radu offrirà un parallelo tra il nostro Pirandello e il romeno Brancusi  e Stefan Damian vicepresidente dell’AICL relazionerà sui luoghi di Salvatore Quasimodo. ’albanese Arjan Kallco omaggerà anche la Sicilia parlando di Quasimodo mentre Andrea Guiati che insegna in USA parlerà dell’ultimo premio Nobel, Bob Dylan.

Molta nutrita la presenza italiana : Piefranco Bruni parla di Pirandello, di Quasimodo Silvano Trevisani, mentre il Dante dei Premi Nobel è il tema svolto da Giovanna Ioli. Montale e Quasimodo sono all’attenzione di Rosa Elisa Giangoia, e Sabino Caronia parla di Pirandello tra Sciasia e Debenedetti. Antonio Maria Masia affronta Dario Fo. Mentre Bruno Rombi parla di Neruda in Sardegna in rapporto a  Grazia Deledda e Franco Idone raccoglie i Nobel che salgono e quelli che scendono… Dal Venezuela, Antonio Mendoza offre un ritratto della polacca Wislawa Szybroska.

Il convegno sarà l’occasione anche per visitare i luoghi di cultura del territorio: a Pozzallo, dopo l’incontro con il Sindaco, ci sarà la visita alla Casa Natale e al Museo di Giorgio La Pira  e alla mostra didattica “ Pozzallo nel vortice del tempo- Pozzallo dalla preistoria al XXI secolo”  allestita presso l’Istituto Comprensivo A. Amore . A Ispica,  incontro  con il Sindaco e visita dei luoghi di” Divorzio all’italiana” di Pietro Germi e di Montalbano, il famoso commissario nato dalla penna di Andrea Camilleri. Infine a Modica per la casa di Salvatore Quasimodo e il Museo del cioccolato.

In conclusione del Convegno, come d’uso per gli incontri Internazionali dell’Associazione, verrà consegnato il Premio Europeo Farfa di cultura e territorio , che quest’anno andrà ad esponenti del territorio ibleo.

 



Maggiori informazioni https://aicl-org.webnode.it/

 

L'Association Internationale des Critiques Litteraires sbarca a Pozzallo

 

« Il Premio Nobel della letteratura nel mondo » è il tema che i critici e gli scrittori dell’Associazione Internazionale dei Critici letterari svolgeranno nel loro convegno annuale che si terrà a Pozzallo il 20-21 gennaio p.v.

Su invito ed organizzazione del prof. Corrado Monaca, Direttore Strategico cultura e territorio, l’AICL sbarca per la seconda volta in Sicilia dopo il Convegno di Gela del 2001, in occasione del centenario della nascita di Salvatore Quasimodo.

Nel 2017 ricorrono i centocinquanta anni dalla nascita del Premio Nobel Luigi Pirandello, del quale  insieme al premio Nobel Grazia Deledda proprio nel 2016 appena trascorso si sono celebrati gli ottanta anni dalla morte.

Per questo il Bureau Internazionale AICL, presieduto da Neria De Giovanni, ha invitato i delegati dell’Associazione a una riflessione sul valore dei Premi Nobel per la letteratura nei diversi Paesi del mondo.
Critici e scrittori provenienti dal Giappone, Spagna, Francia, USA, Venezuela, Romania, Albania , Catalogna, oltre che da diverse città italiane, Roma, Taranto, Genova, Torino, si confronteranno nella Scuola « A.Amore, presso l’Auditorium Paolo Monaca, appena inaugurato con la donazione da parte della famiglia Monaca di un busto di bronzo dell’artista Paolo Marazzi che con la sua arte unisce Baltico e Mediterraneo passando per Assisi.

In apertura un importante omaggio alla città che ospita il Convegno, con la relazione di Grazia Dormiente sul carteggio inedito tra Giorgio La Pira e Salvatore Quasimodo.

Per la Francia, Andrè Ughetto parlerà del Premio Nobel Federic Mistral e Jean Pierre Castellani di Albert Camus ; per la Spagna Angel Basanta, Segretario Generale dell’AICL, relazionerà su Camillo Josè Cela, mentre le catalane Josefa Contioch e Lulisa Julià parleranno della diffusione in Catalogna dei premi Nobel italiani Deledda, Pirandello e Quasimodo. Anche il romeno Horia Alupului omaggerà l’Italia con la sua relazione su Grazia Deledda in Romania, e Tudorel Radu offrirà un parallelo tra il nostro Pirandello e il romeno Brancusi  e Stefan Damian vicepresidente dell’AICL relazionerà sui luoghi di Salvatore Quasimodo. ’albanese Arjan Kallco omaggerà anche la Sicilia parlando di Quasimodo mentre Andrea Guiati che insegna in USA parlerà dell’ultimo premio Nobel, Bob Dylan.

Molta nutrita la presenza italiana : Piefranco Bruni parla di Pirandello, di Quasimodo Silvano Trevisani, mentre il Dante dei Premi Nobel è il tema svolto da Giovanna Ioli. Montale e Quasimodo sono all’attenzione di Rosa Elisa Giangoia, e Sabino Caronia parla di Pirandello tra Sciasia e Debenedetti. Antonio Maria Masia affronta Dario Fo. Mentre Bruno Rombi parla di Neruda in Sardegna in rapporto a  Grazia Deledda e Franco Idone raccoglie i Nobel che salgono e quelli che scendono… Dal Venezuela, Antonio Mendoza offre un ritratto della polacca Wislawa Szybroska.

Il convegno sarà l’occasione anche per visitare i luoghi di cultura del territorio: a Pozzallo, dopo l’incontro con il Sindaco, ci sarà la visita alla Casa Natale e al Museo di Giorgio La Pira  e alla mostra didattica “ Pozzallo nel vortice del tempo- Pozzallo dalla preistoria al XXI secolo”  allestita presso l’Istituto Comprensivo A. Amore . A Ispica,  incontro  con il Sindaco e visita dei luoghi di” Divorzio all’italiana” di Pietro Germi e di Montalbano, il famoso commissario nato dalla penna di Andrea Camilleri. Infine a Modica per la casa di Salvatore Quasimodo e il Museo del cioccolato.

In conclusione del Convegno, come d’uso per gli incontri Internazionali dell’Associazione, verrà consegnato il Premio Europeo Farfa di cultura e territorio , che quest’anno andrà ad esponenti del territorio ibleo.

 



Maggiori informazioni https://aicl-org.webnode.it/

 

L'Association Internationale des Critiques Litteraires sbarca a Pozzallo

 

« Il Premio Nobel della letteratura nel mondo » è il tema che i critici e gli scrittori dell’Associazione Internazionale dei Critici letterari svolgeranno nel loro convegno annuale che si terrà a Pozzallo il 20-21 gennaio p.v.

Su invito ed organizzazione del prof. Corrado Monaca, Direttore Strategico cultura e territorio, l’AICL sbarca per la seconda volta in Sicilia dopo il Convegno di Gela del 2001, in occasione del centenario della nascita di Salvatore Quasimodo.

Nel 2017 ricorrono i centocinquanta anni dalla nascita del Premio Nobel Luigi Pirandello, del quale  insieme al premio Nobel Grazia Deledda proprio nel 2016 appena trascorso si sono celebrati gli ottanta anni dalla morte.

Per questo il Bureau Internazionale AICL, presieduto da Neria De Giovanni, ha invitato i delegati dell’Associazione a una riflessione sul valore dei Premi Nobel per la letteratura nei diversi Paesi del mondo.
Critici e scrittori provenienti dal Giappone, Spagna, Francia, USA, Venezuela, Romania, Albania , Catalogna, oltre che da diverse città italiane, Roma, Taranto, Genova, Torino, si confronteranno nella Scuola « A.Amore, presso l’Auditorium Paolo Monaca, appena inaugurato con la donazione da parte della famiglia Monaca di un busto di bronzo dell’artista Paolo Marazzi che con la sua arte unisce Baltico e Mediterraneo passando per Assisi.

In apertura un importante omaggio alla città che ospita il Convegno, con la relazione di Grazia Dormiente sul carteggio inedito tra Giorgio La Pira e Salvatore Quasimodo.

Per la Francia, Andrè Ughetto parlerà del Premio Nobel Federic Mistral e Jean Pierre Castellani di Albert Camus ; per la Spagna Angel Basanta, Segretario Generale dell’AICL, relazionerà su Camillo Josè Cela, mentre le catalane Josefa Contioch e Lulisa Julià parleranno della diffusione in Catalogna dei premi Nobel italiani Deledda, Pirandello e Quasimodo. Anche il romeno Horia Alupului omaggerà l’Italia con la sua relazione su Grazia Deledda in Romania, e Tudorel Radu offrirà un parallelo tra il nostro Pirandello e il romeno Brancusi  e Stefan Damian vicepresidente dell’AICL relazionerà sui luoghi di Salvatore Quasimodo. ’albanese Arjan Kallco omaggerà anche la Sicilia parlando di Quasimodo mentre Andrea Guiati che insegna in USA parlerà dell’ultimo premio Nobel, Bob Dylan.

Molta nutrita la presenza italiana : Piefranco Bruni parla di Pirandello, di Quasimodo Silvano Trevisani, mentre il Dante dei Premi Nobel è il tema svolto da Giovanna Ioli. Montale e Quasimodo sono all’attenzione di Rosa Elisa Giangoia, e Sabino Caronia parla di Pirandello tra Sciasia e Debenedetti. Antonio Maria Masia affronta Dario Fo. Mentre Bruno Rombi parla di Neruda in Sardegna in rapporto a  Grazia Deledda e Franco Idone raccoglie i Nobel che salgono e quelli che scendono… Dal Venezuela, Antonio Mendoza offre un ritratto della polacca Wislawa Szybroska.

Il convegno sarà l’occasione anche per visitare i luoghi di cultura del territorio: a Pozzallo, dopo l’incontro con il Sindaco, ci sarà la visita alla Casa Natale e al Museo di Giorgio La Pira  e alla mostra didattica “ Pozzallo nel vortice del tempo- Pozzallo dalla preistoria al XXI secolo”  allestita presso l’Istituto Comprensivo A. Amore . A Ispica,  incontro  con il Sindaco e visita dei luoghi di” Divorzio all’italiana” di Pietro Germi e di Montalbano, il famoso commissario nato dalla penna di Andrea Camilleri. Infine a Modica per la casa di Salvatore Quasimodo e il Museo del cioccolato.

In conclusione del Convegno, come d’uso per gli incontri Internazionali dell’Associazione, verrà consegnato il Premio Europeo Farfa di cultura e territorio , che quest’anno andrà ad esponenti del territorio ibleo.

 



Maggiori informazioni https://aicl-org.webnode.it/

 

L'Association Internationale des Critiques Litteraires sbarca a Pozzallo

 

« Il Premio Nobel della letteratura nel mondo » è il tema che i critici e gli scrittori dell’Associazione Internazionale dei Critici letterari svolgeranno nel loro convegno annuale che si terrà a Pozzallo il 20-21 gennaio p.v.

Su invito ed organizzazione del prof. Corrado Monaca, Direttore Strategico cultura e territorio, l’AICL sbarca per la seconda volta in Sicilia dopo il Convegno di Gela del 2001, in occasione del centenario della nascita di Salvatore Quasimodo.

Nel 2017 ricorrono i centocinquanta anni dalla nascita del Premio Nobel Luigi Pirandello, del quale  insieme al premio Nobel Grazia Deledda proprio nel 2016 appena trascorso si sono celebrati gli ottanta anni dalla morte.

Per questo il Bureau Internazionale AICL, presieduto da Neria De Giovanni, ha invitato i delegati dell’Associazione a una riflessione sul valore dei Premi Nobel per la letteratura nei diversi Paesi del mondo.
Critici e scrittori provenienti dal Giappone, Spagna, Francia, USA, Venezuela, Romania, Albania , Catalogna, oltre che da diverse città italiane, Roma, Taranto, Genova, Torino, si confronteranno nella Scuola « A.Amore, presso l’Auditorium Paolo Monaca, appena inaugurato con la donazione da parte della famiglia Monaca di un busto di bronzo dell’artista Paolo Marazzi che con la sua arte unisce Baltico e Mediterraneo passando per Assisi.

In apertura un importante omaggio alla città che ospita il Convegno, con la relazione di Grazia Dormiente sul carteggio inedito tra Giorgio La Pira e Salvatore Quasimodo.

Per la Francia, Andrè Ughetto parlerà del Premio Nobel Federic Mistral e Jean Pierre Castellani di Albert Camus ; per la Spagna Angel Basanta, Segretario Generale dell’AICL, relazionerà su Camillo Josè Cela, mentre le catalane Josefa Contioch e Lulisa Julià parleranno della diffusione in Catalogna dei premi Nobel italiani Deledda, Pirandello e Quasimodo. Anche il romeno Horia Alupului omaggerà l’Italia con la sua relazione su Grazia Deledda in Romania, e Tudorel Radu offrirà un parallelo tra il nostro Pirandello e il romeno Brancusi  e Stefan Damian vicepresidente dell’AICL relazionerà sui luoghi di Salvatore Quasimodo. ’albanese Arjan Kallco omaggerà anche la Sicilia parlando di Quasimodo mentre Andrea Guiati che insegna in USA parlerà dell’ultimo premio Nobel, Bob Dylan.

Molta nutrita la presenza italiana : Piefranco Bruni parla di Pirandello, di Quasimodo Silvano Trevisani, mentre il Dante dei Premi Nobel è il tema svolto da Giovanna Ioli. Montale e Quasimodo sono all’attenzione di Rosa Elisa Giangoia, e Sabino Caronia parla di Pirandello tra Sciasia e Debenedetti. Antonio Maria Masia affronta Dario Fo. Mentre Bruno Rombi parla di Neruda in Sardegna in rapporto a  Grazia Deledda e Franco Idone raccoglie i Nobel che salgono e quelli che scendono… Dal Venezuela, Antonio Mendoza offre un ritratto della polacca Wislawa Szybroska.

Il convegno sarà l’occasione anche per visitare i luoghi di cultura del territorio: a Pozzallo, dopo l’incontro con il Sindaco, ci sarà la visita alla Casa Natale e al Museo di Giorgio La Pira  e alla mostra didattica “ Pozzallo nel vortice del tempo- Pozzallo dalla preistoria al XXI secolo”  allestita presso l’Istituto Comprensivo A. Amore . A Ispica,  incontro  con il Sindaco e visita dei luoghi di” Divorzio all’italiana” di Pietro Germi e di Montalbano, il famoso commissario nato dalla penna di Andrea Camilleri. Infine a Modica per la casa di Salvatore Quasimodo e il Museo del cioccolato.

In conclusione del Convegno, come d’uso per gli incontri Internazionali dell’Associazione, verrà consegnato il Premio Europeo Farfa di cultura e territorio , che quest’anno andrà ad esponenti del territorio ibleo.

 



Maggiori informazioni https://aicl-org.webnode.it/

 

L'Association Internationale des Critiques Litteraires sbarca a Pozzallo

 

« Il Premio Nobel della letteratura nel mondo » è il tema che i critici e gli scrittori dell’Associazione Internazionale dei Critici letterari svolgeranno nel loro convegno annuale che si terrà a Pozzallo il 20-21 gennaio p.v.

Su invito ed organizzazione del prof. Corrado Monaca, Direttore Strategico cultura e territorio, l’AICL sbarca per la seconda volta in Sicilia dopo il Convegno di Gela del 2001, in occasione del centenario della nascita di Salvatore Quasimodo.

Nel 2017 ricorrono i centocinquanta anni dalla nascita del Premio Nobel Luigi Pirandello, del quale  insieme al premio Nobel Grazia Deledda proprio nel 2016 appena trascorso si sono celebrati gli ottanta anni dalla morte.

Per questo il Bureau Internazionale AICL, presieduto da Neria De Giovanni, ha invitato i delegati dell’Associazione a una riflessione sul valore dei Premi Nobel per la letteratura nei diversi Paesi del mondo.
Critici e scrittori provenienti dal Giappone, Spagna, Francia, USA, Venezuela, Romania, Albania , Catalogna, oltre che da diverse città italiane, Roma, Taranto, Genova, Torino, si confronteranno nella Scuola « A.Amore, presso l’Auditorium Paolo Monaca, appena inaugurato con la donazione da parte della famiglia Monaca di un busto di bronzo dell’artista Paolo Marazzi che con la sua arte unisce Baltico e Mediterraneo passando per Assisi.

In apertura un importante omaggio alla città che ospita il Convegno, con la relazione di Grazia Dormiente sul carteggio inedito tra Giorgio La Pira e Salvatore Quasimodo.

Per la Francia, Andrè Ughetto parlerà del Premio Nobel Federic Mistral e Jean Pierre Castellani di Albert Camus ; per la Spagna Angel Basanta, Segretario Generale dell’AICL, relazionerà su Camillo Josè Cela, mentre le catalane Josefa Contioch e Lulisa Julià parleranno della diffusione in Catalogna dei premi Nobel italiani Deledda, Pirandello e Quasimodo. Anche il romeno Horia Alupului omaggerà l’Italia con la sua relazione su Grazia Deledda in Romania, e Tudorel Radu offrirà un parallelo tra il nostro Pirandello e il romeno Brancusi  e Stefan Damian vicepresidente dell’AICL relazionerà sui luoghi di Salvatore Quasimodo. ’albanese Arjan Kallco omaggerà anche la Sicilia parlando di Quasimodo mentre Andrea Guiati che insegna in USA parlerà dell’ultimo premio Nobel, Bob Dylan.

Molta nutrita la presenza italiana : Piefranco Bruni parla di Pirandello, di Quasimodo Silvano Trevisani, mentre il Dante dei Premi Nobel è il tema svolto da Giovanna Ioli. Montale e Quasimodo sono all’attenzione di Rosa Elisa Giangoia, e Sabino Caronia parla di Pirandello tra Sciasia e Debenedetti. Antonio Maria Masia affronta Dario Fo. Mentre Bruno Rombi parla di Neruda in Sardegna in rapporto a  Grazia Deledda e Franco Idone raccoglie i Nobel che salgono e quelli che scendono… Dal Venezuela, Antonio Mendoza offre un ritratto della polacca Wislawa Szybroska.

Il convegno sarà l’occasione anche per visitare i luoghi di cultura del territorio: a Pozzallo, dopo l’incontro con il Sindaco, ci sarà la visita alla Casa Natale e al Museo di Giorgio La Pira  e alla mostra didattica “ Pozzallo nel vortice del tempo- Pozzallo dalla preistoria al XXI secolo”  allestita presso l’Istituto Comprensivo A. Amore . A Ispica,  incontro  con il Sindaco e visita dei luoghi di” Divorzio all’italiana” di Pietro Germi e di Montalbano, il famoso commissario nato dalla penna di Andrea Camilleri. Infine a Modica per la casa di Salvatore Quasimodo e il Museo del cioccolato.

In conclusione del Convegno, come d’uso per gli incontri Internazionali dell’Associazione, verrà consegnato il Premio Europeo Farfa di cultura e territorio , che quest’anno andrà ad esponenti del territorio ibleo.

 



Maggiori informazioni https://aicl-org.webnode.it/

 

L'Association Internationale des Critiques Litteraires sbarca a Pozzallo

 

« Il Premio Nobel della letteratura nel mondo » è il tema che i critici e gli scrittori dell’Associazione Internazionale dei Critici letterari svolgeranno nel loro convegno annuale che si terrà a Pozzallo il 20-21 gennaio p.v.

Su invito ed organizzazione del prof. Corrado Monaca, Direttore Strategico cultura e territorio, l’AICL sbarca per la seconda volta in Sicilia dopo il Convegno di Gela del 2001, in occasione del centenario della nascita di Salvatore Quasimodo.

Nel 2017 ricorrono i centocinquanta anni dalla nascita del Premio Nobel Luigi Pirandello, del quale  insieme al premio Nobel Grazia Deledda proprio nel 2016 appena trascorso si sono celebrati gli ottanta anni dalla morte.

Per questo il Bureau Internazionale AICL, presieduto da Neria De Giovanni, ha invitato i delegati dell’Associazione a una riflessione sul valore dei Premi Nobel per la letteratura nei diversi Paesi del mondo.
Critici e scrittori provenienti dal Giappone, Spagna, Francia, USA, Venezuela, Romania, Albania , Catalogna, oltre che da diverse città italiane, Roma, Taranto, Genova, Torino, si confronteranno nella Scuola « A.Amore, presso l’Auditorium Paolo Monaca, appena inaugurato con la donazione da parte della famiglia Monaca di un busto di bronzo dell’artista Paolo Marazzi che con la sua arte unisce Baltico e Mediterraneo passando per Assisi.

In apertura un importante omaggio alla città che ospita il Convegno, con la relazione di Grazia Dormiente sul carteggio inedito tra Giorgio La Pira e Salvatore Quasimodo.

Per la Francia, Andrè Ughetto parlerà del Premio Nobel Federic Mistral e Jean Pierre Castellani di Albert Camus ; per la Spagna Angel Basanta, Segretario Generale dell’AICL, relazionerà su Camillo Josè Cela, mentre le catalane Josefa Contioch e Lulisa Julià parleranno della diffusione in Catalogna dei premi Nobel italiani Deledda, Pirandello e Quasimodo. Anche il romeno Horia Alupului omaggerà l’Italia con la sua relazione su Grazia Deledda in Romania, e Tudorel Radu offrirà un parallelo tra il nostro Pirandello e il romeno Brancusi  e Stefan Damian vicepresidente dell’AICL relazionerà sui luoghi di Salvatore Quasimodo. ’albanese Arjan Kallco omaggerà anche la Sicilia parlando di Quasimodo mentre Andrea Guiati che insegna in USA parlerà dell’ultimo premio Nobel, Bob Dylan.

Molta nutrita la presenza italiana : Piefranco Bruni parla di Pirandello, di Quasimodo Silvano Trevisani, mentre il Dante dei Premi Nobel è il tema svolto da Giovanna Ioli. Montale e Quasimodo sono all’attenzione di Rosa Elisa Giangoia, e Sabino Caronia parla di Pirandello tra Sciasia e Debenedetti. Antonio Maria Masia affronta Dario Fo. Mentre Bruno Rombi parla di Neruda in Sardegna in rapporto a  Grazia Deledda e Franco Idone raccoglie i Nobel che salgono e quelli che scendono… Dal Venezuela, Antonio Mendoza offre un ritratto della polacca Wislawa Szybroska.

Il convegno sarà l’occasione anche per visitare i luoghi di cultura del territorio: a Pozzallo, dopo l’incontro con il Sindaco, ci sarà la visita alla Casa Natale e al Museo di Giorgio La Pira  e alla mostra didattica “ Pozzallo nel vortice del tempo- Pozzallo dalla preistoria al XXI secolo”  allestita presso l’Istituto Comprensivo A. Amore . A Ispica,  incontro  con il Sindaco e visita dei luoghi di” Divorzio all’italiana” di Pietro Germi e di Montalbano, il famoso commissario nato dalla penna di Andrea Camilleri. Infine a Modica per la casa di Salvatore Quasimodo e il Museo del cioccolato.

In conclusione del Convegno, come d’uso per gli incontri Internazionali dell’Associazione, verrà consegnato il Premio Europeo Farfa di cultura e territorio , che quest’anno andrà ad esponenti del territorio ibleo.

 



Maggiori informazioni https://aicl-org.webnode.it/

 

L'Association Internationale des Critiques Litteraires sbarca a Pozzallo

 

« Il Premio Nobel della letteratura nel mondo » è il tema che i critici e gli scrittori dell’Associazione Internazionale dei Critici letterari svolgeranno nel loro convegno annuale che si terrà a Pozzallo il 20-21 gennaio p.v.

Su invito ed organizzazione del prof. Corrado Monaca, Direttore Strategico cultura e territorio, l’AICL sbarca per la seconda volta in Sicilia dopo il Convegno di Gela del 2001, in occasione del centenario della nascita di Salvatore Quasimodo.

Nel 2017 ricorrono i centocinquanta anni dalla nascita del Premio Nobel Luigi Pirandello, del quale  insieme al premio Nobel Grazia Deledda proprio nel 2016 appena trascorso si sono celebrati gli ottanta anni dalla morte.

Per questo il Bureau Internazionale AICL, presieduto da Neria De Giovanni, ha invitato i delegati dell’Associazione a una riflessione sul valore dei Premi Nobel per la letteratura nei diversi Paesi del mondo.
Critici e scrittori provenienti dal Giappone, Spagna, Francia, USA, Venezuela, Romania, Albania , Catalogna, oltre che da diverse città italiane, Roma, Taranto, Genova, Torino, si confronteranno nella Scuola « A.Amore, presso l’Auditorium Paolo Monaca, appena inaugurato con la donazione da parte della famiglia Monaca di un busto di bronzo dell’artista Paolo Marazzi che con la sua arte unisce Baltico e Mediterraneo passando per Assisi.

In apertura un importante omaggio alla città che ospita il Convegno, con la relazione di Grazia Dormiente sul carteggio inedito tra Giorgio La Pira e Salvatore Quasimodo.

Per la Francia, Andrè Ughetto parlerà del Premio Nobel Federic Mistral e Jean Pierre Castellani di Albert Camus ; per la Spagna Angel Basanta, Segretario Generale dell’AICL, relazionerà su Camillo Josè Cela, mentre le catalane Josefa Contioch e Lulisa Julià parleranno della diffusione in Catalogna dei premi Nobel italiani Deledda, Pirandello e Quasimodo. Anche il romeno Horia Alupului omaggerà l’Italia con la sua relazione su Grazia Deledda in Romania, e Tudorel Radu offrirà un parallelo tra il nostro Pirandello e il romeno Brancusi  e Stefan Damian vicepresidente dell’AICL relazionerà sui luoghi di Salvatore Quasimodo. ’albanese Arjan Kallco omaggerà anche la Sicilia parlando di Quasimodo mentre Andrea Guiati che insegna in USA parlerà dell’ultimo premio Nobel, Bob Dylan.

Molta nutrita la presenza italiana : Piefranco Bruni parla di Pirandello, di Quasimodo Silvano Trevisani, mentre il Dante dei Premi Nobel è il tema svolto da Giovanna Ioli. Montale e Quasimodo sono all’attenzione di Rosa Elisa Giangoia, e Sabino Caronia parla di Pirandello tra Sciasia e Debenedetti. Antonio Maria Masia affronta Dario Fo. Mentre Bruno Rombi parla di Neruda in Sardegna in rapporto a  Grazia Deledda e Franco Idone raccoglie i Nobel che salgono e quelli che scendono… Dal Venezuela, Antonio Mendoza offre un ritratto della polacca Wislawa Szybroska.

Il convegno sarà l’occasione anche per visitare i luoghi di cultura del territorio: a Pozzallo, dopo l’incontro con il Sindaco, ci sarà la visita alla Casa Natale e al Museo di Giorgio La Pira  e alla mostra didattica “ Pozzallo nel vortice del tempo- Pozzallo dalla preistoria al XXI secolo”  allestita presso l’Istituto Comprensivo A. Amore . A Ispica,  incontro  con il Sindaco e visita dei luoghi di” Divorzio all’italiana” di Pietro Germi e di Montalbano, il famoso commissario nato dalla penna di Andrea Camilleri. Infine a Modica per la casa di Salvatore Quasimodo e il Museo del cioccolato.

In conclusione del Convegno, come d’uso per gli incontri Internazionali dell’Associazione, verrà consegnato il Premio Europeo Farfa di cultura e territorio , che quest’anno andrà ad esponenti del territorio ibleo.

 



Maggiori informazioni https://aicl-org.webnode.it/

 

L'Association Internationale des Critiques Litteraires sbarca a Pozzallo

 

« Il Premio Nobel della letteratura nel mondo » è il tema che i critici e gli scrittori dell’Associazione Internazionale dei Critici letterari svolgeranno nel loro convegno annuale che si terrà a Pozzallo il 20-21 gennaio p.v.

Su invito ed organizzazione del prof. Corrado Monaca, Direttore Strategico cultura e territorio, l’AICL sbarca per la seconda volta in Sicilia dopo il Convegno di Gela del 2001, in occasione del centenario della nascita di Salvatore Quasimodo.

Nel 2017 ricorrono i centocinquanta anni dalla nascita del Premio Nobel Luigi Pirandello, del quale  insieme al premio Nobel Grazia Deledda proprio nel 2016 appena trascorso si sono celebrati gli ottanta anni dalla morte.

Per questo il Bureau Internazionale AICL, presieduto da Neria De Giovanni, ha invitato i delegati dell’Associazione a una riflessione sul valore dei Premi Nobel per la letteratura nei diversi Paesi del mondo.
Critici e scrittori provenienti dal Giappone, Spagna, Francia, USA, Venezuela, Romania, Albania , Catalogna, oltre che da diverse città italiane, Roma, Taranto, Genova, Torino, si confronteranno nella Scuola « A.Amore, presso l’Auditorium Paolo Monaca, appena inaugurato con la donazione da parte della famiglia Monaca di un busto di bronzo dell’artista Paolo Marazzi che con la sua arte unisce Baltico e Mediterraneo passando per Assisi.

In apertura un importante omaggio alla città che ospita il Convegno, con la relazione di Grazia Dormiente sul carteggio inedito tra Giorgio La Pira e Salvatore Quasimodo.

Per la Francia, Andrè Ughetto parlerà del Premio Nobel Federic Mistral e Jean Pierre Castellani di Albert Camus ; per la Spagna Angel Basanta, Segretario Generale dell’AICL, relazionerà su Camillo Josè Cela, mentre le catalane Josefa Contioch e Lulisa Julià parleranno della diffusione in Catalogna dei premi Nobel italiani Deledda, Pirandello e Quasimodo. Anche il romeno Horia Alupului omaggerà l’Italia con la sua relazione su Grazia Deledda in Romania, e Tudorel Radu offrirà un parallelo tra il nostro Pirandello e il romeno Brancusi  e Stefan Damian vicepresidente dell’AICL relazionerà sui luoghi di Salvatore Quasimodo. ’albanese Arjan Kallco omaggerà anche la Sicilia parlando di Quasimodo mentre Andrea Guiati che insegna in USA parlerà dell’ultimo premio Nobel, Bob Dylan.

Molta nutrita la presenza italiana : Piefranco Bruni parla di Pirandello, di Quasimodo Silvano Trevisani, mentre il Dante dei Premi Nobel è il tema svolto da Giovanna Ioli. Montale e Quasimodo sono all’attenzione di Rosa Elisa Giangoia, e Sabino Caronia parla di Pirandello tra Sciasia e Debenedetti. Antonio Maria Masia affronta Dario Fo. Mentre Bruno Rombi parla di Neruda in Sardegna in rapporto a  Grazia Deledda e Franco Idone raccoglie i Nobel che salgono e quelli che scendono… Dal Venezuela, Antonio Mendoza offre un ritratto della polacca Wislawa Szybroska.

Il convegno sarà l’occasione anche per visitare i luoghi di cultura del territorio: a Pozzallo, dopo l’incontro con il Sindaco, ci sarà la visita alla Casa Natale e al Museo di Giorgio La Pira  e alla mostra didattica “ Pozzallo nel vortice del tempo- Pozzallo dalla preistoria al XXI secolo”  allestita presso l’Istituto Comprensivo A. Amore . A Ispica,  incontro  con il Sindaco e visita dei luoghi di” Divorzio all’italiana” di Pietro Germi e di Montalbano, il famoso commissario nato dalla penna di Andrea Camilleri. Infine a Modica per la casa di Salvatore Quasimodo e il Museo del cioccolato.

In conclusione del Convegno, come d’uso per gli incontri Internazionali dell’Associazione, verrà consegnato il Premio Europeo Farfa di cultura e territorio , che quest’anno andrà ad esponenti del territorio ibleo.

 



Maggiori informazioni https://aicl-org.webnode.it/

 

L'Association Internationale des Critiques Litteraires sbarca a Pozzallo

 

« Il Premio Nobel della letteratura nel mondo » è il tema che i critici e gli scrittori dell’Associazione Internazionale dei Critici letterari svolgeranno nel loro convegno annuale che si terrà a Pozzallo il 20-21 gennaio p.v.

Su invito ed organizzazione del prof. Corrado Monaca, Direttore Strategico cultura e territorio, l’AICL sbarca per la seconda volta in Sicilia dopo il Convegno di Gela del 2001, in occasione del centenario della nascita di Salvatore Quasimodo.

Nel 2017 ricorrono i centocinquanta anni dalla nascita del Premio Nobel Luigi Pirandello, del quale  insieme al premio Nobel Grazia Deledda proprio nel 2016 appena trascorso si sono celebrati gli ottanta anni dalla morte.

Per questo il Bureau Internazionale AICL, presieduto da Neria De Giovanni, ha invitato i delegati dell’Associazione a una riflessione sul valore dei Premi Nobel per la letteratura nei diversi Paesi del mondo.
Critici e scrittori provenienti dal Giappone, Spagna, Francia, USA, Venezuela, Romania, Albania , Catalogna, oltre che da diverse città italiane, Roma, Taranto, Genova, Torino, si confronteranno nella Scuola « A.Amore, presso l’Auditorium Paolo Monaca, appena inaugurato con la donazione da parte della famiglia Monaca di un busto di bronzo dell’artista Paolo Marazzi che con la sua arte unisce Baltico e Mediterraneo passando per Assisi.

In apertura un importante omaggio alla città che ospita il Convegno, con la relazione di Grazia Dormiente sul carteggio inedito tra Giorgio La Pira e Salvatore Quasimodo.

Per la Francia, Andrè Ughetto parlerà del Premio Nobel Federic Mistral e Jean Pierre Castellani di Albert Camus ; per la Spagna Angel Basanta, Segretario Generale dell’AICL, relazionerà su Camillo Josè Cela, mentre le catalane Josefa Contioch e Lulisa Julià parleranno della diffusione in Catalogna dei premi Nobel italiani Deledda, Pirandello e Quasimodo. Anche il romeno Horia Alupului omaggerà l’Italia con la sua relazione su Grazia Deledda in Romania, e Tudorel Radu offrirà un parallelo tra il nostro Pirandello e il romeno Brancusi  e Stefan Damian vicepresidente dell’AICL relazionerà sui luoghi di Salvatore Quasimodo. ’albanese Arjan Kallco omaggerà anche la Sicilia parlando di Quasimodo mentre Andrea Guiati che insegna in USA parlerà dell’ultimo premio Nobel, Bob Dylan.

Molta nutrita la presenza italiana : Piefranco Bruni parla di Pirandello, di Quasimodo Silvano Trevisani, mentre il Dante dei Premi Nobel è il tema svolto da Giovanna Ioli. Montale e Quasimodo sono all’attenzione di Rosa Elisa Giangoia, e Sabino Caronia parla di Pirandello tra Sciasia e Debenedetti. Antonio Maria Masia affronta Dario Fo. Mentre Bruno Rombi parla di Neruda in Sardegna in rapporto a  Grazia Deledda e Franco Idone raccoglie i Nobel che salgono e quelli che scendono… Dal Venezuela, Antonio Mendoza offre un ritratto della polacca Wislawa Szybroska.

Il convegno sarà l’occasione anche per visitare i luoghi di cultura del territorio: a Pozzallo, dopo l’incontro con il Sindaco, ci sarà la visita alla Casa Natale e al Museo di Giorgio La Pira  e alla mostra didattica “ Pozzallo nel vortice del tempo- Pozzallo dalla preistoria al XXI secolo”  allestita presso l’Istituto Comprensivo A. Amore . A Ispica,  incontro  con il Sindaco e visita dei luoghi di” Divorzio all’italiana” di Pietro Germi e di Montalbano, il famoso commissario nato dalla penna di Andrea Camilleri. Infine a Modica per la casa di Salvatore Quasimodo e il Museo del cioccolato.

In conclusione del Convegno, come d’uso per gli incontri Internazionali dell’Associazione, verrà consegnato il Premio Europeo Farfa di cultura e territorio , che quest’anno andrà ad esponenti del territorio ibleo.

 



Maggiori informazioni https://aicl-org.webnode.it/

 

L'Association Internationale des Critiques Litteraires sbarca a Pozzallo

 

« Il Premio Nobel della letteratura nel mondo » è il tema che i critici e gli scrittori dell’Associazione Internazionale dei Critici letterari svolgeranno nel loro convegno annuale che si terrà a Pozzallo il 20-21 gennaio p.v.

Su invito ed organizzazione del prof. Corrado Monaca, Direttore Strategico cultura e territorio, l’AICL sbarca per la seconda volta in Sicilia dopo il Convegno di Gela del 2001, in occasione del centenario della nascita di Salvatore Quasimodo.

Nel 2017 ricorrono i centocinquanta anni dalla nascita del Premio Nobel Luigi Pirandello, del quale  insieme al premio Nobel Grazia Deledda proprio nel 2016 appena trascorso si sono celebrati gli ottanta anni dalla morte.

Per questo il Bureau Internazionale AICL, presieduto da Neria De Giovanni, ha invitato i delegati dell’Associazione a una riflessione sul valore dei Premi Nobel per la letteratura nei diversi Paesi del mondo.
Critici e scrittori provenienti dal Giappone, Spagna, Francia, USA, Venezuela, Romania, Albania , Catalogna, oltre che da diverse città italiane, Roma, Taranto, Genova, Torino, si confronteranno nella Scuola « A.Amore, presso l’Auditorium Paolo Monaca, appena inaugurato con la donazione da parte della famiglia Monaca di un busto di bronzo dell’artista Paolo Marazzi che con la sua arte unisce Baltico e Mediterraneo passando per Assisi.

In apertura un importante omaggio alla città che ospita il Convegno, con la relazione di Grazia Dormiente sul carteggio inedito tra Giorgio La Pira e Salvatore Quasimodo.

Per la Francia, Andrè Ughetto parlerà del Premio Nobel Federic Mistral e Jean Pierre Castellani di Albert Camus ; per la Spagna Angel Basanta, Segretario Generale dell’AICL, relazionerà su Camillo Josè Cela, mentre le catalane Josefa Contioch e Lulisa Julià parleranno della diffusione in Catalogna dei premi Nobel italiani Deledda, Pirandello e Quasimodo. Anche il romeno Horia Alupului omaggerà l’Italia con la sua relazione su Grazia Deledda in Romania, e Tudorel Radu offrirà un parallelo tra il nostro Pirandello e il romeno Brancusi  e Stefan Damian vicepresidente dell’AICL relazionerà sui luoghi di Salvatore Quasimodo. ’albanese Arjan Kallco omaggerà anche la Sicilia parlando di Quasimodo mentre Andrea Guiati che insegna in USA parlerà dell’ultimo premio Nobel, Bob Dylan.

Molta nutrita la presenza italiana : Piefranco Bruni parla di Pirandello, di Quasimodo Silvano Trevisani, mentre il Dante dei Premi Nobel è il tema svolto da Giovanna Ioli. Montale e Quasimodo sono all’attenzione di Rosa Elisa Giangoia, e Sabino Caronia parla di Pirandello tra Sciasia e Debenedetti. Antonio Maria Masia affronta Dario Fo. Mentre Bruno Rombi parla di Neruda in Sardegna in rapporto a  Grazia Deledda e Franco Idone raccoglie i Nobel che salgono e quelli che scendono… Dal Venezuela, Antonio Mendoza offre un ritratto della polacca Wislawa Szybroska.

Il convegno sarà l’occasione anche per visitare i luoghi di cultura del territorio: a Pozzallo, dopo l’incontro con il Sindaco, ci sarà la visita alla Casa Natale e al Museo di Giorgio La Pira  e alla mostra didattica “ Pozzallo nel vortice del tempo- Pozzallo dalla preistoria al XXI secolo”  allestita presso l’Istituto Comprensivo A. Amore . A Ispica,  incontro  con il Sindaco e visita dei luoghi di” Divorzio all’italiana” di Pietro Germi e di Montalbano, il famoso commissario nato dalla penna di Andrea Camilleri. Infine a Modica per la casa di Salvatore Quasimodo e il Museo del cioccolato.

In conclusione del Convegno, come d’uso per gli incontri Internazionali dell’Associazione, verrà consegnato il Premio Europeo Farfa di cultura e territorio , che quest’anno andrà ad esponenti del territorio ibleo.

 



Maggiori informazioni https://aicl-org.webnode.it/

 

L'Association Internationale des Critiques Litteraires sbarca a Pozzallo

 

« Il Premio Nobel della letteratura nel mondo » è il tema che i critici e gli scrittori dell’Associazione Internazionale dei Critici letterari svolgeranno nel loro convegno annuale che si terrà a Pozzallo il 20-21 gennaio p.v.

Su invito ed organizzazione del prof. Corrado Monaca, Direttore Strategico cultura e territorio, l’AICL sbarca per la seconda volta in Sicilia dopo il Convegno di Gela del 2001, in occasione del centenario della nascita di Salvatore Quasimodo.

Nel 2017 ricorrono i centocinquanta anni dalla nascita del Premio Nobel Luigi Pirandello, del quale  insieme al premio Nobel Grazia Deledda proprio nel 2016 appena trascorso si sono celebrati gli ottanta anni dalla morte.

Per questo il Bureau Internazionale AICL, presieduto da Neria De Giovanni, ha invitato i delegati dell’Associazione a una riflessione sul valore dei Premi Nobel per la letteratura nei diversi Paesi del mondo.
Critici e scrittori provenienti dal Giappone, Spagna, Francia, USA, Venezuela, Romania, Albania , Catalogna, oltre che da diverse città italiane, Roma, Taranto, Genova, Torino, si confronteranno nella Scuola « A.Amore, presso l’Auditorium Paolo Monaca, appena inaugurato con la donazione da parte della famiglia Monaca di un busto di bronzo dell’artista Paolo Marazzi che con la sua arte unisce Baltico e Mediterraneo passando per Assisi.

In apertura un importante omaggio alla città che ospita il Convegno, con la relazione di Grazia Dormiente sul carteggio inedito tra Giorgio La Pira e Salvatore Quasimodo.

Per la Francia, Andrè Ughetto parlerà del Premio Nobel Federic Mistral e Jean Pierre Castellani di Albert Camus ; per la Spagna Angel Basanta, Segretario Generale dell’AICL, relazionerà su Camillo Josè Cela, mentre le catalane Josefa Contioch e Lulisa Julià parleranno della diffusione in Catalogna dei premi Nobel italiani Deledda, Pirandello e Quasimodo. Anche il romeno Horia Alupului omaggerà l’Italia con la sua relazione su Grazia Deledda in Romania, e Tudorel Radu offrirà un parallelo tra il nostro Pirandello e il romeno Brancusi  e Stefan Damian vicepresidente dell’AICL relazionerà sui luoghi di Salvatore Quasimodo. ’albanese Arjan Kallco omaggerà anche la Sicilia parlando di Quasimodo mentre Andrea Guiati che insegna in USA parlerà dell’ultimo premio Nobel, Bob Dylan.

Molta nutrita la presenza italiana : Piefranco Bruni parla di Pirandello, di Quasimodo Silvano Trevisani, mentre il Dante dei Premi Nobel è il tema svolto da Giovanna Ioli. Montale e Quasimodo sono all’attenzione di Rosa Elisa Giangoia, e Sabino Caronia parla di Pirandello tra Sciasia e Debenedetti. Antonio Maria Masia affronta Dario Fo. Mentre Bruno Rombi parla di Neruda in Sardegna in rapporto a  Grazia Deledda e Franco Idone raccoglie i Nobel che salgono e quelli che scendono… Dal Venezuela, Antonio Mendoza offre un ritratto della polacca Wislawa Szybroska.

Il convegno sarà l’occasione anche per visitare i luoghi di cultura del territorio: a Pozzallo, dopo l’incontro con il Sindaco, ci sarà la visita alla Casa Natale e al Museo di Giorgio La Pira  e alla mostra didattica “ Pozzallo nel vortice del tempo- Pozzallo dalla preistoria al XXI secolo”  allestita presso l’Istituto Comprensivo A. Amore . A Ispica,  incontro  con il Sindaco e visita dei luoghi di” Divorzio all’italiana” di Pietro Germi e di Montalbano, il famoso commissario nato dalla penna di Andrea Camilleri. Infine a Modica per la casa di Salvatore Quasimodo e il Museo del cioccolato.

In conclusione del Convegno, come d’uso per gli incontri Internazionali dell’Associazione, verrà consegnato il Premio Europeo Farfa di cultura e territorio , che quest’anno andrà ad esponenti del territorio ibleo.

 



Maggiori informazioni https://aicl-org.webnode.it/

 

L'Association Internationale des Critiques Litteraires sbarca a Pozzallo

 

« Il Premio Nobel della letteratura nel mondo » è il tema che i critici e gli scrittori dell’Associazione Internazionale dei Critici letterari svolgeranno nel loro convegno annuale che si terrà a Pozzallo il 20-21 gennaio p.v.

Su invito ed organizzazione del prof. Corrado Monaca, Direttore Strategico cultura e territorio, l’AICL sbarca per la seconda volta in Sicilia dopo il Convegno di Gela del 2001, in occasione del centenario della nascita di Salvatore Quasimodo.

Nel 2017 ricorrono i centocinquanta anni dalla nascita del Premio Nobel Luigi Pirandello, del quale  insieme al premio Nobel Grazia Deledda proprio nel 2016 appena trascorso si sono celebrati gli ottanta anni dalla morte.

Per questo il Bureau Internazionale AICL, presieduto da Neria De Giovanni, ha invitato i delegati dell’Associazione a una riflessione sul valore dei Premi Nobel per la letteratura nei diversi Paesi del mondo.
Critici e scrittori provenienti dal Giappone, Spagna, Francia, USA, Venezuela, Romania, Albania , Catalogna, oltre che da diverse città italiane, Roma, Taranto, Genova, Torino, si confronteranno nella Scuola « A.Amore, presso l’Auditorium Paolo Monaca, appena inaugurato con la donazione da parte della famiglia Monaca di un busto di bronzo dell’artista Paolo Marazzi che con la sua arte unisce Baltico e Mediterraneo passando per Assisi.

In apertura un importante omaggio alla città che ospita il Convegno, con la relazione di Grazia Dormiente sul carteggio inedito tra Giorgio La Pira e Salvatore Quasimodo.

Per la Francia, Andrè Ughetto parlerà del Premio Nobel Federic Mistral e Jean Pierre Castellani di Albert Camus ; per la Spagna Angel Basanta, Segretario Generale dell’AICL, relazionerà su Camillo Josè Cela, mentre le catalane Josefa Contioch e Lulisa Julià parleranno della diffusione in Catalogna dei premi Nobel italiani Deledda, Pirandello e Quasimodo. Anche il romeno Horia Alupului omaggerà l’Italia con la sua relazione su Grazia Deledda in Romania, e Tudorel Radu offrirà un parallelo tra il nostro Pirandello e il romeno Brancusi  e Stefan Damian vicepresidente dell’AICL relazionerà sui luoghi di Salvatore Quasimodo. ’albanese Arjan Kallco omaggerà anche la Sicilia parlando di Quasimodo mentre Andrea Guiati che insegna in USA parlerà dell’ultimo premio Nobel, Bob Dylan.

Molta nutrita la presenza italiana : Piefranco Bruni parla di Pirandello, di Quasimodo Silvano Trevisani, mentre il Dante dei Premi Nobel è il tema svolto da Giovanna Ioli. Montale e Quasimodo sono all’attenzione di Rosa Elisa Giangoia, e Sabino Caronia parla di Pirandello tra Sciasia e Debenedetti. Antonio Maria Masia affronta Dario Fo. Mentre Bruno Rombi parla di Neruda in Sardegna in rapporto a  Grazia Deledda e Franco Idone raccoglie i Nobel che salgono e quelli che scendono… Dal Venezuela, Antonio Mendoza offre un ritratto della polacca Wislawa Szybroska.

Il convegno sarà l’occasione anche per visitare i luoghi di cultura del territorio: a Pozzallo, dopo l’incontro con il Sindaco, ci sarà la visita alla Casa Natale e al Museo di Giorgio La Pira  e alla mostra didattica “ Pozzallo nel vortice del tempo- Pozzallo dalla preistoria al XXI secolo”  allestita presso l’Istituto Comprensivo A. Amore . A Ispica,  incontro  con il Sindaco e visita dei luoghi di” Divorzio all’italiana” di Pietro Germi e di Montalbano, il famoso commissario nato dalla penna di Andrea Camilleri. Infine a Modica per la casa di Salvatore Quasimodo e il Museo del cioccolato.

In conclusione del Convegno, come d’uso per gli incontri Internazionali dell’Associazione, verrà consegnato il Premio Europeo Farfa di cultura e territorio , che quest’anno andrà ad esponenti del territorio ibleo.

 



Maggiori informazioni https://aicl-org.webnode.it/

 

L'Association Internationale des Critiques Litteraires sbarca a Pozzallo

 

« Il Premio Nobel della letteratura nel mondo » è il tema che i critici e gli scrittori dell’Associazione Internazionale dei Critici letterari svolgeranno nel loro convegno annuale che si terrà a Pozzallo il 20-21 gennaio p.v.

Su invito ed organizzazione del prof. Corrado Monaca, Direttore Strategico cultura e territorio, l’AICL sbarca per la seconda volta in Sicilia dopo il Convegno di Gela del 2001, in occasione del centenario della nascita di Salvatore Quasimodo.

Nel 2017 ricorrono i centocinquanta anni dalla nascita del Premio Nobel Luigi Pirandello, del quale  insieme al premio Nobel Grazia Deledda proprio nel 2016 appena trascorso si sono celebrati gli ottanta anni dalla morte.

Per questo il Bureau Internazionale AICL, presieduto da Neria De Giovanni, ha invitato i delegati dell’Associazione a una riflessione sul valore dei Premi Nobel per la letteratura nei diversi Paesi del mondo.
Critici e scrittori provenienti dal Giappone, Spagna, Francia, USA, Venezuela, Romania, Albania , Catalogna, oltre che da diverse città italiane, Roma, Taranto, Genova, Torino, si confronteranno nella Scuola « A.Amore, presso l’Auditorium Paolo Monaca, appena inaugurato con la donazione da parte della famiglia Monaca di un busto di bronzo dell’artista Paolo Marazzi che con la sua arte unisce Baltico e Mediterraneo passando per Assisi.

In apertura un importante omaggio alla città che ospita il Convegno, con la relazione di Grazia Dormiente sul carteggio inedito tra Giorgio La Pira e Salvatore Quasimodo.

Per la Francia, Andrè Ughetto parlerà del Premio Nobel Federic Mistral e Jean Pierre Castellani di Albert Camus ; per la Spagna Angel Basanta, Segretario Generale dell’AICL, relazionerà su Camillo Josè Cela, mentre le catalane Josefa Contioch e Lulisa Julià parleranno della diffusione in Catalogna dei premi Nobel italiani Deledda, Pirandello e Quasimodo. Anche il romeno Horia Alupului omaggerà l’Italia con la sua relazione su Grazia Deledda in Romania, e Tudorel Radu offrirà un parallelo tra il nostro Pirandello e il romeno Brancusi  e Stefan Damian vicepresidente dell’AICL relazionerà sui luoghi di Salvatore Quasimodo. ’albanese Arjan Kallco omaggerà anche la Sicilia parlando di Quasimodo mentre Andrea Guiati che insegna in USA parlerà dell’ultimo premio Nobel, Bob Dylan.

Molta nutrita la presenza italiana : Piefranco Bruni parla di Pirandello, di Quasimodo Silvano Trevisani, mentre il Dante dei Premi Nobel è il tema svolto da Giovanna Ioli. Montale e Quasimodo sono all’attenzione di Rosa Elisa Giangoia, e Sabino Caronia parla di Pirandello tra Sciasia e Debenedetti. Antonio Maria Masia affronta Dario Fo. Mentre Bruno Rombi parla di Neruda in Sardegna in rapporto a  Grazia Deledda e Franco Idone raccoglie i Nobel che salgono e quelli che scendono… Dal Venezuela, Antonio Mendoza offre un ritratto della polacca Wislawa Szybroska.

Il convegno sarà l’occasione anche per visitare i luoghi di cultura del territorio: a Pozzallo, dopo l’incontro con il Sindaco, ci sarà la visita alla Casa Natale e al Museo di Giorgio La Pira  e alla mostra didattica “ Pozzallo nel vortice del tempo- Pozzallo dalla preistoria al XXI secolo”  allestita presso l’Istituto Comprensivo A. Amore . A Ispica,  incontro  con il Sindaco e visita dei luoghi di” Divorzio all’italiana” di Pietro Germi e di Montalbano, il famoso commissario nato dalla penna di Andrea Camilleri. Infine a Modica per la casa di Salvatore Quasimodo e il Museo del cioccolato.

In conclusione del Convegno, come d’uso per gli incontri Internazionali dell’Associazione, verrà consegnato il Premio Europeo Farfa di cultura e territorio , che quest’anno andrà ad esponenti del territorio ibleo.

 



Maggiori informazioni https://aicl-org.webnode.it/

 

L'Association Internationale des Critiques Litteraires sbarca a Pozzallo

 

« Il Premio Nobel della letteratura nel mondo » è il tema che i critici e gli scrittori dell’Associazione Internazionale dei Critici letterari svolgeranno nel loro convegno annuale che si terrà a Pozzallo il 20-21 gennaio p.v.

Su invito ed organizzazione del prof. Corrado Monaca, Direttore Strategico cultura e territorio, l’AICL sbarca per la seconda volta in Sicilia dopo il Convegno di Gela del 2001, in occasione del centenario della nascita di Salvatore Quasimodo.

Nel 2017 ricorrono i centocinquanta anni dalla nascita del Premio Nobel Luigi Pirandello, del quale  insieme al premio Nobel Grazia Deledda proprio nel 2016 appena trascorso si sono celebrati gli ottanta anni dalla morte.

Per questo il Bureau Internazionale AICL, presieduto da Neria De Giovanni, ha invitato i delegati dell’Associazione a una riflessione sul valore dei Premi Nobel per la letteratura nei diversi Paesi del mondo.
Critici e scrittori provenienti dal Giappone, Spagna, Francia, USA, Venezuela, Romania, Albania , Catalogna, oltre che da diverse città italiane, Roma, Taranto, Genova, Torino, si confronteranno nella Scuola « A.Amore, presso l’Auditorium Paolo Monaca, appena inaugurato con la donazione da parte della famiglia Monaca di un busto di bronzo dell’artista Paolo Marazzi che con la sua arte unisce Baltico e Mediterraneo passando per Assisi.

In apertura un importante omaggio alla città che ospita il Convegno, con la relazione di Grazia Dormiente sul carteggio inedito tra Giorgio La Pira e Salvatore Quasimodo.

Per la Francia, Andrè Ughetto parlerà del Premio Nobel Federic Mistral e Jean Pierre Castellani di Albert Camus ; per la Spagna Angel Basanta, Segretario Generale dell’AICL, relazionerà su Camillo Josè Cela, mentre le catalane Josefa Contioch e Lulisa Julià parleranno della diffusione in Catalogna dei premi Nobel italiani Deledda, Pirandello e Quasimodo. Anche il romeno Horia Alupului omaggerà l’Italia con la sua relazione su Grazia Deledda in Romania, e Tudorel Radu offrirà un parallelo tra il nostro Pirandello e il romeno Brancusi  e Stefan Damian vicepresidente dell’AICL relazionerà sui luoghi di Salvatore Quasimodo. ’albanese Arjan Kallco omaggerà anche la Sicilia parlando di Quasimodo mentre Andrea Guiati che insegna in USA parlerà dell’ultimo premio Nobel, Bob Dylan.

Molta nutrita la presenza italiana : Piefranco Bruni parla di Pirandello, di Quasimodo Silvano Trevisani, mentre il Dante dei Premi Nobel è il tema svolto da Giovanna Ioli. Montale e Quasimodo sono all’attenzione di Rosa Elisa Giangoia, e Sabino Caronia parla di Pirandello tra Sciasia e Debenedetti. Antonio Maria Masia affronta Dario Fo. Mentre Bruno Rombi parla di Neruda in Sardegna in rapporto a  Grazia Deledda e Franco Idone raccoglie i Nobel che salgono e quelli che scendono… Dal Venezuela, Antonio Mendoza offre un ritratto della polacca Wislawa Szybroska.

Il convegno sarà l’occasione anche per visitare i luoghi di cultura del territorio: a Pozzallo, dopo l’incontro con il Sindaco, ci sarà la visita alla Casa Natale e al Museo di Giorgio La Pira  e alla mostra didattica “ Pozzallo nel vortice del tempo- Pozzallo dalla preistoria al XXI secolo”  allestita presso l’Istituto Comprensivo A. Amore . A Ispica,  incontro  con il Sindaco e visita dei luoghi di” Divorzio all’italiana” di Pietro Germi e di Montalbano, il famoso commissario nato dalla penna di Andrea Camilleri. Infine a Modica per la casa di Salvatore Quasimodo e il Museo del cioccolato.

In conclusione del Convegno, come d’uso per gli incontri Internazionali dell’Associazione, verrà consegnato il Premio Europeo Farfa di cultura e territorio , che quest’anno andrà ad esponenti del territorio ibleo.

 



Maggiori informazioni https://aicl-org.webnode.it/

 

L'Association Internationale des Critiques Litteraires sbarca a Pozzallo

 

« Il Premio Nobel della letteratura nel mondo » è il tema che i critici e gli scrittori dell’Associazione Internazionale dei Critici letterari svolgeranno nel loro convegno annuale che si terrà a Pozzallo il 20-21 gennaio p.v.

Su invito ed organizzazione del prof. Corrado Monaca, Direttore Strategico cultura e territorio, l’AICL sbarca per la seconda volta in Sicilia dopo il Convegno di Gela del 2001, in occasione del centenario della nascita di Salvatore Quasimodo.

Nel 2017 ricorrono i centocinquanta anni dalla nascita del Premio Nobel Luigi Pirandello, del quale  insieme al premio Nobel Grazia Deledda proprio nel 2016 appena trascorso si sono celebrati gli ottanta anni dalla morte.

Per questo il Bureau Internazionale AICL, presieduto da Neria De Giovanni, ha invitato i delegati dell’Associazione a una riflessione sul valore dei Premi Nobel per la letteratura nei diversi Paesi del mondo.
Critici e scrittori provenienti dal Giappone, Spagna, Francia, USA, Venezuela, Romania, Albania , Catalogna, oltre che da diverse città italiane, Roma, Taranto, Genova, Torino, si confronteranno nella Scuola « A.Amore, presso l’Auditorium Paolo Monaca, appena inaugurato con la donazione da parte della famiglia Monaca di un busto di bronzo dell’artista Paolo Marazzi che con la sua arte unisce Baltico e Mediterraneo passando per Assisi.

In apertura un importante omaggio alla città che ospita il Convegno, con la relazione di Grazia Dormiente sul carteggio inedito tra Giorgio La Pira e Salvatore Quasimodo.

Per la Francia, Andrè Ughetto parlerà del Premio Nobel Federic Mistral e Jean Pierre Castellani di Albert Camus ; per la Spagna Angel Basanta, Segretario Generale dell’AICL, relazionerà su Camillo Josè Cela, mentre le catalane Josefa Contioch e Lulisa Julià parleranno della diffusione in Catalogna dei premi Nobel italiani Deledda, Pirandello e Quasimodo. Anche il romeno Horia Alupului omaggerà l’Italia con la sua relazione su Grazia Deledda in Romania, e Tudorel Radu offrirà un parallelo tra il nostro Pirandello e il romeno Brancusi  e Stefan Damian vicepresidente dell’AICL relazionerà sui luoghi di Salvatore Quasimodo. ’albanese Arjan Kallco omaggerà anche la Sicilia parlando di Quasimodo mentre Andrea Guiati che insegna in USA parlerà dell’ultimo premio Nobel, Bob Dylan.

Molta nutrita la presenza italiana : Piefranco Bruni parla di Pirandello, di Quasimodo Silvano Trevisani, mentre il Dante dei Premi Nobel è il tema svolto da Giovanna Ioli. Montale e Quasimodo sono all’attenzione di Rosa Elisa Giangoia, e Sabino Caronia parla di Pirandello tra Sciasia e Debenedetti. Antonio Maria Masia affronta Dario Fo. Mentre Bruno Rombi parla di Neruda in Sardegna in rapporto a  Grazia Deledda e Franco Idone raccoglie i Nobel che salgono e quelli che scendono… Dal Venezuela, Antonio Mendoza offre un ritratto della polacca Wislawa Szybroska.

Il convegno sarà l’occasione anche per visitare i luoghi di cultura del territorio: a Pozzallo, dopo l’incontro con il Sindaco, ci sarà la visita alla Casa Natale e al Museo di Giorgio La Pira  e alla mostra didattica “ Pozzallo nel vortice del tempo- Pozzallo dalla preistoria al XXI secolo”  allestita presso l’Istituto Comprensivo A. Amore . A Ispica,  incontro  con il Sindaco e visita dei luoghi di” Divorzio all’italiana” di Pietro Germi e di Montalbano, il famoso commissario nato dalla penna di Andrea Camilleri. Infine a Modica per la casa di Salvatore Quasimodo e il Museo del cioccolato.

In conclusione del Convegno, come d’uso per gli incontri Internazionali dell’Associazione, verrà consegnato il Premio Europeo Farfa di cultura e territorio , che quest’anno andrà ad esponenti del territorio ibleo.

 



Maggiori informazioni https://aicl-org.webnode.it/

 

L'Association Internationale des Critiques Litteraires sbarca a Pozzallo

 

« Il Premio Nobel della letteratura nel mondo » è il tema che i critici e gli scrittori dell’Associazione Internazionale dei Critici letterari svolgeranno nel loro convegno annuale che si terrà a Pozzallo il 20-21 gennaio p.v.

Su invito ed organizzazione del prof. Corrado Monaca, Direttore Strategico cultura e territorio, l’AICL sbarca per la seconda volta in Sicilia dopo il Convegno di Gela del 2001, in occasione del centenario della nascita di Salvatore Quasimodo.

Nel 2017 ricorrono i centocinquanta anni dalla nascita del Premio Nobel Luigi Pirandello, del quale  insieme al premio Nobel Grazia Deledda proprio nel 2016 appena trascorso si sono celebrati gli ottanta anni dalla morte.

Per questo il Bureau Internazionale AICL, presieduto da Neria De Giovanni, ha invitato i delegati dell’Associazione a una riflessione sul valore dei Premi Nobel per la letteratura nei diversi Paesi del mondo.
Critici e scrittori provenienti dal Giappone, Spagna, Francia, USA, Venezuela, Romania, Albania , Catalogna, oltre che da diverse città italiane, Roma, Taranto, Genova, Torino, si confronteranno nella Scuola « A.Amore, presso l’Auditorium Paolo Monaca, appena inaugurato con la donazione da parte della famiglia Monaca di un busto di bronzo dell’artista Paolo Marazzi che con la sua arte unisce Baltico e Mediterraneo passando per Assisi.

In apertura un importante omaggio alla città che ospita il Convegno, con la relazione di Grazia Dormiente sul carteggio inedito tra Giorgio La Pira e Salvatore Quasimodo.

Per la Francia, Andrè Ughetto parlerà del Premio Nobel Federic Mistral e Jean Pierre Castellani di Albert Camus ; per la Spagna Angel Basanta, Segretario Generale dell’AICL, relazionerà su Camillo Josè Cela, mentre le catalane Josefa Contioch e Lulisa Julià parleranno della diffusione in Catalogna dei premi Nobel italiani Deledda, Pirandello e Quasimodo. Anche il romeno Horia Alupului omaggerà l’Italia con la sua relazione su Grazia Deledda in Romania, e Tudorel Radu offrirà un parallelo tra il nostro Pirandello e il romeno Brancusi  e Stefan Damian vicepresidente dell’AICL relazionerà sui luoghi di Salvatore Quasimodo. ’albanese Arjan Kallco omaggerà anche la Sicilia parlando di Quasimodo mentre Andrea Guiati che insegna in USA parlerà dell’ultimo premio Nobel, Bob Dylan.

Molta nutrita la presenza italiana : Piefranco Bruni parla di Pirandello, di Quasimodo Silvano Trevisani, mentre il Dante dei Premi Nobel è il tema svolto da Giovanna Ioli. Montale e Quasimodo sono all’attenzione di Rosa Elisa Giangoia, e Sabino Caronia parla di Pirandello tra Sciasia e Debenedetti. Antonio Maria Masia affronta Dario Fo. Mentre Bruno Rombi parla di Neruda in Sardegna in rapporto a  Grazia Deledda e Franco Idone raccoglie i Nobel che salgono e quelli che scendono… Dal Venezuela, Antonio Mendoza offre un ritratto della polacca Wislawa Szybroska.

Il convegno sarà l’occasione anche per visitare i luoghi di cultura del territorio: a Pozzallo, dopo l’incontro con il Sindaco, ci sarà la visita alla Casa Natale e al Museo di Giorgio La Pira  e alla mostra didattica “ Pozzallo nel vortice del tempo- Pozzallo dalla preistoria al XXI secolo”  allestita presso l’Istituto Comprensivo A. Amore . A Ispica,  incontro  con il Sindaco e visita dei luoghi di” Divorzio all’italiana” di Pietro Germi e di Montalbano, il famoso commissario nato dalla penna di Andrea Camilleri. Infine a Modica per la casa di Salvatore Quasimodo e il Museo del cioccolato.

In conclusione del Convegno, come d’uso per gli incontri Internazionali dell’Associazione, verrà consegnato il Premio Europeo Farfa di cultura e territorio , che quest’anno andrà ad esponenti del territorio ibleo.

 



Maggiori informazioni https://aicl-org.webnode.it/

 

L'Association Internationale des Critiques Litteraires sbarca a Pozzallo

 

« Il Premio Nobel della letteratura nel mondo » è il tema che i critici e gli scrittori dell’Associazione Internazionale dei Critici letterari svolgeranno nel loro convegno annuale che si terrà a Pozzallo il 20-21 gennaio p.v.

Su invito ed organizzazione del prof. Corrado Monaca, Direttore Strategico cultura e territorio, l’AICL sbarca per la seconda volta in Sicilia dopo il Convegno di Gela del 2001, in occasione del centenario della nascita di Salvatore Quasimodo.

Nel 2017 ricorrono i centocinquanta anni dalla nascita del Premio Nobel Luigi Pirandello, del quale  insieme al premio Nobel Grazia Deledda proprio nel 2016 appena trascorso si sono celebrati gli ottanta anni dalla morte.

Per questo il Bureau Internazionale AICL, presieduto da Neria De Giovanni, ha invitato i delegati dell’Associazione a una riflessione sul valore dei Premi Nobel per la letteratura nei diversi Paesi del mondo.
Critici e scrittori provenienti dal Giappone, Spagna, Francia, USA, Venezuela, Romania, Albania , Catalogna, oltre che da diverse città italiane, Roma, Taranto, Genova, Torino, si confronteranno nella Scuola « A.Amore, presso l’Auditorium Paolo Monaca, appena inaugurato con la donazione da parte della famiglia Monaca di un busto di bronzo dell’artista Paolo Marazzi che con la sua arte unisce Baltico e Mediterraneo passando per Assisi.

In apertura un importante omaggio alla città che ospita il Convegno, con la relazione di Grazia Dormiente sul carteggio inedito tra Giorgio La Pira e Salvatore Quasimodo.

Per la Francia, Andrè Ughetto parlerà del Premio Nobel Federic Mistral e Jean Pierre Castellani di Albert Camus ; per la Spagna Angel Basanta, Segretario Generale dell’AICL, relazionerà su Camillo Josè Cela, mentre le catalane Josefa Contioch e Lulisa Julià parleranno della diffusione in Catalogna dei premi Nobel italiani Deledda, Pirandello e Quasimodo. Anche il romeno Horia Alupului omaggerà l’Italia con la sua relazione su Grazia Deledda in Romania, e Tudorel Radu offrirà un parallelo tra il nostro Pirandello e il romeno Brancusi  e Stefan Damian vicepresidente dell’AICL relazionerà sui luoghi di Salvatore Quasimodo. ’albanese Arjan Kallco omaggerà anche la Sicilia parlando di Quasimodo mentre Andrea Guiati che insegna in USA parlerà dell’ultimo premio Nobel, Bob Dylan.

Molta nutrita la presenza italiana : Piefranco Bruni parla di Pirandello, di Quasimodo Silvano Trevisani, mentre il Dante dei Premi Nobel è il tema svolto da Giovanna Ioli. Montale e Quasimodo sono all’attenzione di Rosa Elisa Giangoia, e Sabino Caronia parla di Pirandello tra Sciasia e Debenedetti. Antonio Maria Masia affronta Dario Fo. Mentre Bruno Rombi parla di Neruda in Sardegna in rapporto a  Grazia Deledda e Franco Idone raccoglie i Nobel che salgono e quelli che scendono… Dal Venezuela, Antonio Mendoza offre un ritratto della polacca Wislawa Szybroska.

Il convegno sarà l’occasione anche per visitare i luoghi di cultura del territorio: a Pozzallo, dopo l’incontro con il Sindaco, ci sarà la visita alla Casa Natale e al Museo di Giorgio La Pira  e alla mostra didattica “ Pozzallo nel vortice del tempo- Pozzallo dalla preistoria al XXI secolo”  allestita presso l’Istituto Comprensivo A. Amore . A Ispica,  incontro  con il Sindaco e visita dei luoghi di” Divorzio all’italiana” di Pietro Germi e di Montalbano, il famoso commissario nato dalla penna di Andrea Camilleri. Infine a Modica per la casa di Salvatore Quasimodo e il Museo del cioccolato.

In conclusione del Convegno, come d’uso per gli incontri Internazionali dell’Associazione, verrà consegnato il Premio Europeo Farfa di cultura e territorio , che quest’anno andrà ad esponenti del territorio ibleo.

 



Maggiori informazioni https://aicl-org.webnode.it/

 

L'Association Internationale des Critiques Litteraires sbarca a Pozzallo

 

« Il Premio Nobel della letteratura nel mondo » è il tema che i critici e gli scrittori dell’Associazione Internazionale dei Critici letterari svolgeranno nel loro convegno annuale che si terrà a Pozzallo il 20-21 gennaio p.v.

Su invito ed organizzazione del prof. Corrado Monaca, Direttore Strategico cultura e territorio, l’AICL sbarca per la seconda volta in Sicilia dopo il Convegno di Gela del 2001, in occasione del centenario della nascita di Salvatore Quasimodo.

Nel 2017 ricorrono i centocinquanta anni dalla nascita del Premio Nobel Luigi Pirandello, del quale  insieme al premio Nobel Grazia Deledda proprio nel 2016 appena trascorso si sono celebrati gli ottanta anni dalla morte.

Per questo il Bureau Internazionale AICL, presieduto da Neria De Giovanni, ha invitato i delegati dell’Associazione a una riflessione sul valore dei Premi Nobel per la letteratura nei diversi Paesi del mondo.
Critici e scrittori provenienti dal Giappone, Spagna, Francia, USA, Venezuela, Romania, Albania , Catalogna, oltre che da diverse città italiane, Roma, Taranto, Genova, Torino, si confronteranno nella Scuola « A.Amore, presso l’Auditorium Paolo Monaca, appena inaugurato con la donazione da parte della famiglia Monaca di un busto di bronzo dell’artista Paolo Marazzi che con la sua arte unisce Baltico e Mediterraneo passando per Assisi.

In apertura un importante omaggio alla città che ospita il Convegno, con la relazione di Grazia Dormiente sul carteggio inedito tra Giorgio La Pira e Salvatore Quasimodo.

Per la Francia, Andrè Ughetto parlerà del Premio Nobel Federic Mistral e Jean Pierre Castellani di Albert Camus ; per la Spagna Angel Basanta, Segretario Generale dell’AICL, relazionerà su Camillo Josè Cela, mentre le catalane Josefa Contioch e Lulisa Julià parleranno della diffusione in Catalogna dei premi Nobel italiani Deledda, Pirandello e Quasimodo. Anche il romeno Horia Alupului omaggerà l’Italia con la sua relazione su Grazia Deledda in Romania, e Tudorel Radu offrirà un parallelo tra il nostro Pirandello e il romeno Brancusi  e Stefan Damian vicepresidente dell’AICL relazionerà sui luoghi di Salvatore Quasimodo. ’albanese Arjan Kallco omaggerà anche la Sicilia parlando di Quasimodo mentre Andrea Guiati che insegna in USA parlerà dell’ultimo premio Nobel, Bob Dylan.

Molta nutrita la presenza italiana : Piefranco Bruni parla di Pirandello, di Quasimodo Silvano Trevisani, mentre il Dante dei Premi Nobel è il tema svolto da Giovanna Ioli. Montale e Quasimodo sono all’attenzione di Rosa Elisa Giangoia, e Sabino Caronia parla di Pirandello tra Sciasia e Debenedetti. Antonio Maria Masia affronta Dario Fo. Mentre Bruno Rombi parla di Neruda in Sardegna in rapporto a  Grazia Deledda e Franco Idone raccoglie i Nobel che salgono e quelli che scendono… Dal Venezuela, Antonio Mendoza offre un ritratto della polacca Wislawa Szybroska.

Il convegno sarà l’occasione anche per visitare i luoghi di cultura del territorio: a Pozzallo, dopo l’incontro con il Sindaco, ci sarà la visita alla Casa Natale e al Museo di Giorgio La Pira  e alla mostra didattica “ Pozzallo nel vortice del tempo- Pozzallo dalla preistoria al XXI secolo”  allestita presso l’Istituto Comprensivo A. Amore . A Ispica,  incontro  con il Sindaco e visita dei luoghi di” Divorzio all’italiana” di Pietro Germi e di Montalbano, il famoso commissario nato dalla penna di Andrea Camilleri. Infine a Modica per la casa di Salvatore Quasimodo e il Museo del cioccolato.

In conclusione del Convegno, come d’uso per gli incontri Internazionali dell’Associazione, verrà consegnato il Premio Europeo Farfa di cultura e territorio , che quest’anno andrà ad esponenti del territorio ibleo.

 



Maggiori informazioni https://aicl-org.webnode.it/

 

L'Association Internationale des Critiques Litteraires sbarca a Pozzallo

 

« Il Premio Nobel della letteratura nel mondo » è il tema che i critici e gli scrittori dell’Associazione Internazionale dei Critici letterari svolgeranno nel loro convegno annuale che si terrà a Pozzallo il 20-21 gennaio p.v.

Su invito ed organizzazione del prof. Corrado Monaca, Direttore Strategico cultura e territorio, l’AICL sbarca per la seconda volta in Sicilia dopo il Convegno di Gela del 2001, in occasione del centenario della nascita di Salvatore Quasimodo.

Nel 2017 ricorrono i centocinquanta anni dalla nascita del Premio Nobel Luigi Pirandello, del quale  insieme al premio Nobel Grazia Deledda proprio nel 2016 appena trascorso si sono celebrati gli ottanta anni dalla morte.

Per questo il Bureau Internazionale AICL, presieduto da Neria De Giovanni, ha invitato i delegati dell’Associazione a una riflessione sul valore dei Premi Nobel per la letteratura nei diversi Paesi del mondo.
Critici e scrittori provenienti dal Giappone, Spagna, Francia, USA, Venezuela, Romania, Albania , Catalogna, oltre che da diverse città italiane, Roma, Taranto, Genova, Torino, si confronteranno nella Scuola « A.Amore, presso l’Auditorium Paolo Monaca, appena inaugurato con la donazione da parte della famiglia Monaca di un busto di bronzo dell’artista Paolo Marazzi che con la sua arte unisce Baltico e Mediterraneo passando per Assisi.

In apertura un importante omaggio alla città che ospita il Convegno, con la relazione di Grazia Dormiente sul carteggio inedito tra Giorgio La Pira e Salvatore Quasimodo.

Per la Francia, Andrè Ughetto parlerà del Premio Nobel Federic Mistral e Jean Pierre Castellani di Albert Camus ; per la Spagna Angel Basanta, Segretario Generale dell’AICL, relazionerà su Camillo Josè Cela, mentre le catalane Josefa Contioch e Lulisa Julià parleranno della diffusione in Catalogna dei premi Nobel italiani Deledda, Pirandello e Quasimodo. Anche il romeno Horia Alupului omaggerà l’Italia con la sua relazione su Grazia Deledda in Romania, e Tudorel Radu offrirà un parallelo tra il nostro Pirandello e il romeno Brancusi  e Stefan Damian vicepresidente dell’AICL relazionerà sui luoghi di Salvatore Quasimodo. ’albanese Arjan Kallco omaggerà anche la Sicilia parlando di Quasimodo mentre Andrea Guiati che insegna in USA parlerà dell’ultimo premio Nobel, Bob Dylan.

Molta nutrita la presenza italiana : Piefranco Bruni parla di Pirandello, di Quasimodo Silvano Trevisani, mentre il Dante dei Premi Nobel è il tema svolto da Giovanna Ioli. Montale e Quasimodo sono all’attenzione di Rosa Elisa Giangoia, e Sabino Caronia parla di Pirandello tra Sciasia e Debenedetti. Antonio Maria Masia affronta Dario Fo. Mentre Bruno Rombi parla di Neruda in Sardegna in rapporto a  Grazia Deledda e Franco Idone raccoglie i Nobel che salgono e quelli che scendono… Dal Venezuela, Antonio Mendoza offre un ritratto della polacca Wislawa Szybroska.

Il convegno sarà l’occasione anche per visitare i luoghi di cultura del territorio: a Pozzallo, dopo l’incontro con il Sindaco, ci sarà la visita alla Casa Natale e al Museo di Giorgio La Pira  e alla mostra didattica “ Pozzallo nel vortice del tempo- Pozzallo dalla preistoria al XXI secolo”  allestita presso l’Istituto Comprensivo A. Amore . A Ispica,  incontro  con il Sindaco e visita dei luoghi di” Divorzio all’italiana” di Pietro Germi e di Montalbano, il famoso commissario nato dalla penna di Andrea Camilleri. Infine a Modica per la casa di Salvatore Quasimodo e il Museo del cioccolato.

In conclusione del Convegno, come d’uso per gli incontri Internazionali dell’Associazione, verrà consegnato il Premio Europeo Farfa di cultura e territorio , che quest’anno andrà ad esponenti del territorio ibleo.

 



Maggiori informazioni https://aicl-org.webnode.it/

 

L'Association Internationale des Critiques Litteraires sbarca a Pozzallo

 

« Il Premio Nobel della letteratura nel mondo » è il tema che i critici e gli scrittori dell’Associazione Internazionale dei Critici letterari svolgeranno nel loro convegno annuale che si terrà a Pozzallo il 20-21 gennaio p.v.

Su invito ed organizzazione del prof. Corrado Monaca, Direttore Strategico cultura e territorio, l’AICL sbarca per la seconda volta in Sicilia dopo il Convegno di Gela del 2001, in occasione del centenario della nascita di Salvatore Quasimodo.

Nel 2017 ricorrono i centocinquanta anni dalla nascita del Premio Nobel Luigi Pirandello, del quale  insieme al premio Nobel Grazia Deledda proprio nel 2016 appena trascorso si sono celebrati gli ottanta anni dalla morte.

Per questo il Bureau Internazionale AICL, presieduto da Neria De Giovanni, ha invitato i delegati dell’Associazione a una riflessione sul valore dei Premi Nobel per la letteratura nei diversi Paesi del mondo.
Critici e scrittori provenienti dal Giappone, Spagna, Francia, USA, Venezuela, Romania, Albania , Catalogna, oltre che da diverse città italiane, Roma, Taranto, Genova, Torino, si confronteranno nella Scuola « A.Amore, presso l’Auditorium Paolo Monaca, appena inaugurato con la donazione da parte della famiglia Monaca di un busto di bronzo dell’artista Paolo Marazzi che con la sua arte unisce Baltico e Mediterraneo passando per Assisi.

In apertura un importante omaggio alla città che ospita il Convegno, con la relazione di Grazia Dormiente sul carteggio inedito tra Giorgio La Pira e Salvatore Quasimodo.

Per la Francia, Andrè Ughetto parlerà del Premio Nobel Federic Mistral e Jean Pierre Castellani di Albert Camus ; per la Spagna Angel Basanta, Segretario Generale dell’AICL, relazionerà su Camillo Josè Cela, mentre le catalane Josefa Contioch e Lulisa Julià parleranno della diffusione in Catalogna dei premi Nobel italiani Deledda, Pirandello e Quasimodo. Anche il romeno Horia Alupului omaggerà l’Italia con la sua relazione su Grazia Deledda in Romania, e Tudorel Radu offrirà un parallelo tra il nostro Pirandello e il romeno Brancusi  e Stefan Damian vicepresidente dell’AICL relazionerà sui luoghi di Salvatore Quasimodo. ’albanese Arjan Kallco omaggerà anche la Sicilia parlando di Quasimodo mentre Andrea Guiati che insegna in USA parlerà dell’ultimo premio Nobel, Bob Dylan.

Molta nutrita la presenza italiana : Piefranco Bruni parla di Pirandello, di Quasimodo Silvano Trevisani, mentre il Dante dei Premi Nobel è il tema svolto da Giovanna Ioli. Montale e Quasimodo sono all’attenzione di Rosa Elisa Giangoia, e Sabino Caronia parla di Pirandello tra Sciasia e Debenedetti. Antonio Maria Masia affronta Dario Fo. Mentre Bruno Rombi parla di Neruda in Sardegna in rapporto a  Grazia Deledda e Franco Idone raccoglie i Nobel che salgono e quelli che scendono… Dal Venezuela, Antonio Mendoza offre un ritratto della polacca Wislawa Szybroska.

Il convegno sarà l’occasione anche per visitare i luoghi di cultura del territorio: a Pozzallo, dopo l’incontro con il Sindaco, ci sarà la visita alla Casa Natale e al Museo di Giorgio La Pira  e alla mostra didattica “ Pozzallo nel vortice del tempo- Pozzallo dalla preistoria al XXI secolo”  allestita presso l’Istituto Comprensivo A. Amore . A Ispica,  incontro  con il Sindaco e visita dei luoghi di” Divorzio all’italiana” di Pietro Germi e di Montalbano, il famoso commissario nato dalla penna di Andrea Camilleri. Infine a Modica per la casa di Salvatore Quasimodo e il Museo del cioccolato.

In conclusione del Convegno, come d’uso per gli incontri Internazionali dell’Associazione, verrà consegnato il Premio Europeo Farfa di cultura e territorio , che quest’anno andrà ad esponenti del territorio ibleo.

 



Maggiori informazioni https://aicl-org.webnode.it/

 

L'Association Internationale des Critiques Litteraires sbarca a Pozzallo

 

« Il Premio Nobel della letteratura nel mondo » è il tema che i critici e gli scrittori dell’Associazione Internazionale dei Critici letterari svolgeranno nel loro convegno annuale che si terrà a Pozzallo il 20-21 gennaio p.v.

Su invito ed organizzazione del prof. Corrado Monaca, Direttore Strategico cultura e territorio, l’AICL sbarca per la seconda volta in Sicilia dopo il Convegno di Gela del 2001, in occasione del centenario della nascita di Salvatore Quasimodo.

Nel 2017 ricorrono i centocinquanta anni dalla nascita del Premio Nobel Luigi Pirandello, del quale  insieme al premio Nobel Grazia Deledda proprio nel 2016 appena trascorso si sono celebrati gli ottanta anni dalla morte.

Per questo il Bureau Internazionale AICL, presieduto da Neria De Giovanni, ha invitato i delegati dell’Associazione a una riflessione sul valore dei Premi Nobel per la letteratura nei diversi Paesi del mondo.
Critici e scrittori provenienti dal Giappone, Spagna, Francia, USA, Venezuela, Romania, Albania , Catalogna, oltre che da diverse città italiane, Roma, Taranto, Genova, Torino, si confronteranno nella Scuola « A.Amore, presso l’Auditorium Paolo Monaca, appena inaugurato con la donazione da parte della famiglia Monaca di un busto di bronzo dell’artista Paolo Marazzi che con la sua arte unisce Baltico e Mediterraneo passando per Assisi.

In apertura un importante omaggio alla città che ospita il Convegno, con la relazione di Grazia Dormiente sul carteggio inedito tra Giorgio La Pira e Salvatore Quasimodo.

Per la Francia, Andrè Ughetto parlerà del Premio Nobel Federic Mistral e Jean Pierre Castellani di Albert Camus ; per la Spagna Angel Basanta, Segretario Generale dell’AICL, relazionerà su Camillo Josè Cela, mentre le catalane Josefa Contioch e Lulisa Julià parleranno della diffusione in Catalogna dei premi Nobel italiani Deledda, Pirandello e Quasimodo. Anche il romeno Horia Alupului omaggerà l’Italia con la sua relazione su Grazia Deledda in Romania, e Tudorel Radu offrirà un parallelo tra il nostro Pirandello e il romeno Brancusi  e Stefan Damian vicepresidente dell’AICL relazionerà sui luoghi di Salvatore Quasimodo. ’albanese Arjan Kallco omaggerà anche la Sicilia parlando di Quasimodo mentre Andrea Guiati che insegna in USA parlerà dell’ultimo premio Nobel, Bob Dylan.

Molta nutrita la presenza italiana : Piefranco Bruni parla di Pirandello, di Quasimodo Silvano Trevisani, mentre il Dante dei Premi Nobel è il tema svolto da Giovanna Ioli. Montale e Quasimodo sono all’attenzione di Rosa Elisa Giangoia, e Sabino Caronia parla di Pirandello tra Sciasia e Debenedetti. Antonio Maria Masia affronta Dario Fo. Mentre Bruno Rombi parla di Neruda in Sardegna in rapporto a  Grazia Deledda e Franco Idone raccoglie i Nobel che salgono e quelli che scendono… Dal Venezuela, Antonio Mendoza offre un ritratto della polacca Wislawa Szybroska.

Il convegno sarà l’occasione anche per visitare i luoghi di cultura del territorio: a Pozzallo, dopo l’incontro con il Sindaco, ci sarà la visita alla Casa Natale e al Museo di Giorgio La Pira  e alla mostra didattica “ Pozzallo nel vortice del tempo- Pozzallo dalla preistoria al XXI secolo”  allestita presso l’Istituto Comprensivo A. Amore . A Ispica,  incontro  con il Sindaco e visita dei luoghi di” Divorzio all’italiana” di Pietro Germi e di Montalbano, il famoso commissario nato dalla penna di Andrea Camilleri. Infine a Modica per la casa di Salvatore Quasimodo e il Museo del cioccolato.

In conclusione del Convegno, come d’uso per gli incontri Internazionali dell’Associazione, verrà consegnato il Premio Europeo Farfa di cultura e territorio , che quest’anno andrà ad esponenti del territorio ibleo.

 



Maggiori informazioni https://aicl-org.webnode.it/

 

L'Association Internationale des Critiques Litteraires sbarca a Pozzallo

 

« Il Premio Nobel della letteratura nel mondo » è il tema che i critici e gli scrittori dell’Associazione Internazionale dei Critici letterari svolgeranno nel loro convegno annuale che si terrà a Pozzallo il 20-21 gennaio p.v.

Su invito ed organizzazione del prof. Corrado Monaca, Direttore Strategico cultura e territorio, l’AICL sbarca per la seconda volta in Sicilia dopo il Convegno di Gela del 2001, in occasione del centenario della nascita di Salvatore Quasimodo.

Nel 2017 ricorrono i centocinquanta anni dalla nascita del Premio Nobel Luigi Pirandello, del quale  insieme al premio Nobel Grazia Deledda proprio nel 2016 appena trascorso si sono celebrati gli ottanta anni dalla morte.

Per questo il Bureau Internazionale AICL, presieduto da Neria De Giovanni, ha invitato i delegati dell’Associazione a una riflessione sul valore dei Premi Nobel per la letteratura nei diversi Paesi del mondo.
Critici e scrittori provenienti dal Giappone, Spagna, Francia, USA, Venezuela, Romania, Albania , Catalogna, oltre che da diverse città italiane, Roma, Taranto, Genova, Torino, si confronteranno nella Scuola « A.Amore, presso l’Auditorium Paolo Monaca, appena inaugurato con la donazione da parte della famiglia Monaca di un busto di bronzo dell’artista Paolo Marazzi che con la sua arte unisce Baltico e Mediterraneo passando per Assisi.

In apertura un importante omaggio alla città che ospita il Convegno, con la relazione di Grazia Dormiente sul carteggio inedito tra Giorgio La Pira e Salvatore Quasimodo.

Per la Francia, Andrè Ughetto parlerà del Premio Nobel Federic Mistral e Jean Pierre Castellani di Albert Camus ; per la Spagna Angel Basanta, Segretario Generale dell’AICL, relazionerà su Camillo Josè Cela, mentre le catalane Josefa Contioch e Lulisa Julià parleranno della diffusione in Catalogna dei premi Nobel italiani Deledda, Pirandello e Quasimodo. Anche il romeno Horia Alupului omaggerà l’Italia con la sua relazione su Grazia Deledda in Romania, e Tudorel Radu offrirà un parallelo tra il nostro Pirandello e il romeno Brancusi  e Stefan Damian vicepresidente dell’AICL relazionerà sui luoghi di Salvatore Quasimodo. ’albanese Arjan Kallco omaggerà anche la Sicilia parlando di Quasimodo mentre Andrea Guiati che insegna in USA parlerà dell’ultimo premio Nobel, Bob Dylan.

Molta nutrita la presenza italiana : Piefranco Bruni parla di Pirandello, di Quasimodo Silvano Trevisani, mentre il Dante dei Premi Nobel è il tema svolto da Giovanna Ioli. Montale e Quasimodo sono all’attenzione di Rosa Elisa Giangoia, e Sabino Caronia parla di Pirandello tra Sciasia e Debenedetti. Antonio Maria Masia affronta Dario Fo. Mentre Bruno Rombi parla di Neruda in Sardegna in rapporto a  Grazia Deledda e Franco Idone raccoglie i Nobel che salgono e quelli che scendono… Dal Venezuela, Antonio Mendoza offre un ritratto della polacca Wislawa Szybroska.

Il convegno sarà l’occasione anche per visitare i luoghi di cultura del territorio: a Pozzallo, dopo l’incontro con il Sindaco, ci sarà la visita alla Casa Natale e al Museo di Giorgio La Pira  e alla mostra didattica “ Pozzallo nel vortice del tempo- Pozzallo dalla preistoria al XXI secolo”  allestita presso l’Istituto Comprensivo A. Amore . A Ispica,  incontro  con il Sindaco e visita dei luoghi di” Divorzio all’italiana” di Pietro Germi e di Montalbano, il famoso commissario nato dalla penna di Andrea Camilleri. Infine a Modica per la casa di Salvatore Quasimodo e il Museo del cioccolato.

In conclusione del Convegno, come d’uso per gli incontri Internazionali dell’Associazione, verrà consegnato il Premio Europeo Farfa di cultura e territorio , che quest’anno andrà ad esponenti del territorio ibleo.

 



Maggiori informazioni https://aicl-org.webnode.it/

 

L'Association Internationale des Critiques Litteraires sbarca a Pozzallo

 

« Il Premio Nobel della letteratura nel mondo » è il tema che i critici e gli scrittori dell’Associazione Internazionale dei Critici letterari svolgeranno nel loro convegno annuale che si terrà a Pozzallo il 20-21 gennaio p.v.

Su invito ed organizzazione del prof. Corrado Monaca, Direttore Strategico cultura e territorio, l’AICL sbarca per la seconda volta in Sicilia dopo il Convegno di Gela del 2001, in occasione del centenario della nascita di Salvatore Quasimodo.

Nel 2017 ricorrono i centocinquanta anni dalla nascita del Premio Nobel Luigi Pirandello, del quale  insieme al premio Nobel Grazia Deledda proprio nel 2016 appena trascorso si sono celebrati gli ottanta anni dalla morte.

Per questo il Bureau Internazionale AICL, presieduto da Neria De Giovanni, ha invitato i delegati dell’Associazione a una riflessione sul valore dei Premi Nobel per la letteratura nei diversi Paesi del mondo.
Critici e scrittori provenienti dal Giappone, Spagna, Francia, USA, Venezuela, Romania, Albania , Catalogna, oltre che da diverse città italiane, Roma, Taranto, Genova, Torino, si confronteranno nella Scuola « A.Amore, presso l’Auditorium Paolo Monaca, appena inaugurato con la donazione da parte della famiglia Monaca di un busto di bronzo dell’artista Paolo Marazzi che con la sua arte unisce Baltico e Mediterraneo passando per Assisi.

In apertura un importante omaggio alla città che ospita il Convegno, con la relazione di Grazia Dormiente sul carteggio inedito tra Giorgio La Pira e Salvatore Quasimodo.

Per la Francia, Andrè Ughetto parlerà del Premio Nobel Federic Mistral e Jean Pierre Castellani di Albert Camus ; per la Spagna Angel Basanta, Segretario Generale dell’AICL, relazionerà su Camillo Josè Cela, mentre le catalane Josefa Contioch e Lulisa Julià parleranno della diffusione in Catalogna dei premi Nobel italiani Deledda, Pirandello e Quasimodo. Anche il romeno Horia Alupului omaggerà l’Italia con la sua relazione su Grazia Deledda in Romania, e Tudorel Radu offrirà un parallelo tra il nostro Pirandello e il romeno Brancusi  e Stefan Damian vicepresidente dell’AICL relazionerà sui luoghi di Salvatore Quasimodo. ’albanese Arjan Kallco omaggerà anche la Sicilia parlando di Quasimodo mentre Andrea Guiati che insegna in USA parlerà dell’ultimo premio Nobel, Bob Dylan.

Molta nutrita la presenza italiana : Piefranco Bruni parla di Pirandello, di Quasimodo Silvano Trevisani, mentre il Dante dei Premi Nobel è il tema svolto da Giovanna Ioli. Montale e Quasimodo sono all’attenzione di Rosa Elisa Giangoia, e Sabino Caronia parla di Pirandello tra Sciasia e Debenedetti. Antonio Maria Masia affronta Dario Fo. Mentre Bruno Rombi parla di Neruda in Sardegna in rapporto a  Grazia Deledda e Franco Idone raccoglie i Nobel che salgono e quelli che scendono… Dal Venezuela, Antonio Mendoza offre un ritratto della polacca Wislawa Szybroska.

Il convegno sarà l’occasione anche per visitare i luoghi di cultura del territorio: a Pozzallo, dopo l’incontro con il Sindaco, ci sarà la visita alla Casa Natale e al Museo di Giorgio La Pira  e alla mostra didattica “ Pozzallo nel vortice del tempo- Pozzallo dalla preistoria al XXI secolo”  allestita presso l’Istituto Comprensivo A. Amore . A Ispica,  incontro  con il Sindaco e visita dei luoghi di” Divorzio all’italiana” di Pietro Germi e di Montalbano, il famoso commissario nato dalla penna di Andrea Camilleri. Infine a Modica per la casa di Salvatore Quasimodo e il Museo del cioccolato.

In conclusione del Convegno, come d’uso per gli incontri Internazionali dell’Associazione, verrà consegnato il Premio Europeo Farfa di cultura e territorio , che quest’anno andrà ad esponenti del territorio ibleo.

 



Maggiori informazioni https://aicl-org.webnode.it/

 

L'Association Internationale des Critiques Litteraires sbarca a Pozzallo

 

« Il Premio Nobel della letteratura nel mondo » è il tema che i critici e gli scrittori dell’Associazione Internazionale dei Critici letterari svolgeranno nel loro convegno annuale che si terrà a Pozzallo il 20-21 gennaio p.v.

Su invito ed organizzazione del prof. Corrado Monaca, Direttore Strategico cultura e territorio, l’AICL sbarca per la seconda volta in Sicilia dopo il Convegno di Gela del 2001, in occasione del centenario della nascita di Salvatore Quasimodo.

Nel 2017 ricorrono i centocinquanta anni dalla nascita del Premio Nobel Luigi Pirandello, del quale  insieme al premio Nobel Grazia Deledda proprio nel 2016 appena trascorso si sono celebrati gli ottanta anni dalla morte.

Per questo il Bureau Internazionale AICL, presieduto da Neria De Giovanni, ha invitato i delegati dell’Associazione a una riflessione sul valore dei Premi Nobel per la letteratura nei diversi Paesi del mondo.
Critici e scrittori provenienti dal Giappone, Spagna, Francia, USA, Venezuela, Romania, Albania , Catalogna, oltre che da diverse città italiane, Roma, Taranto, Genova, Torino, si confronteranno nella Scuola « A.Amore, presso l’Auditorium Paolo Monaca, appena inaugurato con la donazione da parte della famiglia Monaca di un busto di bronzo dell’artista Paolo Marazzi che con la sua arte unisce Baltico e Mediterraneo passando per Assisi.

In apertura un importante omaggio alla città che ospita il Convegno, con la relazione di Grazia Dormiente sul carteggio inedito tra Giorgio La Pira e Salvatore Quasimodo.

Per la Francia, Andrè Ughetto parlerà del Premio Nobel Federic Mistral e Jean Pierre Castellani di Albert Camus ; per la Spagna Angel Basanta, Segretario Generale dell’AICL, relazionerà su Camillo Josè Cela, mentre le catalane Josefa Contioch e Lulisa Julià parleranno della diffusione in Catalogna dei premi Nobel italiani Deledda, Pirandello e Quasimodo. Anche il romeno Horia Alupului omaggerà l’Italia con la sua relazione su Grazia Deledda in Romania, e Tudorel Radu offrirà un parallelo tra il nostro Pirandello e il romeno Brancusi  e Stefan Damian vicepresidente dell’AICL relazionerà sui luoghi di Salvatore Quasimodo. ’albanese Arjan Kallco omaggerà anche la Sicilia parlando di Quasimodo mentre Andrea Guiati che insegna in USA parlerà dell’ultimo premio Nobel, Bob Dylan.

Molta nutrita la presenza italiana : Piefranco Bruni parla di Pirandello, di Quasimodo Silvano Trevisani, mentre il Dante dei Premi Nobel è il tema svolto da Giovanna Ioli. Montale e Quasimodo sono all’attenzione di Rosa Elisa Giangoia, e Sabino Caronia parla di Pirandello tra Sciasia e Debenedetti. Antonio Maria Masia affronta Dario Fo. Mentre Bruno Rombi parla di Neruda in Sardegna in rapporto a  Grazia Deledda e Franco Idone raccoglie i Nobel che salgono e quelli che scendono… Dal Venezuela, Antonio Mendoza offre un ritratto della polacca Wislawa Szybroska.

Il convegno sarà l’occasione anche per visitare i luoghi di cultura del territorio: a Pozzallo, dopo l’incontro con il Sindaco, ci sarà la visita alla Casa Natale e al Museo di Giorgio La Pira  e alla mostra didattica “ Pozzallo nel vortice del tempo- Pozzallo dalla preistoria al XXI secolo”  allestita presso l’Istituto Comprensivo A. Amore . A Ispica,  incontro  con il Sindaco e visita dei luoghi di” Divorzio all’italiana” di Pietro Germi e di Montalbano, il famoso commissario nato dalla penna di Andrea Camilleri. Infine a Modica per la casa di Salvatore Quasimodo e il Museo del cioccolato.

In conclusione del Convegno, come d’uso per gli incontri Internazionali dell’Associazione, verrà consegnato il Premio Europeo Farfa di cultura e territorio , che quest’anno andrà ad esponenti del territorio ibleo.

 



Maggiori informazioni https://aicl-org.webnode.it/

 

L'Association Internationale des Critiques Litteraires sbarca a Pozzallo

 

« Il Premio Nobel della letteratura nel mondo » è il tema che i critici e gli scrittori dell’Associazione Internazionale dei Critici letterari svolgeranno nel loro convegno annuale che si terrà a Pozzallo il 20-21 gennaio p.v.

Su invito ed organizzazione del prof. Corrado Monaca, Direttore Strategico cultura e territorio, l’AICL sbarca per la seconda volta in Sicilia dopo il Convegno di Gela del 2001, in occasione del centenario della nascita di Salvatore Quasimodo.

Nel 2017 ricorrono i centocinquanta anni dalla nascita del Premio Nobel Luigi Pirandello, del quale  insieme al premio Nobel Grazia Deledda proprio nel 2016 appena trascorso si sono celebrati gli ottanta anni dalla morte.

Per questo il Bureau Internazionale AICL, presieduto da Neria De Giovanni, ha invitato i delegati dell’Associazione a una riflessione sul valore dei Premi Nobel per la letteratura nei diversi Paesi del mondo.
Critici e scrittori provenienti dal Giappone, Spagna, Francia, USA, Venezuela, Romania, Albania , Catalogna, oltre che da diverse città italiane, Roma, Taranto, Genova, Torino, si confronteranno nella Scuola « A.Amore, presso l’Auditorium Paolo Monaca, appena inaugurato con la donazione da parte della famiglia Monaca di un busto di bronzo dell’artista Paolo Marazzi che con la sua arte unisce Baltico e Mediterraneo passando per Assisi.

In apertura un importante omaggio alla città che ospita il Convegno, con la relazione di Grazia Dormiente sul carteggio inedito tra Giorgio La Pira e Salvatore Quasimodo.

Per la Francia, Andrè Ughetto parlerà del Premio Nobel Federic Mistral e Jean Pierre Castellani di Albert Camus ; per la Spagna Angel Basanta, Segretario Generale dell’AICL, relazionerà su Camillo Josè Cela, mentre le catalane Josefa Contioch e Lulisa Julià parleranno della diffusione in Catalogna dei premi Nobel italiani Deledda, Pirandello e Quasimodo. Anche il romeno Horia Alupului omaggerà l’Italia con la sua relazione su Grazia Deledda in Romania, e Tudorel Radu offrirà un parallelo tra il nostro Pirandello e il romeno Brancusi  e Stefan Damian vicepresidente dell’AICL relazionerà sui luoghi di Salvatore Quasimodo. ’albanese Arjan Kallco omaggerà anche la Sicilia parlando di Quasimodo mentre Andrea Guiati che insegna in USA parlerà dell’ultimo premio Nobel, Bob Dylan.

Molta nutrita la presenza italiana : Piefranco Bruni parla di Pirandello, di Quasimodo Silvano Trevisani, mentre il Dante dei Premi Nobel è il tema svolto da Giovanna Ioli. Montale e Quasimodo sono all’attenzione di Rosa Elisa Giangoia, e Sabino Caronia parla di Pirandello tra Sciasia e Debenedetti. Antonio Maria Masia affronta Dario Fo. Mentre Bruno Rombi parla di Neruda in Sardegna in rapporto a  Grazia Deledda e Franco Idone raccoglie i Nobel che salgono e quelli che scendono… Dal Venezuela, Antonio Mendoza offre un ritratto della polacca Wislawa Szybroska.

Il convegno sarà l’occasione anche per visitare i luoghi di cultura del territorio: a Pozzallo, dopo l’incontro con il Sindaco, ci sarà la visita alla Casa Natale e al Museo di Giorgio La Pira  e alla mostra didattica “ Pozzallo nel vortice del tempo- Pozzallo dalla preistoria al XXI secolo”  allestita presso l’Istituto Comprensivo A. Amore . A Ispica,  incontro  con il Sindaco e visita dei luoghi di” Divorzio all’italiana” di Pietro Germi e di Montalbano, il famoso commissario nato dalla penna di Andrea Camilleri. Infine a Modica per la casa di Salvatore Quasimodo e il Museo del cioccolato.

In conclusione del Convegno, come d’uso per gli incontri Internazionali dell’Associazione, verrà consegnato il Premio Europeo Farfa di cultura e territorio , che quest’anno andrà ad esponenti del territorio ibleo.

 



Maggiori informazioni https://aicl-org.webnode.it/

 

L'Association Internationale des Critiques Litteraires sbarca a Pozzallo

 

« Il Premio Nobel della letteratura nel mondo » è il tema che i critici e gli scrittori dell’Associazione Internazionale dei Critici letterari svolgeranno nel loro convegno annuale che si terrà a Pozzallo il 20-21 gennaio p.v.

Su invito ed organizzazione del prof. Corrado Monaca, Direttore Strategico cultura e territorio, l’AICL sbarca per la seconda volta in Sicilia dopo il Convegno di Gela del 2001, in occasione del centenario della nascita di Salvatore Quasimodo.

Nel 2017 ricorrono i centocinquanta anni dalla nascita del Premio Nobel Luigi Pirandello, del quale  insieme al premio Nobel Grazia Deledda proprio nel 2016 appena trascorso si sono celebrati gli ottanta anni dalla morte.

Per questo il Bureau Internazionale AICL, presieduto da Neria De Giovanni, ha invitato i delegati dell’Associazione a una riflessione sul valore dei Premi Nobel per la letteratura nei diversi Paesi del mondo.
Critici e scrittori provenienti dal Giappone, Spagna, Francia, USA, Venezuela, Romania, Albania , Catalogna, oltre che da diverse città italiane, Roma, Taranto, Genova, Torino, si confronteranno nella Scuola « A.Amore, presso l’Auditorium Paolo Monaca, appena inaugurato con la donazione da parte della famiglia Monaca di un busto di bronzo dell’artista Paolo Marazzi che con la sua arte unisce Baltico e Mediterraneo passando per Assisi.

In apertura un importante omaggio alla città che ospita il Convegno, con la relazione di Grazia Dormiente sul carteggio inedito tra Giorgio La Pira e Salvatore Quasimodo.

Per la Francia, Andrè Ughetto parlerà del Premio Nobel Federic Mistral e Jean Pierre Castellani di Albert Camus ; per la Spagna Angel Basanta, Segretario Generale dell’AICL, relazionerà su Camillo Josè Cela, mentre le catalane Josefa Contioch e Lulisa Julià parleranno della diffusione in Catalogna dei premi Nobel italiani Deledda, Pirandello e Quasimodo. Anche il romeno Horia Alupului omaggerà l’Italia con la sua relazione su Grazia Deledda in Romania, e Tudorel Radu offrirà un parallelo tra il nostro Pirandello e il romeno Brancusi  e Stefan Damian vicepresidente dell’AICL relazionerà sui luoghi di Salvatore Quasimodo. ’albanese Arjan Kallco omaggerà anche la Sicilia parlando di Quasimodo mentre Andrea Guiati che insegna in USA parlerà dell’ultimo premio Nobel, Bob Dylan.

Molta nutrita la presenza italiana : Piefranco Bruni parla di Pirandello, di Quasimodo Silvano Trevisani, mentre il Dante dei Premi Nobel è il tema svolto da Giovanna Ioli. Montale e Quasimodo sono all’attenzione di Rosa Elisa Giangoia, e Sabino Caronia parla di Pirandello tra Sciasia e Debenedetti. Antonio Maria Masia affronta Dario Fo. Mentre Bruno Rombi parla di Neruda in Sardegna in rapporto a  Grazia Deledda e Franco Idone raccoglie i Nobel che salgono e quelli che scendono… Dal Venezuela, Antonio Mendoza offre un ritratto della polacca Wislawa Szybroska.

Il convegno sarà l’occasione anche per visitare i luoghi di cultura del territorio: a Pozzallo, dopo l’incontro con il Sindaco, ci sarà la visita alla Casa Natale e al Museo di Giorgio La Pira  e alla mostra didattica “ Pozzallo nel vortice del tempo- Pozzallo dalla preistoria al XXI secolo”  allestita presso l’Istituto Comprensivo A. Amore . A Ispica,  incontro  con il Sindaco e visita dei luoghi di” Divorzio all’italiana” di Pietro Germi e di Montalbano, il famoso commissario nato dalla penna di Andrea Camilleri. Infine a Modica per la casa di Salvatore Quasimodo e il Museo del cioccolato.

In conclusione del Convegno, come d’uso per gli incontri Internazionali dell’Associazione, verrà consegnato il Premio Europeo Farfa di cultura e territorio , che quest’anno andrà ad esponenti del territorio ibleo.

 



Maggiori informazioni https://aicl-org.webnode.it/

 

L'Association Internationale des Critiques Litteraires sbarca a Pozzallo

 

« Il Premio Nobel della letteratura nel mondo » è il tema che i critici e gli scrittori dell’Associazione Internazionale dei Critici letterari svolgeranno nel loro convegno annuale che si terrà a Pozzallo il 20-21 gennaio p.v.

Su invito ed organizzazione del prof. Corrado Monaca, Direttore Strategico cultura e territorio, l’AICL sbarca per la seconda volta in Sicilia dopo il Convegno di Gela del 2001, in occasione del centenario della nascita di Salvatore Quasimodo.

Nel 2017 ricorrono i centocinquanta anni dalla nascita del Premio Nobel Luigi Pirandello, del quale  insieme al premio Nobel Grazia Deledda proprio nel 2016 appena trascorso si sono celebrati gli ottanta anni dalla morte.

Per questo il Bureau Internazionale AICL, presieduto da Neria De Giovanni, ha invitato i delegati dell’Associazione a una riflessione sul valore dei Premi Nobel per la letteratura nei diversi Paesi del mondo.
Critici e scrittori provenienti dal Giappone, Spagna, Francia, USA, Venezuela, Romania, Albania , Catalogna, oltre che da diverse città italiane, Roma, Taranto, Genova, Torino, si confronteranno nella Scuola « A.Amore, presso l’Auditorium Paolo Monaca, appena inaugurato con la donazione da parte della famiglia Monaca di un busto di bronzo dell’artista Paolo Marazzi che con la sua arte unisce Baltico e Mediterraneo passando per Assisi.

In apertura un importante omaggio alla città che ospita il Convegno, con la relazione di Grazia Dormiente sul carteggio inedito tra Giorgio La Pira e Salvatore Quasimodo.

Per la Francia, Andrè Ughetto parlerà del Premio Nobel Federic Mistral e Jean Pierre Castellani di Albert Camus ; per la Spagna Angel Basanta, Segretario Generale dell’AICL, relazionerà su Camillo Josè Cela, mentre le catalane Josefa Contioch e Lulisa Julià parleranno della diffusione in Catalogna dei premi Nobel italiani Deledda, Pirandello e Quasimodo. Anche il romeno Horia Alupului omaggerà l’Italia con la sua relazione su Grazia Deledda in Romania, e Tudorel Radu offrirà un parallelo tra il nostro Pirandello e il romeno Brancusi  e Stefan Damian vicepresidente dell’AICL relazionerà sui luoghi di Salvatore Quasimodo. ’albanese Arjan Kallco omaggerà anche la Sicilia parlando di Quasimodo mentre Andrea Guiati che insegna in USA parlerà dell’ultimo premio Nobel, Bob Dylan.

Molta nutrita la presenza italiana : Piefranco Bruni parla di Pirandello, di Quasimodo Silvano Trevisani, mentre il Dante dei Premi Nobel è il tema svolto da Giovanna Ioli. Montale e Quasimodo sono all’attenzione di Rosa Elisa Giangoia, e Sabino Caronia parla di Pirandello tra Sciasia e Debenedetti. Antonio Maria Masia affronta Dario Fo. Mentre Bruno Rombi parla di Neruda in Sardegna in rapporto a  Grazia Deledda e Franco Idone raccoglie i Nobel che salgono e quelli che scendono… Dal Venezuela, Antonio Mendoza offre un ritratto della polacca Wislawa Szybroska.

Il convegno sarà l’occasione anche per visitare i luoghi di cultura del territorio: a Pozzallo, dopo l’incontro con il Sindaco, ci sarà la visita alla Casa Natale e al Museo di Giorgio La Pira  e alla mostra didattica “ Pozzallo nel vortice del tempo- Pozzallo dalla preistoria al XXI secolo”  allestita presso l’Istituto Comprensivo A. Amore . A Ispica,  incontro  con il Sindaco e visita dei luoghi di” Divorzio all’italiana” di Pietro Germi e di Montalbano, il famoso commissario nato dalla penna di Andrea Camilleri. Infine a Modica per la casa di Salvatore Quasimodo e il Museo del cioccolato.

In conclusione del Convegno, come d’uso per gli incontri Internazionali dell’Associazione, verrà consegnato il Premio Europeo Farfa di cultura e territorio , che quest’anno andrà ad esponenti del territorio ibleo.

 



Maggiori informazioni https://aicl-org.webnode.it/

 

L'Association Internationale des Critiques Litteraires sbarca a Pozzallo

 

« Il Premio Nobel della letteratura nel mondo » è il tema che i critici e gli scrittori dell’Associazione Internazionale dei Critici letterari svolgeranno nel loro convegno annuale che si terrà a Pozzallo il 20-21 gennaio p.v.

Su invito ed organizzazione del prof. Corrado Monaca, Direttore Strategico cultura e territorio, l’AICL sbarca per la seconda volta in Sicilia dopo il Convegno di Gela del 2001, in occasione del centenario della nascita di Salvatore Quasimodo.

Nel 2017 ricorrono i centocinquanta anni dalla nascita del Premio Nobel Luigi Pirandello, del quale  insieme al premio Nobel Grazia Deledda proprio nel 2016 appena trascorso si sono celebrati gli ottanta anni dalla morte.

Per questo il Bureau Internazionale AICL, presieduto da Neria De Giovanni, ha invitato i delegati dell’Associazione a una riflessione sul valore dei Premi Nobel per la letteratura nei diversi Paesi del mondo.
Critici e scrittori provenienti dal Giappone, Spagna, Francia, USA, Venezuela, Romania, Albania , Catalogna, oltre che da diverse città italiane, Roma, Taranto, Genova, Torino, si confronteranno nella Scuola « A.Amore, presso l’Auditorium Paolo Monaca, appena inaugurato con la donazione da parte della famiglia Monaca di un busto di bronzo dell’artista Paolo Marazzi che con la sua arte unisce Baltico e Mediterraneo passando per Assisi.

In apertura un importante omaggio alla città che ospita il Convegno, con la relazione di Grazia Dormiente sul carteggio inedito tra Giorgio La Pira e Salvatore Quasimodo.

Per la Francia, Andrè Ughetto parlerà del Premio Nobel Federic Mistral e Jean Pierre Castellani di Albert Camus ; per la Spagna Angel Basanta, Segretario Generale dell’AICL, relazionerà su Camillo Josè Cela, mentre le catalane Josefa Contioch e Lulisa Julià parleranno della diffusione in Catalogna dei premi Nobel italiani Deledda, Pirandello e Quasimodo. Anche il romeno Horia Alupului omaggerà l’Italia con la sua relazione su Grazia Deledda in Romania, e Tudorel Radu offrirà un parallelo tra il nostro Pirandello e il romeno Brancusi  e Stefan Damian vicepresidente dell’AICL relazionerà sui luoghi di Salvatore Quasimodo. ’albanese Arjan Kallco omaggerà anche la Sicilia parlando di Quasimodo mentre Andrea Guiati che insegna in USA parlerà dell’ultimo premio Nobel, Bob Dylan.

Molta nutrita la presenza italiana : Piefranco Bruni parla di Pirandello, di Quasimodo Silvano Trevisani, mentre il Dante dei Premi Nobel è il tema svolto da Giovanna Ioli. Montale e Quasimodo sono all’attenzione di Rosa Elisa Giangoia, e Sabino Caronia parla di Pirandello tra Sciasia e Debenedetti. Antonio Maria Masia affronta Dario Fo. Mentre Bruno Rombi parla di Neruda in Sardegna in rapporto a  Grazia Deledda e Franco Idone raccoglie i Nobel che salgono e quelli che scendono… Dal Venezuela, Antonio Mendoza offre un ritratto della polacca Wislawa Szybroska.

Il convegno sarà l’occasione anche per visitare i luoghi di cultura del territorio: a Pozzallo, dopo l’incontro con il Sindaco, ci sarà la visita alla Casa Natale e al Museo di Giorgio La Pira  e alla mostra didattica “ Pozzallo nel vortice del tempo- Pozzallo dalla preistoria al XXI secolo”  allestita presso l’Istituto Comprensivo A. Amore . A Ispica,  incontro  con il Sindaco e visita dei luoghi di” Divorzio all’italiana” di Pietro Germi e di Montalbano, il famoso commissario nato dalla penna di Andrea Camilleri. Infine a Modica per la casa di Salvatore Quasimodo e il Museo del cioccolato.

In conclusione del Convegno, come d’uso per gli incontri Internazionali dell’Associazione, verrà consegnato il Premio Europeo Farfa di cultura e territorio , che quest’anno andrà ad esponenti del territorio ibleo.

 



Maggiori informazioni https://aicl-org.webnode.it/

 

L'Association Internationale des Critiques Litteraires sbarca a Pozzallo

 

« Il Premio Nobel della letteratura nel mondo » è il tema che i critici e gli scrittori dell’Associazione Internazionale dei Critici letterari svolgeranno nel loro convegno annuale che si terrà a Pozzallo il 20-21 gennaio p.v.

Su invito ed organizzazione del prof. Corrado Monaca, Direttore Strategico cultura e territorio, l’AICL sbarca per la seconda volta in Sicilia dopo il Convegno di Gela del 2001, in occasione del centenario della nascita di Salvatore Quasimodo.

Nel 2017 ricorrono i centocinquanta anni dalla nascita del Premio Nobel Luigi Pirandello, del quale  insieme al premio Nobel Grazia Deledda proprio nel 2016 appena trascorso si sono celebrati gli ottanta anni dalla morte.

Per questo il Bureau Internazionale AICL, presieduto da Neria De Giovanni, ha invitato i delegati dell’Associazione a una riflessione sul valore dei Premi Nobel per la letteratura nei diversi Paesi del mondo.
Critici e scrittori provenienti dal Giappone, Spagna, Francia, USA, Venezuela, Romania, Albania , Catalogna, oltre che da diverse città italiane, Roma, Taranto, Genova, Torino, si confronteranno nella Scuola « A.Amore, presso l’Auditorium Paolo Monaca, appena inaugurato con la donazione da parte della famiglia Monaca di un busto di bronzo dell’artista Paolo Marazzi che con la sua arte unisce Baltico e Mediterraneo passando per Assisi.

In apertura un importante omaggio alla città che ospita il Convegno, con la relazione di Grazia Dormiente sul carteggio inedito tra Giorgio La Pira e Salvatore Quasimodo.

Per la Francia, Andrè Ughetto parlerà del Premio Nobel Federic Mistral e Jean Pierre Castellani di Albert Camus ; per la Spagna Angel Basanta, Segretario Generale dell’AICL, relazionerà su Camillo Josè Cela, mentre le catalane Josefa Contioch e Lulisa Julià parleranno della diffusione in Catalogna dei premi Nobel italiani Deledda, Pirandello e Quasimodo. Anche il romeno Horia Alupului omaggerà l’Italia con la sua relazione su Grazia Deledda in Romania, e Tudorel Radu offrirà un parallelo tra il nostro Pirandello e il romeno Brancusi  e Stefan Damian vicepresidente dell’AICL relazionerà sui luoghi di Salvatore Quasimodo. ’albanese Arjan Kallco omaggerà anche la Sicilia parlando di Quasimodo mentre Andrea Guiati che insegna in USA parlerà dell’ultimo premio Nobel, Bob Dylan.

Molta nutrita la presenza italiana : Piefranco Bruni parla di Pirandello, di Quasimodo Silvano Trevisani, mentre il Dante dei Premi Nobel è il tema svolto da Giovanna Ioli. Montale e Quasimodo sono all’attenzione di Rosa Elisa Giangoia, e Sabino Caronia parla di Pirandello tra Sciasia e Debenedetti. Antonio Maria Masia affronta Dario Fo. Mentre Bruno Rombi parla di Neruda in Sardegna in rapporto a  Grazia Deledda e Franco Idone raccoglie i Nobel che salgono e quelli che scendono… Dal Venezuela, Antonio Mendoza offre un ritratto della polacca Wislawa Szybroska.

Il convegno sarà l’occasione anche per visitare i luoghi di cultura del territorio: a Pozzallo, dopo l’incontro con il Sindaco, ci sarà la visita alla Casa Natale e al Museo di Giorgio La Pira  e alla mostra didattica “ Pozzallo nel vortice del tempo- Pozzallo dalla preistoria al XXI secolo”  allestita presso l’Istituto Comprensivo A. Amore . A Ispica,  incontro  con il Sindaco e visita dei luoghi di” Divorzio all’italiana” di Pietro Germi e di Montalbano, il famoso commissario nato dalla penna di Andrea Camilleri. Infine a Modica per la casa di Salvatore Quasimodo e il Museo del cioccolato.

In conclusione del Convegno, come d’uso per gli incontri Internazionali dell’Associazione, verrà consegnato il Premio Europeo Farfa di cultura e territorio , che quest’anno andrà ad esponenti del territorio ibleo.

 



Maggiori informazioni https://aicl-org.webnode.it/

 

L'Association Internationale des Critiques Litteraires sbarca a Pozzallo

 

« Il Premio Nobel della letteratura nel mondo » è il tema che i critici e gli scrittori dell’Associazione Internazionale dei Critici letterari svolgeranno nel loro convegno annuale che si terrà a Pozzallo il 20-21 gennaio p.v.

Su invito ed organizzazione del prof. Corrado Monaca, Direttore Strategico cultura e territorio, l’AICL sbarca per la seconda volta in Sicilia dopo il Convegno di Gela del 2001, in occasione del centenario della nascita di Salvatore Quasimodo.

Nel 2017 ricorrono i centocinquanta anni dalla nascita del Premio Nobel Luigi Pirandello, del quale  insieme al premio Nobel Grazia Deledda proprio nel 2016 appena trascorso si sono celebrati gli ottanta anni dalla morte.

Per questo il Bureau Internazionale AICL, presieduto da Neria De Giovanni, ha invitato i delegati dell’Associazione a una riflessione sul valore dei Premi Nobel per la letteratura nei diversi Paesi del mondo.
Critici e scrittori provenienti dal Giappone, Spagna, Francia, USA, Venezuela, Romania, Albania , Catalogna, oltre che da diverse città italiane, Roma, Taranto, Genova, Torino, si confronteranno nella Scuola « A.Amore, presso l’Auditorium Paolo Monaca, appena inaugurato con la donazione da parte della famiglia Monaca di un busto di bronzo dell’artista Paolo Marazzi che con la sua arte unisce Baltico e Mediterraneo passando per Assisi.

In apertura un importante omaggio alla città che ospita il Convegno, con la relazione di Grazia Dormiente sul carteggio inedito tra Giorgio La Pira e Salvatore Quasimodo.

Per la Francia, Andrè Ughetto parlerà del Premio Nobel Federic Mistral e Jean Pierre Castellani di Albert Camus ; per la Spagna Angel Basanta, Segretario Generale dell’AICL, relazionerà su Camillo Josè Cela, mentre le catalane Josefa Contioch e Lulisa Julià parleranno della diffusione in Catalogna dei premi Nobel italiani Deledda, Pirandello e Quasimodo. Anche il romeno Horia Alupului omaggerà l’Italia con la sua relazione su Grazia Deledda in Romania, e Tudorel Radu offrirà un parallelo tra il nostro Pirandello e il romeno Brancusi  e Stefan Damian vicepresidente dell’AICL relazionerà sui luoghi di Salvatore Quasimodo. ’albanese Arjan Kallco omaggerà anche la Sicilia parlando di Quasimodo mentre Andrea Guiati che insegna in USA parlerà dell’ultimo premio Nobel, Bob Dylan.

Molta nutrita la presenza italiana : Piefranco Bruni parla di Pirandello, di Quasimodo Silvano Trevisani, mentre il Dante dei Premi Nobel è il tema svolto da Giovanna Ioli. Montale e Quasimodo sono all’attenzione di Rosa Elisa Giangoia, e Sabino Caronia parla di Pirandello tra Sciasia e Debenedetti. Antonio Maria Masia affronta Dario Fo. Mentre Bruno Rombi parla di Neruda in Sardegna in rapporto a  Grazia Deledda e Franco Idone raccoglie i Nobel che salgono e quelli che scendono… Dal Venezuela, Antonio Mendoza offre un ritratto della polacca Wislawa Szybroska.

Il convegno sarà l’occasione anche per visitare i luoghi di cultura del territorio: a Pozzallo, dopo l’incontro con il Sindaco, ci sarà la visita alla Casa Natale e al Museo di Giorgio La Pira  e alla mostra didattica “ Pozzallo nel vortice del tempo- Pozzallo dalla preistoria al XXI secolo”  allestita presso l’Istituto Comprensivo A. Amore . A Ispica,  incontro  con il Sindaco e visita dei luoghi di” Divorzio all’italiana” di Pietro Germi e di Montalbano, il famoso commissario nato dalla penna di Andrea Camilleri. Infine a Modica per la casa di Salvatore Quasimodo e il Museo del cioccolato.

In conclusione del Convegno, come d’uso per gli incontri Internazionali dell’Associazione, verrà consegnato il Premio Europeo Farfa di cultura e territorio , che quest’anno andrà ad esponenti del territorio ibleo.

 



Maggiori informazioni https://aicl-org.webnode.it/

 

L'Association Internationale des Critiques Litteraires sbarca a Pozzallo

 

« Il Premio Nobel della letteratura nel mondo » è il tema che i critici e gli scrittori dell’Associazione Internazionale dei Critici letterari svolgeranno nel loro convegno annuale che si terrà a Pozzallo il 20-21 gennaio p.v.

Su invito ed organizzazione del prof. Corrado Monaca, Direttore Strategico cultura e territorio, l’AICL sbarca per la seconda volta in Sicilia dopo il Convegno di Gela del 2001, in occasione del centenario della nascita di Salvatore Quasimodo.

Nel 2017 ricorrono i centocinquanta anni dalla nascita del Premio Nobel Luigi Pirandello, del quale  insieme al premio Nobel Grazia Deledda proprio nel 2016 appena trascorso si sono celebrati gli ottanta anni dalla morte.

Per questo il Bureau Internazionale AICL, presieduto da Neria De Giovanni, ha invitato i delegati dell’Associazione a una riflessione sul valore dei Premi Nobel per la letteratura nei diversi Paesi del mondo.
Critici e scrittori provenienti dal Giappone, Spagna, Francia, USA, Venezuela, Romania, Albania , Catalogna, oltre che da diverse città italiane, Roma, Taranto, Genova, Torino, si confronteranno nella Scuola « A.Amore, presso l’Auditorium Paolo Monaca, appena inaugurato con la donazione da parte della famiglia Monaca di un busto di bronzo dell’artista Paolo Marazzi che con la sua arte unisce Baltico e Mediterraneo passando per Assisi.

In apertura un importante omaggio alla città che ospita il Convegno, con la relazione di Grazia Dormiente sul carteggio inedito tra Giorgio La Pira e Salvatore Quasimodo.

Per la Francia, Andrè Ughetto parlerà del Premio Nobel Federic Mistral e Jean Pierre Castellani di Albert Camus ; per la Spagna Angel Basanta, Segretario Generale dell’AICL, relazionerà su Camillo Josè Cela, mentre le catalane Josefa Contioch e Lulisa Julià parleranno della diffusione in Catalogna dei premi Nobel italiani Deledda, Pirandello e Quasimodo. Anche il romeno Horia Alupului omaggerà l’Italia con la sua relazione su Grazia Deledda in Romania, e Tudorel Radu offrirà un parallelo tra il nostro Pirandello e il romeno Brancusi  e Stefan Damian vicepresidente dell’AICL relazionerà sui luoghi di Salvatore Quasimodo. ’albanese Arjan Kallco omaggerà anche la Sicilia parlando di Quasimodo mentre Andrea Guiati che insegna in USA parlerà dell’ultimo premio Nobel, Bob Dylan.

Molta nutrita la presenza italiana : Piefranco Bruni parla di Pirandello, di Quasimodo Silvano Trevisani, mentre il Dante dei Premi Nobel è il tema svolto da Giovanna Ioli. Montale e Quasimodo sono all’attenzione di Rosa Elisa Giangoia, e Sabino Caronia parla di Pirandello tra Sciasia e Debenedetti. Antonio Maria Masia affronta Dario Fo. Mentre Bruno Rombi parla di Neruda in Sardegna in rapporto a  Grazia Deledda e Franco Idone raccoglie i Nobel che salgono e quelli che scendono… Dal Venezuela, Antonio Mendoza offre un ritratto della polacca Wislawa Szybroska.

Il convegno sarà l’occasione anche per visitare i luoghi di cultura del territorio: a Pozzallo, dopo l’incontro con il Sindaco, ci sarà la visita alla Casa Natale e al Museo di Giorgio La Pira  e alla mostra didattica “ Pozzallo nel vortice del tempo- Pozzallo dalla preistoria al XXI secolo”  allestita presso l’Istituto Comprensivo A. Amore . A Ispica,  incontro  con il Sindaco e visita dei luoghi di” Divorzio all’italiana” di Pietro Germi e di Montalbano, il famoso commissario nato dalla penna di Andrea Camilleri. Infine a Modica per la casa di Salvatore Quasimodo e il Museo del cioccolato.

In conclusione del Convegno, come d’uso per gli incontri Internazionali dell’Associazione, verrà consegnato il Premio Europeo Farfa di cultura e territorio , che quest’anno andrà ad esponenti del territorio ibleo.

 



Maggiori informazioni https://aicl-org.webnode.it/

 

L'Association Internationale des Critiques Litteraires sbarca a Pozzallo

 

« Il Premio Nobel della letteratura nel mondo » è il tema che i critici e gli scrittori dell’Associazione Internazionale dei Critici letterari svolgeranno nel loro convegno annuale che si terrà a Pozzallo il 20-21 gennaio p.v.

Su invito ed organizzazione del prof. Corrado Monaca, Direttore Strategico cultura e territorio, l’AICL sbarca per la seconda volta in Sicilia dopo il Convegno di Gela del 2001, in occasione del centenario della nascita di Salvatore Quasimodo.

Nel 2017 ricorrono i centocinquanta anni dalla nascita del Premio Nobel Luigi Pirandello, del quale  insieme al premio Nobel Grazia Deledda proprio nel 2016 appena trascorso si sono celebrati gli ottanta anni dalla morte.

Per questo il Bureau Internazionale AICL, presieduto da Neria De Giovanni, ha invitato i delegati dell’Associazione a una riflessione sul valore dei Premi Nobel per la letteratura nei diversi Paesi del mondo.
Critici e scrittori provenienti dal Giappone, Spagna, Francia, USA, Venezuela, Romania, Albania , Catalogna, oltre che da diverse città italiane, Roma, Taranto, Genova, Torino, si confronteranno nella Scuola « A.Amore, presso l’Auditorium Paolo Monaca, appena inaugurato con la donazione da parte della famiglia Monaca di un busto di bronzo dell’artista Paolo Marazzi che con la sua arte unisce Baltico e Mediterraneo passando per Assisi.

In apertura un importante omaggio alla città che ospita il Convegno, con la relazione di Grazia Dormiente sul carteggio inedito tra Giorgio La Pira e Salvatore Quasimodo.

Per la Francia, Andrè Ughetto parlerà del Premio Nobel Federic Mistral e Jean Pierre Castellani di Albert Camus ; per la Spagna Angel Basanta, Segretario Generale dell’AICL, relazionerà su Camillo Josè Cela, mentre le catalane Josefa Contioch e Lulisa Julià parleranno della diffusione in Catalogna dei premi Nobel italiani Deledda, Pirandello e Quasimodo. Anche il romeno Horia Alupului omaggerà l’Italia con la sua relazione su Grazia Deledda in Romania, e Tudorel Radu offrirà un parallelo tra il nostro Pirandello e il romeno Brancusi  e Stefan Damian vicepresidente dell’AICL relazionerà sui luoghi di Salvatore Quasimodo. ’albanese Arjan Kallco omaggerà anche la Sicilia parlando di Quasimodo mentre Andrea Guiati che insegna in USA parlerà dell’ultimo premio Nobel, Bob Dylan.

Molta nutrita la presenza italiana : Piefranco Bruni parla di Pirandello, di Quasimodo Silvano Trevisani, mentre il Dante dei Premi Nobel è il tema svolto da Giovanna Ioli. Montale e Quasimodo sono all’attenzione di Rosa Elisa Giangoia, e Sabino Caronia parla di Pirandello tra Sciasia e Debenedetti. Antonio Maria Masia affronta Dario Fo. Mentre Bruno Rombi parla di Neruda in Sardegna in rapporto a  Grazia Deledda e Franco Idone raccoglie i Nobel che salgono e quelli che scendono… Dal Venezuela, Antonio Mendoza offre un ritratto della polacca Wislawa Szybroska.

Il convegno sarà l’occasione anche per visitare i luoghi di cultura del territorio: a Pozzallo, dopo l’incontro con il Sindaco, ci sarà la visita alla Casa Natale e al Museo di Giorgio La Pira  e alla mostra didattica “ Pozzallo nel vortice del tempo- Pozzallo dalla preistoria al XXI secolo”  allestita presso l’Istituto Comprensivo A. Amore . A Ispica,  incontro  con il Sindaco e visita dei luoghi di” Divorzio all’italiana” di Pietro Germi e di Montalbano, il famoso commissario nato dalla penna di Andrea Camilleri. Infine a Modica per la casa di Salvatore Quasimodo e il Museo del cioccolato.

In conclusione del Convegno, come d’uso per gli incontri Internazionali dell’Associazione, verrà consegnato il Premio Europeo Farfa di cultura e territorio , che quest’anno andrà ad esponenti del territorio ibleo.

 



Maggiori informazioni https://aicl-org.webnode.it/

 

L'Association Internationale des Critiques Litteraires sbarca a Pozzallo

 

« Il Premio Nobel della letteratura nel mondo » è il tema che i critici e gli scrittori dell’Associazione Internazionale dei Critici letterari svolgeranno nel loro convegno annuale che si terrà a Pozzallo il 20-21 gennaio p.v.

Su invito ed organizzazione del prof. Corrado Monaca, Direttore Strategico cultura e territorio, l’AICL sbarca per la seconda volta in Sicilia dopo il Convegno di Gela del 2001, in occasione del centenario della nascita di Salvatore Quasimodo.

Nel 2017 ricorrono i centocinquanta anni dalla nascita del Premio Nobel Luigi Pirandello, del quale  insieme al premio Nobel Grazia Deledda proprio nel 2016 appena trascorso si sono celebrati gli ottanta anni dalla morte.

Per questo il Bureau Internazionale AICL, presieduto da Neria De Giovanni, ha invitato i delegati dell’Associazione a una riflessione sul valore dei Premi Nobel per la letteratura nei diversi Paesi del mondo.
Critici e scrittori provenienti dal Giappone, Spagna, Francia, USA, Venezuela, Romania, Albania , Catalogna, oltre che da diverse città italiane, Roma, Taranto, Genova, Torino, si confronteranno nella Scuola « A.Amore, presso l’Auditorium Paolo Monaca, appena inaugurato con la donazione da parte della famiglia Monaca di un busto di bronzo dell’artista Paolo Marazzi che con la sua arte unisce Baltico e Mediterraneo passando per Assisi.

In apertura un importante omaggio alla città che ospita il Convegno, con la relazione di Grazia Dormiente sul carteggio inedito tra Giorgio La Pira e Salvatore Quasimodo.

Per la Francia, Andrè Ughetto parlerà del Premio Nobel Federic Mistral e Jean Pierre Castellani di Albert Camus ; per la Spagna Angel Basanta, Segretario Generale dell’AICL, relazionerà su Camillo Josè Cela, mentre le catalane Josefa Contioch e Lulisa Julià parleranno della diffusione in Catalogna dei premi Nobel italiani Deledda, Pirandello e Quasimodo. Anche il romeno Horia Alupului omaggerà l’Italia con la sua relazione su Grazia Deledda in Romania, e Tudorel Radu offrirà un parallelo tra il nostro Pirandello e il romeno Brancusi  e Stefan Damian vicepresidente dell’AICL relazionerà sui luoghi di Salvatore Quasimodo. ’albanese Arjan Kallco omaggerà anche la Sicilia parlando di Quasimodo mentre Andrea Guiati che insegna in USA parlerà dell’ultimo premio Nobel, Bob Dylan.

Molta nutrita la presenza italiana : Piefranco Bruni parla di Pirandello, di Quasimodo Silvano Trevisani, mentre il Dante dei Premi Nobel è il tema svolto da Giovanna Ioli. Montale e Quasimodo sono all’attenzione di Rosa Elisa Giangoia, e Sabino Caronia parla di Pirandello tra Sciasia e Debenedetti. Antonio Maria Masia affronta Dario Fo. Mentre Bruno Rombi parla di Neruda in Sardegna in rapporto a  Grazia Deledda e Franco Idone raccoglie i Nobel che salgono e quelli che scendono… Dal Venezuela, Antonio Mendoza offre un ritratto della polacca Wislawa Szybroska.

Il convegno sarà l’occasione anche per visitare i luoghi di cultura del territorio: a Pozzallo, dopo l’incontro con il Sindaco, ci sarà la visita alla Casa Natale e al Museo di Giorgio La Pira  e alla mostra didattica “ Pozzallo nel vortice del tempo- Pozzallo dalla preistoria al XXI secolo”  allestita presso l’Istituto Comprensivo A. Amore . A Ispica,  incontro  con il Sindaco e visita dei luoghi di” Divorzio all’italiana” di Pietro Germi e di Montalbano, il famoso commissario nato dalla penna di Andrea Camilleri. Infine a Modica per la casa di Salvatore Quasimodo e il Museo del cioccolato.

In conclusione del Convegno, come d’uso per gli incontri Internazionali dell’Associazione, verrà consegnato il Premio Europeo Farfa di cultura e territorio , che quest’anno andrà ad esponenti del territorio ibleo.

 



Maggiori informazioni https://aicl-org.webnode.it/

 

L'Association Internationale des Critiques Litteraires sbarca a Pozzallo

 

« Il Premio Nobel della letteratura nel mondo » è il tema che i critici e gli scrittori dell’Associazione Internazionale dei Critici letterari svolgeranno nel loro convegno annuale che si terrà a Pozzallo il 20-21 gennaio p.v.

Su invito ed organizzazione del prof. Corrado Monaca, Direttore Strategico cultura e territorio, l’AICL sbarca per la seconda volta in Sicilia dopo il Convegno di Gela del 2001, in occasione del centenario della nascita di Salvatore Quasimodo.

Nel 2017 ricorrono i centocinquanta anni dalla nascita del Premio Nobel Luigi Pirandello, del quale  insieme al premio Nobel Grazia Deledda proprio nel 2016 appena trascorso si sono celebrati gli ottanta anni dalla morte.

Per questo il Bureau Internazionale AICL, presieduto da Neria De Giovanni, ha invitato i delegati dell’Associazione a una riflessione sul valore dei Premi Nobel per la letteratura nei diversi Paesi del mondo.
Critici e scrittori provenienti dal Giappone, Spagna, Francia, USA, Venezuela, Romania, Albania , Catalogna, oltre che da diverse città italiane, Roma, Taranto, Genova, Torino, si confronteranno nella Scuola « A.Amore, presso l’Auditorium Paolo Monaca, appena inaugurato con la donazione da parte della famiglia Monaca di un busto di bronzo dell’artista Paolo Marazzi che con la sua arte unisce Baltico e Mediterraneo passando per Assisi.

In apertura un importante omaggio alla città che ospita il Convegno, con la relazione di Grazia Dormiente sul carteggio inedito tra Giorgio La Pira e Salvatore Quasimodo.

Per la Francia, Andrè Ughetto parlerà del Premio Nobel Federic Mistral e Jean Pierre Castellani di Albert Camus ; per la Spagna Angel Basanta, Segretario Generale dell’AICL, relazionerà su Camillo Josè Cela, mentre le catalane Josefa Contioch e Lulisa Julià parleranno della diffusione in Catalogna dei premi Nobel italiani Deledda, Pirandello e Quasimodo. Anche il romeno Horia Alupului omaggerà l’Italia con la sua relazione su Grazia Deledda in Romania, e Tudorel Radu offrirà un parallelo tra il nostro Pirandello e il romeno Brancusi  e Stefan Damian vicepresidente dell’AICL relazionerà sui luoghi di Salvatore Quasimodo. ’albanese Arjan Kallco omaggerà anche la Sicilia parlando di Quasimodo mentre Andrea Guiati che insegna in USA parlerà dell’ultimo premio Nobel, Bob Dylan.

Molta nutrita la presenza italiana : Piefranco Bruni parla di Pirandello, di Quasimodo Silvano Trevisani, mentre il Dante dei Premi Nobel è il tema svolto da Giovanna Ioli. Montale e Quasimodo sono all’attenzione di Rosa Elisa Giangoia, e Sabino Caronia parla di Pirandello tra Sciasia e Debenedetti. Antonio Maria Masia affronta Dario Fo. Mentre Bruno Rombi parla di Neruda in Sardegna in rapporto a  Grazia Deledda e Franco Idone raccoglie i Nobel che salgono e quelli che scendono… Dal Venezuela, Antonio Mendoza offre un ritratto della polacca Wislawa Szybroska.

Il convegno sarà l’occasione anche per visitare i luoghi di cultura del territorio: a Pozzallo, dopo l’incontro con il Sindaco, ci sarà la visita alla Casa Natale e al Museo di Giorgio La Pira  e alla mostra didattica “ Pozzallo nel vortice del tempo- Pozzallo dalla preistoria al XXI secolo”  allestita presso l’Istituto Comprensivo A. Amore . A Ispica,  incontro  con il Sindaco e visita dei luoghi di” Divorzio all’italiana” di Pietro Germi e di Montalbano, il famoso commissario nato dalla penna di Andrea Camilleri. Infine a Modica per la casa di Salvatore Quasimodo e il Museo del cioccolato.

In conclusione del Convegno, come d’uso per gli incontri Internazionali dell’Associazione, verrà consegnato il Premio Europeo Farfa di cultura e territorio , che quest’anno andrà ad esponenti del territorio ibleo.

 



Maggiori informazioni https://aicl-org.webnode.it/

 

L'Association Internationale des Critiques Litteraires sbarca a Pozzallo

 

« Il Premio Nobel della letteratura nel mondo » è il tema che i critici e gli scrittori dell’Associazione Internazionale dei Critici letterari svolgeranno nel loro convegno annuale che si terrà a Pozzallo il 20-21 gennaio p.v.

Su invito ed organizzazione del prof. Corrado Monaca, Direttore Strategico cultura e territorio, l’AICL sbarca per la seconda volta in Sicilia dopo il Convegno di Gela del 2001, in occasione del centenario della nascita di Salvatore Quasimodo.

Nel 2017 ricorrono i centocinquanta anni dalla nascita del Premio Nobel Luigi Pirandello, del quale  insieme al premio Nobel Grazia Deledda proprio nel 2016 appena trascorso si sono celebrati gli ottanta anni dalla morte.

Per questo il Bureau Internazionale AICL, presieduto da Neria De Giovanni, ha invitato i delegati dell’Associazione a una riflessione sul valore dei Premi Nobel per la letteratura nei diversi Paesi del mondo.
Critici e scrittori provenienti dal Giappone, Spagna, Francia, USA, Venezuela, Romania, Albania , Catalogna, oltre che da diverse città italiane, Roma, Taranto, Genova, Torino, si confronteranno nella Scuola « A.Amore, presso l’Auditorium Paolo Monaca, appena inaugurato con la donazione da parte della famiglia Monaca di un busto di bronzo dell’artista Paolo Marazzi che con la sua arte unisce Baltico e Mediterraneo passando per Assisi.

In apertura un importante omaggio alla città che ospita il Convegno, con la relazione di Grazia Dormiente sul carteggio inedito tra Giorgio La Pira e Salvatore Quasimodo.

Per la Francia, Andrè Ughetto parlerà del Premio Nobel Federic Mistral e Jean Pierre Castellani di Albert Camus ; per la Spagna Angel Basanta, Segretario Generale dell’AICL, relazionerà su Camillo Josè Cela, mentre le catalane Josefa Contioch e Lulisa Julià parleranno della diffusione in Catalogna dei premi Nobel italiani Deledda, Pirandello e Quasimodo. Anche il romeno Horia Alupului omaggerà l’Italia con la sua relazione su Grazia Deledda in Romania, e Tudorel Radu offrirà un parallelo tra il nostro Pirandello e il romeno Brancusi  e Stefan Damian vicepresidente dell’AICL relazionerà sui luoghi di Salvatore Quasimodo. ’albanese Arjan Kallco omaggerà anche la Sicilia parlando di Quasimodo mentre Andrea Guiati che insegna in USA parlerà dell’ultimo premio Nobel, Bob Dylan.

Molta nutrita la presenza italiana : Piefranco Bruni parla di Pirandello, di Quasimodo Silvano Trevisani, mentre il Dante dei Premi Nobel è il tema svolto da Giovanna Ioli. Montale e Quasimodo sono all’attenzione di Rosa Elisa Giangoia, e Sabino Caronia parla di Pirandello tra Sciasia e Debenedetti. Antonio Maria Masia affronta Dario Fo. Mentre Bruno Rombi parla di Neruda in Sardegna in rapporto a  Grazia Deledda e Franco Idone raccoglie i Nobel che salgono e quelli che scendono… Dal Venezuela, Antonio Mendoza offre un ritratto della polacca Wislawa Szybroska.

Il convegno sarà l’occasione anche per visitare i luoghi di cultura del territorio: a Pozzallo, dopo l’incontro con il Sindaco, ci sarà la visita alla Casa Natale e al Museo di Giorgio La Pira  e alla mostra didattica “ Pozzallo nel vortice del tempo- Pozzallo dalla preistoria al XXI secolo”  allestita presso l’Istituto Comprensivo A. Amore . A Ispica,  incontro  con il Sindaco e visita dei luoghi di” Divorzio all’italiana” di Pietro Germi e di Montalbano, il famoso commissario nato dalla penna di Andrea Camilleri. Infine a Modica per la casa di Salvatore Quasimodo e il Museo del cioccolato.

In conclusione del Convegno, come d’uso per gli incontri Internazionali dell’Associazione, verrà consegnato il Premio Europeo Farfa di cultura e territorio , che quest’anno andrà ad esponenti del territorio ibleo.

 



Maggiori informazioni https://aicl-org.webnode.it/

 

L'Association Internationale des Critiques Litteraires sbarca a Pozzallo

 

« Il Premio Nobel della letteratura nel mondo » è il tema che i critici e gli scrittori dell’Associazione Internazionale dei Critici letterari svolgeranno nel loro convegno annuale che si terrà a Pozzallo il 20-21 gennaio p.v.

Su invito ed organizzazione del prof. Corrado Monaca, Direttore Strategico cultura e territorio, l’AICL sbarca per la seconda volta in Sicilia dopo il Convegno di Gela del 2001, in occasione del centenario della nascita di Salvatore Quasimodo.

Nel 2017 ricorrono i centocinquanta anni dalla nascita del Premio Nobel Luigi Pirandello, del quale  insieme al premio Nobel Grazia Deledda proprio nel 2016 appena trascorso si sono celebrati gli ottanta anni dalla morte.

Per questo il Bureau Internazionale AICL, presieduto da Neria De Giovanni, ha invitato i delegati dell’Associazione a una riflessione sul valore dei Premi Nobel per la letteratura nei diversi Paesi del mondo.
Critici e scrittori provenienti dal Giappone, Spagna, Francia, USA, Venezuela, Romania, Albania , Catalogna, oltre che da diverse città italiane, Roma, Taranto, Genova, Torino, si confronteranno nella Scuola « A.Amore, presso l’Auditorium Paolo Monaca, appena inaugurato con la donazione da parte della famiglia Monaca di un busto di bronzo dell’artista Paolo Marazzi che con la sua arte unisce Baltico e Mediterraneo passando per Assisi.

In apertura un importante omaggio alla città che ospita il Convegno, con la relazione di Grazia Dormiente sul carteggio inedito tra Giorgio La Pira e Salvatore Quasimodo.

Per la Francia, Andrè Ughetto parlerà del Premio Nobel Federic Mistral e Jean Pierre Castellani di Albert Camus ; per la Spagna Angel Basanta, Segretario Generale dell’AICL, relazionerà su Camillo Josè Cela, mentre le catalane Josefa Contioch e Lulisa Julià parleranno della diffusione in Catalogna dei premi Nobel italiani Deledda, Pirandello e Quasimodo. Anche il romeno Horia Alupului omaggerà l’Italia con la sua relazione su Grazia Deledda in Romania, e Tudorel Radu offrirà un parallelo tra il nostro Pirandello e il romeno Brancusi  e Stefan Damian vicepresidente dell’AICL relazionerà sui luoghi di Salvatore Quasimodo. ’albanese Arjan Kallco omaggerà anche la Sicilia parlando di Quasimodo mentre Andrea Guiati che insegna in USA parlerà dell’ultimo premio Nobel, Bob Dylan.

Molta nutrita la presenza italiana : Piefranco Bruni parla di Pirandello, di Quasimodo Silvano Trevisani, mentre il Dante dei Premi Nobel è il tema svolto da Giovanna Ioli. Montale e Quasimodo sono all’attenzione di Rosa Elisa Giangoia, e Sabino Caronia parla di Pirandello tra Sciasia e Debenedetti. Antonio Maria Masia affronta Dario Fo. Mentre Bruno Rombi parla di Neruda in Sardegna in rapporto a  Grazia Deledda e Franco Idone raccoglie i Nobel che salgono e quelli che scendono… Dal Venezuela, Antonio Mendoza offre un ritratto della polacca Wislawa Szybroska.

Il convegno sarà l’occasione anche per visitare i luoghi di cultura del territorio: a Pozzallo, dopo l’incontro con il Sindaco, ci sarà la visita alla Casa Natale e al Museo di Giorgio La Pira  e alla mostra didattica “ Pozzallo nel vortice del tempo- Pozzallo dalla preistoria al XXI secolo”  allestita presso l’Istituto Comprensivo A. Amore . A Ispica,  incontro  con il Sindaco e visita dei luoghi di” Divorzio all’italiana” di Pietro Germi e di Montalbano, il famoso commissario nato dalla penna di Andrea Camilleri. Infine a Modica per la casa di Salvatore Quasimodo e il Museo del cioccolato.

In conclusione del Convegno, come d’uso per gli incontri Internazionali dell’Associazione, verrà consegnato il Premio Europeo Farfa di cultura e territorio , che quest’anno andrà ad esponenti del territorio ibleo.

 



Maggiori informazioni https://aicl-org.webnode.it/

 

L'Association Internationale des Critiques Litteraires sbarca a Pozzallo

 

« Il Premio Nobel della letteratura nel mondo » è il tema che i critici e gli scrittori dell’Associazione Internazionale dei Critici letterari svolgeranno nel loro convegno annuale che si terrà a Pozzallo il 20-21 gennaio p.v.

Su invito ed organizzazione del prof. Corrado Monaca, Direttore Strategico cultura e territorio, l’AICL sbarca per la seconda volta in Sicilia dopo il Convegno di Gela del 2001, in occasione del centenario della nascita di Salvatore Quasimodo.

Nel 2017 ricorrono i centocinquanta anni dalla nascita del Premio Nobel Luigi Pirandello, del quale  insieme al premio Nobel Grazia Deledda proprio nel 2016 appena trascorso si sono celebrati gli ottanta anni dalla morte.

Per questo il Bureau Internazionale AICL, presieduto da Neria De Giovanni, ha invitato i delegati dell’Associazione a una riflessione sul valore dei Premi Nobel per la letteratura nei diversi Paesi del mondo.
Critici e scrittori provenienti dal Giappone, Spagna, Francia, USA, Venezuela, Romania, Albania , Catalogna, oltre che da diverse città italiane, Roma, Taranto, Genova, Torino, si confronteranno nella Scuola « A.Amore, presso l’Auditorium Paolo Monaca, appena inaugurato con la donazione da parte della famiglia Monaca di un busto di bronzo dell’artista Paolo Marazzi che con la sua arte unisce Baltico e Mediterraneo passando per Assisi.

In apertura un importante omaggio alla città che ospita il Convegno, con la relazione di Grazia Dormiente sul carteggio inedito tra Giorgio La Pira e Salvatore Quasimodo.

Per la Francia, Andrè Ughetto parlerà del Premio Nobel Federic Mistral e Jean Pierre Castellani di Albert Camus ; per la Spagna Angel Basanta, Segretario Generale dell’AICL, relazionerà su Camillo Josè Cela, mentre le catalane Josefa Contioch e Lulisa Julià parleranno della diffusione in Catalogna dei premi Nobel italiani Deledda, Pirandello e Quasimodo. Anche il romeno Horia Alupului omaggerà l’Italia con la sua relazione su Grazia Deledda in Romania, e Tudorel Radu offrirà un parallelo tra il nostro Pirandello e il romeno Brancusi  e Stefan Damian vicepresidente dell’AICL relazionerà sui luoghi di Salvatore Quasimodo. ’albanese Arjan Kallco omaggerà anche la Sicilia parlando di Quasimodo mentre Andrea Guiati che insegna in USA parlerà dell’ultimo premio Nobel, Bob Dylan.

Molta nutrita la presenza italiana : Piefranco Bruni parla di Pirandello, di Quasimodo Silvano Trevisani, mentre il Dante dei Premi Nobel è il tema svolto da Giovanna Ioli. Montale e Quasimodo sono all’attenzione di Rosa Elisa Giangoia, e Sabino Caronia parla di Pirandello tra Sciasia e Debenedetti. Antonio Maria Masia affronta Dario Fo. Mentre Bruno Rombi parla di Neruda in Sardegna in rapporto a  Grazia Deledda e Franco Idone raccoglie i Nobel che salgono e quelli che scendono… Dal Venezuela, Antonio Mendoza offre un ritratto della polacca Wislawa Szybroska.

Il convegno sarà l’occasione anche per visitare i luoghi di cultura del territorio: a Pozzallo, dopo l’incontro con il Sindaco, ci sarà la visita alla Casa Natale e al Museo di Giorgio La Pira  e alla mostra didattica “ Pozzallo nel vortice del tempo- Pozzallo dalla preistoria al XXI secolo”  allestita presso l’Istituto Comprensivo A. Amore . A Ispica,  incontro  con il Sindaco e visita dei luoghi di” Divorzio all’italiana” di Pietro Germi e di Montalbano, il famoso commissario nato dalla penna di Andrea Camilleri. Infine a Modica per la casa di Salvatore Quasimodo e il Museo del cioccolato.

In conclusione del Convegno, come d’uso per gli incontri Internazionali dell’Associazione, verrà consegnato il Premio Europeo Farfa di cultura e territorio , che quest’anno andrà ad esponenti del territorio ibleo.

 



Maggiori informazioni https://aicl-org.webnode.it/

 

L'Association Internationale des Critiques Litteraires sbarca a Pozzallo

 

« Il Premio Nobel della letteratura nel mondo » è il tema che i critici e gli scrittori dell’Associazione Internazionale dei Critici letterari svolgeranno nel loro convegno annuale che si terrà a Pozzallo il 20-21 gennaio p.v.

Su invito ed organizzazione del prof. Corrado Monaca, Direttore Strategico cultura e territorio, l’AICL sbarca per la seconda volta in Sicilia dopo il Convegno di Gela del 2001, in occasione del centenario della nascita di Salvatore Quasimodo.

Nel 2017 ricorrono i centocinquanta anni dalla nascita del Premio Nobel Luigi Pirandello, del quale  insieme al premio Nobel Grazia Deledda proprio nel 2016 appena trascorso si sono celebrati gli ottanta anni dalla morte.

Per questo il Bureau Internazionale AICL, presieduto da Neria De Giovanni, ha invitato i delegati dell’Associazione a una riflessione sul valore dei Premi Nobel per la letteratura nei diversi Paesi del mondo.
Critici e scrittori provenienti dal Giappone, Spagna, Francia, USA, Venezuela, Romania, Albania , Catalogna, oltre che da diverse città italiane, Roma, Taranto, Genova, Torino, si confronteranno nella Scuola « A.Amore, presso l’Auditorium Paolo Monaca, appena inaugurato con la donazione da parte della famiglia Monaca di un busto di bronzo dell’artista Paolo Marazzi che con la sua arte unisce Baltico e Mediterraneo passando per Assisi.

In apertura un importante omaggio alla città che ospita il Convegno, con la relazione di Grazia Dormiente sul carteggio inedito tra Giorgio La Pira e Salvatore Quasimodo.

Per la Francia, Andrè Ughetto parlerà del Premio Nobel Federic Mistral e Jean Pierre Castellani di Albert Camus ; per la Spagna Angel Basanta, Segretario Generale dell’AICL, relazionerà su Camillo Josè Cela, mentre le catalane Josefa Contioch e Lulisa Julià parleranno della diffusione in Catalogna dei premi Nobel italiani Deledda, Pirandello e Quasimodo. Anche il romeno Horia Alupului omaggerà l’Italia con la sua relazione su Grazia Deledda in Romania, e Tudorel Radu offrirà un parallelo tra il nostro Pirandello e il romeno Brancusi  e Stefan Damian vicepresidente dell’AICL relazionerà sui luoghi di Salvatore Quasimodo. ’albanese Arjan Kallco omaggerà anche la Sicilia parlando di Quasimodo mentre Andrea Guiati che insegna in USA parlerà dell’ultimo premio Nobel, Bob Dylan.

Molta nutrita la presenza italiana : Piefranco Bruni parla di Pirandello, di Quasimodo Silvano Trevisani, mentre il Dante dei Premi Nobel è il tema svolto da Giovanna Ioli. Montale e Quasimodo sono all’attenzione di Rosa Elisa Giangoia, e Sabino Caronia parla di Pirandello tra Sciasia e Debenedetti. Antonio Maria Masia affronta Dario Fo. Mentre Bruno Rombi parla di Neruda in Sardegna in rapporto a  Grazia Deledda e Franco Idone raccoglie i Nobel che salgono e quelli che scendono… Dal Venezuela, Antonio Mendoza offre un ritratto della polacca Wislawa Szybroska.

Il convegno sarà l’occasione anche per visitare i luoghi di cultura del territorio: a Pozzallo, dopo l’incontro con il Sindaco, ci sarà la visita alla Casa Natale e al Museo di Giorgio La Pira  e alla mostra didattica “ Pozzallo nel vortice del tempo- Pozzallo dalla preistoria al XXI secolo”  allestita presso l’Istituto Comprensivo A. Amore . A Ispica,  incontro  con il Sindaco e visita dei luoghi di” Divorzio all’italiana” di Pietro Germi e di Montalbano, il famoso commissario nato dalla penna di Andrea Camilleri. Infine a Modica per la casa di Salvatore Quasimodo e il Museo del cioccolato.

In conclusione del Convegno, come d’uso per gli incontri Internazionali dell’Associazione, verrà consegnato il Premio Europeo Farfa di cultura e territorio , che quest’anno andrà ad esponenti del territorio ibleo.

 



Maggiori informazioni https://aicl-org.webnode.it/

 

L'Association Internationale des Critiques Litteraires sbarca a Pozzallo

 

« Il Premio Nobel della letteratura nel mondo » è il tema che i critici e gli scrittori dell’Associazione Internazionale dei Critici letterari svolgeranno nel loro convegno annuale che si terrà a Pozzallo il 20-21 gennaio p.v.

Su invito ed organizzazione del prof. Corrado Monaca, Direttore Strategico cultura e territorio, l’AICL sbarca per la seconda volta in Sicilia dopo il Convegno di Gela del 2001, in occasione del centenario della nascita di Salvatore Quasimodo.

Nel 2017 ricorrono i centocinquanta anni dalla nascita del Premio Nobel Luigi Pirandello, del quale  insieme al premio Nobel Grazia Deledda proprio nel 2016 appena trascorso si sono celebrati gli ottanta anni dalla morte.

Per questo il Bureau Internazionale AICL, presieduto da Neria De Giovanni, ha invitato i delegati dell’Associazione a una riflessione sul valore dei Premi Nobel per la letteratura nei diversi Paesi del mondo.
Critici e scrittori provenienti dal Giappone, Spagna, Francia, USA, Venezuela, Romania, Albania , Catalogna, oltre che da diverse città italiane, Roma, Taranto, Genova, Torino, si confronteranno nella Scuola « A.Amore, presso l’Auditorium Paolo Monaca, appena inaugurato con la donazione da parte della famiglia Monaca di un busto di bronzo dell’artista Paolo Marazzi che con la sua arte unisce Baltico e Mediterraneo passando per Assisi.

In apertura un importante omaggio alla città che ospita il Convegno, con la relazione di Grazia Dormiente sul carteggio inedito tra Giorgio La Pira e Salvatore Quasimodo.

Per la Francia, Andrè Ughetto parlerà del Premio Nobel Federic Mistral e Jean Pierre Castellani di Albert Camus ; per la Spagna Angel Basanta, Segretario Generale dell’AICL, relazionerà su Camillo Josè Cela, mentre le catalane Josefa Contioch e Lulisa Julià parleranno della diffusione in Catalogna dei premi Nobel italiani Deledda, Pirandello e Quasimodo. Anche il romeno Horia Alupului omaggerà l’Italia con la sua relazione su Grazia Deledda in Romania, e Tudorel Radu offrirà un parallelo tra il nostro Pirandello e il romeno Brancusi  e Stefan Damian vicepresidente dell’AICL relazionerà sui luoghi di Salvatore Quasimodo. ’albanese Arjan Kallco omaggerà anche la Sicilia parlando di Quasimodo mentre Andrea Guiati che insegna in USA parlerà dell’ultimo premio Nobel, Bob Dylan.

Molta nutrita la presenza italiana : Piefranco Bruni parla di Pirandello, di Quasimodo Silvano Trevisani, mentre il Dante dei Premi Nobel è il tema svolto da Giovanna Ioli. Montale e Quasimodo sono all’attenzione di Rosa Elisa Giangoia, e Sabino Caronia parla di Pirandello tra Sciasia e Debenedetti. Antonio Maria Masia affronta Dario Fo. Mentre Bruno Rombi parla di Neruda in Sardegna in rapporto a  Grazia Deledda e Franco Idone raccoglie i Nobel che salgono e quelli che scendono… Dal Venezuela, Antonio Mendoza offre un ritratto della polacca Wislawa Szybroska.

Il convegno sarà l’occasione anche per visitare i luoghi di cultura del territorio: a Pozzallo, dopo l’incontro con il Sindaco, ci sarà la visita alla Casa Natale e al Museo di Giorgio La Pira  e alla mostra didattica “ Pozzallo nel vortice del tempo- Pozzallo dalla preistoria al XXI secolo”  allestita presso l’Istituto Comprensivo A. Amore . A Ispica,  incontro  con il Sindaco e visita dei luoghi di” Divorzio all’italiana” di Pietro Germi e di Montalbano, il famoso commissario nato dalla penna di Andrea Camilleri. Infine a Modica per la casa di Salvatore Quasimodo e il Museo del cioccolato.

In conclusione del Convegno, come d’uso per gli incontri Internazionali dell’Associazione, verrà consegnato il Premio Europeo Farfa di cultura e territorio , che quest’anno andrà ad esponenti del territorio ibleo.

 



Maggiori informazioni https://aicl-org.webnode.it/

 

L'Association Internationale des Critiques Litteraires sbarca a Pozzallo

 

« Il Premio Nobel della letteratura nel mondo » è il tema che i critici e gli scrittori dell’Associazione Internazionale dei Critici letterari svolgeranno nel loro convegno annuale che si terrà a Pozzallo il 20-21 gennaio p.v.

Su invito ed organizzazione del prof. Corrado Monaca, Direttore Strategico cultura e territorio, l’AICL sbarca per la seconda volta in Sicilia dopo il Convegno di Gela del 2001, in occasione del centenario della nascita di Salvatore Quasimodo.

Nel 2017 ricorrono i centocinquanta anni dalla nascita del Premio Nobel Luigi Pirandello, del quale  insieme al premio Nobel Grazia Deledda proprio nel 2016 appena trascorso si sono celebrati gli ottanta anni dalla morte.

Per questo il Bureau Internazionale AICL, presieduto da Neria De Giovanni, ha invitato i delegati dell’Associazione a una riflessione sul valore dei Premi Nobel per la letteratura nei diversi Paesi del mondo.
Critici e scrittori provenienti dal Giappone, Spagna, Francia, USA, Venezuela, Romania, Albania , Catalogna, oltre che da diverse città italiane, Roma, Taranto, Genova, Torino, si confronteranno nella Scuola « A.Amore, presso l’Auditorium Paolo Monaca, appena inaugurato con la donazione da parte della famiglia Monaca di un busto di bronzo dell’artista Paolo Marazzi che con la sua arte unisce Baltico e Mediterraneo passando per Assisi.

In apertura un importante omaggio alla città che ospita il Convegno, con la relazione di Grazia Dormiente sul carteggio inedito tra Giorgio La Pira e Salvatore Quasimodo.

Per la Francia, Andrè Ughetto parlerà del Premio Nobel Federic Mistral e Jean Pierre Castellani di Albert Camus ; per la Spagna Angel Basanta, Segretario Generale dell’AICL, relazionerà su Camillo Josè Cela, mentre le catalane Josefa Contioch e Lulisa Julià parleranno della diffusione in Catalogna dei premi Nobel italiani Deledda, Pirandello e Quasimodo. Anche il romeno Horia Alupului omaggerà l’Italia con la sua relazione su Grazia Deledda in Romania, e Tudorel Radu offrirà un parallelo tra il nostro Pirandello e il romeno Brancusi  e Stefan Damian vicepresidente dell’AICL relazionerà sui luoghi di Salvatore Quasimodo. ’albanese Arjan Kallco omaggerà anche la Sicilia parlando di Quasimodo mentre Andrea Guiati che insegna in USA parlerà dell’ultimo premio Nobel, Bob Dylan.

Molta nutrita la presenza italiana : Piefranco Bruni parla di Pirandello, di Quasimodo Silvano Trevisani, mentre il Dante dei Premi Nobel è il tema svolto da Giovanna Ioli. Montale e Quasimodo sono all’attenzione di Rosa Elisa Giangoia, e Sabino Caronia parla di Pirandello tra Sciasia e Debenedetti. Antonio Maria Masia affronta Dario Fo. Mentre Bruno Rombi parla di Neruda in Sardegna in rapporto a  Grazia Deledda e Franco Idone raccoglie i Nobel che salgono e quelli che scendono… Dal Venezuela, Antonio Mendoza offre un ritratto della polacca Wislawa Szybroska.

Il convegno sarà l’occasione anche per visitare i luoghi di cultura del territorio: a Pozzallo, dopo l’incontro con il Sindaco, ci sarà la visita alla Casa Natale e al Museo di Giorgio La Pira  e alla mostra didattica “ Pozzallo nel vortice del tempo- Pozzallo dalla preistoria al XXI secolo”  allestita presso l’Istituto Comprensivo A. Amore . A Ispica,  incontro  con il Sindaco e visita dei luoghi di” Divorzio all’italiana” di Pietro Germi e di Montalbano, il famoso commissario nato dalla penna di Andrea Camilleri. Infine a Modica per la casa di Salvatore Quasimodo e il Museo del cioccolato.

In conclusione del Convegno, come d’uso per gli incontri Internazionali dell’Associazione, verrà consegnato il Premio Europeo Farfa di cultura e territorio , che quest’anno andrà ad esponenti del territorio ibleo.

 



Maggiori informazioni https://aicl-org.webnode.it/

 

L'Association Internationale des Critiques Litteraires sbarca a Pozzallo

 

« Il Premio Nobel della letteratura nel mondo » è il tema che i critici e gli scrittori dell’Associazione Internazionale dei Critici letterari svolgeranno nel loro convegno annuale che si terrà a Pozzallo il 20-21 gennaio p.v.

Su invito ed organizzazione del prof. Corrado Monaca, Direttore Strategico cultura e territorio, l’AICL sbarca per la seconda volta in Sicilia dopo il Convegno di Gela del 2001, in occasione del centenario della nascita di Salvatore Quasimodo.

Nel 2017 ricorrono i centocinquanta anni dalla nascita del Premio Nobel Luigi Pirandello, del quale  insieme al premio Nobel Grazia Deledda proprio nel 2016 appena trascorso si sono celebrati gli ottanta anni dalla morte.

Per questo il Bureau Internazionale AICL, presieduto da Neria De Giovanni, ha invitato i delegati dell’Associazione a una riflessione sul valore dei Premi Nobel per la letteratura nei diversi Paesi del mondo.
Critici e scrittori provenienti dal Giappone, Spagna, Francia, USA, Venezuela, Romania, Albania , Catalogna, oltre che da diverse città italiane, Roma, Taranto, Genova, Torino, si confronteranno nella Scuola « A.Amore, presso l’Auditorium Paolo Monaca, appena inaugurato con la donazione da parte della famiglia Monaca di un busto di bronzo dell’artista Paolo Marazzi che con la sua arte unisce Baltico e Mediterraneo passando per Assisi.

In apertura un importante omaggio alla città che ospita il Convegno, con la relazione di Grazia Dormiente sul carteggio inedito tra Giorgio La Pira e Salvatore Quasimodo.

Per la Francia, Andrè Ughetto parlerà del Premio Nobel Federic Mistral e Jean Pierre Castellani di Albert Camus ; per la Spagna Angel Basanta, Segretario Generale dell’AICL, relazionerà su Camillo Josè Cela, mentre le catalane Josefa Contioch e Lulisa Julià parleranno della diffusione in Catalogna dei premi Nobel italiani Deledda, Pirandello e Quasimodo. Anche il romeno Horia Alupului omaggerà l’Italia con la sua relazione su Grazia Deledda in Romania, e Tudorel Radu offrirà un parallelo tra il nostro Pirandello e il romeno Brancusi  e Stefan Damian vicepresidente dell’AICL relazionerà sui luoghi di Salvatore Quasimodo. ’albanese Arjan Kallco omaggerà anche la Sicilia parlando di Quasimodo mentre Andrea Guiati che insegna in USA parlerà dell’ultimo premio Nobel, Bob Dylan.

Molta nutrita la presenza italiana : Piefranco Bruni parla di Pirandello, di Quasimodo Silvano Trevisani, mentre il Dante dei Premi Nobel è il tema svolto da Giovanna Ioli. Montale e Quasimodo sono all’attenzione di Rosa Elisa Giangoia, e Sabino Caronia parla di Pirandello tra Sciasia e Debenedetti. Antonio Maria Masia affronta Dario Fo. Mentre Bruno Rombi parla di Neruda in Sardegna in rapporto a  Grazia Deledda e Franco Idone raccoglie i Nobel che salgono e quelli che scendono… Dal Venezuela, Antonio Mendoza offre un ritratto della polacca Wislawa Szybroska.

Il convegno sarà l’occasione anche per visitare i luoghi di cultura del territorio: a Pozzallo, dopo l’incontro con il Sindaco, ci sarà la visita alla Casa Natale e al Museo di Giorgio La Pira  e alla mostra didattica “ Pozzallo nel vortice del tempo- Pozzallo dalla preistoria al XXI secolo”  allestita presso l’Istituto Comprensivo A. Amore . A Ispica,  incontro  con il Sindaco e visita dei luoghi di” Divorzio all’italiana” di Pietro Germi e di Montalbano, il famoso commissario nato dalla penna di Andrea Camilleri. Infine a Modica per la casa di Salvatore Quasimodo e il Museo del cioccolato.

In conclusione del Convegno, come d’uso per gli incontri Internazionali dell’Associazione, verrà consegnato il Premio Europeo Farfa di cultura e territorio , che quest’anno andrà ad esponenti del territorio ibleo.

 



Maggiori informazioni https://aicl-org.webnode.it/

 

L'Association Internationale des Critiques Litteraires sbarca a Pozzallo

 

« Il Premio Nobel della letteratura nel mondo » è il tema che i critici e gli scrittori dell’Associazione Internazionale dei Critici letterari svolgeranno nel loro convegno annuale che si terrà a Pozzallo il 20-21 gennaio p.v.

Su invito ed organizzazione del prof. Corrado Monaca, Direttore Strategico cultura e territorio, l’AICL sbarca per la seconda volta in Sicilia dopo il Convegno di Gela del 2001, in occasione del centenario della nascita di Salvatore Quasimodo.

Nel 2017 ricorrono i centocinquanta anni dalla nascita del Premio Nobel Luigi Pirandello, del quale  insieme al premio Nobel Grazia Deledda proprio nel 2016 appena trascorso si sono celebrati gli ottanta anni dalla morte.

Per questo il Bureau Internazionale AICL, presieduto da Neria De Giovanni, ha invitato i delegati dell’Associazione a una riflessione sul valore dei Premi Nobel per la letteratura nei diversi Paesi del mondo.
Critici e scrittori provenienti dal Giappone, Spagna, Francia, USA, Venezuela, Romania, Albania , Catalogna, oltre che da diverse città italiane, Roma, Taranto, Genova, Torino, si confronteranno nella Scuola « A.Amore, presso l’Auditorium Paolo Monaca, appena inaugurato con la donazione da parte della famiglia Monaca di un busto di bronzo dell’artista Paolo Marazzi che con la sua arte unisce Baltico e Mediterraneo passando per Assisi.

In apertura un importante omaggio alla città che ospita il Convegno, con la relazione di Grazia Dormiente sul carteggio inedito tra Giorgio La Pira e Salvatore Quasimodo.

Per la Francia, Andrè Ughetto parlerà del Premio Nobel Federic Mistral e Jean Pierre Castellani di Albert Camus ; per la Spagna Angel Basanta, Segretario Generale dell’AICL, relazionerà su Camillo Josè Cela, mentre le catalane Josefa Contioch e Lulisa Julià parleranno della diffusione in Catalogna dei premi Nobel italiani Deledda, Pirandello e Quasimodo. Anche il romeno Horia Alupului omaggerà l’Italia con la sua relazione su Grazia Deledda in Romania, e Tudorel Radu offrirà un parallelo tra il nostro Pirandello e il romeno Brancusi  e Stefan Damian vicepresidente dell’AICL relazionerà sui luoghi di Salvatore Quasimodo. ’albanese Arjan Kallco omaggerà anche la Sicilia parlando di Quasimodo mentre Andrea Guiati che insegna in USA parlerà dell’ultimo premio Nobel, Bob Dylan.

Molta nutrita la presenza italiana : Piefranco Bruni parla di Pirandello, di Quasimodo Silvano Trevisani, mentre il Dante dei Premi Nobel è il tema svolto da Giovanna Ioli. Montale e Quasimodo sono all’attenzione di Rosa Elisa Giangoia, e Sabino Caronia parla di Pirandello tra Sciasia e Debenedetti. Antonio Maria Masia affronta Dario Fo. Mentre Bruno Rombi parla di Neruda in Sardegna in rapporto a  Grazia Deledda e Franco Idone raccoglie i Nobel che salgono e quelli che scendono… Dal Venezuela, Antonio Mendoza offre un ritratto della polacca Wislawa Szybroska.

Il convegno sarà l’occasione anche per visitare i luoghi di cultura del territorio: a Pozzallo, dopo l’incontro con il Sindaco, ci sarà la visita alla Casa Natale e al Museo di Giorgio La Pira  e alla mostra didattica “ Pozzallo nel vortice del tempo- Pozzallo dalla preistoria al XXI secolo”  allestita presso l’Istituto Comprensivo A. Amore . A Ispica,  incontro  con il Sindaco e visita dei luoghi di” Divorzio all’italiana” di Pietro Germi e di Montalbano, il famoso commissario nato dalla penna di Andrea Camilleri. Infine a Modica per la casa di Salvatore Quasimodo e il Museo del cioccolato.

In conclusione del Convegno, come d’uso per gli incontri Internazionali dell’Associazione, verrà consegnato il Premio Europeo Farfa di cultura e territorio , che quest’anno andrà ad esponenti del territorio ibleo.

 



Maggiori informazioni https://aicl-org.webnode.it/

 

L'Association Internationale des Critiques Litteraires sbarca a Pozzallo

 

« Il Premio Nobel della letteratura nel mondo » è il tema che i critici e gli scrittori dell’Associazione Internazionale dei Critici letterari svolgeranno nel loro convegno annuale che si terrà a Pozzallo il 20-21 gennaio p.v.

Su invito ed organizzazione del prof. Corrado Monaca, Direttore Strategico cultura e territorio, l’AICL sbarca per la seconda volta in Sicilia dopo il Convegno di Gela del 2001, in occasione del centenario della nascita di Salvatore Quasimodo.

Nel 2017 ricorrono i centocinquanta anni dalla nascita del Premio Nobel Luigi Pirandello, del quale  insieme al premio Nobel Grazia Deledda proprio nel 2016 appena trascorso si sono celebrati gli ottanta anni dalla morte.

Per questo il Bureau Internazionale AICL, presieduto da Neria De Giovanni, ha invitato i delegati dell’Associazione a una riflessione sul valore dei Premi Nobel per la letteratura nei diversi Paesi del mondo.
Critici e scrittori provenienti dal Giappone, Spagna, Francia, USA, Venezuela, Romania, Albania , Catalogna, oltre che da diverse città italiane, Roma, Taranto, Genova, Torino, si confronteranno nella Scuola « A.Amore, presso l’Auditorium Paolo Monaca, appena inaugurato con la donazione da parte della famiglia Monaca di un busto di bronzo dell’artista Paolo Marazzi che con la sua arte unisce Baltico e Mediterraneo passando per Assisi.

In apertura un importante omaggio alla città che ospita il Convegno, con la relazione di Grazia Dormiente sul carteggio inedito tra Giorgio La Pira e Salvatore Quasimodo.

Per la Francia, Andrè Ughetto parlerà del Premio Nobel Federic Mistral e Jean Pierre Castellani di Albert Camus ; per la Spagna Angel Basanta, Segretario Generale dell’AICL, relazionerà su Camillo Josè Cela, mentre le catalane Josefa Contioch e Lulisa Julià parleranno della diffusione in Catalogna dei premi Nobel italiani Deledda, Pirandello e Quasimodo. Anche il romeno Horia Alupului omaggerà l’Italia con la sua relazione su Grazia Deledda in Romania, e Tudorel Radu offrirà un parallelo tra il nostro Pirandello e il romeno Brancusi  e Stefan Damian vicepresidente dell’AICL relazionerà sui luoghi di Salvatore Quasimodo. ’albanese Arjan Kallco omaggerà anche la Sicilia parlando di Quasimodo mentre Andrea Guiati che insegna in USA parlerà dell’ultimo premio Nobel, Bob Dylan.

Molta nutrita la presenza italiana : Piefranco Bruni parla di Pirandello, di Quasimodo Silvano Trevisani, mentre il Dante dei Premi Nobel è il tema svolto da Giovanna Ioli. Montale e Quasimodo sono all’attenzione di Rosa Elisa Giangoia, e Sabino Caronia parla di Pirandello tra Sciasia e Debenedetti. Antonio Maria Masia affronta Dario Fo. Mentre Bruno Rombi parla di Neruda in Sardegna in rapporto a  Grazia Deledda e Franco Idone raccoglie i Nobel che salgono e quelli che scendono… Dal Venezuela, Antonio Mendoza offre un ritratto della polacca Wislawa Szybroska.

Il convegno sarà l’occasione anche per visitare i luoghi di cultura del territorio: a Pozzallo, dopo l’incontro con il Sindaco, ci sarà la visita alla Casa Natale e al Museo di Giorgio La Pira  e alla mostra didattica “ Pozzallo nel vortice del tempo- Pozzallo dalla preistoria al XXI secolo”  allestita presso l’Istituto Comprensivo A. Amore . A Ispica,  incontro  con il Sindaco e visita dei luoghi di” Divorzio all’italiana” di Pietro Germi e di Montalbano, il famoso commissario nato dalla penna di Andrea Camilleri. Infine a Modica per la casa di Salvatore Quasimodo e il Museo del cioccolato.

In conclusione del Convegno, come d’uso per gli incontri Internazionali dell’Associazione, verrà consegnato il Premio Europeo Farfa di cultura e territorio , che quest’anno andrà ad esponenti del territorio ibleo.

 



Maggiori informazioni https://aicl-org.webnode.it/

 

L'Association Internationale des Critiques Litteraires sbarca a Pozzallo

 

« Il Premio Nobel della letteratura nel mondo » è il tema che i critici e gli scrittori dell’Associazione Internazionale dei Critici letterari svolgeranno nel loro convegno annuale che si terrà a Pozzallo il 20-21 gennaio p.v.

Su invito ed organizzazione del prof. Corrado Monaca, Direttore Strategico cultura e territorio, l’AICL sbarca per la seconda volta in Sicilia dopo il Convegno di Gela del 2001, in occasione del centenario della nascita di Salvatore Quasimodo.

Nel 2017 ricorrono i centocinquanta anni dalla nascita del Premio Nobel Luigi Pirandello, del quale  insieme al premio Nobel Grazia Deledda proprio nel 2016 appena trascorso si sono celebrati gli ottanta anni dalla morte.

Per questo il Bureau Internazionale AICL, presieduto da Neria De Giovanni, ha invitato i delegati dell’Associazione a una riflessione sul valore dei Premi Nobel per la letteratura nei diversi Paesi del mondo.
Critici e scrittori provenienti dal Giappone, Spagna, Francia, USA, Venezuela, Romania, Albania , Catalogna, oltre che da diverse città italiane, Roma, Taranto, Genova, Torino, si confronteranno nella Scuola « A.Amore, presso l’Auditorium Paolo Monaca, appena inaugurato con la donazione da parte della famiglia Monaca di un busto di bronzo dell’artista Paolo Marazzi che con la sua arte unisce Baltico e Mediterraneo passando per Assisi.

In apertura un importante omaggio alla città che ospita il Convegno, con la relazione di Grazia Dormiente sul carteggio inedito tra Giorgio La Pira e Salvatore Quasimodo.

Per la Francia, Andrè Ughetto parlerà del Premio Nobel Federic Mistral e Jean Pierre Castellani di Albert Camus ; per la Spagna Angel Basanta, Segretario Generale dell’AICL, relazionerà su Camillo Josè Cela, mentre le catalane Josefa Contioch e Lulisa Julià parleranno della diffusione in Catalogna dei premi Nobel italiani Deledda, Pirandello e Quasimodo. Anche il romeno Horia Alupului omaggerà l’Italia con la sua relazione su Grazia Deledda in Romania, e Tudorel Radu offrirà un parallelo tra il nostro Pirandello e il romeno Brancusi  e Stefan Damian vicepresidente dell’AICL relazionerà sui luoghi di Salvatore Quasimodo. ’albanese Arjan Kallco omaggerà anche la Sicilia parlando di Quasimodo mentre Andrea Guiati che insegna in USA parlerà dell’ultimo premio Nobel, Bob Dylan.

Molta nutrita la presenza italiana : Piefranco Bruni parla di Pirandello, di Quasimodo Silvano Trevisani, mentre il Dante dei Premi Nobel è il tema svolto da Giovanna Ioli. Montale e Quasimodo sono all’attenzione di Rosa Elisa Giangoia, e Sabino Caronia parla di Pirandello tra Sciasia e Debenedetti. Antonio Maria Masia affronta Dario Fo. Mentre Bruno Rombi parla di Neruda in Sardegna in rapporto a  Grazia Deledda e Franco Idone raccoglie i Nobel che salgono e quelli che scendono… Dal Venezuela, Antonio Mendoza offre un ritratto della polacca Wislawa Szybroska.

Il convegno sarà l’occasione anche per visitare i luoghi di cultura del territorio: a Pozzallo, dopo l’incontro con il Sindaco, ci sarà la visita alla Casa Natale e al Museo di Giorgio La Pira  e alla mostra didattica “ Pozzallo nel vortice del tempo- Pozzallo dalla preistoria al XXI secolo”  allestita presso l’Istituto Comprensivo A. Amore . A Ispica,  incontro  con il Sindaco e visita dei luoghi di” Divorzio all’italiana” di Pietro Germi e di Montalbano, il famoso commissario nato dalla penna di Andrea Camilleri. Infine a Modica per la casa di Salvatore Quasimodo e il Museo del cioccolato.

In conclusione del Convegno, come d’uso per gli incontri Internazionali dell’Associazione, verrà consegnato il Premio Europeo Farfa di cultura e territorio , che quest’anno andrà ad esponenti del territorio ibleo.

 



Maggiori informazioni https://aicl-org.webnode.it/

 

L'Association Internationale des Critiques Litteraires sbarca a Pozzallo

 

« Il Premio Nobel della letteratura nel mondo » è il tema che i critici e gli scrittori dell’Associazione Internazionale dei Critici letterari svolgeranno nel loro convegno annuale che si terrà a Pozzallo il 20-21 gennaio p.v.

Su invito ed organizzazione del prof. Corrado Monaca, Direttore Strategico cultura e territorio, l’AICL sbarca per la seconda volta in Sicilia dopo il Convegno di Gela del 2001, in occasione del centenario della nascita di Salvatore Quasimodo.

Nel 2017 ricorrono i centocinquanta anni dalla nascita del Premio Nobel Luigi Pirandello, del quale  insieme al premio Nobel Grazia Deledda proprio nel 2016 appena trascorso si sono celebrati gli ottanta anni dalla morte.

Per questo il Bureau Internazionale AICL, presieduto da Neria De Giovanni, ha invitato i delegati dell’Associazione a una riflessione sul valore dei Premi Nobel per la letteratura nei diversi Paesi del mondo.
Critici e scrittori provenienti dal Giappone, Spagna, Francia, USA, Venezuela, Romania, Albania , Catalogna, oltre che da diverse città italiane, Roma, Taranto, Genova, Torino, si confronteranno nella Scuola « A.Amore, presso l’Auditorium Paolo Monaca, appena inaugurato con la donazione da parte della famiglia Monaca di un busto di bronzo dell’artista Paolo Marazzi che con la sua arte unisce Baltico e Mediterraneo passando per Assisi.

In apertura un importante omaggio alla città che ospita il Convegno, con la relazione di Grazia Dormiente sul carteggio inedito tra Giorgio La Pira e Salvatore Quasimodo.

Per la Francia, Andrè Ughetto parlerà del Premio Nobel Federic Mistral e Jean Pierre Castellani di Albert Camus ; per la Spagna Angel Basanta, Segretario Generale dell’AICL, relazionerà su Camillo Josè Cela, mentre le catalane Josefa Contioch e Lulisa Julià parleranno della diffusione in Catalogna dei premi Nobel italiani Deledda, Pirandello e Quasimodo. Anche il romeno Horia Alupului omaggerà l’Italia con la sua relazione su Grazia Deledda in Romania, e Tudorel Radu offrirà un parallelo tra il nostro Pirandello e il romeno Brancusi  e Stefan Damian vicepresidente dell’AICL relazionerà sui luoghi di Salvatore Quasimodo. ’albanese Arjan Kallco omaggerà anche la Sicilia parlando di Quasimodo mentre Andrea Guiati che insegna in USA parlerà dell’ultimo premio Nobel, Bob Dylan.

Molta nutrita la presenza italiana : Piefranco Bruni parla di Pirandello, di Quasimodo Silvano Trevisani, mentre il Dante dei Premi Nobel è il tema svolto da Giovanna Ioli. Montale e Quasimodo sono all’attenzione di Rosa Elisa Giangoia, e Sabino Caronia parla di Pirandello tra Sciasia e Debenedetti. Antonio Maria Masia affronta Dario Fo. Mentre Bruno Rombi parla di Neruda in Sardegna in rapporto a  Grazia Deledda e Franco Idone raccoglie i Nobel che salgono e quelli che scendono… Dal Venezuela, Antonio Mendoza offre un ritratto della polacca Wislawa Szybroska.

Il convegno sarà l’occasione anche per visitare i luoghi di cultura del territorio: a Pozzallo, dopo l’incontro con il Sindaco, ci sarà la visita alla Casa Natale e al Museo di Giorgio La Pira  e alla mostra didattica “ Pozzallo nel vortice del tempo- Pozzallo dalla preistoria al XXI secolo”  allestita presso l’Istituto Comprensivo A. Amore . A Ispica,  incontro  con il Sindaco e visita dei luoghi di” Divorzio all’italiana” di Pietro Germi e di Montalbano, il famoso commissario nato dalla penna di Andrea Camilleri. Infine a Modica per la casa di Salvatore Quasimodo e il Museo del cioccolato.

In conclusione del Convegno, come d’uso per gli incontri Internazionali dell’Associazione, verrà consegnato il Premio Europeo Farfa di cultura e territorio , che quest’anno andrà ad esponenti del territorio ibleo.

 



Maggiori informazioni https://aicl-org.webnode.it/

 

L'Association Internationale des Critiques Litteraires sbarca a Pozzallo

 

« Il Premio Nobel della letteratura nel mondo » è il tema che i critici e gli scrittori dell’Associazione Internazionale dei Critici letterari svolgeranno nel loro convegno annuale che si terrà a Pozzallo il 20-21 gennaio p.v.

Su invito ed organizzazione del prof. Corrado Monaca, Direttore Strategico cultura e territorio, l’AICL sbarca per la seconda volta in Sicilia dopo il Convegno di Gela del 2001, in occasione del centenario della nascita di Salvatore Quasimodo.

Nel 2017 ricorrono i centocinquanta anni dalla nascita del Premio Nobel Luigi Pirandello, del quale  insieme al premio Nobel Grazia Deledda proprio nel 2016 appena trascorso si sono celebrati gli ottanta anni dalla morte.

Per questo il Bureau Internazionale AICL, presieduto da Neria De Giovanni, ha invitato i delegati dell’Associazione a una riflessione sul valore dei Premi Nobel per la letteratura nei diversi Paesi del mondo.
Critici e scrittori provenienti dal Giappone, Spagna, Francia, USA, Venezuela, Romania, Albania , Catalogna, oltre che da diverse città italiane, Roma, Taranto, Genova, Torino, si confronteranno nella Scuola « A.Amore, presso l’Auditorium Paolo Monaca, appena inaugurato con la donazione da parte della famiglia Monaca di un busto di bronzo dell’artista Paolo Marazzi che con la sua arte unisce Baltico e Mediterraneo passando per Assisi.

In apertura un importante omaggio alla città che ospita il Convegno, con la relazione di Grazia Dormiente sul carteggio inedito tra Giorgio La Pira e Salvatore Quasimodo.

Per la Francia, Andrè Ughetto parlerà del Premio Nobel Federic Mistral e Jean Pierre Castellani di Albert Camus ; per la Spagna Angel Basanta, Segretario Generale dell’AICL, relazionerà su Camillo Josè Cela, mentre le catalane Josefa Contioch e Lulisa Julià parleranno della diffusione in Catalogna dei premi Nobel italiani Deledda, Pirandello e Quasimodo. Anche il romeno Horia Alupului omaggerà l’Italia con la sua relazione su Grazia Deledda in Romania, e Tudorel Radu offrirà un parallelo tra il nostro Pirandello e il romeno Brancusi  e Stefan Damian vicepresidente dell’AICL relazionerà sui luoghi di Salvatore Quasimodo. ’albanese Arjan Kallco omaggerà anche la Sicilia parlando di Quasimodo mentre Andrea Guiati che insegna in USA parlerà dell’ultimo premio Nobel, Bob Dylan.

Molta nutrita la presenza italiana : Piefranco Bruni parla di Pirandello, di Quasimodo Silvano Trevisani, mentre il Dante dei Premi Nobel è il tema svolto da Giovanna Ioli. Montale e Quasimodo sono all’attenzione di Rosa Elisa Giangoia, e Sabino Caronia parla di Pirandello tra Sciasia e Debenedetti. Antonio Maria Masia affronta Dario Fo. Mentre Bruno Rombi parla di Neruda in Sardegna in rapporto a  Grazia Deledda e Franco Idone raccoglie i Nobel che salgono e quelli che scendono… Dal Venezuela, Antonio Mendoza offre un ritratto della polacca Wislawa Szybroska.

Il convegno sarà l’occasione anche per visitare i luoghi di cultura del territorio: a Pozzallo, dopo l’incontro con il Sindaco, ci sarà la visita alla Casa Natale e al Museo di Giorgio La Pira  e alla mostra didattica “ Pozzallo nel vortice del tempo- Pozzallo dalla preistoria al XXI secolo”  allestita presso l’Istituto Comprensivo A. Amore . A Ispica,  incontro  con il Sindaco e visita dei luoghi di” Divorzio all’italiana” di Pietro Germi e di Montalbano, il famoso commissario nato dalla penna di Andrea Camilleri. Infine a Modica per la casa di Salvatore Quasimodo e il Museo del cioccolato.

In conclusione del Convegno, come d’uso per gli incontri Internazionali dell’Associazione, verrà consegnato il Premio Europeo Farfa di cultura e territorio , che quest’anno andrà ad esponenti del territorio ibleo.

 



Maggiori informazioni https://aicl-org.webnode.it/

 

L'Association Internationale des Critiques Litteraires sbarca a Pozzallo

 

« Il Premio Nobel della letteratura nel mondo » è il tema che i critici e gli scrittori dell’Associazione Internazionale dei Critici letterari svolgeranno nel loro convegno annuale che si terrà a Pozzallo il 20-21 gennaio p.v.

Su invito ed organizzazione del prof. Corrado Monaca, Direttore Strategico cultura e territorio, l’AICL sbarca per la seconda volta in Sicilia dopo il Convegno di Gela del 2001, in occasione del centenario della nascita di Salvatore Quasimodo.

Nel 2017 ricorrono i centocinquanta anni dalla nascita del Premio Nobel Luigi Pirandello, del quale  insieme al premio Nobel Grazia Deledda proprio nel 2016 appena trascorso si sono celebrati gli ottanta anni dalla morte.

Per questo il Bureau Internazionale AICL, presieduto da Neria De Giovanni, ha invitato i delegati dell’Associazione a una riflessione sul valore dei Premi Nobel per la letteratura nei diversi Paesi del mondo.
Critici e scrittori provenienti dal Giappone, Spagna, Francia, USA, Venezuela, Romania, Albania , Catalogna, oltre che da diverse città italiane, Roma, Taranto, Genova, Torino, si confronteranno nella Scuola « A.Amore, presso l’Auditorium Paolo Monaca, appena inaugurato con la donazione da parte della famiglia Monaca di un busto di bronzo dell’artista Paolo Marazzi che con la sua arte unisce Baltico e Mediterraneo passando per Assisi.

In apertura un importante omaggio alla città che ospita il Convegno, con la relazione di Grazia Dormiente sul carteggio inedito tra Giorgio La Pira e Salvatore Quasimodo.

Per la Francia, Andrè Ughetto parlerà del Premio Nobel Federic Mistral e Jean Pierre Castellani di Albert Camus ; per la Spagna Angel Basanta, Segretario Generale dell’AICL, relazionerà su Camillo Josè Cela, mentre le catalane Josefa Contioch e Lulisa Julià parleranno della diffusione in Catalogna dei premi Nobel italiani Deledda, Pirandello e Quasimodo. Anche il romeno Horia Alupului omaggerà l’Italia con la sua relazione su Grazia Deledda in Romania, e Tudorel Radu offrirà un parallelo tra il nostro Pirandello e il romeno Brancusi  e Stefan Damian vicepresidente dell’AICL relazionerà sui luoghi di Salvatore Quasimodo. ’albanese Arjan Kallco omaggerà anche la Sicilia parlando di Quasimodo mentre Andrea Guiati che insegna in USA parlerà dell’ultimo premio Nobel, Bob Dylan.

Molta nutrita la presenza italiana : Piefranco Bruni parla di Pirandello, di Quasimodo Silvano Trevisani, mentre il Dante dei Premi Nobel è il tema svolto da Giovanna Ioli. Montale e Quasimodo sono all’attenzione di Rosa Elisa Giangoia, e Sabino Caronia parla di Pirandello tra Sciasia e Debenedetti. Antonio Maria Masia affronta Dario Fo. Mentre Bruno Rombi parla di Neruda in Sardegna in rapporto a  Grazia Deledda e Franco Idone raccoglie i Nobel che salgono e quelli che scendono… Dal Venezuela, Antonio Mendoza offre un ritratto della polacca Wislawa Szybroska.

Il convegno sarà l’occasione anche per visitare i luoghi di cultura del territorio: a Pozzallo, dopo l’incontro con il Sindaco, ci sarà la visita alla Casa Natale e al Museo di Giorgio La Pira  e alla mostra didattica “ Pozzallo nel vortice del tempo- Pozzallo dalla preistoria al XXI secolo”  allestita presso l’Istituto Comprensivo A. Amore . A Ispica,  incontro  con il Sindaco e visita dei luoghi di” Divorzio all’italiana” di Pietro Germi e di Montalbano, il famoso commissario nato dalla penna di Andrea Camilleri. Infine a Modica per la casa di Salvatore Quasimodo e il Museo del cioccolato.

In conclusione del Convegno, come d’uso per gli incontri Internazionali dell’Associazione, verrà consegnato il Premio Europeo Farfa di cultura e territorio , che quest’anno andrà ad esponenti del territorio ibleo.

 



Maggiori informazioni https://aicl-org.webnode.it/

 

L'Association Internationale des Critiques Litteraires sbarca a Pozzallo

 

« Il Premio Nobel della letteratura nel mondo » è il tema che i critici e gli scrittori dell’Associazione Internazionale dei Critici letterari svolgeranno nel loro convegno annuale che si terrà a Pozzallo il 20-21 gennaio p.v.

Su invito ed organizzazione del prof. Corrado Monaca, Direttore Strategico cultura e territorio, l’AICL sbarca per la seconda volta in Sicilia dopo il Convegno di Gela del 2001, in occasione del centenario della nascita di Salvatore Quasimodo.

Nel 2017 ricorrono i centocinquanta anni dalla nascita del Premio Nobel Luigi Pirandello, del quale  insieme al premio Nobel Grazia Deledda proprio nel 2016 appena trascorso si sono celebrati gli ottanta anni dalla morte.

Per questo il Bureau Internazionale AICL, presieduto da Neria De Giovanni, ha invitato i delegati dell’Associazione a una riflessione sul valore dei Premi Nobel per la letteratura nei diversi Paesi del mondo.
Critici e scrittori provenienti dal Giappone, Spagna, Francia, USA, Venezuela, Romania, Albania , Catalogna, oltre che da diverse città italiane, Roma, Taranto, Genova, Torino, si confronteranno nella Scuola « A.Amore, presso l’Auditorium Paolo Monaca, appena inaugurato con la donazione da parte della famiglia Monaca di un busto di bronzo dell’artista Paolo Marazzi che con la sua arte unisce Baltico e Mediterraneo passando per Assisi.

In apertura un importante omaggio alla città che ospita il Convegno, con la relazione di Grazia Dormiente sul carteggio inedito tra Giorgio La Pira e Salvatore Quasimodo.

Per la Francia, Andrè Ughetto parlerà del Premio Nobel Federic Mistral e Jean Pierre Castellani di Albert Camus ; per la Spagna Angel Basanta, Segretario Generale dell’AICL, relazionerà su Camillo Josè Cela, mentre le catalane Josefa Contioch e Lulisa Julià parleranno della diffusione in Catalogna dei premi Nobel italiani Deledda, Pirandello e Quasimodo. Anche il romeno Horia Alupului omaggerà l’Italia con la sua relazione su Grazia Deledda in Romania, e Tudorel Radu offrirà un parallelo tra il nostro Pirandello e il romeno Brancusi  e Stefan Damian vicepresidente dell’AICL relazionerà sui luoghi di Salvatore Quasimodo. ’albanese Arjan Kallco omaggerà anche la Sicilia parlando di Quasimodo mentre Andrea Guiati che insegna in USA parlerà dell’ultimo premio Nobel, Bob Dylan.

Molta nutrita la presenza italiana : Piefranco Bruni parla di Pirandello, di Quasimodo Silvano Trevisani, mentre il Dante dei Premi Nobel è il tema svolto da Giovanna Ioli. Montale e Quasimodo sono all’attenzione di Rosa Elisa Giangoia, e Sabino Caronia parla di Pirandello tra Sciasia e Debenedetti. Antonio Maria Masia affronta Dario Fo. Mentre Bruno Rombi parla di Neruda in Sardegna in rapporto a  Grazia Deledda e Franco Idone raccoglie i Nobel che salgono e quelli che scendono… Dal Venezuela, Antonio Mendoza offre un ritratto della polacca Wislawa Szybroska.

Il convegno sarà l’occasione anche per visitare i luoghi di cultura del territorio: a Pozzallo, dopo l’incontro con il Sindaco, ci sarà la visita alla Casa Natale e al Museo di Giorgio La Pira  e alla mostra didattica “ Pozzallo nel vortice del tempo- Pozzallo dalla preistoria al XXI secolo”  allestita presso l’Istituto Comprensivo A. Amore . A Ispica,  incontro  con il Sindaco e visita dei luoghi di” Divorzio all’italiana” di Pietro Germi e di Montalbano, il famoso commissario nato dalla penna di Andrea Camilleri. Infine a Modica per la casa di Salvatore Quasimodo e il Museo del cioccolato.

In conclusione del Convegno, come d’uso per gli incontri Internazionali dell’Associazione, verrà consegnato il Premio Europeo Farfa di cultura e territorio , che quest’anno andrà ad esponenti del territorio ibleo.

 



Maggiori informazioni https://aicl-org.webnode.it/

 

L'Association Internationale des Critiques Litteraires sbarca a Pozzallo

 

« Il Premio Nobel della letteratura nel mondo » è il tema che i critici e gli scrittori dell’Associazione Internazionale dei Critici letterari svolgeranno nel loro convegno annuale che si terrà a Pozzallo il 20-21 gennaio p.v.

Su invito ed organizzazione del prof. Corrado Monaca, Direttore Strategico cultura e territorio, l’AICL sbarca per la seconda volta in Sicilia dopo il Convegno di Gela del 2001, in occasione del centenario della nascita di Salvatore Quasimodo.

Nel 2017 ricorrono i centocinquanta anni dalla nascita del Premio Nobel Luigi Pirandello, del quale  insieme al premio Nobel Grazia Deledda proprio nel 2016 appena trascorso si sono celebrati gli ottanta anni dalla morte.

Per questo il Bureau Internazionale AICL, presieduto da Neria De Giovanni, ha invitato i delegati dell’Associazione a una riflessione sul valore dei Premi Nobel per la letteratura nei diversi Paesi del mondo.
Critici e scrittori provenienti dal Giappone, Spagna, Francia, USA, Venezuela, Romania, Albania , Catalogna, oltre che da diverse città italiane, Roma, Taranto, Genova, Torino, si confronteranno nella Scuola « A.Amore, presso l’Auditorium Paolo Monaca, appena inaugurato con la donazione da parte della famiglia Monaca di un busto di bronzo dell’artista Paolo Marazzi che con la sua arte unisce Baltico e Mediterraneo passando per Assisi.

In apertura un importante omaggio alla città che ospita il Convegno, con la relazione di Grazia Dormiente sul carteggio inedito tra Giorgio La Pira e Salvatore Quasimodo.

Per la Francia, Andrè Ughetto parlerà del Premio Nobel Federic Mistral e Jean Pierre Castellani di Albert Camus ; per la Spagna Angel Basanta, Segretario Generale dell’AICL, relazionerà su Camillo Josè Cela, mentre le catalane Josefa Contioch e Lulisa Julià parleranno della diffusione in Catalogna dei premi Nobel italiani Deledda, Pirandello e Quasimodo. Anche il romeno Horia Alupului omaggerà l’Italia con la sua relazione su Grazia Deledda in Romania, e Tudorel Radu offrirà un parallelo tra il nostro Pirandello e il romeno Brancusi  e Stefan Damian vicepresidente dell’AICL relazionerà sui luoghi di Salvatore Quasimodo. ’albanese Arjan Kallco omaggerà anche la Sicilia parlando di Quasimodo mentre Andrea Guiati che insegna in USA parlerà dell’ultimo premio Nobel, Bob Dylan.

Molta nutrita la presenza italiana : Piefranco Bruni parla di Pirandello, di Quasimodo Silvano Trevisani, mentre il Dante dei Premi Nobel è il tema svolto da Giovanna Ioli. Montale e Quasimodo sono all’attenzione di Rosa Elisa Giangoia, e Sabino Caronia parla di Pirandello tra Sciasia e Debenedetti. Antonio Maria Masia affronta Dario Fo. Mentre Bruno Rombi parla di Neruda in Sardegna in rapporto a  Grazia Deledda e Franco Idone raccoglie i Nobel che salgono e quelli che scendono… Dal Venezuela, Antonio Mendoza offre un ritratto della polacca Wislawa Szybroska.

Il convegno sarà l’occasione anche per visitare i luoghi di cultura del territorio: a Pozzallo, dopo l’incontro con il Sindaco, ci sarà la visita alla Casa Natale e al Museo di Giorgio La Pira  e alla mostra didattica “ Pozzallo nel vortice del tempo- Pozzallo dalla preistoria al XXI secolo”  allestita presso l’Istituto Comprensivo A. Amore . A Ispica,  incontro  con il Sindaco e visita dei luoghi di” Divorzio all’italiana” di Pietro Germi e di Montalbano, il famoso commissario nato dalla penna di Andrea Camilleri. Infine a Modica per la casa di Salvatore Quasimodo e il Museo del cioccolato.

In conclusione del Convegno, come d’uso per gli incontri Internazionali dell’Associazione, verrà consegnato il Premio Europeo Farfa di cultura e territorio , che quest’anno andrà ad esponenti del territorio ibleo.

 



Maggiori informazioni https://aicl-org.webnode.it/

 

L'Association Internationale des Critiques Litteraires sbarca a Pozzallo

 

« Il Premio Nobel della letteratura nel mondo » è il tema che i critici e gli scrittori dell’Associazione Internazionale dei Critici letterari svolgeranno nel loro convegno annuale che si terrà a Pozzallo il 20-21 gennaio p.v.

Su invito ed organizzazione del prof. Corrado Monaca, Direttore Strategico cultura e territorio, l’AICL sbarca per la seconda volta in Sicilia dopo il Convegno di Gela del 2001, in occasione del centenario della nascita di Salvatore Quasimodo.

Nel 2017 ricorrono i centocinquanta anni dalla nascita del Premio Nobel Luigi Pirandello, del quale  insieme al premio Nobel Grazia Deledda proprio nel 2016 appena trascorso si sono celebrati gli ottanta anni dalla morte.

Per questo il Bureau Internazionale AICL, presieduto da Neria De Giovanni, ha invitato i delegati dell’Associazione a una riflessione sul valore dei Premi Nobel per la letteratura nei diversi Paesi del mondo.
Critici e scrittori provenienti dal Giappone, Spagna, Francia, USA, Venezuela, Romania, Albania , Catalogna, oltre che da diverse città italiane, Roma, Taranto, Genova, Torino, si confronteranno nella Scuola « A.Amore, presso l’Auditorium Paolo Monaca, appena inaugurato con la donazione da parte della famiglia Monaca di un busto di bronzo dell’artista Paolo Marazzi che con la sua arte unisce Baltico e Mediterraneo passando per Assisi.

In apertura un importante omaggio alla città che ospita il Convegno, con la relazione di Grazia Dormiente sul carteggio inedito tra Giorgio La Pira e Salvatore Quasimodo.

Per la Francia, Andrè Ughetto parlerà del Premio Nobel Federic Mistral e Jean Pierre Castellani di Albert Camus ; per la Spagna Angel Basanta, Segretario Generale dell’AICL, relazionerà su Camillo Josè Cela, mentre le catalane Josefa Contioch e Lulisa Julià parleranno della diffusione in Catalogna dei premi Nobel italiani Deledda, Pirandello e Quasimodo. Anche il romeno Horia Alupului omaggerà l’Italia con la sua relazione su Grazia Deledda in Romania, e Tudorel Radu offrirà un parallelo tra il nostro Pirandello e il romeno Brancusi  e Stefan Damian vicepresidente dell’AICL relazionerà sui luoghi di Salvatore Quasimodo. ’albanese Arjan Kallco omaggerà anche la Sicilia parlando di Quasimodo mentre Andrea Guiati che insegna in USA parlerà dell’ultimo premio Nobel, Bob Dylan.

Molta nutrita la presenza italiana : Piefranco Bruni parla di Pirandello, di Quasimodo Silvano Trevisani, mentre il Dante dei Premi Nobel è il tema svolto da Giovanna Ioli. Montale e Quasimodo sono all’attenzione di Rosa Elisa Giangoia, e Sabino Caronia parla di Pirandello tra Sciasia e Debenedetti. Antonio Maria Masia affronta Dario Fo. Mentre Bruno Rombi parla di Neruda in Sardegna in rapporto a  Grazia Deledda e Franco Idone raccoglie i Nobel che salgono e quelli che scendono… Dal Venezuela, Antonio Mendoza offre un ritratto della polacca Wislawa Szybroska.

Il convegno sarà l’occasione anche per visitare i luoghi di cultura del territorio: a Pozzallo, dopo l’incontro con il Sindaco, ci sarà la visita alla Casa Natale e al Museo di Giorgio La Pira  e alla mostra didattica “ Pozzallo nel vortice del tempo- Pozzallo dalla preistoria al XXI secolo”  allestita presso l’Istituto Comprensivo A. Amore . A Ispica,  incontro  con il Sindaco e visita dei luoghi di” Divorzio all’italiana” di Pietro Germi e di Montalbano, il famoso commissario nato dalla penna di Andrea Camilleri. Infine a Modica per la casa di Salvatore Quasimodo e il Museo del cioccolato.

In conclusione del Convegno, come d’uso per gli incontri Internazionali dell’Associazione, verrà consegnato il Premio Europeo Farfa di cultura e territorio , che quest’anno andrà ad esponenti del territorio ibleo.

 



Maggiori informazioni https://aicl-org.webnode.it/

 

L'Association Internationale des Critiques Litteraires sbarca a Pozzallo

 

« Il Premio Nobel della letteratura nel mondo » è il tema che i critici e gli scrittori dell’Associazione Internazionale dei Critici letterari svolgeranno nel loro convegno annuale che si terrà a Pozzallo il 20-21 gennaio p.v.

Su invito ed organizzazione del prof. Corrado Monaca, Direttore Strategico cultura e territorio, l’AICL sbarca per la seconda volta in Sicilia dopo il Convegno di Gela del 2001, in occasione del centenario della nascita di Salvatore Quasimodo.

Nel 2017 ricorrono i centocinquanta anni dalla nascita del Premio Nobel Luigi Pirandello, del quale  insieme al premio Nobel Grazia Deledda proprio nel 2016 appena trascorso si sono celebrati gli ottanta anni dalla morte.

Per questo il Bureau Internazionale AICL, presieduto da Neria De Giovanni, ha invitato i delegati dell’Associazione a una riflessione sul valore dei Premi Nobel per la letteratura nei diversi Paesi del mondo.
Critici e scrittori provenienti dal Giappone, Spagna, Francia, USA, Venezuela, Romania, Albania , Catalogna, oltre che da diverse città italiane, Roma, Taranto, Genova, Torino, si confronteranno nella Scuola « A.Amore, presso l’Auditorium Paolo Monaca, appena inaugurato con la donazione da parte della famiglia Monaca di un busto di bronzo dell’artista Paolo Marazzi che con la sua arte unisce Baltico e Mediterraneo passando per Assisi.

In apertura un importante omaggio alla città che ospita il Convegno, con la relazione di Grazia Dormiente sul carteggio inedito tra Giorgio La Pira e Salvatore Quasimodo.

Per la Francia, Andrè Ughetto parlerà del Premio Nobel Federic Mistral e Jean Pierre Castellani di Albert Camus ; per la Spagna Angel Basanta, Segretario Generale dell’AICL, relazionerà su Camillo Josè Cela, mentre le catalane Josefa Contioch e Lulisa Julià parleranno della diffusione in Catalogna dei premi Nobel italiani Deledda, Pirandello e Quasimodo. Anche il romeno Horia Alupului omaggerà l’Italia con la sua relazione su Grazia Deledda in Romania, e Tudorel Radu offrirà un parallelo tra il nostro Pirandello e il romeno Brancusi  e Stefan Damian vicepresidente dell’AICL relazionerà sui luoghi di Salvatore Quasimodo. ’albanese Arjan Kallco omaggerà anche la Sicilia parlando di Quasimodo mentre Andrea Guiati che insegna in USA parlerà dell’ultimo premio Nobel, Bob Dylan.

Molta nutrita la presenza italiana : Piefranco Bruni parla di Pirandello, di Quasimodo Silvano Trevisani, mentre il Dante dei Premi Nobel è il tema svolto da Giovanna Ioli. Montale e Quasimodo sono all’attenzione di Rosa Elisa Giangoia, e Sabino Caronia parla di Pirandello tra Sciasia e Debenedetti. Antonio Maria Masia affronta Dario Fo. Mentre Bruno Rombi parla di Neruda in Sardegna in rapporto a  Grazia Deledda e Franco Idone raccoglie i Nobel che salgono e quelli che scendono… Dal Venezuela, Antonio Mendoza offre un ritratto della polacca Wislawa Szybroska.

Il convegno sarà l’occasione anche per visitare i luoghi di cultura del territorio: a Pozzallo, dopo l’incontro con il Sindaco, ci sarà la visita alla Casa Natale e al Museo di Giorgio La Pira  e alla mostra didattica “ Pozzallo nel vortice del tempo- Pozzallo dalla preistoria al XXI secolo”  allestita presso l’Istituto Comprensivo A. Amore . A Ispica,  incontro  con il Sindaco e visita dei luoghi di” Divorzio all’italiana” di Pietro Germi e di Montalbano, il famoso commissario nato dalla penna di Andrea Camilleri. Infine a Modica per la casa di Salvatore Quasimodo e il Museo del cioccolato.

In conclusione del Convegno, come d’uso per gli incontri Internazionali dell’Associazione, verrà consegnato il Premio Europeo Farfa di cultura e territorio , che quest’anno andrà ad esponenti del territorio ibleo.

 



Maggiori informazioni https://aicl-org.webnode.it/

 

L'Association Internationale des Critiques Litteraires sbarca a Pozzallo

 

« Il Premio Nobel della letteratura nel mondo » è il tema che i critici e gli scrittori dell’Associazione Internazionale dei Critici letterari svolgeranno nel loro convegno annuale che si terrà a Pozzallo il 20-21 gennaio p.v.

Su invito ed organizzazione del prof. Corrado Monaca, Direttore Strategico cultura e territorio, l’AICL sbarca per la seconda volta in Sicilia dopo il Convegno di Gela del 2001, in occasione del centenario della nascita di Salvatore Quasimodo.

Nel 2017 ricorrono i centocinquanta anni dalla nascita del Premio Nobel Luigi Pirandello, del quale  insieme al premio Nobel Grazia Deledda proprio nel 2016 appena trascorso si sono celebrati gli ottanta anni dalla morte.

Per questo il Bureau Internazionale AICL, presieduto da Neria De Giovanni, ha invitato i delegati dell’Associazione a una riflessione sul valore dei Premi Nobel per la letteratura nei diversi Paesi del mondo.
Critici e scrittori provenienti dal Giappone, Spagna, Francia, USA, Venezuela, Romania, Albania , Catalogna, oltre che da diverse città italiane, Roma, Taranto, Genova, Torino, si confronteranno nella Scuola « A.Amore, presso l’Auditorium Paolo Monaca, appena inaugurato con la donazione da parte della famiglia Monaca di un busto di bronzo dell’artista Paolo Marazzi che con la sua arte unisce Baltico e Mediterraneo passando per Assisi.

In apertura un importante omaggio alla città che ospita il Convegno, con la relazione di Grazia Dormiente sul carteggio inedito tra Giorgio La Pira e Salvatore Quasimodo.

Per la Francia, Andrè Ughetto parlerà del Premio Nobel Federic Mistral e Jean Pierre Castellani di Albert Camus ; per la Spagna Angel Basanta, Segretario Generale dell’AICL, relazionerà su Camillo Josè Cela, mentre le catalane Josefa Contioch e Lulisa Julià parleranno della diffusione in Catalogna dei premi Nobel italiani Deledda, Pirandello e Quasimodo. Anche il romeno Horia Alupului omaggerà l’Italia con la sua relazione su Grazia Deledda in Romania, e Tudorel Radu offrirà un parallelo tra il nostro Pirandello e il romeno Brancusi  e Stefan Damian vicepresidente dell’AICL relazionerà sui luoghi di Salvatore Quasimodo. ’albanese Arjan Kallco omaggerà anche la Sicilia parlando di Quasimodo mentre Andrea Guiati che insegna in USA parlerà dell’ultimo premio Nobel, Bob Dylan.

Molta nutrita la presenza italiana : Piefranco Bruni parla di Pirandello, di Quasimodo Silvano Trevisani, mentre il Dante dei Premi Nobel è il tema svolto da Giovanna Ioli. Montale e Quasimodo sono all’attenzione di Rosa Elisa Giangoia, e Sabino Caronia parla di Pirandello tra Sciasia e Debenedetti. Antonio Maria Masia affronta Dario Fo. Mentre Bruno Rombi parla di Neruda in Sardegna in rapporto a  Grazia Deledda e Franco Idone raccoglie i Nobel che salgono e quelli che scendono… Dal Venezuela, Antonio Mendoza offre un ritratto della polacca Wislawa Szybroska.

Il convegno sarà l’occasione anche per visitare i luoghi di cultura del territorio: a Pozzallo, dopo l’incontro con il Sindaco, ci sarà la visita alla Casa Natale e al Museo di Giorgio La Pira  e alla mostra didattica “ Pozzallo nel vortice del tempo- Pozzallo dalla preistoria al XXI secolo”  allestita presso l’Istituto Comprensivo A. Amore . A Ispica,  incontro  con il Sindaco e visita dei luoghi di” Divorzio all’italiana” di Pietro Germi e di Montalbano, il famoso commissario nato dalla penna di Andrea Camilleri. Infine a Modica per la casa di Salvatore Quasimodo e il Museo del cioccolato.

In conclusione del Convegno, come d’uso per gli incontri Internazionali dell’Associazione, verrà consegnato il Premio Europeo Farfa di cultura e territorio , che quest’anno andrà ad esponenti del territorio ibleo.

 



Maggiori informazioni https://aicl-org.webnode.it/

 

L'Association Internationale des Critiques Litteraires sbarca a Pozzallo

 

« Il Premio Nobel della letteratura nel mondo » è il tema che i critici e gli scrittori dell’Associazione Internazionale dei Critici letterari svolgeranno nel loro convegno annuale che si terrà a Pozzallo il 20-21 gennaio p.v.

Su invito ed organizzazione del prof. Corrado Monaca, Direttore Strategico cultura e territorio, l’AICL sbarca per la seconda volta in Sicilia dopo il Convegno di Gela del 2001, in occasione del centenario della nascita di Salvatore Quasimodo.

Nel 2017 ricorrono i centocinquanta anni dalla nascita del Premio Nobel Luigi Pirandello, del quale  insieme al premio Nobel Grazia Deledda proprio nel 2016 appena trascorso si sono celebrati gli ottanta anni dalla morte.

Per questo il Bureau Internazionale AICL, presieduto da Neria De Giovanni, ha invitato i delegati dell’Associazione a una riflessione sul valore dei Premi Nobel per la letteratura nei diversi Paesi del mondo.
Critici e scrittori provenienti dal Giappone, Spagna, Francia, USA, Venezuela, Romania, Albania , Catalogna, oltre che da diverse città italiane, Roma, Taranto, Genova, Torino, si confronteranno nella Scuola « A.Amore, presso l’Auditorium Paolo Monaca, appena inaugurato con la donazione da parte della famiglia Monaca di un busto di bronzo dell’artista Paolo Marazzi che con la sua arte unisce Baltico e Mediterraneo passando per Assisi.

In apertura un importante omaggio alla città che ospita il Convegno, con la relazione di Grazia Dormiente sul carteggio inedito tra Giorgio La Pira e Salvatore Quasimodo.

Per la Francia, Andrè Ughetto parlerà del Premio Nobel Federic Mistral e Jean Pierre Castellani di Albert Camus ; per la Spagna Angel Basanta, Segretario Generale dell’AICL, relazionerà su Camillo Josè Cela, mentre le catalane Josefa Contioch e Lulisa Julià parleranno della diffusione in Catalogna dei premi Nobel italiani Deledda, Pirandello e Quasimodo. Anche il romeno Horia Alupului omaggerà l’Italia con la sua relazione su Grazia Deledda in Romania, e Tudorel Radu offrirà un parallelo tra il nostro Pirandello e il romeno Brancusi  e Stefan Damian vicepresidente dell’AICL relazionerà sui luoghi di Salvatore Quasimodo. ’albanese Arjan Kallco omaggerà anche la Sicilia parlando di Quasimodo mentre Andrea Guiati che insegna in USA parlerà dell’ultimo premio Nobel, Bob Dylan.

Molta nutrita la presenza italiana : Piefranco Bruni parla di Pirandello, di Quasimodo Silvano Trevisani, mentre il Dante dei Premi Nobel è il tema svolto da Giovanna Ioli. Montale e Quasimodo sono all’attenzione di Rosa Elisa Giangoia, e Sabino Caronia parla di Pirandello tra Sciasia e Debenedetti. Antonio Maria Masia affronta Dario Fo. Mentre Bruno Rombi parla di Neruda in Sardegna in rapporto a  Grazia Deledda e Franco Idone raccoglie i Nobel che salgono e quelli che scendono… Dal Venezuela, Antonio Mendoza offre un ritratto della polacca Wislawa Szybroska.

Il convegno sarà l’occasione anche per visitare i luoghi di cultura del territorio: a Pozzallo, dopo l’incontro con il Sindaco, ci sarà la visita alla Casa Natale e al Museo di Giorgio La Pira  e alla mostra didattica “ Pozzallo nel vortice del tempo- Pozzallo dalla preistoria al XXI secolo”  allestita presso l’Istituto Comprensivo A. Amore . A Ispica,  incontro  con il Sindaco e visita dei luoghi di” Divorzio all’italiana” di Pietro Germi e di Montalbano, il famoso commissario nato dalla penna di Andrea Camilleri. Infine a Modica per la casa di Salvatore Quasimodo e il Museo del cioccolato.

In conclusione del Convegno, come d’uso per gli incontri Internazionali dell’Associazione, verrà consegnato il Premio Europeo Farfa di cultura e territorio , che quest’anno andrà ad esponenti del territorio ibleo.

 



Maggiori informazioni https://aicl-org.webnode.it/

 

L'Association Internationale des Critiques Litteraires sbarca a Pozzallo

 

« Il Premio Nobel della letteratura nel mondo » è il tema che i critici e gli scrittori dell’Associazione Internazionale dei Critici letterari svolgeranno nel loro convegno annuale che si terrà a Pozzallo il 20-21 gennaio p.v.

Su invito ed organizzazione del prof. Corrado Monaca, Direttore Strategico cultura e territorio, l’AICL sbarca per la seconda volta in Sicilia dopo il Convegno di Gela del 2001, in occasione del centenario della nascita di Salvatore Quasimodo.

Nel 2017 ricorrono i centocinquanta anni dalla nascita del Premio Nobel Luigi Pirandello, del quale  insieme al premio Nobel Grazia Deledda proprio nel 2016 appena trascorso si sono celebrati gli ottanta anni dalla morte.

Per questo il Bureau Internazionale AICL, presieduto da Neria De Giovanni, ha invitato i delegati dell’Associazione a una riflessione sul valore dei Premi Nobel per la letteratura nei diversi Paesi del mondo.
Critici e scrittori provenienti dal Giappone, Spagna, Francia, USA, Venezuela, Romania, Albania , Catalogna, oltre che da diverse città italiane, Roma, Taranto, Genova, Torino, si confronteranno nella Scuola « A.Amore, presso l’Auditorium Paolo Monaca, appena inaugurato con la donazione da parte della famiglia Monaca di un busto di bronzo dell’artista Paolo Marazzi che con la sua arte unisce Baltico e Mediterraneo passando per Assisi.

In apertura un importante omaggio alla città che ospita il Convegno, con la relazione di Grazia Dormiente sul carteggio inedito tra Giorgio La Pira e Salvatore Quasimodo.

Per la Francia, Andrè Ughetto parlerà del Premio Nobel Federic Mistral e Jean Pierre Castellani di Albert Camus ; per la Spagna Angel Basanta, Segretario Generale dell’AICL, relazionerà su Camillo Josè Cela, mentre le catalane Josefa Contioch e Lulisa Julià parleranno della diffusione in Catalogna dei premi Nobel italiani Deledda, Pirandello e Quasimodo. Anche il romeno Horia Alupului omaggerà l’Italia con la sua relazione su Grazia Deledda in Romania, e Tudorel Radu offrirà un parallelo tra il nostro Pirandello e il romeno Brancusi  e Stefan Damian vicepresidente dell’AICL relazionerà sui luoghi di Salvatore Quasimodo. ’albanese Arjan Kallco omaggerà anche la Sicilia parlando di Quasimodo mentre Andrea Guiati che insegna in USA parlerà dell’ultimo premio Nobel, Bob Dylan.

Molta nutrita la presenza italiana : Piefranco Bruni parla di Pirandello, di Quasimodo Silvano Trevisani, mentre il Dante dei Premi Nobel è il tema svolto da Giovanna Ioli. Montale e Quasimodo sono all’attenzione di Rosa Elisa Giangoia, e Sabino Caronia parla di Pirandello tra Sciasia e Debenedetti. Antonio Maria Masia affronta Dario Fo. Mentre Bruno Rombi parla di Neruda in Sardegna in rapporto a  Grazia Deledda e Franco Idone raccoglie i Nobel che salgono e quelli che scendono… Dal Venezuela, Antonio Mendoza offre un ritratto della polacca Wislawa Szybroska.

Il convegno sarà l’occasione anche per visitare i luoghi di cultura del territorio: a Pozzallo, dopo l’incontro con il Sindaco, ci sarà la visita alla Casa Natale e al Museo di Giorgio La Pira  e alla mostra didattica “ Pozzallo nel vortice del tempo- Pozzallo dalla preistoria al XXI secolo”  allestita presso l’Istituto Comprensivo A. Amore . A Ispica,  incontro  con il Sindaco e visita dei luoghi di” Divorzio all’italiana” di Pietro Germi e di Montalbano, il famoso commissario nato dalla penna di Andrea Camilleri. Infine a Modica per la casa di Salvatore Quasimodo e il Museo del cioccolato.

In conclusione del Convegno, come d’uso per gli incontri Internazionali dell’Associazione, verrà consegnato il Premio Europeo Farfa di cultura e territorio , che quest’anno andrà ad esponenti del territorio ibleo.

 



Maggiori informazioni https://aicl-org.webnode.it/

 

L'Association Internationale des Critiques Litteraires sbarca a Pozzallo

 

« Il Premio Nobel della letteratura nel mondo » è il tema che i critici e gli scrittori dell’Associazione Internazionale dei Critici letterari svolgeranno nel loro convegno annuale che si terrà a Pozzallo il 20-21 gennaio p.v.

Su invito ed organizzazione del prof. Corrado Monaca, Direttore Strategico cultura e territorio, l’AICL sbarca per la seconda volta in Sicilia dopo il Convegno di Gela del 2001, in occasione del centenario della nascita di Salvatore Quasimodo.

Nel 2017 ricorrono i centocinquanta anni dalla nascita del Premio Nobel Luigi Pirandello, del quale  insieme al premio Nobel Grazia Deledda proprio nel 2016 appena trascorso si sono celebrati gli ottanta anni dalla morte.

Per questo il Bureau Internazionale AICL, presieduto da Neria De Giovanni, ha invitato i delegati dell’Associazione a una riflessione sul valore dei Premi Nobel per la letteratura nei diversi Paesi del mondo.
Critici e scrittori provenienti dal Giappone, Spagna, Francia, USA, Venezuela, Romania, Albania , Catalogna, oltre che da diverse città italiane, Roma, Taranto, Genova, Torino, si confronteranno nella Scuola « A.Amore, presso l’Auditorium Paolo Monaca, appena inaugurato con la donazione da parte della famiglia Monaca di un busto di bronzo dell’artista Paolo Marazzi che con la sua arte unisce Baltico e Mediterraneo passando per Assisi.

In apertura un importante omaggio alla città che ospita il Convegno, con la relazione di Grazia Dormiente sul carteggio inedito tra Giorgio La Pira e Salvatore Quasimodo.

Per la Francia, Andrè Ughetto parlerà del Premio Nobel Federic Mistral e Jean Pierre Castellani di Albert Camus ; per la Spagna Angel Basanta, Segretario Generale dell’AICL, relazionerà su Camillo Josè Cela, mentre le catalane Josefa Contioch e Lulisa Julià parleranno della diffusione in Catalogna dei premi Nobel italiani Deledda, Pirandello e Quasimodo. Anche il romeno Horia Alupului omaggerà l’Italia con la sua relazione su Grazia Deledda in Romania, e Tudorel Radu offrirà un parallelo tra il nostro Pirandello e il romeno Brancusi  e Stefan Damian vicepresidente dell’AICL relazionerà sui luoghi di Salvatore Quasimodo. ’albanese Arjan Kallco omaggerà anche la Sicilia parlando di Quasimodo mentre Andrea Guiati che insegna in USA parlerà dell’ultimo premio Nobel, Bob Dylan.

Molta nutrita la presenza italiana : Piefranco Bruni parla di Pirandello, di Quasimodo Silvano Trevisani, mentre il Dante dei Premi Nobel è il tema svolto da Giovanna Ioli. Montale e Quasimodo sono all’attenzione di Rosa Elisa Giangoia, e Sabino Caronia parla di Pirandello tra Sciasia e Debenedetti. Antonio Maria Masia affronta Dario Fo. Mentre Bruno Rombi parla di Neruda in Sardegna in rapporto a  Grazia Deledda e Franco Idone raccoglie i Nobel che salgono e quelli che scendono… Dal Venezuela, Antonio Mendoza offre un ritratto della polacca Wislawa Szybroska.

Il convegno sarà l’occasione anche per visitare i luoghi di cultura del territorio: a Pozzallo, dopo l’incontro con il Sindaco, ci sarà la visita alla Casa Natale e al Museo di Giorgio La Pira  e alla mostra didattica “ Pozzallo nel vortice del tempo- Pozzallo dalla preistoria al XXI secolo”  allestita presso l’Istituto Comprensivo A. Amore . A Ispica,  incontro  con il Sindaco e visita dei luoghi di” Divorzio all’italiana” di Pietro Germi e di Montalbano, il famoso commissario nato dalla penna di Andrea Camilleri. Infine a Modica per la casa di Salvatore Quasimodo e il Museo del cioccolato.

In conclusione del Convegno, come d’uso per gli incontri Internazionali dell’Associazione, verrà consegnato il Premio Europeo Farfa di cultura e territorio , che quest’anno andrà ad esponenti del territorio ibleo.

 



Maggiori informazioni https://aicl-org.webnode.it/

 

L'Association Internationale des Critiques Litteraires sbarca a Pozzallo

 

« Il Premio Nobel della letteratura nel mondo » è il tema che i critici e gli scrittori dell’Associazione Internazionale dei Critici letterari svolgeranno nel loro convegno annuale che si terrà a Pozzallo il 20-21 gennaio p.v.

Su invito ed organizzazione del prof. Corrado Monaca, Direttore Strategico cultura e territorio, l’AICL sbarca per la seconda volta in Sicilia dopo il Convegno di Gela del 2001, in occasione del centenario della nascita di Salvatore Quasimodo.

Nel 2017 ricorrono i centocinquanta anni dalla nascita del Premio Nobel Luigi Pirandello, del quale  insieme al premio Nobel Grazia Deledda proprio nel 2016 appena trascorso si sono celebrati gli ottanta anni dalla morte.

Per questo il Bureau Internazionale AICL, presieduto da Neria De Giovanni, ha invitato i delegati dell’Associazione a una riflessione sul valore dei Premi Nobel per la letteratura nei diversi Paesi del mondo.
Critici e scrittori provenienti dal Giappone, Spagna, Francia, USA, Venezuela, Romania, Albania , Catalogna, oltre che da diverse città italiane, Roma, Taranto, Genova, Torino, si confronteranno nella Scuola « A.Amore, presso l’Auditorium Paolo Monaca, appena inaugurato con la donazione da parte della famiglia Monaca di un busto di bronzo dell’artista Paolo Marazzi che con la sua arte unisce Baltico e Mediterraneo passando per Assisi.

In apertura un importante omaggio alla città che ospita il Convegno, con la relazione di Grazia Dormiente sul carteggio inedito tra Giorgio La Pira e Salvatore Quasimodo.

Per la Francia, Andrè Ughetto parlerà del Premio Nobel Federic Mistral e Jean Pierre Castellani di Albert Camus ; per la Spagna Angel Basanta, Segretario Generale dell’AICL, relazionerà su Camillo Josè Cela, mentre le catalane Josefa Contioch e Lulisa Julià parleranno della diffusione in Catalogna dei premi Nobel italiani Deledda, Pirandello e Quasimodo. Anche il romeno Horia Alupului omaggerà l’Italia con la sua relazione su Grazia Deledda in Romania, e Tudorel Radu offrirà un parallelo tra il nostro Pirandello e il romeno Brancusi  e Stefan Damian vicepresidente dell’AICL relazionerà sui luoghi di Salvatore Quasimodo. ’albanese Arjan Kallco omaggerà anche la Sicilia parlando di Quasimodo mentre Andrea Guiati che insegna in USA parlerà dell’ultimo premio Nobel, Bob Dylan.

Molta nutrita la presenza italiana : Piefranco Bruni parla di Pirandello, di Quasimodo Silvano Trevisani, mentre il Dante dei Premi Nobel è il tema svolto da Giovanna Ioli. Montale e Quasimodo sono all’attenzione di Rosa Elisa Giangoia, e Sabino Caronia parla di Pirandello tra Sciasia e Debenedetti. Antonio Maria Masia affronta Dario Fo. Mentre Bruno Rombi parla di Neruda in Sardegna in rapporto a  Grazia Deledda e Franco Idone raccoglie i Nobel che salgono e quelli che scendono… Dal Venezuela, Antonio Mendoza offre un ritratto della polacca Wislawa Szybroska.

Il convegno sarà l’occasione anche per visitare i luoghi di cultura del territorio: a Pozzallo, dopo l’incontro con il Sindaco, ci sarà la visita alla Casa Natale e al Museo di Giorgio La Pira  e alla mostra didattica “ Pozzallo nel vortice del tempo- Pozzallo dalla preistoria al XXI secolo”  allestita presso l’Istituto Comprensivo A. Amore . A Ispica,  incontro  con il Sindaco e visita dei luoghi di” Divorzio all’italiana” di Pietro Germi e di Montalbano, il famoso commissario nato dalla penna di Andrea Camilleri. Infine a Modica per la casa di Salvatore Quasimodo e il Museo del cioccolato.

In conclusione del Convegno, come d’uso per gli incontri Internazionali dell’Associazione, verrà consegnato il Premio Europeo Farfa di cultura e territorio , che quest’anno andrà ad esponenti del territorio ibleo.

 



Maggiori informazioni https://aicl-org.webnode.it/

 

L'Association Internationale des Critiques Litteraires sbarca a Pozzallo

 

« Il Premio Nobel della letteratura nel mondo » è il tema che i critici e gli scrittori dell’Associazione Internazionale dei Critici letterari svolgeranno nel loro convegno annuale che si terrà a Pozzallo il 20-21 gennaio p.v.

Su invito ed organizzazione del prof. Corrado Monaca, Direttore Strategico cultura e territorio, l’AICL sbarca per la seconda volta in Sicilia dopo il Convegno di Gela del 2001, in occasione del centenario della nascita di Salvatore Quasimodo.

Nel 2017 ricorrono i centocinquanta anni dalla nascita del Premio Nobel Luigi Pirandello, del quale  insieme al premio Nobel Grazia Deledda proprio nel 2016 appena trascorso si sono celebrati gli ottanta anni dalla morte.

Per questo il Bureau Internazionale AICL, presieduto da Neria De Giovanni, ha invitato i delegati dell’Associazione a una riflessione sul valore dei Premi Nobel per la letteratura nei diversi Paesi del mondo.
Critici e scrittori provenienti dal Giappone, Spagna, Francia, USA, Venezuela, Romania, Albania , Catalogna, oltre che da diverse città italiane, Roma, Taranto, Genova, Torino, si confronteranno nella Scuola « A.Amore, presso l’Auditorium Paolo Monaca, appena inaugurato con la donazione da parte della famiglia Monaca di un busto di bronzo dell’artista Paolo Marazzi che con la sua arte unisce Baltico e Mediterraneo passando per Assisi.

In apertura un importante omaggio alla città che ospita il Convegno, con la relazione di Grazia Dormiente sul carteggio inedito tra Giorgio La Pira e Salvatore Quasimodo.

Per la Francia, Andrè Ughetto parlerà del Premio Nobel Federic Mistral e Jean Pierre Castellani di Albert Camus ; per la Spagna Angel Basanta, Segretario Generale dell’AICL, relazionerà su Camillo Josè Cela, mentre le catalane Josefa Contioch e Lulisa Julià parleranno della diffusione in Catalogna dei premi Nobel italiani Deledda, Pirandello e Quasimodo. Anche il romeno Horia Alupului omaggerà l’Italia con la sua relazione su Grazia Deledda in Romania, e Tudorel Radu offrirà un parallelo tra il nostro Pirandello e il romeno Brancusi  e Stefan Damian vicepresidente dell’AICL relazionerà sui luoghi di Salvatore Quasimodo. ’albanese Arjan Kallco omaggerà anche la Sicilia parlando di Quasimodo mentre Andrea Guiati che insegna in USA parlerà dell’ultimo premio Nobel, Bob Dylan.

Molta nutrita la presenza italiana : Piefranco Bruni parla di Pirandello, di Quasimodo Silvano Trevisani, mentre il Dante dei Premi Nobel è il tema svolto da Giovanna Ioli. Montale e Quasimodo sono all’attenzione di Rosa Elisa Giangoia, e Sabino Caronia parla di Pirandello tra Sciasia e Debenedetti. Antonio Maria Masia affronta Dario Fo. Mentre Bruno Rombi parla di Neruda in Sardegna in rapporto a  Grazia Deledda e Franco Idone raccoglie i Nobel che salgono e quelli che scendono… Dal Venezuela, Antonio Mendoza offre un ritratto della polacca Wislawa Szybroska.

Il convegno sarà l’occasione anche per visitare i luoghi di cultura del territorio: a Pozzallo, dopo l’incontro con il Sindaco, ci sarà la visita alla Casa Natale e al Museo di Giorgio La Pira  e alla mostra didattica “ Pozzallo nel vortice del tempo- Pozzallo dalla preistoria al XXI secolo”  allestita presso l’Istituto Comprensivo A. Amore . A Ispica,  incontro  con il Sindaco e visita dei luoghi di” Divorzio all’italiana” di Pietro Germi e di Montalbano, il famoso commissario nato dalla penna di Andrea Camilleri. Infine a Modica per la casa di Salvatore Quasimodo e il Museo del cioccolato.

In conclusione del Convegno, come d’uso per gli incontri Internazionali dell’Associazione, verrà consegnato il Premio Europeo Farfa di cultura e territorio , che quest’anno andrà ad esponenti del territorio ibleo.

 



Maggiori informazioni https://aicl-org.webnode.it/

 

L'Association Internationale des Critiques Litteraires sbarca a Pozzallo

 

« Il Premio Nobel della letteratura nel mondo » è il tema che i critici e gli scrittori dell’Associazione Internazionale dei Critici letterari svolgeranno nel loro convegno annuale che si terrà a Pozzallo il 20-21 gennaio p.v.

Su invito ed organizzazione del prof. Corrado Monaca, Direttore Strategico cultura e territorio, l’AICL sbarca per la seconda volta in Sicilia dopo il Convegno di Gela del 2001, in occasione del centenario della nascita di Salvatore Quasimodo.

Nel 2017 ricorrono i centocinquanta anni dalla nascita del Premio Nobel Luigi Pirandello, del quale  insieme al premio Nobel Grazia Deledda proprio nel 2016 appena trascorso si sono celebrati gli ottanta anni dalla morte.

Per questo il Bureau Internazionale AICL, presieduto da Neria De Giovanni, ha invitato i delegati dell’Associazione a una riflessione sul valore dei Premi Nobel per la letteratura nei diversi Paesi del mondo.
Critici e scrittori provenienti dal Giappone, Spagna, Francia, USA, Venezuela, Romania, Albania , Catalogna, oltre che da diverse città italiane, Roma, Taranto, Genova, Torino, si confronteranno nella Scuola « A.Amore, presso l’Auditorium Paolo Monaca, appena inaugurato con la donazione da parte della famiglia Monaca di un busto di bronzo dell’artista Paolo Marazzi che con la sua arte unisce Baltico e Mediterraneo passando per Assisi.

In apertura un importante omaggio alla città che ospita il Convegno, con la relazione di Grazia Dormiente sul carteggio inedito tra Giorgio La Pira e Salvatore Quasimodo.

Per la Francia, Andrè Ughetto parlerà del Premio Nobel Federic Mistral e Jean Pierre Castellani di Albert Camus ; per la Spagna Angel Basanta, Segretario Generale dell’AICL, relazionerà su Camillo Josè Cela, mentre le catalane Josefa Contioch e Lulisa Julià parleranno della diffusione in Catalogna dei premi Nobel italiani Deledda, Pirandello e Quasimodo. Anche il romeno Horia Alupului omaggerà l’Italia con la sua relazione su Grazia Deledda in Romania, e Tudorel Radu offrirà un parallelo tra il nostro Pirandello e il romeno Brancusi  e Stefan Damian vicepresidente dell’AICL relazionerà sui luoghi di Salvatore Quasimodo. ’albanese Arjan Kallco omaggerà anche la Sicilia parlando di Quasimodo mentre Andrea Guiati che insegna in USA parlerà dell’ultimo premio Nobel, Bob Dylan.

Molta nutrita la presenza italiana : Piefranco Bruni parla di Pirandello, di Quasimodo Silvano Trevisani, mentre il Dante dei Premi Nobel è il tema svolto da Giovanna Ioli. Montale e Quasimodo sono all’attenzione di Rosa Elisa Giangoia, e Sabino Caronia parla di Pirandello tra Sciasia e Debenedetti. Antonio Maria Masia affronta Dario Fo. Mentre Bruno Rombi parla di Neruda in Sardegna in rapporto a  Grazia Deledda e Franco Idone raccoglie i Nobel che salgono e quelli che scendono… Dal Venezuela, Antonio Mendoza offre un ritratto della polacca Wislawa Szybroska.

Il convegno sarà l’occasione anche per visitare i luoghi di cultura del territorio: a Pozzallo, dopo l’incontro con il Sindaco, ci sarà la visita alla Casa Natale e al Museo di Giorgio La Pira  e alla mostra didattica “ Pozzallo nel vortice del tempo- Pozzallo dalla preistoria al XXI secolo”  allestita presso l’Istituto Comprensivo A. Amore . A Ispica,  incontro  con il Sindaco e visita dei luoghi di” Divorzio all’italiana” di Pietro Germi e di Montalbano, il famoso commissario nato dalla penna di Andrea Camilleri. Infine a Modica per la casa di Salvatore Quasimodo e il Museo del cioccolato.

In conclusione del Convegno, come d’uso per gli incontri Internazionali dell’Associazione, verrà consegnato il Premio Europeo Farfa di cultura e territorio , che quest’anno andrà ad esponenti del territorio ibleo.

 



Maggiori informazioni https://aicl-org.webnode.it/

 

L'Association Internationale des Critiques Litteraires sbarca a Pozzallo

 

« Il Premio Nobel della letteratura nel mondo » è il tema che i critici e gli scrittori dell’Associazione Internazionale dei Critici letterari svolgeranno nel loro convegno annuale che si terrà a Pozzallo il 20-21 gennaio p.v.

Su invito ed organizzazione del prof. Corrado Monaca, Direttore Strategico cultura e territorio, l’AICL sbarca per la seconda volta in Sicilia dopo il Convegno di Gela del 2001, in occasione del centenario della nascita di Salvatore Quasimodo.

Nel 2017 ricorrono i centocinquanta anni dalla nascita del Premio Nobel Luigi Pirandello, del quale  insieme al premio Nobel Grazia Deledda proprio nel 2016 appena trascorso si sono celebrati gli ottanta anni dalla morte.

Per questo il Bureau Internazionale AICL, presieduto da Neria De Giovanni, ha invitato i delegati dell’Associazione a una riflessione sul valore dei Premi Nobel per la letteratura nei diversi Paesi del mondo.
Critici e scrittori provenienti dal Giappone, Spagna, Francia, USA, Venezuela, Romania, Albania , Catalogna, oltre che da diverse città italiane, Roma, Taranto, Genova, Torino, si confronteranno nella Scuola « A.Amore, presso l’Auditorium Paolo Monaca, appena inaugurato con la donazione da parte della famiglia Monaca di un busto di bronzo dell’artista Paolo Marazzi che con la sua arte unisce Baltico e Mediterraneo passando per Assisi.

In apertura un importante omaggio alla città che ospita il Convegno, con la relazione di Grazia Dormiente sul carteggio inedito tra Giorgio La Pira e Salvatore Quasimodo.

Per la Francia, Andrè Ughetto parlerà del Premio Nobel Federic Mistral e Jean Pierre Castellani di Albert Camus ; per la Spagna Angel Basanta, Segretario Generale dell’AICL, relazionerà su Camillo Josè Cela, mentre le catalane Josefa Contioch e Lulisa Julià parleranno della diffusione in Catalogna dei premi Nobel italiani Deledda, Pirandello e Quasimodo. Anche il romeno Horia Alupului omaggerà l’Italia con la sua relazione su Grazia Deledda in Romania, e Tudorel Radu offrirà un parallelo tra il nostro Pirandello e il romeno Brancusi  e Stefan Damian vicepresidente dell’AICL relazionerà sui luoghi di Salvatore Quasimodo. ’albanese Arjan Kallco omaggerà anche la Sicilia parlando di Quasimodo mentre Andrea Guiati che insegna in USA parlerà dell’ultimo premio Nobel, Bob Dylan.

Molta nutrita la presenza italiana : Piefranco Bruni parla di Pirandello, di Quasimodo Silvano Trevisani, mentre il Dante dei Premi Nobel è il tema svolto da Giovanna Ioli. Montale e Quasimodo sono all’attenzione di Rosa Elisa Giangoia, e Sabino Caronia parla di Pirandello tra Sciasia e Debenedetti. Antonio Maria Masia affronta Dario Fo. Mentre Bruno Rombi parla di Neruda in Sardegna in rapporto a  Grazia Deledda e Franco Idone raccoglie i Nobel che salgono e quelli che scendono… Dal Venezuela, Antonio Mendoza offre un ritratto della polacca Wislawa Szybroska.

Il convegno sarà l’occasione anche per visitare i luoghi di cultura del territorio: a Pozzallo, dopo l’incontro con il Sindaco, ci sarà la visita alla Casa Natale e al Museo di Giorgio La Pira  e alla mostra didattica “ Pozzallo nel vortice del tempo- Pozzallo dalla preistoria al XXI secolo”  allestita presso l’Istituto Comprensivo A. Amore . A Ispica,  incontro  con il Sindaco e visita dei luoghi di” Divorzio all’italiana” di Pietro Germi e di Montalbano, il famoso commissario nato dalla penna di Andrea Camilleri. Infine a Modica per la casa di Salvatore Quasimodo e il Museo del cioccolato.

In conclusione del Convegno, come d’uso per gli incontri Internazionali dell’Associazione, verrà consegnato il Premio Europeo Farfa di cultura e territorio , che quest’anno andrà ad esponenti del territorio ibleo.

 



Maggiori informazioni https://aicl-org.webnode.it/

 

L'Association Internationale des Critiques Litteraires sbarca a Pozzallo

 

« Il Premio Nobel della letteratura nel mondo » è il tema che i critici e gli scrittori dell’Associazione Internazionale dei Critici letterari svolgeranno nel loro convegno annuale che si terrà a Pozzallo il 20-21 gennaio p.v.

Su invito ed organizzazione del prof. Corrado Monaca, Direttore Strategico cultura e territorio, l’AICL sbarca per la seconda volta in Sicilia dopo il Convegno di Gela del 2001, in occasione del centenario della nascita di Salvatore Quasimodo.

Nel 2017 ricorrono i centocinquanta anni dalla nascita del Premio Nobel Luigi Pirandello, del quale  insieme al premio Nobel Grazia Deledda proprio nel 2016 appena trascorso si sono celebrati gli ottanta anni dalla morte.

Per questo il Bureau Internazionale AICL, presieduto da Neria De Giovanni, ha invitato i delegati dell’Associazione a una riflessione sul valore dei Premi Nobel per la letteratura nei diversi Paesi del mondo.
Critici e scrittori provenienti dal Giappone, Spagna, Francia, USA, Venezuela, Romania, Albania , Catalogna, oltre che da diverse città italiane, Roma, Taranto, Genova, Torino, si confronteranno nella Scuola « A.Amore, presso l’Auditorium Paolo Monaca, appena inaugurato con la donazione da parte della famiglia Monaca di un busto di bronzo dell’artista Paolo Marazzi che con la sua arte unisce Baltico e Mediterraneo passando per Assisi.

In apertura un importante omaggio alla città che ospita il Convegno, con la relazione di Grazia Dormiente sul carteggio inedito tra Giorgio La Pira e Salvatore Quasimodo.

Per la Francia, Andrè Ughetto parlerà del Premio Nobel Federic Mistral e Jean Pierre Castellani di Albert Camus ; per la Spagna Angel Basanta, Segretario Generale dell’AICL, relazionerà su Camillo Josè Cela, mentre le catalane Josefa Contioch e Lulisa Julià parleranno della diffusione in Catalogna dei premi Nobel italiani Deledda, Pirandello e Quasimodo. Anche il romeno Horia Alupului omaggerà l’Italia con la sua relazione su Grazia Deledda in Romania, e Tudorel Radu offrirà un parallelo tra il nostro Pirandello e il romeno Brancusi  e Stefan Damian vicepresidente dell’AICL relazionerà sui luoghi di Salvatore Quasimodo. ’albanese Arjan Kallco omaggerà anche la Sicilia parlando di Quasimodo mentre Andrea Guiati che insegna in USA parlerà dell’ultimo premio Nobel, Bob Dylan.

Molta nutrita la presenza italiana : Piefranco Bruni parla di Pirandello, di Quasimodo Silvano Trevisani, mentre il Dante dei Premi Nobel è il tema svolto da Giovanna Ioli. Montale e Quasimodo sono all’attenzione di Rosa Elisa Giangoia, e Sabino Caronia parla di Pirandello tra Sciasia e Debenedetti. Antonio Maria Masia affronta Dario Fo. Mentre Bruno Rombi parla di Neruda in Sardegna in rapporto a  Grazia Deledda e Franco Idone raccoglie i Nobel che salgono e quelli che scendono… Dal Venezuela, Antonio Mendoza offre un ritratto della polacca Wislawa Szybroska.

Il convegno sarà l’occasione anche per visitare i luoghi di cultura del territorio: a Pozzallo, dopo l’incontro con il Sindaco, ci sarà la visita alla Casa Natale e al Museo di Giorgio La Pira  e alla mostra didattica “ Pozzallo nel vortice del tempo- Pozzallo dalla preistoria al XXI secolo”  allestita presso l’Istituto Comprensivo A. Amore . A Ispica,  incontro  con il Sindaco e visita dei luoghi di” Divorzio all’italiana” di Pietro Germi e di Montalbano, il famoso commissario nato dalla penna di Andrea Camilleri. Infine a Modica per la casa di Salvatore Quasimodo e il Museo del cioccolato.

In conclusione del Convegno, come d’uso per gli incontri Internazionali dell’Associazione, verrà consegnato il Premio Europeo Farfa di cultura e territorio , che quest’anno andrà ad esponenti del territorio ibleo.

 



Maggiori informazioni https://aicl-org.webnode.it/

 

L'Association Internationale des Critiques Litteraires sbarca a Pozzallo

 

« Il Premio Nobel della letteratura nel mondo » è il tema che i critici e gli scrittori dell’Associazione Internazionale dei Critici letterari svolgeranno nel loro convegno annuale che si terrà a Pozzallo il 20-21 gennaio p.v.

Su invito ed organizzazione del prof. Corrado Monaca, Direttore Strategico cultura e territorio, l’AICL sbarca per la seconda volta in Sicilia dopo il Convegno di Gela del 2001, in occasione del centenario della nascita di Salvatore Quasimodo.

Nel 2017 ricorrono i centocinquanta anni dalla nascita del Premio Nobel Luigi Pirandello, del quale  insieme al premio Nobel Grazia Deledda proprio nel 2016 appena trascorso si sono celebrati gli ottanta anni dalla morte.

Per questo il Bureau Internazionale AICL, presieduto da Neria De Giovanni, ha invitato i delegati dell’Associazione a una riflessione sul valore dei Premi Nobel per la letteratura nei diversi Paesi del mondo.
Critici e scrittori provenienti dal Giappone, Spagna, Francia, USA, Venezuela, Romania, Albania , Catalogna, oltre che da diverse città italiane, Roma, Taranto, Genova, Torino, si confronteranno nella Scuola « A.Amore, presso l’Auditorium Paolo Monaca, appena inaugurato con la donazione da parte della famiglia Monaca di un busto di bronzo dell’artista Paolo Marazzi che con la sua arte unisce Baltico e Mediterraneo passando per Assisi.

In apertura un importante omaggio alla città che ospita il Convegno, con la relazione di Grazia Dormiente sul carteggio inedito tra Giorgio La Pira e Salvatore Quasimodo.

Per la Francia, Andrè Ughetto parlerà del Premio Nobel Federic Mistral e Jean Pierre Castellani di Albert Camus ; per la Spagna Angel Basanta, Segretario Generale dell’AICL, relazionerà su Camillo Josè Cela, mentre le catalane Josefa Contioch e Lulisa Julià parleranno della diffusione in Catalogna dei premi Nobel italiani Deledda, Pirandello e Quasimodo. Anche il romeno Horia Alupului omaggerà l’Italia con la sua relazione su Grazia Deledda in Romania, e Tudorel Radu offrirà un parallelo tra il nostro Pirandello e il romeno Brancusi  e Stefan Damian vicepresidente dell’AICL relazionerà sui luoghi di Salvatore Quasimodo. ’albanese Arjan Kallco omaggerà anche la Sicilia parlando di Quasimodo mentre Andrea Guiati che insegna in USA parlerà dell’ultimo premio Nobel, Bob Dylan.

Molta nutrita la presenza italiana : Piefranco Bruni parla di Pirandello, di Quasimodo Silvano Trevisani, mentre il Dante dei Premi Nobel è il tema svolto da Giovanna Ioli. Montale e Quasimodo sono all’attenzione di Rosa Elisa Giangoia, e Sabino Caronia parla di Pirandello tra Sciasia e Debenedetti. Antonio Maria Masia affronta Dario Fo. Mentre Bruno Rombi parla di Neruda in Sardegna in rapporto a  Grazia Deledda e Franco Idone raccoglie i Nobel che salgono e quelli che scendono… Dal Venezuela, Antonio Mendoza offre un ritratto della polacca Wislawa Szybroska.

Il convegno sarà l’occasione anche per visitare i luoghi di cultura del territorio: a Pozzallo, dopo l’incontro con il Sindaco, ci sarà la visita alla Casa Natale e al Museo di Giorgio La Pira  e alla mostra didattica “ Pozzallo nel vortice del tempo- Pozzallo dalla preistoria al XXI secolo”  allestita presso l’Istituto Comprensivo A. Amore . A Ispica,  incontro  con il Sindaco e visita dei luoghi di” Divorzio all’italiana” di Pietro Germi e di Montalbano, il famoso commissario nato dalla penna di Andrea Camilleri. Infine a Modica per la casa di Salvatore Quasimodo e il Museo del cioccolato.

In conclusione del Convegno, come d’uso per gli incontri Internazionali dell’Associazione, verrà consegnato il Premio Europeo Farfa di cultura e territorio , che quest’anno andrà ad esponenti del territorio ibleo.

 



Maggiori informazioni https://aicl-org.webnode.it/

 

L'Association Internationale des Critiques Litteraires sbarca a Pozzallo

 

« Il Premio Nobel della letteratura nel mondo » è il tema che i critici e gli scrittori dell’Associazione Internazionale dei Critici letterari svolgeranno nel loro convegno annuale che si terrà a Pozzallo il 20-21 gennaio p.v.

Su invito ed organizzazione del prof. Corrado Monaca, Direttore Strategico cultura e territorio, l’AICL sbarca per la seconda volta in Sicilia dopo il Convegno di Gela del 2001, in occasione del centenario della nascita di Salvatore Quasimodo.

Nel 2017 ricorrono i centocinquanta anni dalla nascita del Premio Nobel Luigi Pirandello, del quale  insieme al premio Nobel Grazia Deledda proprio nel 2016 appena trascorso si sono celebrati gli ottanta anni dalla morte.

Per questo il Bureau Internazionale AICL, presieduto da Neria De Giovanni, ha invitato i delegati dell’Associazione a una riflessione sul valore dei Premi Nobel per la letteratura nei diversi Paesi del mondo.
Critici e scrittori provenienti dal Giappone, Spagna, Francia, USA, Venezuela, Romania, Albania , Catalogna, oltre che da diverse città italiane, Roma, Taranto, Genova, Torino, si confronteranno nella Scuola « A.Amore, presso l’Auditorium Paolo Monaca, appena inaugurato con la donazione da parte della famiglia Monaca di un busto di bronzo dell’artista Paolo Marazzi che con la sua arte unisce Baltico e Mediterraneo passando per Assisi.

In apertura un importante omaggio alla città che ospita il Convegno, con la relazione di Grazia Dormiente sul carteggio inedito tra Giorgio La Pira e Salvatore Quasimodo.

Per la Francia, Andrè Ughetto parlerà del Premio Nobel Federic Mistral e Jean Pierre Castellani di Albert Camus ; per la Spagna Angel Basanta, Segretario Generale dell’AICL, relazionerà su Camillo Josè Cela, mentre le catalane Josefa Contioch e Lulisa Julià parleranno della diffusione in Catalogna dei premi Nobel italiani Deledda, Pirandello e Quasimodo. Anche il romeno Horia Alupului omaggerà l’Italia con la sua relazione su Grazia Deledda in Romania, e Tudorel Radu offrirà un parallelo tra il nostro Pirandello e il romeno Brancusi  e Stefan Damian vicepresidente dell’AICL relazionerà sui luoghi di Salvatore Quasimodo. ’albanese Arjan Kallco omaggerà anche la Sicilia parlando di Quasimodo mentre Andrea Guiati che insegna in USA parlerà dell’ultimo premio Nobel, Bob Dylan.

Molta nutrita la presenza italiana : Piefranco Bruni parla di Pirandello, di Quasimodo Silvano Trevisani, mentre il Dante dei Premi Nobel è il tema svolto da Giovanna Ioli. Montale e Quasimodo sono all’attenzione di Rosa Elisa Giangoia, e Sabino Caronia parla di Pirandello tra Sciasia e Debenedetti. Antonio Maria Masia affronta Dario Fo. Mentre Bruno Rombi parla di Neruda in Sardegna in rapporto a  Grazia Deledda e Franco Idone raccoglie i Nobel che salgono e quelli che scendono… Dal Venezuela, Antonio Mendoza offre un ritratto della polacca Wislawa Szybroska.

Il convegno sarà l’occasione anche per visitare i luoghi di cultura del territorio: a Pozzallo, dopo l’incontro con il Sindaco, ci sarà la visita alla Casa Natale e al Museo di Giorgio La Pira  e alla mostra didattica “ Pozzallo nel vortice del tempo- Pozzallo dalla preistoria al XXI secolo”  allestita presso l’Istituto Comprensivo A. Amore . A Ispica,  incontro  con il Sindaco e visita dei luoghi di” Divorzio all’italiana” di Pietro Germi e di Montalbano, il famoso commissario nato dalla penna di Andrea Camilleri. Infine a Modica per la casa di Salvatore Quasimodo e il Museo del cioccolato.

In conclusione del Convegno, come d’uso per gli incontri Internazionali dell’Associazione, verrà consegnato il Premio Europeo Farfa di cultura e territorio , che quest’anno andrà ad esponenti del territorio ibleo.

 



Maggiori informazioni https://aicl-org.webnode.it/

 

L'Association Internationale des Critiques Litteraires sbarca a Pozzallo

 

« Il Premio Nobel della letteratura nel mondo » è il tema che i critici e gli scrittori dell’Associazione Internazionale dei Critici letterari svolgeranno nel loro convegno annuale che si terrà a Pozzallo il 20-21 gennaio p.v.

Su invito ed organizzazione del prof. Corrado Monaca, Direttore Strategico cultura e territorio, l’AICL sbarca per la seconda volta in Sicilia dopo il Convegno di Gela del 2001, in occasione del centenario della nascita di Salvatore Quasimodo.

Nel 2017 ricorrono i centocinquanta anni dalla nascita del Premio Nobel Luigi Pirandello, del quale  insieme al premio Nobel Grazia Deledda proprio nel 2016 appena trascorso si sono celebrati gli ottanta anni dalla morte.

Per questo il Bureau Internazionale AICL, presieduto da Neria De Giovanni, ha invitato i delegati dell’Associazione a una riflessione sul valore dei Premi Nobel per la letteratura nei diversi Paesi del mondo.
Critici e scrittori provenienti dal Giappone, Spagna, Francia, USA, Venezuela, Romania, Albania , Catalogna, oltre che da diverse città italiane, Roma, Taranto, Genova, Torino, si confronteranno nella Scuola « A.Amore, presso l’Auditorium Paolo Monaca, appena inaugurato con la donazione da parte della famiglia Monaca di un busto di bronzo dell’artista Paolo Marazzi che con la sua arte unisce Baltico e Mediterraneo passando per Assisi.

In apertura un importante omaggio alla città che ospita il Convegno, con la relazione di Grazia Dormiente sul carteggio inedito tra Giorgio La Pira e Salvatore Quasimodo.

Per la Francia, Andrè Ughetto parlerà del Premio Nobel Federic Mistral e Jean Pierre Castellani di Albert Camus ; per la Spagna Angel Basanta, Segretario Generale dell’AICL, relazionerà su Camillo Josè Cela, mentre le catalane Josefa Contioch e Lulisa Julià parleranno della diffusione in Catalogna dei premi Nobel italiani Deledda, Pirandello e Quasimodo. Anche il romeno Horia Alupului omaggerà l’Italia con la sua relazione su Grazia Deledda in Romania, e Tudorel Radu offrirà un parallelo tra il nostro Pirandello e il romeno Brancusi  e Stefan Damian vicepresidente dell’AICL relazionerà sui luoghi di Salvatore Quasimodo. ’albanese Arjan Kallco omaggerà anche la Sicilia parlando di Quasimodo mentre Andrea Guiati che insegna in USA parlerà dell’ultimo premio Nobel, Bob Dylan.

Molta nutrita la presenza italiana : Piefranco Bruni parla di Pirandello, di Quasimodo Silvano Trevisani, mentre il Dante dei Premi Nobel è il tema svolto da Giovanna Ioli. Montale e Quasimodo sono all’attenzione di Rosa Elisa Giangoia, e Sabino Caronia parla di Pirandello tra Sciasia e Debenedetti. Antonio Maria Masia affronta Dario Fo. Mentre Bruno Rombi parla di Neruda in Sardegna in rapporto a  Grazia Deledda e Franco Idone raccoglie i Nobel che salgono e quelli che scendono… Dal Venezuela, Antonio Mendoza offre un ritratto della polacca Wislawa Szybroska.

Il convegno sarà l’occasione anche per visitare i luoghi di cultura del territorio: a Pozzallo, dopo l’incontro con il Sindaco, ci sarà la visita alla Casa Natale e al Museo di Giorgio La Pira  e alla mostra didattica “ Pozzallo nel vortice del tempo- Pozzallo dalla preistoria al XXI secolo”  allestita presso l’Istituto Comprensivo A. Amore . A Ispica,  incontro  con il Sindaco e visita dei luoghi di” Divorzio all’italiana” di Pietro Germi e di Montalbano, il famoso commissario nato dalla penna di Andrea Camilleri. Infine a Modica per la casa di Salvatore Quasimodo e il Museo del cioccolato.

In conclusione del Convegno, come d’uso per gli incontri Internazionali dell’Associazione, verrà consegnato il Premio Europeo Farfa di cultura e territorio , che quest’anno andrà ad esponenti del territorio ibleo.

 



Maggiori informazioni https://aicl-org.webnode.it/

 

L'Association Internationale des Critiques Litteraires sbarca a Pozzallo

 

« Il Premio Nobel della letteratura nel mondo » è il tema che i critici e gli scrittori dell’Associazione Internazionale dei Critici letterari svolgeranno nel loro convegno annuale che si terrà a Pozzallo il 20-21 gennaio p.v.

Su invito ed organizzazione del prof. Corrado Monaca, Direttore Strategico cultura e territorio, l’AICL sbarca per la seconda volta in Sicilia dopo il Convegno di Gela del 2001, in occasione del centenario della nascita di Salvatore Quasimodo.

Nel 2017 ricorrono i centocinquanta anni dalla nascita del Premio Nobel Luigi Pirandello, del quale  insieme al premio Nobel Grazia Deledda proprio nel 2016 appena trascorso si sono celebrati gli ottanta anni dalla morte.

Per questo il Bureau Internazionale AICL, presieduto da Neria De Giovanni, ha invitato i delegati dell’Associazione a una riflessione sul valore dei Premi Nobel per la letteratura nei diversi Paesi del mondo.
Critici e scrittori provenienti dal Giappone, Spagna, Francia, USA, Venezuela, Romania, Albania , Catalogna, oltre che da diverse città italiane, Roma, Taranto, Genova, Torino, si confronteranno nella Scuola « A.Amore, presso l’Auditorium Paolo Monaca, appena inaugurato con la donazione da parte della famiglia Monaca di un busto di bronzo dell’artista Paolo Marazzi che con la sua arte unisce Baltico e Mediterraneo passando per Assisi.

In apertura un importante omaggio alla città che ospita il Convegno, con la relazione di Grazia Dormiente sul carteggio inedito tra Giorgio La Pira e Salvatore Quasimodo.

Per la Francia, Andrè Ughetto parlerà del Premio Nobel Federic Mistral e Jean Pierre Castellani di Albert Camus ; per la Spagna Angel Basanta, Segretario Generale dell’AICL, relazionerà su Camillo Josè Cela, mentre le catalane Josefa Contioch e Lulisa Julià parleranno della diffusione in Catalogna dei premi Nobel italiani Deledda, Pirandello e Quasimodo. Anche il romeno Horia Alupului omaggerà l’Italia con la sua relazione su Grazia Deledda in Romania, e Tudorel Radu offrirà un parallelo tra il nostro Pirandello e il romeno Brancusi  e Stefan Damian vicepresidente dell’AICL relazionerà sui luoghi di Salvatore Quasimodo. ’albanese Arjan Kallco omaggerà anche la Sicilia parlando di Quasimodo mentre Andrea Guiati che insegna in USA parlerà dell’ultimo premio Nobel, Bob Dylan.

Molta nutrita la presenza italiana : Piefranco Bruni parla di Pirandello, di Quasimodo Silvano Trevisani, mentre il Dante dei Premi Nobel è il tema svolto da Giovanna Ioli. Montale e Quasimodo sono all’attenzione di Rosa Elisa Giangoia, e Sabino Caronia parla di Pirandello tra Sciasia e Debenedetti. Antonio Maria Masia affronta Dario Fo. Mentre Bruno Rombi parla di Neruda in Sardegna in rapporto a  Grazia Deledda e Franco Idone raccoglie i Nobel che salgono e quelli che scendono… Dal Venezuela, Antonio Mendoza offre un ritratto della polacca Wislawa Szybroska.

Il convegno sarà l’occasione anche per visitare i luoghi di cultura del territorio: a Pozzallo, dopo l’incontro con il Sindaco, ci sarà la visita alla Casa Natale e al Museo di Giorgio La Pira  e alla mostra didattica “ Pozzallo nel vortice del tempo- Pozzallo dalla preistoria al XXI secolo”  allestita presso l’Istituto Comprensivo A. Amore . A Ispica,  incontro  con il Sindaco e visita dei luoghi di” Divorzio all’italiana” di Pietro Germi e di Montalbano, il famoso commissario nato dalla penna di Andrea Camilleri. Infine a Modica per la casa di Salvatore Quasimodo e il Museo del cioccolato.

In conclusione del Convegno, come d’uso per gli incontri Internazionali dell’Associazione, verrà consegnato il Premio Europeo Farfa di cultura e territorio , che quest’anno andrà ad esponenti del territorio ibleo.

 



Maggiori informazioni https://aicl-org.webnode.it/

 

L'Association Internationale des Critiques Litteraires sbarca a Pozzallo

 

« Il Premio Nobel della letteratura nel mondo » è il tema che i critici e gli scrittori dell’Associazione Internazionale dei Critici letterari svolgeranno nel loro convegno annuale che si terrà a Pozzallo il 20-21 gennaio p.v.

Su invito ed organizzazione del prof. Corrado Monaca, Direttore Strategico cultura e territorio, l’AICL sbarca per la seconda volta in Sicilia dopo il Convegno di Gela del 2001, in occasione del centenario della nascita di Salvatore Quasimodo.

Nel 2017 ricorrono i centocinquanta anni dalla nascita del Premio Nobel Luigi Pirandello, del quale  insieme al premio Nobel Grazia Deledda proprio nel 2016 appena trascorso si sono celebrati gli ottanta anni dalla morte.

Per questo il Bureau Internazionale AICL, presieduto da Neria De Giovanni, ha invitato i delegati dell’Associazione a una riflessione sul valore dei Premi Nobel per la letteratura nei diversi Paesi del mondo.
Critici e scrittori provenienti dal Giappone, Spagna, Francia, USA, Venezuela, Romania, Albania , Catalogna, oltre che da diverse città italiane, Roma, Taranto, Genova, Torino, si confronteranno nella Scuola « A.Amore, presso l’Auditorium Paolo Monaca, appena inaugurato con la donazione da parte della famiglia Monaca di un busto di bronzo dell’artista Paolo Marazzi che con la sua arte unisce Baltico e Mediterraneo passando per Assisi.

In apertura un importante omaggio alla città che ospita il Convegno, con la relazione di Grazia Dormiente sul carteggio inedito tra Giorgio La Pira e Salvatore Quasimodo.

Per la Francia, Andrè Ughetto parlerà del Premio Nobel Federic Mistral e Jean Pierre Castellani di Albert Camus ; per la Spagna Angel Basanta, Segretario Generale dell’AICL, relazionerà su Camillo Josè Cela, mentre le catalane Josefa Contioch e Lulisa Julià parleranno della diffusione in Catalogna dei premi Nobel italiani Deledda, Pirandello e Quasimodo. Anche il romeno Horia Alupului omaggerà l’Italia con la sua relazione su Grazia Deledda in Romania, e Tudorel Radu offrirà un parallelo tra il nostro Pirandello e il romeno Brancusi  e Stefan Damian vicepresidente dell’AICL relazionerà sui luoghi di Salvatore Quasimodo. ’albanese Arjan Kallco omaggerà anche la Sicilia parlando di Quasimodo mentre Andrea Guiati che insegna in USA parlerà dell’ultimo premio Nobel, Bob Dylan.

Molta nutrita la presenza italiana : Piefranco Bruni parla di Pirandello, di Quasimodo Silvano Trevisani, mentre il Dante dei Premi Nobel è il tema svolto da Giovanna Ioli. Montale e Quasimodo sono all’attenzione di Rosa Elisa Giangoia, e Sabino Caronia parla di Pirandello tra Sciasia e Debenedetti. Antonio Maria Masia affronta Dario Fo. Mentre Bruno Rombi parla di Neruda in Sardegna in rapporto a  Grazia Deledda e Franco Idone raccoglie i Nobel che salgono e quelli che scendono… Dal Venezuela, Antonio Mendoza offre un ritratto della polacca Wislawa Szybroska.

Il convegno sarà l’occasione anche per visitare i luoghi di cultura del territorio: a Pozzallo, dopo l’incontro con il Sindaco, ci sarà la visita alla Casa Natale e al Museo di Giorgio La Pira  e alla mostra didattica “ Pozzallo nel vortice del tempo- Pozzallo dalla preistoria al XXI secolo”  allestita presso l’Istituto Comprensivo A. Amore . A Ispica,  incontro  con il Sindaco e visita dei luoghi di” Divorzio all’italiana” di Pietro Germi e di Montalbano, il famoso commissario nato dalla penna di Andrea Camilleri. Infine a Modica per la casa di Salvatore Quasimodo e il Museo del cioccolato.

In conclusione del Convegno, come d’uso per gli incontri Internazionali dell’Associazione, verrà consegnato il Premio Europeo Farfa di cultura e territorio , che quest’anno andrà ad esponenti del territorio ibleo.

 



Maggiori informazioni https://aicl-org.webnode.it/

 

L'Association Internationale des Critiques Litteraires sbarca a Pozzallo

 

« Il Premio Nobel della letteratura nel mondo » è il tema che i critici e gli scrittori dell’Associazione Internazionale dei Critici letterari svolgeranno nel loro convegno annuale che si terrà a Pozzallo il 20-21 gennaio p.v.

Su invito ed organizzazione del prof. Corrado Monaca, Direttore Strategico cultura e territorio, l’AICL sbarca per la seconda volta in Sicilia dopo il Convegno di Gela del 2001, in occasione del centenario della nascita di Salvatore Quasimodo.

Nel 2017 ricorrono i centocinquanta anni dalla nascita del Premio Nobel Luigi Pirandello, del quale  insieme al premio Nobel Grazia Deledda proprio nel 2016 appena trascorso si sono celebrati gli ottanta anni dalla morte.

Per questo il Bureau Internazionale AICL, presieduto da Neria De Giovanni, ha invitato i delegati dell’Associazione a una riflessione sul valore dei Premi Nobel per la letteratura nei diversi Paesi del mondo.
Critici e scrittori provenienti dal Giappone, Spagna, Francia, USA, Venezuela, Romania, Albania , Catalogna, oltre che da diverse città italiane, Roma, Taranto, Genova, Torino, si confronteranno nella Scuola « A.Amore, presso l’Auditorium Paolo Monaca, appena inaugurato con la donazione da parte della famiglia Monaca di un busto di bronzo dell’artista Paolo Marazzi che con la sua arte unisce Baltico e Mediterraneo passando per Assisi.

In apertura un importante omaggio alla città che ospita il Convegno, con la relazione di Grazia Dormiente sul carteggio inedito tra Giorgio La Pira e Salvatore Quasimodo.

Per la Francia, Andrè Ughetto parlerà del Premio Nobel Federic Mistral e Jean Pierre Castellani di Albert Camus ; per la Spagna Angel Basanta, Segretario Generale dell’AICL, relazionerà su Camillo Josè Cela, mentre le catalane Josefa Contioch e Lulisa Julià parleranno della diffusione in Catalogna dei premi Nobel italiani Deledda, Pirandello e Quasimodo. Anche il romeno Horia Alupului omaggerà l’Italia con la sua relazione su Grazia Deledda in Romania, e Tudorel Radu offrirà un parallelo tra il nostro Pirandello e il romeno Brancusi  e Stefan Damian vicepresidente dell’AICL relazionerà sui luoghi di Salvatore Quasimodo. ’albanese Arjan Kallco omaggerà anche la Sicilia parlando di Quasimodo mentre Andrea Guiati che insegna in USA parlerà dell’ultimo premio Nobel, Bob Dylan.

Molta nutrita la presenza italiana : Piefranco Bruni parla di Pirandello, di Quasimodo Silvano Trevisani, mentre il Dante dei Premi Nobel è il tema svolto da Giovanna Ioli. Montale e Quasimodo sono all’attenzione di Rosa Elisa Giangoia, e Sabino Caronia parla di Pirandello tra Sciasia e Debenedetti. Antonio Maria Masia affronta Dario Fo. Mentre Bruno Rombi parla di Neruda in Sardegna in rapporto a  Grazia Deledda e Franco Idone raccoglie i Nobel che salgono e quelli che scendono… Dal Venezuela, Antonio Mendoza offre un ritratto della polacca Wislawa Szybroska.

Il convegno sarà l’occasione anche per visitare i luoghi di cultura del territorio: a Pozzallo, dopo l’incontro con il Sindaco, ci sarà la visita alla Casa Natale e al Museo di Giorgio La Pira  e alla mostra didattica “ Pozzallo nel vortice del tempo- Pozzallo dalla preistoria al XXI secolo”  allestita presso l’Istituto Comprensivo A. Amore . A Ispica,  incontro  con il Sindaco e visita dei luoghi di” Divorzio all’italiana” di Pietro Germi e di Montalbano, il famoso commissario nato dalla penna di Andrea Camilleri. Infine a Modica per la casa di Salvatore Quasimodo e il Museo del cioccolato.

In conclusione del Convegno, come d’uso per gli incontri Internazionali dell’Associazione, verrà consegnato il Premio Europeo Farfa di cultura e territorio , che quest’anno andrà ad esponenti del territorio ibleo.

 



Maggiori informazioni https://aicl-org.webnode.it/

 

L'Association Internationale des Critiques Litteraires sbarca a Pozzallo

 

« Il Premio Nobel della letteratura nel mondo » è il tema che i critici e gli scrittori dell’Associazione Internazionale dei Critici letterari svolgeranno nel loro convegno annuale che si terrà a Pozzallo il 20-21 gennaio p.v.

Su invito ed organizzazione del prof. Corrado Monaca, Direttore Strategico cultura e territorio, l’AICL sbarca per la seconda volta in Sicilia dopo il Convegno di Gela del 2001, in occasione del centenario della nascita di Salvatore Quasimodo.

Nel 2017 ricorrono i centocinquanta anni dalla nascita del Premio Nobel Luigi Pirandello, del quale  insieme al premio Nobel Grazia Deledda proprio nel 2016 appena trascorso si sono celebrati gli ottanta anni dalla morte.

Per questo il Bureau Internazionale AICL, presieduto da Neria De Giovanni, ha invitato i delegati dell’Associazione a una riflessione sul valore dei Premi Nobel per la letteratura nei diversi Paesi del mondo.
Critici e scrittori provenienti dal Giappone, Spagna, Francia, USA, Venezuela, Romania, Albania , Catalogna, oltre che da diverse città italiane, Roma, Taranto, Genova, Torino, si confronteranno nella Scuola « A.Amore, presso l’Auditorium Paolo Monaca, appena inaugurato con la donazione da parte della famiglia Monaca di un busto di bronzo dell’artista Paolo Marazzi che con la sua arte unisce Baltico e Mediterraneo passando per Assisi.

In apertura un importante omaggio alla città che ospita il Convegno, con la relazione di Grazia Dormiente sul carteggio inedito tra Giorgio La Pira e Salvatore Quasimodo.

Per la Francia, Andrè Ughetto parlerà del Premio Nobel Federic Mistral e Jean Pierre Castellani di Albert Camus ; per la Spagna Angel Basanta, Segretario Generale dell’AICL, relazionerà su Camillo Josè Cela, mentre le catalane Josefa Contioch e Lulisa Julià parleranno della diffusione in Catalogna dei premi Nobel italiani Deledda, Pirandello e Quasimodo. Anche il romeno Horia Alupului omaggerà l’Italia con la sua relazione su Grazia Deledda in Romania, e Tudorel Radu offrirà un parallelo tra il nostro Pirandello e il romeno Brancusi  e Stefan Damian vicepresidente dell’AICL relazionerà sui luoghi di Salvatore Quasimodo. ’albanese Arjan Kallco omaggerà anche la Sicilia parlando di Quasimodo mentre Andrea Guiati che insegna in USA parlerà dell’ultimo premio Nobel, Bob Dylan.

Molta nutrita la presenza italiana : Piefranco Bruni parla di Pirandello, di Quasimodo Silvano Trevisani, mentre il Dante dei Premi Nobel è il tema svolto da Giovanna Ioli. Montale e Quasimodo sono all’attenzione di Rosa Elisa Giangoia, e Sabino Caronia parla di Pirandello tra Sciasia e Debenedetti. Antonio Maria Masia affronta Dario Fo. Mentre Bruno Rombi parla di Neruda in Sardegna in rapporto a  Grazia Deledda e Franco Idone raccoglie i Nobel che salgono e quelli che scendono… Dal Venezuela, Antonio Mendoza offre un ritratto della polacca Wislawa Szybroska.

Il convegno sarà l’occasione anche per visitare i luoghi di cultura del territorio: a Pozzallo, dopo l’incontro con il Sindaco, ci sarà la visita alla Casa Natale e al Museo di Giorgio La Pira  e alla mostra didattica “ Pozzallo nel vortice del tempo- Pozzallo dalla preistoria al XXI secolo”  allestita presso l’Istituto Comprensivo A. Amore . A Ispica,  incontro  con il Sindaco e visita dei luoghi di” Divorzio all’italiana” di Pietro Germi e di Montalbano, il famoso commissario nato dalla penna di Andrea Camilleri. Infine a Modica per la casa di Salvatore Quasimodo e il Museo del cioccolato.

In conclusione del Convegno, come d’uso per gli incontri Internazionali dell’Associazione, verrà consegnato il Premio Europeo Farfa di cultura e territorio , che quest’anno andrà ad esponenti del territorio ibleo.

 



Maggiori informazioni https://aicl-org.webnode.it/

 

L'Association Internationale des Critiques Litteraires sbarca a Pozzallo

 

« Il Premio Nobel della letteratura nel mondo » è il tema che i critici e gli scrittori dell’Associazione Internazionale dei Critici letterari svolgeranno nel loro convegno annuale che si terrà a Pozzallo il 20-21 gennaio p.v.

Su invito ed organizzazione del prof. Corrado Monaca, Direttore Strategico cultura e territorio, l’AICL sbarca per la seconda volta in Sicilia dopo il Convegno di Gela del 2001, in occasione del centenario della nascita di Salvatore Quasimodo.

Nel 2017 ricorrono i centocinquanta anni dalla nascita del Premio Nobel Luigi Pirandello, del quale  insieme al premio Nobel Grazia Deledda proprio nel 2016 appena trascorso si sono celebrati gli ottanta anni dalla morte.

Per questo il Bureau Internazionale AICL, presieduto da Neria De Giovanni, ha invitato i delegati dell’Associazione a una riflessione sul valore dei Premi Nobel per la letteratura nei diversi Paesi del mondo.
Critici e scrittori provenienti dal Giappone, Spagna, Francia, USA, Venezuela, Romania, Albania , Catalogna, oltre che da diverse città italiane, Roma, Taranto, Genova, Torino, si confronteranno nella Scuola « A.Amore, presso l’Auditorium Paolo Monaca, appena inaugurato con la donazione da parte della famiglia Monaca di un busto di bronzo dell’artista Paolo Marazzi che con la sua arte unisce Baltico e Mediterraneo passando per Assisi.

In apertura un importante omaggio alla città che ospita il Convegno, con la relazione di Grazia Dormiente sul carteggio inedito tra Giorgio La Pira e Salvatore Quasimodo.

Per la Francia, Andrè Ughetto parlerà del Premio Nobel Federic Mistral e Jean Pierre Castellani di Albert Camus ; per la Spagna Angel Basanta, Segretario Generale dell’AICL, relazionerà su Camillo Josè Cela, mentre le catalane Josefa Contioch e Lulisa Julià parleranno della diffusione in Catalogna dei premi Nobel italiani Deledda, Pirandello e Quasimodo. Anche il romeno Horia Alupului omaggerà l’Italia con la sua relazione su Grazia Deledda in Romania, e Tudorel Radu offrirà un parallelo tra il nostro Pirandello e il romeno Brancusi  e Stefan Damian vicepresidente dell’AICL relazionerà sui luoghi di Salvatore Quasimodo. ’albanese Arjan Kallco omaggerà anche la Sicilia parlando di Quasimodo mentre Andrea Guiati che insegna in USA parlerà dell’ultimo premio Nobel, Bob Dylan.

Molta nutrita la presenza italiana : Piefranco Bruni parla di Pirandello, di Quasimodo Silvano Trevisani, mentre il Dante dei Premi Nobel è il tema svolto da Giovanna Ioli. Montale e Quasimodo sono all’attenzione di Rosa Elisa Giangoia, e Sabino Caronia parla di Pirandello tra Sciasia e Debenedetti. Antonio Maria Masia affronta Dario Fo. Mentre Bruno Rombi parla di Neruda in Sardegna in rapporto a  Grazia Deledda e Franco Idone raccoglie i Nobel che salgono e quelli che scendono… Dal Venezuela, Antonio Mendoza offre un ritratto della polacca Wislawa Szybroska.

Il convegno sarà l’occasione anche per visitare i luoghi di cultura del territorio: a Pozzallo, dopo l’incontro con il Sindaco, ci sarà la visita alla Casa Natale e al Museo di Giorgio La Pira  e alla mostra didattica “ Pozzallo nel vortice del tempo- Pozzallo dalla preistoria al XXI secolo”  allestita presso l’Istituto Comprensivo A. Amore . A Ispica,  incontro  con il Sindaco e visita dei luoghi di” Divorzio all’italiana” di Pietro Germi e di Montalbano, il famoso commissario nato dalla penna di Andrea Camilleri. Infine a Modica per la casa di Salvatore Quasimodo e il Museo del cioccolato.

In conclusione del Convegno, come d’uso per gli incontri Internazionali dell’Associazione, verrà consegnato il Premio Europeo Farfa di cultura e territorio , che quest’anno andrà ad esponenti del territorio ibleo.

 



Maggiori informazioni https://aicl-org.webnode.it/

 

L'Association Internationale des Critiques Litteraires sbarca a Pozzallo

 

« Il Premio Nobel della letteratura nel mondo » è il tema che i critici e gli scrittori dell’Associazione Internazionale dei Critici letterari svolgeranno nel loro convegno annuale che si terrà a Pozzallo il 20-21 gennaio p.v.

Su invito ed organizzazione del prof. Corrado Monaca, Direttore Strategico cultura e territorio, l’AICL sbarca per la seconda volta in Sicilia dopo il Convegno di Gela del 2001, in occasione del centenario della nascita di Salvatore Quasimodo.

Nel 2017 ricorrono i centocinquanta anni dalla nascita del Premio Nobel Luigi Pirandello, del quale  insieme al premio Nobel Grazia Deledda proprio nel 2016 appena trascorso si sono celebrati gli ottanta anni dalla morte.

Per questo il Bureau Internazionale AICL, presieduto da Neria De Giovanni, ha invitato i delegati dell’Associazione a una riflessione sul valore dei Premi Nobel per la letteratura nei diversi Paesi del mondo.
Critici e scrittori provenienti dal Giappone, Spagna, Francia, USA, Venezuela, Romania, Albania , Catalogna, oltre che da diverse città italiane, Roma, Taranto, Genova, Torino, si confronteranno nella Scuola « A.Amore, presso l’Auditorium Paolo Monaca, appena inaugurato con la donazione da parte della famiglia Monaca di un busto di bronzo dell’artista Paolo Marazzi che con la sua arte unisce Baltico e Mediterraneo passando per Assisi.

In apertura un importante omaggio alla città che ospita il Convegno, con la relazione di Grazia Dormiente sul carteggio inedito tra Giorgio La Pira e Salvatore Quasimodo.

Per la Francia, Andrè Ughetto parlerà del Premio Nobel Federic Mistral e Jean Pierre Castellani di Albert Camus ; per la Spagna Angel Basanta, Segretario Generale dell’AICL, relazionerà su Camillo Josè Cela, mentre le catalane Josefa Contioch e Lulisa Julià parleranno della diffusione in Catalogna dei premi Nobel italiani Deledda, Pirandello e Quasimodo. Anche il romeno Horia Alupului omaggerà l’Italia con la sua relazione su Grazia Deledda in Romania, e Tudorel Radu offrirà un parallelo tra il nostro Pirandello e il romeno Brancusi  e Stefan Damian vicepresidente dell’AICL relazionerà sui luoghi di Salvatore Quasimodo. ’albanese Arjan Kallco omaggerà anche la Sicilia parlando di Quasimodo mentre Andrea Guiati che insegna in USA parlerà dell’ultimo premio Nobel, Bob Dylan.

Molta nutrita la presenza italiana : Piefranco Bruni parla di Pirandello, di Quasimodo Silvano Trevisani, mentre il Dante dei Premi Nobel è il tema svolto da Giovanna Ioli. Montale e Quasimodo sono all’attenzione di Rosa Elisa Giangoia, e Sabino Caronia parla di Pirandello tra Sciasia e Debenedetti. Antonio Maria Masia affronta Dario Fo. Mentre Bruno Rombi parla di Neruda in Sardegna in rapporto a  Grazia Deledda e Franco Idone raccoglie i Nobel che salgono e quelli che scendono… Dal Venezuela, Antonio Mendoza offre un ritratto della polacca Wislawa Szybroska.

Il convegno sarà l’occasione anche per visitare i luoghi di cultura del territorio: a Pozzallo, dopo l’incontro con il Sindaco, ci sarà la visita alla Casa Natale e al Museo di Giorgio La Pira  e alla mostra didattica “ Pozzallo nel vortice del tempo- Pozzallo dalla preistoria al XXI secolo”  allestita presso l’Istituto Comprensivo A. Amore . A Ispica,  incontro  con il Sindaco e visita dei luoghi di” Divorzio all’italiana” di Pietro Germi e di Montalbano, il famoso commissario nato dalla penna di Andrea Camilleri. Infine a Modica per la casa di Salvatore Quasimodo e il Museo del cioccolato.

In conclusione del Convegno, come d’uso per gli incontri Internazionali dell’Associazione, verrà consegnato il Premio Europeo Farfa di cultura e territorio , che quest’anno andrà ad esponenti del territorio ibleo.

 



Maggiori informazioni https://aicl-org.webnode.it/

 

L'Association Internationale des Critiques Litteraires sbarca a Pozzallo

 

« Il Premio Nobel della letteratura nel mondo » è il tema che i critici e gli scrittori dell’Associazione Internazionale dei Critici letterari svolgeranno nel loro convegno annuale che si terrà a Pozzallo il 20-21 gennaio p.v.

Su invito ed organizzazione del prof. Corrado Monaca, Direttore Strategico cultura e territorio, l’AICL sbarca per la seconda volta in Sicilia dopo il Convegno di Gela del 2001, in occasione del centenario della nascita di Salvatore Quasimodo.

Nel 2017 ricorrono i centocinquanta anni dalla nascita del Premio Nobel Luigi Pirandello, del quale  insieme al premio Nobel Grazia Deledda proprio nel 2016 appena trascorso si sono celebrati gli ottanta anni dalla morte.

Per questo il Bureau Internazionale AICL, presieduto da Neria De Giovanni, ha invitato i delegati dell’Associazione a una riflessione sul valore dei Premi Nobel per la letteratura nei diversi Paesi del mondo.
Critici e scrittori provenienti dal Giappone, Spagna, Francia, USA, Venezuela, Romania, Albania , Catalogna, oltre che da diverse città italiane, Roma, Taranto, Genova, Torino, si confronteranno nella Scuola « A.Amore, presso l’Auditorium Paolo Monaca, appena inaugurato con la donazione da parte della famiglia Monaca di un busto di bronzo dell’artista Paolo Marazzi che con la sua arte unisce Baltico e Mediterraneo passando per Assisi.

In apertura un importante omaggio alla città che ospita il Convegno, con la relazione di Grazia Dormiente sul carteggio inedito tra Giorgio La Pira e Salvatore Quasimodo.

Per la Francia, Andrè Ughetto parlerà del Premio Nobel Federic Mistral e Jean Pierre Castellani di Albert Camus ; per la Spagna Angel Basanta, Segretario Generale dell’AICL, relazionerà su Camillo Josè Cela, mentre le catalane Josefa Contioch e Lulisa Julià parleranno della diffusione in Catalogna dei premi Nobel italiani Deledda, Pirandello e Quasimodo. Anche il romeno Horia Alupului omaggerà l’Italia con la sua relazione su Grazia Deledda in Romania, e Tudorel Radu offrirà un parallelo tra il nostro Pirandello e il romeno Brancusi  e Stefan Damian vicepresidente dell’AICL relazionerà sui luoghi di Salvatore Quasimodo. ’albanese Arjan Kallco omaggerà anche la Sicilia parlando di Quasimodo mentre Andrea Guiati che insegna in USA parlerà dell’ultimo premio Nobel, Bob Dylan.

Molta nutrita la presenza italiana : Piefranco Bruni parla di Pirandello, di Quasimodo Silvano Trevisani, mentre il Dante dei Premi Nobel è il tema svolto da Giovanna Ioli. Montale e Quasimodo sono all’attenzione di Rosa Elisa Giangoia, e Sabino Caronia parla di Pirandello tra Sciasia e Debenedetti. Antonio Maria Masia affronta Dario Fo. Mentre Bruno Rombi parla di Neruda in Sardegna in rapporto a  Grazia Deledda e Franco Idone raccoglie i Nobel che salgono e quelli che scendono… Dal Venezuela, Antonio Mendoza offre un ritratto della polacca Wislawa Szybroska.

Il convegno sarà l’occasione anche per visitare i luoghi di cultura del territorio: a Pozzallo, dopo l’incontro con il Sindaco, ci sarà la visita alla Casa Natale e al Museo di Giorgio La Pira  e alla mostra didattica “ Pozzallo nel vortice del tempo- Pozzallo dalla preistoria al XXI secolo”  allestita presso l’Istituto Comprensivo A. Amore . A Ispica,  incontro  con il Sindaco e visita dei luoghi di” Divorzio all’italiana” di Pietro Germi e di Montalbano, il famoso commissario nato dalla penna di Andrea Camilleri. Infine a Modica per la casa di Salvatore Quasimodo e il Museo del cioccolato.

In conclusione del Convegno, come d’uso per gli incontri Internazionali dell’Associazione, verrà consegnato il Premio Europeo Farfa di cultura e territorio , che quest’anno andrà ad esponenti del territorio ibleo.

 



Maggiori informazioni https://aicl-org.webnode.it/

 

L'Association Internationale des Critiques Litteraires sbarca a Pozzallo

 

« Il Premio Nobel della letteratura nel mondo » è il tema che i critici e gli scrittori dell’Associazione Internazionale dei Critici letterari svolgeranno nel loro convegno annuale che si terrà a Pozzallo il 20-21 gennaio p.v.

Su invito ed organizzazione del prof. Corrado Monaca, Direttore Strategico cultura e territorio, l’AICL sbarca per la seconda volta in Sicilia dopo il Convegno di Gela del 2001, in occasione del centenario della nascita di Salvatore Quasimodo.

Nel 2017 ricorrono i centocinquanta anni dalla nascita del Premio Nobel Luigi Pirandello, del quale  insieme al premio Nobel Grazia Deledda proprio nel 2016 appena trascorso si sono celebrati gli ottanta anni dalla morte.

Per questo il Bureau Internazionale AICL, presieduto da Neria De Giovanni, ha invitato i delegati dell’Associazione a una riflessione sul valore dei Premi Nobel per la letteratura nei diversi Paesi del mondo.
Critici e scrittori provenienti dal Giappone, Spagna, Francia, USA, Venezuela, Romania, Albania , Catalogna, oltre che da diverse città italiane, Roma, Taranto, Genova, Torino, si confronteranno nella Scuola « A.Amore, presso l’Auditorium Paolo Monaca, appena inaugurato con la donazione da parte della famiglia Monaca di un busto di bronzo dell’artista Paolo Marazzi che con la sua arte unisce Baltico e Mediterraneo passando per Assisi.

In apertura un importante omaggio alla città che ospita il Convegno, con la relazione di Grazia Dormiente sul carteggio inedito tra Giorgio La Pira e Salvatore Quasimodo.

Per la Francia, Andrè Ughetto parlerà del Premio Nobel Federic Mistral e Jean Pierre Castellani di Albert Camus ; per la Spagna Angel Basanta, Segretario Generale dell’AICL, relazionerà su Camillo Josè Cela, mentre le catalane Josefa Contioch e Lulisa Julià parleranno della diffusione in Catalogna dei premi Nobel italiani Deledda, Pirandello e Quasimodo. Anche il romeno Horia Alupului omaggerà l’Italia con la sua relazione su Grazia Deledda in Romania, e Tudorel Radu offrirà un parallelo tra il nostro Pirandello e il romeno Brancusi  e Stefan Damian vicepresidente dell’AICL relazionerà sui luoghi di Salvatore Quasimodo. ’albanese Arjan Kallco omaggerà anche la Sicilia parlando di Quasimodo mentre Andrea Guiati che insegna in USA parlerà dell’ultimo premio Nobel, Bob Dylan.

Molta nutrita la presenza italiana : Piefranco Bruni parla di Pirandello, di Quasimodo Silvano Trevisani, mentre il Dante dei Premi Nobel è il tema svolto da Giovanna Ioli. Montale e Quasimodo sono all’attenzione di Rosa Elisa Giangoia, e Sabino Caronia parla di Pirandello tra Sciasia e Debenedetti. Antonio Maria Masia affronta Dario Fo. Mentre Bruno Rombi parla di Neruda in Sardegna in rapporto a  Grazia Deledda e Franco Idone raccoglie i Nobel che salgono e quelli che scendono… Dal Venezuela, Antonio Mendoza offre un ritratto della polacca Wislawa Szybroska.

Il convegno sarà l’occasione anche per visitare i luoghi di cultura del territorio: a Pozzallo, dopo l’incontro con il Sindaco, ci sarà la visita alla Casa Natale e al Museo di Giorgio La Pira  e alla mostra didattica “ Pozzallo nel vortice del tempo- Pozzallo dalla preistoria al XXI secolo”  allestita presso l’Istituto Comprensivo A. Amore . A Ispica,  incontro  con il Sindaco e visita dei luoghi di” Divorzio all’italiana” di Pietro Germi e di Montalbano, il famoso commissario nato dalla penna di Andrea Camilleri. Infine a Modica per la casa di Salvatore Quasimodo e il Museo del cioccolato.

In conclusione del Convegno, come d’uso per gli incontri Internazionali dell’Associazione, verrà consegnato il Premio Europeo Farfa di cultura e territorio , che quest’anno andrà ad esponenti del territorio ibleo.

 



Maggiori informazioni https://aicl-org.webnode.it/

 

L'Association Internationale des Critiques Litteraires sbarca a Pozzallo

 

« Il Premio Nobel della letteratura nel mondo » è il tema che i critici e gli scrittori dell’Associazione Internazionale dei Critici letterari svolgeranno nel loro convegno annuale che si terrà a Pozzallo il 20-21 gennaio p.v.

Su invito ed organizzazione del prof. Corrado Monaca, Direttore Strategico cultura e territorio, l’AICL sbarca per la seconda volta in Sicilia dopo il Convegno di Gela del 2001, in occasione del centenario della nascita di Salvatore Quasimodo.

Nel 2017 ricorrono i centocinquanta anni dalla nascita del Premio Nobel Luigi Pirandello, del quale  insieme al premio Nobel Grazia Deledda proprio nel 2016 appena trascorso si sono celebrati gli ottanta anni dalla morte.

Per questo il Bureau Internazionale AICL, presieduto da Neria De Giovanni, ha invitato i delegati dell’Associazione a una riflessione sul valore dei Premi Nobel per la letteratura nei diversi Paesi del mondo.
Critici e scrittori provenienti dal Giappone, Spagna, Francia, USA, Venezuela, Romania, Albania , Catalogna, oltre che da diverse città italiane, Roma, Taranto, Genova, Torino, si confronteranno nella Scuola « A.Amore, presso l’Auditorium Paolo Monaca, appena inaugurato con la donazione da parte della famiglia Monaca di un busto di bronzo dell’artista Paolo Marazzi che con la sua arte unisce Baltico e Mediterraneo passando per Assisi.

In apertura un importante omaggio alla città che ospita il Convegno, con la relazione di Grazia Dormiente sul carteggio inedito tra Giorgio La Pira e Salvatore Quasimodo.

Per la Francia, Andrè Ughetto parlerà del Premio Nobel Federic Mistral e Jean Pierre Castellani di Albert Camus ; per la Spagna Angel Basanta, Segretario Generale dell’AICL, relazionerà su Camillo Josè Cela, mentre le catalane Josefa Contioch e Lulisa Julià parleranno della diffusione in Catalogna dei premi Nobel italiani Deledda, Pirandello e Quasimodo. Anche il romeno Horia Alupului omaggerà l’Italia con la sua relazione su Grazia Deledda in Romania, e Tudorel Radu offrirà un parallelo tra il nostro Pirandello e il romeno Brancusi  e Stefan Damian vicepresidente dell’AICL relazionerà sui luoghi di Salvatore Quasimodo. ’albanese Arjan Kallco omaggerà anche la Sicilia parlando di Quasimodo mentre Andrea Guiati che insegna in USA parlerà dell’ultimo premio Nobel, Bob Dylan.

Molta nutrita la presenza italiana : Piefranco Bruni parla di Pirandello, di Quasimodo Silvano Trevisani, mentre il Dante dei Premi Nobel è il tema svolto da Giovanna Ioli. Montale e Quasimodo sono all’attenzione di Rosa Elisa Giangoia, e Sabino Caronia parla di Pirandello tra Sciasia e Debenedetti. Antonio Maria Masia affronta Dario Fo. Mentre Bruno Rombi parla di Neruda in Sardegna in rapporto a  Grazia Deledda e Franco Idone raccoglie i Nobel che salgono e quelli che scendono… Dal Venezuela, Antonio Mendoza offre un ritratto della polacca Wislawa Szybroska.

Il convegno sarà l’occasione anche per visitare i luoghi di cultura del territorio: a Pozzallo, dopo l’incontro con il Sindaco, ci sarà la visita alla Casa Natale e al Museo di Giorgio La Pira  e alla mostra didattica “ Pozzallo nel vortice del tempo- Pozzallo dalla preistoria al XXI secolo”  allestita presso l’Istituto Comprensivo A. Amore . A Ispica,  incontro  con il Sindaco e visita dei luoghi di” Divorzio all’italiana” di Pietro Germi e di Montalbano, il famoso commissario nato dalla penna di Andrea Camilleri. Infine a Modica per la casa di Salvatore Quasimodo e il Museo del cioccolato.

In conclusione del Convegno, come d’uso per gli incontri Internazionali dell’Associazione, verrà consegnato il Premio Europeo Farfa di cultura e territorio , che quest’anno andrà ad esponenti del territorio ibleo.

 



Maggiori informazioni https://aicl-org.webnode.it/

 

L'Association Internationale des Critiques Litteraires sbarca a Pozzallo

 

« Il Premio Nobel della letteratura nel mondo » è il tema che i critici e gli scrittori dell’Associazione Internazionale dei Critici letterari svolgeranno nel loro convegno annuale che si terrà a Pozzallo il 20-21 gennaio p.v.

Su invito ed organizzazione del prof. Corrado Monaca, Direttore Strategico cultura e territorio, l’AICL sbarca per la seconda volta in Sicilia dopo il Convegno di Gela del 2001, in occasione del centenario della nascita di Salvatore Quasimodo.

Nel 2017 ricorrono i centocinquanta anni dalla nascita del Premio Nobel Luigi Pirandello, del quale  insieme al premio Nobel Grazia Deledda proprio nel 2016 appena trascorso si sono celebrati gli ottanta anni dalla morte.

Per questo il Bureau Internazionale AICL, presieduto da Neria De Giovanni, ha invitato i delegati dell’Associazione a una riflessione sul valore dei Premi Nobel per la letteratura nei diversi Paesi del mondo.
Critici e scrittori provenienti dal Giappone, Spagna, Francia, USA, Venezuela, Romania, Albania , Catalogna, oltre che da diverse città italiane, Roma, Taranto, Genova, Torino, si confronteranno nella Scuola « A.Amore, presso l’Auditorium Paolo Monaca, appena inaugurato con la donazione da parte della famiglia Monaca di un busto di bronzo dell’artista Paolo Marazzi che con la sua arte unisce Baltico e Mediterraneo passando per Assisi.

In apertura un importante omaggio alla città che ospita il Convegno, con la relazione di Grazia Dormiente sul carteggio inedito tra Giorgio La Pira e Salvatore Quasimodo.

Per la Francia, Andrè Ughetto parlerà del Premio Nobel Federic Mistral e Jean Pierre Castellani di Albert Camus ; per la Spagna Angel Basanta, Segretario Generale dell’AICL, relazionerà su Camillo Josè Cela, mentre le catalane Josefa Contioch e Lulisa Julià parleranno della diffusione in Catalogna dei premi Nobel italiani Deledda, Pirandello e Quasimodo. Anche il romeno Horia Alupului omaggerà l’Italia con la sua relazione su Grazia Deledda in Romania, e Tudorel Radu offrirà un parallelo tra il nostro Pirandello e il romeno Brancusi  e Stefan Damian vicepresidente dell’AICL relazionerà sui luoghi di Salvatore Quasimodo. ’albanese Arjan Kallco omaggerà anche la Sicilia parlando di Quasimodo mentre Andrea Guiati che insegna in USA parlerà dell’ultimo premio Nobel, Bob Dylan.

Molta nutrita la presenza italiana : Piefranco Bruni parla di Pirandello, di Quasimodo Silvano Trevisani, mentre il Dante dei Premi Nobel è il tema svolto da Giovanna Ioli. Montale e Quasimodo sono all’attenzione di Rosa Elisa Giangoia, e Sabino Caronia parla di Pirandello tra Sciasia e Debenedetti. Antonio Maria Masia affronta Dario Fo. Mentre Bruno Rombi parla di Neruda in Sardegna in rapporto a  Grazia Deledda e Franco Idone raccoglie i Nobel che salgono e quelli che scendono… Dal Venezuela, Antonio Mendoza offre un ritratto della polacca Wislawa Szybroska.

Il convegno sarà l’occasione anche per visitare i luoghi di cultura del territorio: a Pozzallo, dopo l’incontro con il Sindaco, ci sarà la visita alla Casa Natale e al Museo di Giorgio La Pira  e alla mostra didattica “ Pozzallo nel vortice del tempo- Pozzallo dalla preistoria al XXI secolo”  allestita presso l’Istituto Comprensivo A. Amore . A Ispica,  incontro  con il Sindaco e visita dei luoghi di” Divorzio all’italiana” di Pietro Germi e di Montalbano, il famoso commissario nato dalla penna di Andrea Camilleri. Infine a Modica per la casa di Salvatore Quasimodo e il Museo del cioccolato.

In conclusione del Convegno, come d’uso per gli incontri Internazionali dell’Associazione, verrà consegnato il Premio Europeo Farfa di cultura e territorio , che quest’anno andrà ad esponenti del territorio ibleo.

 



Maggiori informazioni https://aicl-org.webnode.it/

 

L'Association Internationale des Critiques Litteraires sbarca a Pozzallo

 

« Il Premio Nobel della letteratura nel mondo » è il tema che i critici e gli scrittori dell’Associazione Internazionale dei Critici letterari svolgeranno nel loro convegno annuale che si terrà a Pozzallo il 20-21 gennaio p.v.

Su invito ed organizzazione del prof. Corrado Monaca, Direttore Strategico cultura e territorio, l’AICL sbarca per la seconda volta in Sicilia dopo il Convegno di Gela del 2001, in occasione del centenario della nascita di Salvatore Quasimodo.

Nel 2017 ricorrono i centocinquanta anni dalla nascita del Premio Nobel Luigi Pirandello, del quale  insieme al premio Nobel Grazia Deledda proprio nel 2016 appena trascorso si sono celebrati gli ottanta anni dalla morte.

Per questo il Bureau Internazionale AICL, presieduto da Neria De Giovanni, ha invitato i delegati dell’Associazione a una riflessione sul valore dei Premi Nobel per la letteratura nei diversi Paesi del mondo.
Critici e scrittori provenienti dal Giappone, Spagna, Francia, USA, Venezuela, Romania, Albania , Catalogna, oltre che da diverse città italiane, Roma, Taranto, Genova, Torino, si confronteranno nella Scuola « A.Amore, presso l’Auditorium Paolo Monaca, appena inaugurato con la donazione da parte della famiglia Monaca di un busto di bronzo dell’artista Paolo Marazzi che con la sua arte unisce Baltico e Mediterraneo passando per Assisi.

In apertura un importante omaggio alla città che ospita il Convegno, con la relazione di Grazia Dormiente sul carteggio inedito tra Giorgio La Pira e Salvatore Quasimodo.

Per la Francia, Andrè Ughetto parlerà del Premio Nobel Federic Mistral e Jean Pierre Castellani di Albert Camus ; per la Spagna Angel Basanta, Segretario Generale dell’AICL, relazionerà su Camillo Josè Cela, mentre le catalane Josefa Contioch e Lulisa Julià parleranno della diffusione in Catalogna dei premi Nobel italiani Deledda, Pirandello e Quasimodo. Anche il romeno Horia Alupului omaggerà l’Italia con la sua relazione su Grazia Deledda in Romania, e Tudorel Radu offrirà un parallelo tra il nostro Pirandello e il romeno Brancusi  e Stefan Damian vicepresidente dell’AICL relazionerà sui luoghi di Salvatore Quasimodo. ’albanese Arjan Kallco omaggerà anche la Sicilia parlando di Quasimodo mentre Andrea Guiati che insegna in USA parlerà dell’ultimo premio Nobel, Bob Dylan.

Molta nutrita la presenza italiana : Piefranco Bruni parla di Pirandello, di Quasimodo Silvano Trevisani, mentre il Dante dei Premi Nobel è il tema svolto da Giovanna Ioli. Montale e Quasimodo sono all’attenzione di Rosa Elisa Giangoia, e Sabino Caronia parla di Pirandello tra Sciasia e Debenedetti. Antonio Maria Masia affronta Dario Fo. Mentre Bruno Rombi parla di Neruda in Sardegna in rapporto a  Grazia Deledda e Franco Idone raccoglie i Nobel che salgono e quelli che scendono… Dal Venezuela, Antonio Mendoza offre un ritratto della polacca Wislawa Szybroska.

Il convegno sarà l’occasione anche per visitare i luoghi di cultura del territorio: a Pozzallo, dopo l’incontro con il Sindaco, ci sarà la visita alla Casa Natale e al Museo di Giorgio La Pira  e alla mostra didattica “ Pozzallo nel vortice del tempo- Pozzallo dalla preistoria al XXI secolo”  allestita presso l’Istituto Comprensivo A. Amore . A Ispica,  incontro  con il Sindaco e visita dei luoghi di” Divorzio all’italiana” di Pietro Germi e di Montalbano, il famoso commissario nato dalla penna di Andrea Camilleri. Infine a Modica per la casa di Salvatore Quasimodo e il Museo del cioccolato.

In conclusione del Convegno, come d’uso per gli incontri Internazionali dell’Associazione, verrà consegnato il Premio Europeo Farfa di cultura e territorio , che quest’anno andrà ad esponenti del territorio ibleo.

 



Maggiori informazioni https://aicl-org.webnode.it/

 

L'Association Internationale des Critiques Litteraires sbarca a Pozzallo

 

« Il Premio Nobel della letteratura nel mondo » è il tema che i critici e gli scrittori dell’Associazione Internazionale dei Critici letterari svolgeranno nel loro convegno annuale che si terrà a Pozzallo il 20-21 gennaio p.v.

Su invito ed organizzazione del prof. Corrado Monaca, Direttore Strategico cultura e territorio, l’AICL sbarca per la seconda volta in Sicilia dopo il Convegno di Gela del 2001, in occasione del centenario della nascita di Salvatore Quasimodo.

Nel 2017 ricorrono i centocinquanta anni dalla nascita del Premio Nobel Luigi Pirandello, del quale  insieme al premio Nobel Grazia Deledda proprio nel 2016 appena trascorso si sono celebrati gli ottanta anni dalla morte.

Per questo il Bureau Internazionale AICL, presieduto da Neria De Giovanni, ha invitato i delegati dell’Associazione a una riflessione sul valore dei Premi Nobel per la letteratura nei diversi Paesi del mondo.
Critici e scrittori provenienti dal Giappone, Spagna, Francia, USA, Venezuela, Romania, Albania , Catalogna, oltre che da diverse città italiane, Roma, Taranto, Genova, Torino, si confronteranno nella Scuola « A.Amore, presso l’Auditorium Paolo Monaca, appena inaugurato con la donazione da parte della famiglia Monaca di un busto di bronzo dell’artista Paolo Marazzi che con la sua arte unisce Baltico e Mediterraneo passando per Assisi.

In apertura un importante omaggio alla città che ospita il Convegno, con la relazione di Grazia Dormiente sul carteggio inedito tra Giorgio La Pira e Salvatore Quasimodo.

Per la Francia, Andrè Ughetto parlerà del Premio Nobel Federic Mistral e Jean Pierre Castellani di Albert Camus ; per la Spagna Angel Basanta, Segretario Generale dell’AICL, relazionerà su Camillo Josè Cela, mentre le catalane Josefa Contioch e Lulisa Julià parleranno della diffusione in Catalogna dei premi Nobel italiani Deledda, Pirandello e Quasimodo. Anche il romeno Horia Alupului omaggerà l’Italia con la sua relazione su Grazia Deledda in Romania, e Tudorel Radu offrirà un parallelo tra il nostro Pirandello e il romeno Brancusi  e Stefan Damian vicepresidente dell’AICL relazionerà sui luoghi di Salvatore Quasimodo. ’albanese Arjan Kallco omaggerà anche la Sicilia parlando di Quasimodo mentre Andrea Guiati che insegna in USA parlerà dell’ultimo premio Nobel, Bob Dylan.

Molta nutrita la presenza italiana : Piefranco Bruni parla di Pirandello, di Quasimodo Silvano Trevisani, mentre il Dante dei Premi Nobel è il tema svolto da Giovanna Ioli. Montale e Quasimodo sono all’attenzione di Rosa Elisa Giangoia, e Sabino Caronia parla di Pirandello tra Sciasia e Debenedetti. Antonio Maria Masia affronta Dario Fo. Mentre Bruno Rombi parla di Neruda in Sardegna in rapporto a  Grazia Deledda e Franco Idone raccoglie i Nobel che salgono e quelli che scendono… Dal Venezuela, Antonio Mendoza offre un ritratto della polacca Wislawa Szybroska.

Il convegno sarà l’occasione anche per visitare i luoghi di cultura del territorio: a Pozzallo, dopo l’incontro con il Sindaco, ci sarà la visita alla Casa Natale e al Museo di Giorgio La Pira  e alla mostra didattica “ Pozzallo nel vortice del tempo- Pozzallo dalla preistoria al XXI secolo”  allestita presso l’Istituto Comprensivo A. Amore . A Ispica,  incontro  con il Sindaco e visita dei luoghi di” Divorzio all’italiana” di Pietro Germi e di Montalbano, il famoso commissario nato dalla penna di Andrea Camilleri. Infine a Modica per la casa di Salvatore Quasimodo e il Museo del cioccolato.

In conclusione del Convegno, come d’uso per gli incontri Internazionali dell’Associazione, verrà consegnato il Premio Europeo Farfa di cultura e territorio , che quest’anno andrà ad esponenti del territorio ibleo.

 



Maggiori informazioni https://aicl-org.webnode.it/

 

L'Association Internationale des Critiques Litteraires sbarca a Pozzallo

 

« Il Premio Nobel della letteratura nel mondo » è il tema che i critici e gli scrittori dell’Associazione Internazionale dei Critici letterari svolgeranno nel loro convegno annuale che si terrà a Pozzallo il 20-21 gennaio p.v.

Su invito ed organizzazione del prof. Corrado Monaca, Direttore Strategico cultura e territorio, l’AICL sbarca per la seconda volta in Sicilia dopo il Convegno di Gela del 2001, in occasione del centenario della nascita di Salvatore Quasimodo.

Nel 2017 ricorrono i centocinquanta anni dalla nascita del Premio Nobel Luigi Pirandello, del quale  insieme al premio Nobel Grazia Deledda proprio nel 2016 appena trascorso si sono celebrati gli ottanta anni dalla morte.

Per questo il Bureau Internazionale AICL, presieduto da Neria De Giovanni, ha invitato i delegati dell’Associazione a una riflessione sul valore dei Premi Nobel per la letteratura nei diversi Paesi del mondo.
Critici e scrittori provenienti dal Giappone, Spagna, Francia, USA, Venezuela, Romania, Albania , Catalogna, oltre che da diverse città italiane, Roma, Taranto, Genova, Torino, si confronteranno nella Scuola « A.Amore, presso l’Auditorium Paolo Monaca, appena inaugurato con la donazione da parte della famiglia Monaca di un busto di bronzo dell’artista Paolo Marazzi che con la sua arte unisce Baltico e Mediterraneo passando per Assisi.

In apertura un importante omaggio alla città che ospita il Convegno, con la relazione di Grazia Dormiente sul carteggio inedito tra Giorgio La Pira e Salvatore Quasimodo.

Per la Francia, Andrè Ughetto parlerà del Premio Nobel Federic Mistral e Jean Pierre Castellani di Albert Camus ; per la Spagna Angel Basanta, Segretario Generale dell’AICL, relazionerà su Camillo Josè Cela, mentre le catalane Josefa Contioch e Lulisa Julià parleranno della diffusione in Catalogna dei premi Nobel italiani Deledda, Pirandello e Quasimodo. Anche il romeno Horia Alupului omaggerà l’Italia con la sua relazione su Grazia Deledda in Romania, e Tudorel Radu offrirà un parallelo tra il nostro Pirandello e il romeno Brancusi  e Stefan Damian vicepresidente dell’AICL relazionerà sui luoghi di Salvatore Quasimodo. ’albanese Arjan Kallco omaggerà anche la Sicilia parlando di Quasimodo mentre Andrea Guiati che insegna in USA parlerà dell’ultimo premio Nobel, Bob Dylan.

Molta nutrita la presenza italiana : Piefranco Bruni parla di Pirandello, di Quasimodo Silvano Trevisani, mentre il Dante dei Premi Nobel è il tema svolto da Giovanna Ioli. Montale e Quasimodo sono all’attenzione di Rosa Elisa Giangoia, e Sabino Caronia parla di Pirandello tra Sciasia e Debenedetti. Antonio Maria Masia affronta Dario Fo. Mentre Bruno Rombi parla di Neruda in Sardegna in rapporto a  Grazia Deledda e Franco Idone raccoglie i Nobel che salgono e quelli che scendono… Dal Venezuela, Antonio Mendoza offre un ritratto della polacca Wislawa Szybroska.

Il convegno sarà l’occasione anche per visitare i luoghi di cultura del territorio: a Pozzallo, dopo l’incontro con il Sindaco, ci sarà la visita alla Casa Natale e al Museo di Giorgio La Pira  e alla mostra didattica “ Pozzallo nel vortice del tempo- Pozzallo dalla preistoria al XXI secolo”  allestita presso l’Istituto Comprensivo A. Amore . A Ispica,  incontro  con il Sindaco e visita dei luoghi di” Divorzio all’italiana” di Pietro Germi e di Montalbano, il famoso commissario nato dalla penna di Andrea Camilleri. Infine a Modica per la casa di Salvatore Quasimodo e il Museo del cioccolato.

In conclusione del Convegno, come d’uso per gli incontri Internazionali dell’Associazione, verrà consegnato il Premio Europeo Farfa di cultura e territorio , che quest’anno andrà ad esponenti del territorio ibleo.

 



Maggiori informazioni https://aicl-org.webnode.it/

 

L'Association Internationale des Critiques Litteraires sbarca a Pozzallo

 

« Il Premio Nobel della letteratura nel mondo » è il tema che i critici e gli scrittori dell’Associazione Internazionale dei Critici letterari svolgeranno nel loro convegno annuale che si terrà a Pozzallo il 20-21 gennaio p.v.

Su invito ed organizzazione del prof. Corrado Monaca, Direttore Strategico cultura e territorio, l’AICL sbarca per la seconda volta in Sicilia dopo il Convegno di Gela del 2001, in occasione del centenario della nascita di Salvatore Quasimodo.

Nel 2017 ricorrono i centocinquanta anni dalla nascita del Premio Nobel Luigi Pirandello, del quale  insieme al premio Nobel Grazia Deledda proprio nel 2016 appena trascorso si sono celebrati gli ottanta anni dalla morte.

Per questo il Bureau Internazionale AICL, presieduto da Neria De Giovanni, ha invitato i delegati dell’Associazione a una riflessione sul valore dei Premi Nobel per la letteratura nei diversi Paesi del mondo.
Critici e scrittori provenienti dal Giappone, Spagna, Francia, USA, Venezuela, Romania, Albania , Catalogna, oltre che da diverse città italiane, Roma, Taranto, Genova, Torino, si confronteranno nella Scuola « A.Amore, presso l’Auditorium Paolo Monaca, appena inaugurato con la donazione da parte della famiglia Monaca di un busto di bronzo dell’artista Paolo Marazzi che con la sua arte unisce Baltico e Mediterraneo passando per Assisi.

In apertura un importante omaggio alla città che ospita il Convegno, con la relazione di Grazia Dormiente sul carteggio inedito tra Giorgio La Pira e Salvatore Quasimodo.

Per la Francia, Andrè Ughetto parlerà del Premio Nobel Federic Mistral e Jean Pierre Castellani di Albert Camus ; per la Spagna Angel Basanta, Segretario Generale dell’AICL, relazionerà su Camillo Josè Cela, mentre le catalane Josefa Contioch e Lulisa Julià parleranno della diffusione in Catalogna dei premi Nobel italiani Deledda, Pirandello e Quasimodo. Anche il romeno Horia Alupului omaggerà l’Italia con la sua relazione su Grazia Deledda in Romania, e Tudorel Radu offrirà un parallelo tra il nostro Pirandello e il romeno Brancusi  e Stefan Damian vicepresidente dell’AICL relazionerà sui luoghi di Salvatore Quasimodo. ’albanese Arjan Kallco omaggerà anche la Sicilia parlando di Quasimodo mentre Andrea Guiati che insegna in USA parlerà dell’ultimo premio Nobel, Bob Dylan.

Molta nutrita la presenza italiana : Piefranco Bruni parla di Pirandello, di Quasimodo Silvano Trevisani, mentre il Dante dei Premi Nobel è il tema svolto da Giovanna Ioli. Montale e Quasimodo sono all’attenzione di Rosa Elisa Giangoia, e Sabino Caronia parla di Pirandello tra Sciasia e Debenedetti. Antonio Maria Masia affronta Dario Fo. Mentre Bruno Rombi parla di Neruda in Sardegna in rapporto a  Grazia Deledda e Franco Idone raccoglie i Nobel che salgono e quelli che scendono… Dal Venezuela, Antonio Mendoza offre un ritratto della polacca Wislawa Szybroska.

Il convegno sarà l’occasione anche per visitare i luoghi di cultura del territorio: a Pozzallo, dopo l’incontro con il Sindaco, ci sarà la visita alla Casa Natale e al Museo di Giorgio La Pira  e alla mostra didattica “ Pozzallo nel vortice del tempo- Pozzallo dalla preistoria al XXI secolo”  allestita presso l’Istituto Comprensivo A. Amore . A Ispica,  incontro  con il Sindaco e visita dei luoghi di” Divorzio all’italiana” di Pietro Germi e di Montalbano, il famoso commissario nato dalla penna di Andrea Camilleri. Infine a Modica per la casa di Salvatore Quasimodo e il Museo del cioccolato.

In conclusione del Convegno, come d’uso per gli incontri Internazionali dell’Associazione, verrà consegnato il Premio Europeo Farfa di cultura e territorio , che quest’anno andrà ad esponenti del territorio ibleo.

 



Maggiori informazioni https://aicl-org.webnode.it/

 

L'Association Internationale des Critiques Litteraires sbarca a Pozzallo

 

« Il Premio Nobel della letteratura nel mondo » è il tema che i critici e gli scrittori dell’Associazione Internazionale dei Critici letterari svolgeranno nel loro convegno annuale che si terrà a Pozzallo il 20-21 gennaio p.v.

Su invito ed organizzazione del prof. Corrado Monaca, Direttore Strategico cultura e territorio, l’AICL sbarca per la seconda volta in Sicilia dopo il Convegno di Gela del 2001, in occasione del centenario della nascita di Salvatore Quasimodo.

Nel 2017 ricorrono i centocinquanta anni dalla nascita del Premio Nobel Luigi Pirandello, del quale  insieme al premio Nobel Grazia Deledda proprio nel 2016 appena trascorso si sono celebrati gli ottanta anni dalla morte.

Per questo il Bureau Internazionale AICL, presieduto da Neria De Giovanni, ha invitato i delegati dell’Associazione a una riflessione sul valore dei Premi Nobel per la letteratura nei diversi Paesi del mondo.
Critici e scrittori provenienti dal Giappone, Spagna, Francia, USA, Venezuela, Romania, Albania , Catalogna, oltre che da diverse città italiane, Roma, Taranto, Genova, Torino, si confronteranno nella Scuola « A.Amore, presso l’Auditorium Paolo Monaca, appena inaugurato con la donazione da parte della famiglia Monaca di un busto di bronzo dell’artista Paolo Marazzi che con la sua arte unisce Baltico e Mediterraneo passando per Assisi.

In apertura un importante omaggio alla città che ospita il Convegno, con la relazione di Grazia Dormiente sul carteggio inedito tra Giorgio La Pira e Salvatore Quasimodo.

Per la Francia, Andrè Ughetto parlerà del Premio Nobel Federic Mistral e Jean Pierre Castellani di Albert Camus ; per la Spagna Angel Basanta, Segretario Generale dell’AICL, relazionerà su Camillo Josè Cela, mentre le catalane Josefa Contioch e Lulisa Julià parleranno della diffusione in Catalogna dei premi Nobel italiani Deledda, Pirandello e Quasimodo. Anche il romeno Horia Alupului omaggerà l’Italia con la sua relazione su Grazia Deledda in Romania, e Tudorel Radu offrirà un parallelo tra il nostro Pirandello e il romeno Brancusi  e Stefan Damian vicepresidente dell’AICL relazionerà sui luoghi di Salvatore Quasimodo. ’albanese Arjan Kallco omaggerà anche la Sicilia parlando di Quasimodo mentre Andrea Guiati che insegna in USA parlerà dell’ultimo premio Nobel, Bob Dylan.

Molta nutrita la presenza italiana : Piefranco Bruni parla di Pirandello, di Quasimodo Silvano Trevisani, mentre il Dante dei Premi Nobel è il tema svolto da Giovanna Ioli. Montale e Quasimodo sono all’attenzione di Rosa Elisa Giangoia, e Sabino Caronia parla di Pirandello tra Sciasia e Debenedetti. Antonio Maria Masia affronta Dario Fo. Mentre Bruno Rombi parla di Neruda in Sardegna in rapporto a  Grazia Deledda e Franco Idone raccoglie i Nobel che salgono e quelli che scendono… Dal Venezuela, Antonio Mendoza offre un ritratto della polacca Wislawa Szybroska.

Il convegno sarà l’occasione anche per visitare i luoghi di cultura del territorio: a Pozzallo, dopo l’incontro con il Sindaco, ci sarà la visita alla Casa Natale e al Museo di Giorgio La Pira  e alla mostra didattica “ Pozzallo nel vortice del tempo- Pozzallo dalla preistoria al XXI secolo”  allestita presso l’Istituto Comprensivo A. Amore . A Ispica,  incontro  con il Sindaco e visita dei luoghi di” Divorzio all’italiana” di Pietro Germi e di Montalbano, il famoso commissario nato dalla penna di Andrea Camilleri. Infine a Modica per la casa di Salvatore Quasimodo e il Museo del cioccolato.

In conclusione del Convegno, come d’uso per gli incontri Internazionali dell’Associazione, verrà consegnato il Premio Europeo Farfa di cultura e territorio , che quest’anno andrà ad esponenti del territorio ibleo.

 



Maggiori informazioni https://aicl-org.webnode.it/

 

L'Association Internationale des Critiques Litteraires sbarca a Pozzallo

 

« Il Premio Nobel della letteratura nel mondo » è il tema che i critici e gli scrittori dell’Associazione Internazionale dei Critici letterari svolgeranno nel loro convegno annuale che si terrà a Pozzallo il 20-21 gennaio p.v.

Su invito ed organizzazione del prof. Corrado Monaca, Direttore Strategico cultura e territorio, l’AICL sbarca per la seconda volta in Sicilia dopo il Convegno di Gela del 2001, in occasione del centenario della nascita di Salvatore Quasimodo.

Nel 2017 ricorrono i centocinquanta anni dalla nascita del Premio Nobel Luigi Pirandello, del quale  insieme al premio Nobel Grazia Deledda proprio nel 2016 appena trascorso si sono celebrati gli ottanta anni dalla morte.

Per questo il Bureau Internazionale AICL, presieduto da Neria De Giovanni, ha invitato i delegati dell’Associazione a una riflessione sul valore dei Premi Nobel per la letteratura nei diversi Paesi del mondo.
Critici e scrittori provenienti dal Giappone, Spagna, Francia, USA, Venezuela, Romania, Albania , Catalogna, oltre che da diverse città italiane, Roma, Taranto, Genova, Torino, si confronteranno nella Scuola « A.Amore, presso l’Auditorium Paolo Monaca, appena inaugurato con la donazione da parte della famiglia Monaca di un busto di bronzo dell’artista Paolo Marazzi che con la sua arte unisce Baltico e Mediterraneo passando per Assisi.

In apertura un importante omaggio alla città che ospita il Convegno, con la relazione di Grazia Dormiente sul carteggio inedito tra Giorgio La Pira e Salvatore Quasimodo.

Per la Francia, Andrè Ughetto parlerà del Premio Nobel Federic Mistral e Jean Pierre Castellani di Albert Camus ; per la Spagna Angel Basanta, Segretario Generale dell’AICL, relazionerà su Camillo Josè Cela, mentre le catalane Josefa Contioch e Lulisa Julià parleranno della diffusione in Catalogna dei premi Nobel italiani Deledda, Pirandello e Quasimodo. Anche il romeno Horia Alupului omaggerà l’Italia con la sua relazione su Grazia Deledda in Romania, e Tudorel Radu offrirà un parallelo tra il nostro Pirandello e il romeno Brancusi  e Stefan Damian vicepresidente dell’AICL relazionerà sui luoghi di Salvatore Quasimodo. ’albanese Arjan Kallco omaggerà anche la Sicilia parlando di Quasimodo mentre Andrea Guiati che insegna in USA parlerà dell’ultimo premio Nobel, Bob Dylan.

Molta nutrita la presenza italiana : Piefranco Bruni parla di Pirandello, di Quasimodo Silvano Trevisani, mentre il Dante dei Premi Nobel è il tema svolto da Giovanna Ioli. Montale e Quasimodo sono all’attenzione di Rosa Elisa Giangoia, e Sabino Caronia parla di Pirandello tra Sciasia e Debenedetti. Antonio Maria Masia affronta Dario Fo. Mentre Bruno Rombi parla di Neruda in Sardegna in rapporto a  Grazia Deledda e Franco Idone raccoglie i Nobel che salgono e quelli che scendono… Dal Venezuela, Antonio Mendoza offre un ritratto della polacca Wislawa Szybroska.

Il convegno sarà l’occasione anche per visitare i luoghi di cultura del territorio: a Pozzallo, dopo l’incontro con il Sindaco, ci sarà la visita alla Casa Natale e al Museo di Giorgio La Pira  e alla mostra didattica “ Pozzallo nel vortice del tempo- Pozzallo dalla preistoria al XXI secolo”  allestita presso l’Istituto Comprensivo A. Amore . A Ispica,  incontro  con il Sindaco e visita dei luoghi di” Divorzio all’italiana” di Pietro Germi e di Montalbano, il famoso commissario nato dalla penna di Andrea Camilleri. Infine a Modica per la casa di Salvatore Quasimodo e il Museo del cioccolato.

In conclusione del Convegno, come d’uso per gli incontri Internazionali dell’Associazione, verrà consegnato il Premio Europeo Farfa di cultura e territorio , che quest’anno andrà ad esponenti del territorio ibleo.

 



Maggiori informazioni https://aicl-org.webnode.it/

 

L'Association Internationale des Critiques Litteraires sbarca a Pozzallo

 

« Il Premio Nobel della letteratura nel mondo » è il tema che i critici e gli scrittori dell’Associazione Internazionale dei Critici letterari svolgeranno nel loro convegno annuale che si terrà a Pozzallo il 20-21 gennaio p.v.

Su invito ed organizzazione del prof. Corrado Monaca, Direttore Strategico cultura e territorio, l’AICL sbarca per la seconda volta in Sicilia dopo il Convegno di Gela del 2001, in occasione del centenario della nascita di Salvatore Quasimodo.

Nel 2017 ricorrono i centocinquanta anni dalla nascita del Premio Nobel Luigi Pirandello, del quale  insieme al premio Nobel Grazia Deledda proprio nel 2016 appena trascorso si sono celebrati gli ottanta anni dalla morte.

Per questo il Bureau Internazionale AICL, presieduto da Neria De Giovanni, ha invitato i delegati dell’Associazione a una riflessione sul valore dei Premi Nobel per la letteratura nei diversi Paesi del mondo.
Critici e scrittori provenienti dal Giappone, Spagna, Francia, USA, Venezuela, Romania, Albania , Catalogna, oltre che da diverse città italiane, Roma, Taranto, Genova, Torino, si confronteranno nella Scuola « A.Amore, presso l’Auditorium Paolo Monaca, appena inaugurato con la donazione da parte della famiglia Monaca di un busto di bronzo dell’artista Paolo Marazzi che con la sua arte unisce Baltico e Mediterraneo passando per Assisi.

In apertura un importante omaggio alla città che ospita il Convegno, con la relazione di Grazia Dormiente sul carteggio inedito tra Giorgio La Pira e Salvatore Quasimodo.

Per la Francia, Andrè Ughetto parlerà del Premio Nobel Federic Mistral e Jean Pierre Castellani di Albert Camus ; per la Spagna Angel Basanta, Segretario Generale dell’AICL, relazionerà su Camillo Josè Cela, mentre le catalane Josefa Contioch e Lulisa Julià parleranno della diffusione in Catalogna dei premi Nobel italiani Deledda, Pirandello e Quasimodo. Anche il romeno Horia Alupului omaggerà l’Italia con la sua relazione su Grazia Deledda in Romania, e Tudorel Radu offrirà un parallelo tra il nostro Pirandello e il romeno Brancusi  e Stefan Damian vicepresidente dell’AICL relazionerà sui luoghi di Salvatore Quasimodo. ’albanese Arjan Kallco omaggerà anche la Sicilia parlando di Quasimodo mentre Andrea Guiati che insegna in USA parlerà dell’ultimo premio Nobel, Bob Dylan.

Molta nutrita la presenza italiana : Piefranco Bruni parla di Pirandello, di Quasimodo Silvano Trevisani, mentre il Dante dei Premi Nobel è il tema svolto da Giovanna Ioli. Montale e Quasimodo sono all’attenzione di Rosa Elisa Giangoia, e Sabino Caronia parla di Pirandello tra Sciasia e Debenedetti. Antonio Maria Masia affronta Dario Fo. Mentre Bruno Rombi parla di Neruda in Sardegna in rapporto a  Grazia Deledda e Franco Idone raccoglie i Nobel che salgono e quelli che scendono… Dal Venezuela, Antonio Mendoza offre un ritratto della polacca Wislawa Szybroska.

Il convegno sarà l’occasione anche per visitare i luoghi di cultura del territorio: a Pozzallo, dopo l’incontro con il Sindaco, ci sarà la visita alla Casa Natale e al Museo di Giorgio La Pira  e alla mostra didattica “ Pozzallo nel vortice del tempo- Pozzallo dalla preistoria al XXI secolo”  allestita presso l’Istituto Comprensivo A. Amore . A Ispica,  incontro  con il Sindaco e visita dei luoghi di” Divorzio all’italiana” di Pietro Germi e di Montalbano, il famoso commissario nato dalla penna di Andrea Camilleri. Infine a Modica per la casa di Salvatore Quasimodo e il Museo del cioccolato.

In conclusione del Convegno, come d’uso per gli incontri Internazionali dell’Associazione, verrà consegnato il Premio Europeo Farfa di cultura e territorio , che quest’anno andrà ad esponenti del territorio ibleo.

 



Maggiori informazioni https://aicl-org.webnode.it/

 

L'Association Internationale des Critiques Litteraires sbarca a Pozzallo

 

« Il Premio Nobel della letteratura nel mondo » è il tema che i critici e gli scrittori dell’Associazione Internazionale dei Critici letterari svolgeranno nel loro convegno annuale che si terrà a Pozzallo il 20-21 gennaio p.v.

Su invito ed organizzazione del prof. Corrado Monaca, Direttore Strategico cultura e territorio, l’AICL sbarca per la seconda volta in Sicilia dopo il Convegno di Gela del 2001, in occasione del centenario della nascita di Salvatore Quasimodo.

Nel 2017 ricorrono i centocinquanta anni dalla nascita del Premio Nobel Luigi Pirandello, del quale  insieme al premio Nobel Grazia Deledda proprio nel 2016 appena trascorso si sono celebrati gli ottanta anni dalla morte.

Per questo il Bureau Internazionale AICL, presieduto da Neria De Giovanni, ha invitato i delegati dell’Associazione a una riflessione sul valore dei Premi Nobel per la letteratura nei diversi Paesi del mondo.
Critici e scrittori provenienti dal Giappone, Spagna, Francia, USA, Venezuela, Romania, Albania , Catalogna, oltre che da diverse città italiane, Roma, Taranto, Genova, Torino, si confronteranno nella Scuola « A.Amore, presso l’Auditorium Paolo Monaca, appena inaugurato con la donazione da parte della famiglia Monaca di un busto di bronzo dell’artista Paolo Marazzi che con la sua arte unisce Baltico e Mediterraneo passando per Assisi.

In apertura un importante omaggio alla città che ospita il Convegno, con la relazione di Grazia Dormiente sul carteggio inedito tra Giorgio La Pira e Salvatore Quasimodo.

Per la Francia, Andrè Ughetto parlerà del Premio Nobel Federic Mistral e Jean Pierre Castellani di Albert Camus ; per la Spagna Angel Basanta, Segretario Generale dell’AICL, relazionerà su Camillo Josè Cela, mentre le catalane Josefa Contioch e Lulisa Julià parleranno della diffusione in Catalogna dei premi Nobel italiani Deledda, Pirandello e Quasimodo. Anche il romeno Horia Alupului omaggerà l’Italia con la sua relazione su Grazia Deledda in Romania, e Tudorel Radu offrirà un parallelo tra il nostro Pirandello e il romeno Brancusi  e Stefan Damian vicepresidente dell’AICL relazionerà sui luoghi di Salvatore Quasimodo. ’albanese Arjan Kallco omaggerà anche la Sicilia parlando di Quasimodo mentre Andrea Guiati che insegna in USA parlerà dell’ultimo premio Nobel, Bob Dylan.

Molta nutrita la presenza italiana : Piefranco Bruni parla di Pirandello, di Quasimodo Silvano Trevisani, mentre il Dante dei Premi Nobel è il tema svolto da Giovanna Ioli. Montale e Quasimodo sono all’attenzione di Rosa Elisa Giangoia, e Sabino Caronia parla di Pirandello tra Sciasia e Debenedetti. Antonio Maria Masia affronta Dario Fo. Mentre Bruno Rombi parla di Neruda in Sardegna in rapporto a  Grazia Deledda e Franco Idone raccoglie i Nobel che salgono e quelli che scendono… Dal Venezuela, Antonio Mendoza offre un ritratto della polacca Wislawa Szybroska.

Il convegno sarà l’occasione anche per visitare i luoghi di cultura del territorio: a Pozzallo, dopo l’incontro con il Sindaco, ci sarà la visita alla Casa Natale e al Museo di Giorgio La Pira  e alla mostra didattica “ Pozzallo nel vortice del tempo- Pozzallo dalla preistoria al XXI secolo”  allestita presso l’Istituto Comprensivo A. Amore . A Ispica,  incontro  con il Sindaco e visita dei luoghi di” Divorzio all’italiana” di Pietro Germi e di Montalbano, il famoso commissario nato dalla penna di Andrea Camilleri. Infine a Modica per la casa di Salvatore Quasimodo e il Museo del cioccolato.

In conclusione del Convegno, come d’uso per gli incontri Internazionali dell’Associazione, verrà consegnato il Premio Europeo Farfa di cultura e territorio , che quest’anno andrà ad esponenti del territorio ibleo.

 



Maggiori informazioni https://aicl-org.webnode.it/

 

L'Association Internationale des Critiques Litteraires sbarca a Pozzallo

 

« Il Premio Nobel della letteratura nel mondo » è il tema che i critici e gli scrittori dell’Associazione Internazionale dei Critici letterari svolgeranno nel loro convegno annuale che si terrà a Pozzallo il 20-21 gennaio p.v.

Su invito ed organizzazione del prof. Corrado Monaca, Direttore Strategico cultura e territorio, l’AICL sbarca per la seconda volta in Sicilia dopo il Convegno di Gela del 2001, in occasione del centenario della nascita di Salvatore Quasimodo.

Nel 2017 ricorrono i centocinquanta anni dalla nascita del Premio Nobel Luigi Pirandello, del quale  insieme al premio Nobel Grazia Deledda proprio nel 2016 appena trascorso si sono celebrati gli ottanta anni dalla morte.

Per questo il Bureau Internazionale AICL, presieduto da Neria De Giovanni, ha invitato i delegati dell’Associazione a una riflessione sul valore dei Premi Nobel per la letteratura nei diversi Paesi del mondo.
Critici e scrittori provenienti dal Giappone, Spagna, Francia, USA, Venezuela, Romania, Albania , Catalogna, oltre che da diverse città italiane, Roma, Taranto, Genova, Torino, si confronteranno nella Scuola « A.Amore, presso l’Auditorium Paolo Monaca, appena inaugurato con la donazione da parte della famiglia Monaca di un busto di bronzo dell’artista Paolo Marazzi che con la sua arte unisce Baltico e Mediterraneo passando per Assisi.

In apertura un importante omaggio alla città che ospita il Convegno, con la relazione di Grazia Dormiente sul carteggio inedito tra Giorgio La Pira e Salvatore Quasimodo.

Per la Francia, Andrè Ughetto parlerà del Premio Nobel Federic Mistral e Jean Pierre Castellani di Albert Camus ; per la Spagna Angel Basanta, Segretario Generale dell’AICL, relazionerà su Camillo Josè Cela, mentre le catalane Josefa Contioch e Lulisa Julià parleranno della diffusione in Catalogna dei premi Nobel italiani Deledda, Pirandello e Quasimodo. Anche il romeno Horia Alupului omaggerà l’Italia con la sua relazione su Grazia Deledda in Romania, e Tudorel Radu offrirà un parallelo tra il nostro Pirandello e il romeno Brancusi  e Stefan Damian vicepresidente dell’AICL relazionerà sui luoghi di Salvatore Quasimodo. ’albanese Arjan Kallco omaggerà anche la Sicilia parlando di Quasimodo mentre Andrea Guiati che insegna in USA parlerà dell’ultimo premio Nobel, Bob Dylan.

Molta nutrita la presenza italiana : Piefranco Bruni parla di Pirandello, di Quasimodo Silvano Trevisani, mentre il Dante dei Premi Nobel è il tema svolto da Giovanna Ioli. Montale e Quasimodo sono all’attenzione di Rosa Elisa Giangoia, e Sabino Caronia parla di Pirandello tra Sciasia e Debenedetti. Antonio Maria Masia affronta Dario Fo. Mentre Bruno Rombi parla di Neruda in Sardegna in rapporto a  Grazia Deledda e Franco Idone raccoglie i Nobel che salgono e quelli che scendono… Dal Venezuela, Antonio Mendoza offre un ritratto della polacca Wislawa Szybroska.

Il convegno sarà l’occasione anche per visitare i luoghi di cultura del territorio: a Pozzallo, dopo l’incontro con il Sindaco, ci sarà la visita alla Casa Natale e al Museo di Giorgio La Pira  e alla mostra didattica “ Pozzallo nel vortice del tempo- Pozzallo dalla preistoria al XXI secolo”  allestita presso l’Istituto Comprensivo A. Amore . A Ispica,  incontro  con il Sindaco e visita dei luoghi di” Divorzio all’italiana” di Pietro Germi e di Montalbano, il famoso commissario nato dalla penna di Andrea Camilleri. Infine a Modica per la casa di Salvatore Quasimodo e il Museo del cioccolato.

In conclusione del Convegno, come d’uso per gli incontri Internazionali dell’Associazione, verrà consegnato il Premio Europeo Farfa di cultura e territorio , che quest’anno andrà ad esponenti del territorio ibleo.

 



Maggiori informazioni https://aicl-org.webnode.it/

 

L'Association Internationale des Critiques Litteraires sbarca a Pozzallo

 

« Il Premio Nobel della letteratura nel mondo » è il tema che i critici e gli scrittori dell’Associazione Internazionale dei Critici letterari svolgeranno nel loro convegno annuale che si terrà a Pozzallo il 20-21 gennaio p.v.

Su invito ed organizzazione del prof. Corrado Monaca, Direttore Strategico cultura e territorio, l’AICL sbarca per la seconda volta in Sicilia dopo il Convegno di Gela del 2001, in occasione del centenario della nascita di Salvatore Quasimodo.

Nel 2017 ricorrono i centocinquanta anni dalla nascita del Premio Nobel Luigi Pirandello, del quale  insieme al premio Nobel Grazia Deledda proprio nel 2016 appena trascorso si sono celebrati gli ottanta anni dalla morte.

Per questo il Bureau Internazionale AICL, presieduto da Neria De Giovanni, ha invitato i delegati dell’Associazione a una riflessione sul valore dei Premi Nobel per la letteratura nei diversi Paesi del mondo.
Critici e scrittori provenienti dal Giappone, Spagna, Francia, USA, Venezuela, Romania, Albania , Catalogna, oltre che da diverse città italiane, Roma, Taranto, Genova, Torino, si confronteranno nella Scuola « A.Amore, presso l’Auditorium Paolo Monaca, appena inaugurato con la donazione da parte della famiglia Monaca di un busto di bronzo dell’artista Paolo Marazzi che con la sua arte unisce Baltico e Mediterraneo passando per Assisi.

In apertura un importante omaggio alla città che ospita il Convegno, con la relazione di Grazia Dormiente sul carteggio inedito tra Giorgio La Pira e Salvatore Quasimodo.

Per la Francia, Andrè Ughetto parlerà del Premio Nobel Federic Mistral e Jean Pierre Castellani di Albert Camus ; per la Spagna Angel Basanta, Segretario Generale dell’AICL, relazionerà su Camillo Josè Cela, mentre le catalane Josefa Contioch e Lulisa Julià parleranno della diffusione in Catalogna dei premi Nobel italiani Deledda, Pirandello e Quasimodo. Anche il romeno Horia Alupului omaggerà l’Italia con la sua relazione su Grazia Deledda in Romania, e Tudorel Radu offrirà un parallelo tra il nostro Pirandello e il romeno Brancusi  e Stefan Damian vicepresidente dell’AICL relazionerà sui luoghi di Salvatore Quasimodo. ’albanese Arjan Kallco omaggerà anche la Sicilia parlando di Quasimodo mentre Andrea Guiati che insegna in USA parlerà dell’ultimo premio Nobel, Bob Dylan.

Molta nutrita la presenza italiana : Piefranco Bruni parla di Pirandello, di Quasimodo Silvano Trevisani, mentre il Dante dei Premi Nobel è il tema svolto da Giovanna Ioli. Montale e Quasimodo sono all’attenzione di Rosa Elisa Giangoia, e Sabino Caronia parla di Pirandello tra Sciasia e Debenedetti. Antonio Maria Masia affronta Dario Fo. Mentre Bruno Rombi parla di Neruda in Sardegna in rapporto a  Grazia Deledda e Franco Idone raccoglie i Nobel che salgono e quelli che scendono… Dal Venezuela, Antonio Mendoza offre un ritratto della polacca Wislawa Szybroska.

Il convegno sarà l’occasione anche per visitare i luoghi di cultura del territorio: a Pozzallo, dopo l’incontro con il Sindaco, ci sarà la visita alla Casa Natale e al Museo di Giorgio La Pira  e alla mostra didattica “ Pozzallo nel vortice del tempo- Pozzallo dalla preistoria al XXI secolo”  allestita presso l’Istituto Comprensivo A. Amore . A Ispica,  incontro  con il Sindaco e visita dei luoghi di” Divorzio all’italiana” di Pietro Germi e di Montalbano, il famoso commissario nato dalla penna di Andrea Camilleri. Infine a Modica per la casa di Salvatore Quasimodo e il Museo del cioccolato.

In conclusione del Convegno, come d’uso per gli incontri Internazionali dell’Associazione, verrà consegnato il Premio Europeo Farfa di cultura e territorio , che quest’anno andrà ad esponenti del territorio ibleo.

 



Maggiori informazioni https://aicl-org.webnode.it/

 

L'Association Internationale des Critiques Litteraires sbarca a Pozzallo

 

« Il Premio Nobel della letteratura nel mondo » è il tema che i critici e gli scrittori dell’Associazione Internazionale dei Critici letterari svolgeranno nel loro convegno annuale che si terrà a Pozzallo il 20-21 gennaio p.v.

Su invito ed organizzazione del prof. Corrado Monaca, Direttore Strategico cultura e territorio, l’AICL sbarca per la seconda volta in Sicilia dopo il Convegno di Gela del 2001, in occasione del centenario della nascita di Salvatore Quasimodo.

Nel 2017 ricorrono i centocinquanta anni dalla nascita del Premio Nobel Luigi Pirandello, del quale  insieme al premio Nobel Grazia Deledda proprio nel 2016 appena trascorso si sono celebrati gli ottanta anni dalla morte.

Per questo il Bureau Internazionale AICL, presieduto da Neria De Giovanni, ha invitato i delegati dell’Associazione a una riflessione sul valore dei Premi Nobel per la letteratura nei diversi Paesi del mondo.
Critici e scrittori provenienti dal Giappone, Spagna, Francia, USA, Venezuela, Romania, Albania , Catalogna, oltre che da diverse città italiane, Roma, Taranto, Genova, Torino, si confronteranno nella Scuola « A.Amore, presso l’Auditorium Paolo Monaca, appena inaugurato con la donazione da parte della famiglia Monaca di un busto di bronzo dell’artista Paolo Marazzi che con la sua arte unisce Baltico e Mediterraneo passando per Assisi.

In apertura un importante omaggio alla città che ospita il Convegno, con la relazione di Grazia Dormiente sul carteggio inedito tra Giorgio La Pira e Salvatore Quasimodo.

Per la Francia, Andrè Ughetto parlerà del Premio Nobel Federic Mistral e Jean Pierre Castellani di Albert Camus ; per la Spagna Angel Basanta, Segretario Generale dell’AICL, relazionerà su Camillo Josè Cela, mentre le catalane Josefa Contioch e Lulisa Julià parleranno della diffusione in Catalogna dei premi Nobel italiani Deledda, Pirandello e Quasimodo. Anche il romeno Horia Alupului omaggerà l’Italia con la sua relazione su Grazia Deledda in Romania, e Tudorel Radu offrirà un parallelo tra il nostro Pirandello e il romeno Brancusi  e Stefan Damian vicepresidente dell’AICL relazionerà sui luoghi di Salvatore Quasimodo. ’albanese Arjan Kallco omaggerà anche la Sicilia parlando di Quasimodo mentre Andrea Guiati che insegna in USA parlerà dell’ultimo premio Nobel, Bob Dylan.

Molta nutrita la presenza italiana : Piefranco Bruni parla di Pirandello, di Quasimodo Silvano Trevisani, mentre il Dante dei Premi Nobel è il tema svolto da Giovanna Ioli. Montale e Quasimodo sono all’attenzione di Rosa Elisa Giangoia, e Sabino Caronia parla di Pirandello tra Sciasia e Debenedetti. Antonio Maria Masia affronta Dario Fo. Mentre Bruno Rombi parla di Neruda in Sardegna in rapporto a  Grazia Deledda e Franco Idone raccoglie i Nobel che salgono e quelli che scendono… Dal Venezuela, Antonio Mendoza offre un ritratto della polacca Wislawa Szybroska.

Il convegno sarà l’occasione anche per visitare i luoghi di cultura del territorio: a Pozzallo, dopo l’incontro con il Sindaco, ci sarà la visita alla Casa Natale e al Museo di Giorgio La Pira  e alla mostra didattica “ Pozzallo nel vortice del tempo- Pozzallo dalla preistoria al XXI secolo”  allestita presso l’Istituto Comprensivo A. Amore . A Ispica,  incontro  con il Sindaco e visita dei luoghi di” Divorzio all’italiana” di Pietro Germi e di Montalbano, il famoso commissario nato dalla penna di Andrea Camilleri. Infine a Modica per la casa di Salvatore Quasimodo e il Museo del cioccolato.

In conclusione del Convegno, come d’uso per gli incontri Internazionali dell’Associazione, verrà consegnato il Premio Europeo Farfa di cultura e territorio , che quest’anno andrà ad esponenti del territorio ibleo.

 



Maggiori informazioni https://aicl-org.webnode.it/

 

L'Association Internationale des Critiques Litteraires sbarca a Pozzallo

 

« Il Premio Nobel della letteratura nel mondo » è il tema che i critici e gli scrittori dell’Associazione Internazionale dei Critici letterari svolgeranno nel loro convegno annuale che si terrà a Pozzallo il 20-21 gennaio p.v.

Su invito ed organizzazione del prof. Corrado Monaca, Direttore Strategico cultura e territorio, l’AICL sbarca per la seconda volta in Sicilia dopo il Convegno di Gela del 2001, in occasione del centenario della nascita di Salvatore Quasimodo.

Nel 2017 ricorrono i centocinquanta anni dalla nascita del Premio Nobel Luigi Pirandello, del quale  insieme al premio Nobel Grazia Deledda proprio nel 2016 appena trascorso si sono celebrati gli ottanta anni dalla morte.

Per questo il Bureau Internazionale AICL, presieduto da Neria De Giovanni, ha invitato i delegati dell’Associazione a una riflessione sul valore dei Premi Nobel per la letteratura nei diversi Paesi del mondo.
Critici e scrittori provenienti dal Giappone, Spagna, Francia, USA, Venezuela, Romania, Albania , Catalogna, oltre che da diverse città italiane, Roma, Taranto, Genova, Torino, si confronteranno nella Scuola « A.Amore, presso l’Auditorium Paolo Monaca, appena inaugurato con la donazione da parte della famiglia Monaca di un busto di bronzo dell’artista Paolo Marazzi che con la sua arte unisce Baltico e Mediterraneo passando per Assisi.

In apertura un importante omaggio alla città che ospita il Convegno, con la relazione di Grazia Dormiente sul carteggio inedito tra Giorgio La Pira e Salvatore Quasimodo.

Per la Francia, Andrè Ughetto parlerà del Premio Nobel Federic Mistral e Jean Pierre Castellani di Albert Camus ; per la Spagna Angel Basanta, Segretario Generale dell’AICL, relazionerà su Camillo Josè Cela, mentre le catalane Josefa Contioch e Lulisa Julià parleranno della diffusione in Catalogna dei premi Nobel italiani Deledda, Pirandello e Quasimodo. Anche il romeno Horia Alupului omaggerà l’Italia con la sua relazione su Grazia Deledda in Romania, e Tudorel Radu offrirà un parallelo tra il nostro Pirandello e il romeno Brancusi  e Stefan Damian vicepresidente dell’AICL relazionerà sui luoghi di Salvatore Quasimodo. ’albanese Arjan Kallco omaggerà anche la Sicilia parlando di Quasimodo mentre Andrea Guiati che insegna in USA parlerà dell’ultimo premio Nobel, Bob Dylan.

Molta nutrita la presenza italiana : Piefranco Bruni parla di Pirandello, di Quasimodo Silvano Trevisani, mentre il Dante dei Premi Nobel è il tema svolto da Giovanna Ioli. Montale e Quasimodo sono all’attenzione di Rosa Elisa Giangoia, e Sabino Caronia parla di Pirandello tra Sciasia e Debenedetti. Antonio Maria Masia affronta Dario Fo. Mentre Bruno Rombi parla di Neruda in Sardegna in rapporto a  Grazia Deledda e Franco Idone raccoglie i Nobel che salgono e quelli che scendono… Dal Venezuela, Antonio Mendoza offre un ritratto della polacca Wislawa Szybroska.

Il convegno sarà l’occasione anche per visitare i luoghi di cultura del territorio: a Pozzallo, dopo l’incontro con il Sindaco, ci sarà la visita alla Casa Natale e al Museo di Giorgio La Pira  e alla mostra didattica “ Pozzallo nel vortice del tempo- Pozzallo dalla preistoria al XXI secolo”  allestita presso l’Istituto Comprensivo A. Amore . A Ispica,  incontro  con il Sindaco e visita dei luoghi di” Divorzio all’italiana” di Pietro Germi e di Montalbano, il famoso commissario nato dalla penna di Andrea Camilleri. Infine a Modica per la casa di Salvatore Quasimodo e il Museo del cioccolato.

In conclusione del Convegno, come d’uso per gli incontri Internazionali dell’Associazione, verrà consegnato il Premio Europeo Farfa di cultura e territorio , che quest’anno andrà ad esponenti del territorio ibleo.

 



Maggiori informazioni https://aicl-org.webnode.it/

 

L'Association Internationale des Critiques Litteraires sbarca a Pozzallo

 

« Il Premio Nobel della letteratura nel mondo » è il tema che i critici e gli scrittori dell’Associazione Internazionale dei Critici letterari svolgeranno nel loro convegno annuale che si terrà a Pozzallo il 20-21 gennaio p.v.

Su invito ed organizzazione del prof. Corrado Monaca, Direttore Strategico cultura e territorio, l’AICL sbarca per la seconda volta in Sicilia dopo il Convegno di Gela del 2001, in occasione del centenario della nascita di Salvatore Quasimodo.

Nel 2017 ricorrono i centocinquanta anni dalla nascita del Premio Nobel Luigi Pirandello, del quale  insieme al premio Nobel Grazia Deledda proprio nel 2016 appena trascorso si sono celebrati gli ottanta anni dalla morte.

Per questo il Bureau Internazionale AICL, presieduto da Neria De Giovanni, ha invitato i delegati dell’Associazione a una riflessione sul valore dei Premi Nobel per la letteratura nei diversi Paesi del mondo.
Critici e scrittori provenienti dal Giappone, Spagna, Francia, USA, Venezuela, Romania, Albania , Catalogna, oltre che da diverse città italiane, Roma, Taranto, Genova, Torino, si confronteranno nella Scuola « A.Amore, presso l’Auditorium Paolo Monaca, appena inaugurato con la donazione da parte della famiglia Monaca di un busto di bronzo dell’artista Paolo Marazzi che con la sua arte unisce Baltico e Mediterraneo passando per Assisi.

In apertura un importante omaggio alla città che ospita il Convegno, con la relazione di Grazia Dormiente sul carteggio inedito tra Giorgio La Pira e Salvatore Quasimodo.

Per la Francia, Andrè Ughetto parlerà del Premio Nobel Federic Mistral e Jean Pierre Castellani di Albert Camus ; per la Spagna Angel Basanta, Segretario Generale dell’AICL, relazionerà su Camillo Josè Cela, mentre le catalane Josefa Contioch e Lulisa Julià parleranno della diffusione in Catalogna dei premi Nobel italiani Deledda, Pirandello e Quasimodo. Anche il romeno Horia Alupului omaggerà l’Italia con la sua relazione su Grazia Deledda in Romania, e Tudorel Radu offrirà un parallelo tra il nostro Pirandello e il romeno Brancusi  e Stefan Damian vicepresidente dell’AICL relazionerà sui luoghi di Salvatore Quasimodo. ’albanese Arjan Kallco omaggerà anche la Sicilia parlando di Quasimodo mentre Andrea Guiati che insegna in USA parlerà dell’ultimo premio Nobel, Bob Dylan.

Molta nutrita la presenza italiana : Piefranco Bruni parla di Pirandello, di Quasimodo Silvano Trevisani, mentre il Dante dei Premi Nobel è il tema svolto da Giovanna Ioli. Montale e Quasimodo sono all’attenzione di Rosa Elisa Giangoia, e Sabino Caronia parla di Pirandello tra Sciasia e Debenedetti. Antonio Maria Masia affronta Dario Fo. Mentre Bruno Rombi parla di Neruda in Sardegna in rapporto a  Grazia Deledda e Franco Idone raccoglie i Nobel che salgono e quelli che scendono… Dal Venezuela, Antonio Mendoza offre un ritratto della polacca Wislawa Szybroska.

Il convegno sarà l’occasione anche per visitare i luoghi di cultura del territorio: a Pozzallo, dopo l’incontro con il Sindaco, ci sarà la visita alla Casa Natale e al Museo di Giorgio La Pira  e alla mostra didattica “ Pozzallo nel vortice del tempo- Pozzallo dalla preistoria al XXI secolo”  allestita presso l’Istituto Comprensivo A. Amore . A Ispica,  incontro  con il Sindaco e visita dei luoghi di” Divorzio all’italiana” di Pietro Germi e di Montalbano, il famoso commissario nato dalla penna di Andrea Camilleri. Infine a Modica per la casa di Salvatore Quasimodo e il Museo del cioccolato.

In conclusione del Convegno, come d’uso per gli incontri Internazionali dell’Associazione, verrà consegnato il Premio Europeo Farfa di cultura e territorio , che quest’anno andrà ad esponenti del territorio ibleo.

 



Maggiori informazioni https://aicl-org.webnode.it/

 

L'Association Internationale des Critiques Litteraires sbarca a Pozzallo

 

« Il Premio Nobel della letteratura nel mondo » è il tema che i critici e gli scrittori dell’Associazione Internazionale dei Critici letterari svolgeranno nel loro convegno annuale che si terrà a Pozzallo il 20-21 gennaio p.v.

Su invito ed organizzazione del prof. Corrado Monaca, Direttore Strategico cultura e territorio, l’AICL sbarca per la seconda volta in Sicilia dopo il Convegno di Gela del 2001, in occasione del centenario della nascita di Salvatore Quasimodo.

Nel 2017 ricorrono i centocinquanta anni dalla nascita del Premio Nobel Luigi Pirandello, del quale  insieme al premio Nobel Grazia Deledda proprio nel 2016 appena trascorso si sono celebrati gli ottanta anni dalla morte.

Per questo il Bureau Internazionale AICL, presieduto da Neria De Giovanni, ha invitato i delegati dell’Associazione a una riflessione sul valore dei Premi Nobel per la letteratura nei diversi Paesi del mondo.
Critici e scrittori provenienti dal Giappone, Spagna, Francia, USA, Venezuela, Romania, Albania , Catalogna, oltre che da diverse città italiane, Roma, Taranto, Genova, Torino, si confronteranno nella Scuola « A.Amore, presso l’Auditorium Paolo Monaca, appena inaugurato con la donazione da parte della famiglia Monaca di un busto di bronzo dell’artista Paolo Marazzi che con la sua arte unisce Baltico e Mediterraneo passando per Assisi.

In apertura un importante omaggio alla città che ospita il Convegno, con la relazione di Grazia Dormiente sul carteggio inedito tra Giorgio La Pira e Salvatore Quasimodo.

Per la Francia, Andrè Ughetto parlerà del Premio Nobel Federic Mistral e Jean Pierre Castellani di Albert Camus ; per la Spagna Angel Basanta, Segretario Generale dell’AICL, relazionerà su Camillo Josè Cela, mentre le catalane Josefa Contioch e Lulisa Julià parleranno della diffusione in Catalogna dei premi Nobel italiani Deledda, Pirandello e Quasimodo. Anche il romeno Horia Alupului omaggerà l’Italia con la sua relazione su Grazia Deledda in Romania, e Tudorel Radu offrirà un parallelo tra il nostro Pirandello e il romeno Brancusi  e Stefan Damian vicepresidente dell’AICL relazionerà sui luoghi di Salvatore Quasimodo. ’albanese Arjan Kallco omaggerà anche la Sicilia parlando di Quasimodo mentre Andrea Guiati che insegna in USA parlerà dell’ultimo premio Nobel, Bob Dylan.

Molta nutrita la presenza italiana : Piefranco Bruni parla di Pirandello, di Quasimodo Silvano Trevisani, mentre il Dante dei Premi Nobel è il tema svolto da Giovanna Ioli. Montale e Quasimodo sono all’attenzione di Rosa Elisa Giangoia, e Sabino Caronia parla di Pirandello tra Sciasia e Debenedetti. Antonio Maria Masia affronta Dario Fo. Mentre Bruno Rombi parla di Neruda in Sardegna in rapporto a  Grazia Deledda e Franco Idone raccoglie i Nobel che salgono e quelli che scendono… Dal Venezuela, Antonio Mendoza offre un ritratto della polacca Wislawa Szybroska.

Il convegno sarà l’occasione anche per visitare i luoghi di cultura del territorio: a Pozzallo, dopo l’incontro con il Sindaco, ci sarà la visita alla Casa Natale e al Museo di Giorgio La Pira  e alla mostra didattica “ Pozzallo nel vortice del tempo- Pozzallo dalla preistoria al XXI secolo”  allestita presso l’Istituto Comprensivo A. Amore . A Ispica,  incontro  con il Sindaco e visita dei luoghi di” Divorzio all’italiana” di Pietro Germi e di Montalbano, il famoso commissario nato dalla penna di Andrea Camilleri. Infine a Modica per la casa di Salvatore Quasimodo e il Museo del cioccolato.

In conclusione del Convegno, come d’uso per gli incontri Internazionali dell’Associazione, verrà consegnato il Premio Europeo Farfa di cultura e territorio , che quest’anno andrà ad esponenti del territorio ibleo.

 



Maggiori informazioni https://aicl-org.webnode.it/

 

L'Association Internationale des Critiques Litteraires sbarca a Pozzallo

 

« Il Premio Nobel della letteratura nel mondo » è il tema che i critici e gli scrittori dell’Associazione Internazionale dei Critici letterari svolgeranno nel loro convegno annuale che si terrà a Pozzallo il 20-21 gennaio p.v.

Su invito ed organizzazione del prof. Corrado Monaca, Direttore Strategico cultura e territorio, l’AICL sbarca per la seconda volta in Sicilia dopo il Convegno di Gela del 2001, in occasione del centenario della nascita di Salvatore Quasimodo.

Nel 2017 ricorrono i centocinquanta anni dalla nascita del Premio Nobel Luigi Pirandello, del quale  insieme al premio Nobel Grazia Deledda proprio nel 2016 appena trascorso si sono celebrati gli ottanta anni dalla morte.

Per questo il Bureau Internazionale AICL, presieduto da Neria De Giovanni, ha invitato i delegati dell’Associazione a una riflessione sul valore dei Premi Nobel per la letteratura nei diversi Paesi del mondo.
Critici e scrittori provenienti dal Giappone, Spagna, Francia, USA, Venezuela, Romania, Albania , Catalogna, oltre che da diverse città italiane, Roma, Taranto, Genova, Torino, si confronteranno nella Scuola « A.Amore, presso l’Auditorium Paolo Monaca, appena inaugurato con la donazione da parte della famiglia Monaca di un busto di bronzo dell’artista Paolo Marazzi che con la sua arte unisce Baltico e Mediterraneo passando per Assisi.

In apertura un importante omaggio alla città che ospita il Convegno, con la relazione di Grazia Dormiente sul carteggio inedito tra Giorgio La Pira e Salvatore Quasimodo.

Per la Francia, Andrè Ughetto parlerà del Premio Nobel Federic Mistral e Jean Pierre Castellani di Albert Camus ; per la Spagna Angel Basanta, Segretario Generale dell’AICL, relazionerà su Camillo Josè Cela, mentre le catalane Josefa Contioch e Lulisa Julià parleranno della diffusione in Catalogna dei premi Nobel italiani Deledda, Pirandello e Quasimodo. Anche il romeno Horia Alupului omaggerà l’Italia con la sua relazione su Grazia Deledda in Romania, e Tudorel Radu offrirà un parallelo tra il nostro Pirandello e il romeno Brancusi  e Stefan Damian vicepresidente dell’AICL relazionerà sui luoghi di Salvatore Quasimodo. ’albanese Arjan Kallco omaggerà anche la Sicilia parlando di Quasimodo mentre Andrea Guiati che insegna in USA parlerà dell’ultimo premio Nobel, Bob Dylan.

Molta nutrita la presenza italiana : Piefranco Bruni parla di Pirandello, di Quasimodo Silvano Trevisani, mentre il Dante dei Premi Nobel è il tema svolto da Giovanna Ioli. Montale e Quasimodo sono all’attenzione di Rosa Elisa Giangoia, e Sabino Caronia parla di Pirandello tra Sciasia e Debenedetti. Antonio Maria Masia affronta Dario Fo. Mentre Bruno Rombi parla di Neruda in Sardegna in rapporto a  Grazia Deledda e Franco Idone raccoglie i Nobel che salgono e quelli che scendono… Dal Venezuela, Antonio Mendoza offre un ritratto della polacca Wislawa Szybroska.

Il convegno sarà l’occasione anche per visitare i luoghi di cultura del territorio: a Pozzallo, dopo l’incontro con il Sindaco, ci sarà la visita alla Casa Natale e al Museo di Giorgio La Pira  e alla mostra didattica “ Pozzallo nel vortice del tempo- Pozzallo dalla preistoria al XXI secolo”  allestita presso l’Istituto Comprensivo A. Amore . A Ispica,  incontro  con il Sindaco e visita dei luoghi di” Divorzio all’italiana” di Pietro Germi e di Montalbano, il famoso commissario nato dalla penna di Andrea Camilleri. Infine a Modica per la casa di Salvatore Quasimodo e il Museo del cioccolato.

In conclusione del Convegno, come d’uso per gli incontri Internazionali dell’Associazione, verrà consegnato il Premio Europeo Farfa di cultura e territorio , che quest’anno andrà ad esponenti del territorio ibleo.

 



Maggiori informazioni https://aicl-org.webnode.it/

 

L'Association Internationale des Critiques Litteraires sbarca a Pozzallo

 

« Il Premio Nobel della letteratura nel mondo » è il tema che i critici e gli scrittori dell’Associazione Internazionale dei Critici letterari svolgeranno nel loro convegno annuale che si terrà a Pozzallo il 20-21 gennaio p.v.

Su invito ed organizzazione del prof. Corrado Monaca, Direttore Strategico cultura e territorio, l’AICL sbarca per la seconda volta in Sicilia dopo il Convegno di Gela del 2001, in occasione del centenario della nascita di Salvatore Quasimodo.

Nel 2017 ricorrono i centocinquanta anni dalla nascita del Premio Nobel Luigi Pirandello, del quale  insieme al premio Nobel Grazia Deledda proprio nel 2016 appena trascorso si sono celebrati gli ottanta anni dalla morte.

Per questo il Bureau Internazionale AICL, presieduto da Neria De Giovanni, ha invitato i delegati dell’Associazione a una riflessione sul valore dei Premi Nobel per la letteratura nei diversi Paesi del mondo.
Critici e scrittori provenienti dal Giappone, Spagna, Francia, USA, Venezuela, Romania, Albania , Catalogna, oltre che da diverse città italiane, Roma, Taranto, Genova, Torino, si confronteranno nella Scuola « A.Amore, presso l’Auditorium Paolo Monaca, appena inaugurato con la donazione da parte della famiglia Monaca di un busto di bronzo dell’artista Paolo Marazzi che con la sua arte unisce Baltico e Mediterraneo passando per Assisi.

In apertura un importante omaggio alla città che ospita il Convegno, con la relazione di Grazia Dormiente sul carteggio inedito tra Giorgio La Pira e Salvatore Quasimodo.

Per la Francia, Andrè Ughetto parlerà del Premio Nobel Federic Mistral e Jean Pierre Castellani di Albert Camus ; per la Spagna Angel Basanta, Segretario Generale dell’AICL, relazionerà su Camillo Josè Cela, mentre le catalane Josefa Contioch e Lulisa Julià parleranno della diffusione in Catalogna dei premi Nobel italiani Deledda, Pirandello e Quasimodo. Anche il romeno Horia Alupului omaggerà l’Italia con la sua relazione su Grazia Deledda in Romania, e Tudorel Radu offrirà un parallelo tra il nostro Pirandello e il romeno Brancusi  e Stefan Damian vicepresidente dell’AICL relazionerà sui luoghi di Salvatore Quasimodo. ’albanese Arjan Kallco omaggerà anche la Sicilia parlando di Quasimodo mentre Andrea Guiati che insegna in USA parlerà dell’ultimo premio Nobel, Bob Dylan.

Molta nutrita la presenza italiana : Piefranco Bruni parla di Pirandello, di Quasimodo Silvano Trevisani, mentre il Dante dei Premi Nobel è il tema svolto da Giovanna Ioli. Montale e Quasimodo sono all’attenzione di Rosa Elisa Giangoia, e Sabino Caronia parla di Pirandello tra Sciasia e Debenedetti. Antonio Maria Masia affronta Dario Fo. Mentre Bruno Rombi parla di Neruda in Sardegna in rapporto a  Grazia Deledda e Franco Idone raccoglie i Nobel che salgono e quelli che scendono… Dal Venezuela, Antonio Mendoza offre un ritratto della polacca Wislawa Szybroska.

Il convegno sarà l’occasione anche per visitare i luoghi di cultura del territorio: a Pozzallo, dopo l’incontro con il Sindaco, ci sarà la visita alla Casa Natale e al Museo di Giorgio La Pira  e alla mostra didattica “ Pozzallo nel vortice del tempo- Pozzallo dalla preistoria al XXI secolo”  allestita presso l’Istituto Comprensivo A. Amore . A Ispica,  incontro  con il Sindaco e visita dei luoghi di” Divorzio all’italiana” di Pietro Germi e di Montalbano, il famoso commissario nato dalla penna di Andrea Camilleri. Infine a Modica per la casa di Salvatore Quasimodo e il Museo del cioccolato.

In conclusione del Convegno, come d’uso per gli incontri Internazionali dell’Associazione, verrà consegnato il Premio Europeo Farfa di cultura e territorio , che quest’anno andrà ad esponenti del territorio ibleo.

 



Maggiori informazioni https://aicl-org.webnode.it/

 

L'Association Internationale des Critiques Litteraires sbarca a Pozzallo

 

« Il Premio Nobel della letteratura nel mondo » è il tema che i critici e gli scrittori dell’Associazione Internazionale dei Critici letterari svolgeranno nel loro convegno annuale che si terrà a Pozzallo il 20-21 gennaio p.v.

Su invito ed organizzazione del prof. Corrado Monaca, Direttore Strategico cultura e territorio, l’AICL sbarca per la seconda volta in Sicilia dopo il Convegno di Gela del 2001, in occasione del centenario della nascita di Salvatore Quasimodo.

Nel 2017 ricorrono i centocinquanta anni dalla nascita del Premio Nobel Luigi Pirandello, del quale  insieme al premio Nobel Grazia Deledda proprio nel 2016 appena trascorso si sono celebrati gli ottanta anni dalla morte.

Per questo il Bureau Internazionale AICL, presieduto da Neria De Giovanni, ha invitato i delegati dell’Associazione a una riflessione sul valore dei Premi Nobel per la letteratura nei diversi Paesi del mondo.
Critici e scrittori provenienti dal Giappone, Spagna, Francia, USA, Venezuela, Romania, Albania , Catalogna, oltre che da diverse città italiane, Roma, Taranto, Genova, Torino, si confronteranno nella Scuola « A.Amore, presso l’Auditorium Paolo Monaca, appena inaugurato con la donazione da parte della famiglia Monaca di un busto di bronzo dell’artista Paolo Marazzi che con la sua arte unisce Baltico e Mediterraneo passando per Assisi.

In apertura un importante omaggio alla città che ospita il Convegno, con la relazione di Grazia Dormiente sul carteggio inedito tra Giorgio La Pira e Salvatore Quasimodo.

Per la Francia, Andrè Ughetto parlerà del Premio Nobel Federic Mistral e Jean Pierre Castellani di Albert Camus ; per la Spagna Angel Basanta, Segretario Generale dell’AICL, relazionerà su Camillo Josè Cela, mentre le catalane Josefa Contioch e Lulisa Julià parleranno della diffusione in Catalogna dei premi Nobel italiani Deledda, Pirandello e Quasimodo. Anche il romeno Horia Alupului omaggerà l’Italia con la sua relazione su Grazia Deledda in Romania, e Tudorel Radu offrirà un parallelo tra il nostro Pirandello e il romeno Brancusi  e Stefan Damian vicepresidente dell’AICL relazionerà sui luoghi di Salvatore Quasimodo. ’albanese Arjan Kallco omaggerà anche la Sicilia parlando di Quasimodo mentre Andrea Guiati che insegna in USA parlerà dell’ultimo premio Nobel, Bob Dylan.

Molta nutrita la presenza italiana : Piefranco Bruni parla di Pirandello, di Quasimodo Silvano Trevisani, mentre il Dante dei Premi Nobel è il tema svolto da Giovanna Ioli. Montale e Quasimodo sono all’attenzione di Rosa Elisa Giangoia, e Sabino Caronia parla di Pirandello tra Sciasia e Debenedetti. Antonio Maria Masia affronta Dario Fo. Mentre Bruno Rombi parla di Neruda in Sardegna in rapporto a  Grazia Deledda e Franco Idone raccoglie i Nobel che salgono e quelli che scendono… Dal Venezuela, Antonio Mendoza offre un ritratto della polacca Wislawa Szybroska.

Il convegno sarà l’occasione anche per visitare i luoghi di cultura del territorio: a Pozzallo, dopo l’incontro con il Sindaco, ci sarà la visita alla Casa Natale e al Museo di Giorgio La Pira  e alla mostra didattica “ Pozzallo nel vortice del tempo- Pozzallo dalla preistoria al XXI secolo”  allestita presso l’Istituto Comprensivo A. Amore . A Ispica,  incontro  con il Sindaco e visita dei luoghi di” Divorzio all’italiana” di Pietro Germi e di Montalbano, il famoso commissario nato dalla penna di Andrea Camilleri. Infine a Modica per la casa di Salvatore Quasimodo e il Museo del cioccolato.

In conclusione del Convegno, come d’uso per gli incontri Internazionali dell’Associazione, verrà consegnato il Premio Europeo Farfa di cultura e territorio , che quest’anno andrà ad esponenti del territorio ibleo.

 



Maggiori informazioni https://aicl-org.webnode.it/

 

L'Association Internationale des Critiques Litteraires sbarca a Pozzallo

 

« Il Premio Nobel della letteratura nel mondo » è il tema che i critici e gli scrittori dell’Associazione Internazionale dei Critici letterari svolgeranno nel loro convegno annuale che si terrà a Pozzallo il 20-21 gennaio p.v.

Su invito ed organizzazione del prof. Corrado Monaca, Direttore Strategico cultura e territorio, l’AICL sbarca per la seconda volta in Sicilia dopo il Convegno di Gela del 2001, in occasione del centenario della nascita di Salvatore Quasimodo.

Nel 2017 ricorrono i centocinquanta anni dalla nascita del Premio Nobel Luigi Pirandello, del quale  insieme al premio Nobel Grazia Deledda proprio nel 2016 appena trascorso si sono celebrati gli ottanta anni dalla morte.

Per questo il Bureau Internazionale AICL, presieduto da Neria De Giovanni, ha invitato i delegati dell’Associazione a una riflessione sul valore dei Premi Nobel per la letteratura nei diversi Paesi del mondo.
Critici e scrittori provenienti dal Giappone, Spagna, Francia, USA, Venezuela, Romania, Albania , Catalogna, oltre che da diverse città italiane, Roma, Taranto, Genova, Torino, si confronteranno nella Scuola « A.Amore, presso l’Auditorium Paolo Monaca, appena inaugurato con la donazione da parte della famiglia Monaca di un busto di bronzo dell’artista Paolo Marazzi che con la sua arte unisce Baltico e Mediterraneo passando per Assisi.

In apertura un importante omaggio alla città che ospita il Convegno, con la relazione di Grazia Dormiente sul carteggio inedito tra Giorgio La Pira e Salvatore Quasimodo.

Per la Francia, Andrè Ughetto parlerà del Premio Nobel Federic Mistral e Jean Pierre Castellani di Albert Camus ; per la Spagna Angel Basanta, Segretario Generale dell’AICL, relazionerà su Camillo Josè Cela, mentre le catalane Josefa Contioch e Lulisa Julià parleranno della diffusione in Catalogna dei premi Nobel italiani Deledda, Pirandello e Quasimodo. Anche il romeno Horia Alupului omaggerà l’Italia con la sua relazione su Grazia Deledda in Romania, e Tudorel Radu offrirà un parallelo tra il nostro Pirandello e il romeno Brancusi  e Stefan Damian vicepresidente dell’AICL relazionerà sui luoghi di Salvatore Quasimodo. ’albanese Arjan Kallco omaggerà anche la Sicilia parlando di Quasimodo mentre Andrea Guiati che insegna in USA parlerà dell’ultimo premio Nobel, Bob Dylan.

Molta nutrita la presenza italiana : Piefranco Bruni parla di Pirandello, di Quasimodo Silvano Trevisani, mentre il Dante dei Premi Nobel è il tema svolto da Giovanna Ioli. Montale e Quasimodo sono all’attenzione di Rosa Elisa Giangoia, e Sabino Caronia parla di Pirandello tra Sciasia e Debenedetti. Antonio Maria Masia affronta Dario Fo. Mentre Bruno Rombi parla di Neruda in Sardegna in rapporto a  Grazia Deledda e Franco Idone raccoglie i Nobel che salgono e quelli che scendono… Dal Venezuela, Antonio Mendoza offre un ritratto della polacca Wislawa Szybroska.

Il convegno sarà l’occasione anche per visitare i luoghi di cultura del territorio: a Pozzallo, dopo l’incontro con il Sindaco, ci sarà la visita alla Casa Natale e al Museo di Giorgio La Pira  e alla mostra didattica “ Pozzallo nel vortice del tempo- Pozzallo dalla preistoria al XXI secolo”  allestita presso l’Istituto Comprensivo A. Amore . A Ispica,  incontro  con il Sindaco e visita dei luoghi di” Divorzio all’italiana” di Pietro Germi e di Montalbano, il famoso commissario nato dalla penna di Andrea Camilleri. Infine a Modica per la casa di Salvatore Quasimodo e il Museo del cioccolato.

In conclusione del Convegno, come d’uso per gli incontri Internazionali dell’Associazione, verrà consegnato il Premio Europeo Farfa di cultura e territorio , che quest’anno andrà ad esponenti del territorio ibleo.

 



Maggiori informazioni https://aicl-org.webnode.it/

 

L'Association Internationale des Critiques Litteraires sbarca a Pozzallo

 

« Il Premio Nobel della letteratura nel mondo » è il tema che i critici e gli scrittori dell’Associazione Internazionale dei Critici letterari svolgeranno nel loro convegno annuale che si terrà a Pozzallo il 20-21 gennaio p.v.

Su invito ed organizzazione del prof. Corrado Monaca, Direttore Strategico cultura e territorio, l’AICL sbarca per la seconda volta in Sicilia dopo il Convegno di Gela del 2001, in occasione del centenario della nascita di Salvatore Quasimodo.

Nel 2017 ricorrono i centocinquanta anni dalla nascita del Premio Nobel Luigi Pirandello, del quale  insieme al premio Nobel Grazia Deledda proprio nel 2016 appena trascorso si sono celebrati gli ottanta anni dalla morte.

Per questo il Bureau Internazionale AICL, presieduto da Neria De Giovanni, ha invitato i delegati dell’Associazione a una riflessione sul valore dei Premi Nobel per la letteratura nei diversi Paesi del mondo.
Critici e scrittori provenienti dal Giappone, Spagna, Francia, USA, Venezuela, Romania, Albania , Catalogna, oltre che da diverse città italiane, Roma, Taranto, Genova, Torino, si confronteranno nella Scuola « A.Amore, presso l’Auditorium Paolo Monaca, appena inaugurato con la donazione da parte della famiglia Monaca di un busto di bronzo dell’artista Paolo Marazzi che con la sua arte unisce Baltico e Mediterraneo passando per Assisi.

In apertura un importante omaggio alla città che ospita il Convegno, con la relazione di Grazia Dormiente sul carteggio inedito tra Giorgio La Pira e Salvatore Quasimodo.

Per la Francia, Andrè Ughetto parlerà del Premio Nobel Federic Mistral e Jean Pierre Castellani di Albert Camus ; per la Spagna Angel Basanta, Segretario Generale dell’AICL, relazionerà su Camillo Josè Cela, mentre le catalane Josefa Contioch e Lulisa Julià parleranno della diffusione in Catalogna dei premi Nobel italiani Deledda, Pirandello e Quasimodo. Anche il romeno Horia Alupului omaggerà l’Italia con la sua relazione su Grazia Deledda in Romania, e Tudorel Radu offrirà un parallelo tra il nostro Pirandello e il romeno Brancusi  e Stefan Damian vicepresidente dell’AICL relazionerà sui luoghi di Salvatore Quasimodo. ’albanese Arjan Kallco omaggerà anche la Sicilia parlando di Quasimodo mentre Andrea Guiati che insegna in USA parlerà dell’ultimo premio Nobel, Bob Dylan.

Molta nutrita la presenza italiana : Piefranco Bruni parla di Pirandello, di Quasimodo Silvano Trevisani, mentre il Dante dei Premi Nobel è il tema svolto da Giovanna Ioli. Montale e Quasimodo sono all’attenzione di Rosa Elisa Giangoia, e Sabino Caronia parla di Pirandello tra Sciasia e Debenedetti. Antonio Maria Masia affronta Dario Fo. Mentre Bruno Rombi parla di Neruda in Sardegna in rapporto a  Grazia Deledda e Franco Idone raccoglie i Nobel che salgono e quelli che scendono… Dal Venezuela, Antonio Mendoza offre un ritratto della polacca Wislawa Szybroska.

Il convegno sarà l’occasione anche per visitare i luoghi di cultura del territorio: a Pozzallo, dopo l’incontro con il Sindaco, ci sarà la visita alla Casa Natale e al Museo di Giorgio La Pira  e alla mostra didattica “ Pozzallo nel vortice del tempo- Pozzallo dalla preistoria al XXI secolo”  allestita presso l’Istituto Comprensivo A. Amore . A Ispica,  incontro  con il Sindaco e visita dei luoghi di” Divorzio all’italiana” di Pietro Germi e di Montalbano, il famoso commissario nato dalla penna di Andrea Camilleri. Infine a Modica per la casa di Salvatore Quasimodo e il Museo del cioccolato.

In conclusione del Convegno, come d’uso per gli incontri Internazionali dell’Associazione, verrà consegnato il Premio Europeo Farfa di cultura e territorio , che quest’anno andrà ad esponenti del territorio ibleo.

 



Maggiori informazioni https://aicl-org.webnode.it/

 

L'Association Internationale des Critiques Litteraires sbarca a Pozzallo

 

« Il Premio Nobel della letteratura nel mondo » è il tema che i critici e gli scrittori dell’Associazione Internazionale dei Critici letterari svolgeranno nel loro convegno annuale che si terrà a Pozzallo il 20-21 gennaio p.v.

Su invito ed organizzazione del prof. Corrado Monaca, Direttore Strategico cultura e territorio, l’AICL sbarca per la seconda volta in Sicilia dopo il Convegno di Gela del 2001, in occasione del centenario della nascita di Salvatore Quasimodo.

Nel 2017 ricorrono i centocinquanta anni dalla nascita del Premio Nobel Luigi Pirandello, del quale  insieme al premio Nobel Grazia Deledda proprio nel 2016 appena trascorso si sono celebrati gli ottanta anni dalla morte.

Per questo il Bureau Internazionale AICL, presieduto da Neria De Giovanni, ha invitato i delegati dell’Associazione a una riflessione sul valore dei Premi Nobel per la letteratura nei diversi Paesi del mondo.
Critici e scrittori provenienti dal Giappone, Spagna, Francia, USA, Venezuela, Romania, Albania , Catalogna, oltre che da diverse città italiane, Roma, Taranto, Genova, Torino, si confronteranno nella Scuola « A.Amore, presso l’Auditorium Paolo Monaca, appena inaugurato con la donazione da parte della famiglia Monaca di un busto di bronzo dell’artista Paolo Marazzi che con la sua arte unisce Baltico e Mediterraneo passando per Assisi.

In apertura un importante omaggio alla città che ospita il Convegno, con la relazione di Grazia Dormiente sul carteggio inedito tra Giorgio La Pira e Salvatore Quasimodo.

Per la Francia, Andrè Ughetto parlerà del Premio Nobel Federic Mistral e Jean Pierre Castellani di Albert Camus ; per la Spagna Angel Basanta, Segretario Generale dell’AICL, relazionerà su Camillo Josè Cela, mentre le catalane Josefa Contioch e Lulisa Julià parleranno della diffusione in Catalogna dei premi Nobel italiani Deledda, Pirandello e Quasimodo. Anche il romeno Horia Alupului omaggerà l’Italia con la sua relazione su Grazia Deledda in Romania, e Tudorel Radu offrirà un parallelo tra il nostro Pirandello e il romeno Brancusi  e Stefan Damian vicepresidente dell’AICL relazionerà sui luoghi di Salvatore Quasimodo. ’albanese Arjan Kallco omaggerà anche la Sicilia parlando di Quasimodo mentre Andrea Guiati che insegna in USA parlerà dell’ultimo premio Nobel, Bob Dylan.

Molta nutrita la presenza italiana : Piefranco Bruni parla di Pirandello, di Quasimodo Silvano Trevisani, mentre il Dante dei Premi Nobel è il tema svolto da Giovanna Ioli. Montale e Quasimodo sono all’attenzione di Rosa Elisa Giangoia, e Sabino Caronia parla di Pirandello tra Sciasia e Debenedetti. Antonio Maria Masia affronta Dario Fo. Mentre Bruno Rombi parla di Neruda in Sardegna in rapporto a  Grazia Deledda e Franco Idone raccoglie i Nobel che salgono e quelli che scendono… Dal Venezuela, Antonio Mendoza offre un ritratto della polacca Wislawa Szybroska.

Il convegno sarà l’occasione anche per visitare i luoghi di cultura del territorio: a Pozzallo, dopo l’incontro con il Sindaco, ci sarà la visita alla Casa Natale e al Museo di Giorgio La Pira  e alla mostra didattica “ Pozzallo nel vortice del tempo- Pozzallo dalla preistoria al XXI secolo”  allestita presso l’Istituto Comprensivo A. Amore . A Ispica,  incontro  con il Sindaco e visita dei luoghi di” Divorzio all’italiana” di Pietro Germi e di Montalbano, il famoso commissario nato dalla penna di Andrea Camilleri. Infine a Modica per la casa di Salvatore Quasimodo e il Museo del cioccolato.

In conclusione del Convegno, come d’uso per gli incontri Internazionali dell’Associazione, verrà consegnato il Premio Europeo Farfa di cultura e territorio , che quest’anno andrà ad esponenti del territorio ibleo.

 



Maggiori informazioni https://aicl-org.webnode.it/

 

L'Association Internationale des Critiques Litteraires sbarca a Pozzallo

 

« Il Premio Nobel della letteratura nel mondo » è il tema che i critici e gli scrittori dell’Associazione Internazionale dei Critici letterari svolgeranno nel loro convegno annuale che si terrà a Pozzallo il 20-21 gennaio p.v.

Su invito ed organizzazione del prof. Corrado Monaca, Direttore Strategico cultura e territorio, l’AICL sbarca per la seconda volta in Sicilia dopo il Convegno di Gela del 2001, in occasione del centenario della nascita di Salvatore Quasimodo.

Nel 2017 ricorrono i centocinquanta anni dalla nascita del Premio Nobel Luigi Pirandello, del quale  insieme al premio Nobel Grazia Deledda proprio nel 2016 appena trascorso si sono celebrati gli ottanta anni dalla morte.

Per questo il Bureau Internazionale AICL, presieduto da Neria De Giovanni, ha invitato i delegati dell’Associazione a una riflessione sul valore dei Premi Nobel per la letteratura nei diversi Paesi del mondo.
Critici e scrittori provenienti dal Giappone, Spagna, Francia, USA, Venezuela, Romania, Albania , Catalogna, oltre che da diverse città italiane, Roma, Taranto, Genova, Torino, si confronteranno nella Scuola « A.Amore, presso l’Auditorium Paolo Monaca, appena inaugurato con la donazione da parte della famiglia Monaca di un busto di bronzo dell’artista Paolo Marazzi che con la sua arte unisce Baltico e Mediterraneo passando per Assisi.

In apertura un importante omaggio alla città che ospita il Convegno, con la relazione di Grazia Dormiente sul carteggio inedito tra Giorgio La Pira e Salvatore Quasimodo.

Per la Francia, Andrè Ughetto parlerà del Premio Nobel Federic Mistral e Jean Pierre Castellani di Albert Camus ; per la Spagna Angel Basanta, Segretario Generale dell’AICL, relazionerà su Camillo Josè Cela, mentre le catalane Josefa Contioch e Lulisa Julià parleranno della diffusione in Catalogna dei premi Nobel italiani Deledda, Pirandello e Quasimodo. Anche il romeno Horia Alupului omaggerà l’Italia con la sua relazione su Grazia Deledda in Romania, e Tudorel Radu offrirà un parallelo tra il nostro Pirandello e il romeno Brancusi  e Stefan Damian vicepresidente dell’AICL relazionerà sui luoghi di Salvatore Quasimodo. ’albanese Arjan Kallco omaggerà anche la Sicilia parlando di Quasimodo mentre Andrea Guiati che insegna in USA parlerà dell’ultimo premio Nobel, Bob Dylan.

Molta nutrita la presenza italiana : Piefranco Bruni parla di Pirandello, di Quasimodo Silvano Trevisani, mentre il Dante dei Premi Nobel è il tema svolto da Giovanna Ioli. Montale e Quasimodo sono all’attenzione di Rosa Elisa Giangoia, e Sabino Caronia parla di Pirandello tra Sciasia e Debenedetti. Antonio Maria Masia affronta Dario Fo. Mentre Bruno Rombi parla di Neruda in Sardegna in rapporto a  Grazia Deledda e Franco Idone raccoglie i Nobel che salgono e quelli che scendono… Dal Venezuela, Antonio Mendoza offre un ritratto della polacca Wislawa Szybroska.

Il convegno sarà l’occasione anche per visitare i luoghi di cultura del territorio: a Pozzallo, dopo l’incontro con il Sindaco, ci sarà la visita alla Casa Natale e al Museo di Giorgio La Pira  e alla mostra didattica “ Pozzallo nel vortice del tempo- Pozzallo dalla preistoria al XXI secolo”  allestita presso l’Istituto Comprensivo A. Amore . A Ispica,  incontro  con il Sindaco e visita dei luoghi di” Divorzio all’italiana” di Pietro Germi e di Montalbano, il famoso commissario nato dalla penna di Andrea Camilleri. Infine a Modica per la casa di Salvatore Quasimodo e il Museo del cioccolato.

In conclusione del Convegno, come d’uso per gli incontri Internazionali dell’Associazione, verrà consegnato il Premio Europeo Farfa di cultura e territorio , che quest’anno andrà ad esponenti del territorio ibleo.

 



Maggiori informazioni https://aicl-org.webnode.it/

 

L'Association Internationale des Critiques Litteraires sbarca a Pozzallo

 

« Il Premio Nobel della letteratura nel mondo » è il tema che i critici e gli scrittori dell’Associazione Internazionale dei Critici letterari svolgeranno nel loro convegno annuale che si terrà a Pozzallo il 20-21 gennaio p.v.

Su invito ed organizzazione del prof. Corrado Monaca, Direttore Strategico cultura e territorio, l’AICL sbarca per la seconda volta in Sicilia dopo il Convegno di Gela del 2001, in occasione del centenario della nascita di Salvatore Quasimodo.

Nel 2017 ricorrono i centocinquanta anni dalla nascita del Premio Nobel Luigi Pirandello, del quale  insieme al premio Nobel Grazia Deledda proprio nel 2016 appena trascorso si sono celebrati gli ottanta anni dalla morte.

Per questo il Bureau Internazionale AICL, presieduto da Neria De Giovanni, ha invitato i delegati dell’Associazione a una riflessione sul valore dei Premi Nobel per la letteratura nei diversi Paesi del mondo.
Critici e scrittori provenienti dal Giappone, Spagna, Francia, USA, Venezuela, Romania, Albania , Catalogna, oltre che da diverse città italiane, Roma, Taranto, Genova, Torino, si confronteranno nella Scuola « A.Amore, presso l’Auditorium Paolo Monaca, appena inaugurato con la donazione da parte della famiglia Monaca di un busto di bronzo dell’artista Paolo Marazzi che con la sua arte unisce Baltico e Mediterraneo passando per Assisi.

In apertura un importante omaggio alla città che ospita il Convegno, con la relazione di Grazia Dormiente sul carteggio inedito tra Giorgio La Pira e Salvatore Quasimodo.

Per la Francia, Andrè Ughetto parlerà del Premio Nobel Federic Mistral e Jean Pierre Castellani di Albert Camus ; per la Spagna Angel Basanta, Segretario Generale dell’AICL, relazionerà su Camillo Josè Cela, mentre le catalane Josefa Contioch e Lulisa Julià parleranno della diffusione in Catalogna dei premi Nobel italiani Deledda, Pirandello e Quasimodo. Anche il romeno Horia Alupului omaggerà l’Italia con la sua relazione su Grazia Deledda in Romania, e Tudorel Radu offrirà un parallelo tra il nostro Pirandello e il romeno Brancusi  e Stefan Damian vicepresidente dell’AICL relazionerà sui luoghi di Salvatore Quasimodo. ’albanese Arjan Kallco omaggerà anche la Sicilia parlando di Quasimodo mentre Andrea Guiati che insegna in USA parlerà dell’ultimo premio Nobel, Bob Dylan.

Molta nutrita la presenza italiana : Piefranco Bruni parla di Pirandello, di Quasimodo Silvano Trevisani, mentre il Dante dei Premi Nobel è il tema svolto da Giovanna Ioli. Montale e Quasimodo sono all’attenzione di Rosa Elisa Giangoia, e Sabino Caronia parla di Pirandello tra Sciasia e Debenedetti. Antonio Maria Masia affronta Dario Fo. Mentre Bruno Rombi parla di Neruda in Sardegna in rapporto a  Grazia Deledda e Franco Idone raccoglie i Nobel che salgono e quelli che scendono… Dal Venezuela, Antonio Mendoza offre un ritratto della polacca Wislawa Szybroska.

Il convegno sarà l’occasione anche per visitare i luoghi di cultura del territorio: a Pozzallo, dopo l’incontro con il Sindaco, ci sarà la visita alla Casa Natale e al Museo di Giorgio La Pira  e alla mostra didattica “ Pozzallo nel vortice del tempo- Pozzallo dalla preistoria al XXI secolo”  allestita presso l’Istituto Comprensivo A. Amore . A Ispica,  incontro  con il Sindaco e visita dei luoghi di” Divorzio all’italiana” di Pietro Germi e di Montalbano, il famoso commissario nato dalla penna di Andrea Camilleri. Infine a Modica per la casa di Salvatore Quasimodo e il Museo del cioccolato.

In conclusione del Convegno, come d’uso per gli incontri Internazionali dell’Associazione, verrà consegnato il Premio Europeo Farfa di cultura e territorio , che quest’anno andrà ad esponenti del territorio ibleo.

 



Maggiori informazioni https://aicl-org.webnode.it/

 

L'Association Internationale des Critiques Litteraires sbarca a Pozzallo

 

« Il Premio Nobel della letteratura nel mondo » è il tema che i critici e gli scrittori dell’Associazione Internazionale dei Critici letterari svolgeranno nel loro convegno annuale che si terrà a Pozzallo il 20-21 gennaio p.v.

Su invito ed organizzazione del prof. Corrado Monaca, Direttore Strategico cultura e territorio, l’AICL sbarca per la seconda volta in Sicilia dopo il Convegno di Gela del 2001, in occasione del centenario della nascita di Salvatore Quasimodo.

Nel 2017 ricorrono i centocinquanta anni dalla nascita del Premio Nobel Luigi Pirandello, del quale  insieme al premio Nobel Grazia Deledda proprio nel 2016 appena trascorso si sono celebrati gli ottanta anni dalla morte.

Per questo il Bureau Internazionale AICL, presieduto da Neria De Giovanni, ha invitato i delegati dell’Associazione a una riflessione sul valore dei Premi Nobel per la letteratura nei diversi Paesi del mondo.
Critici e scrittori provenienti dal Giappone, Spagna, Francia, USA, Venezuela, Romania, Albania , Catalogna, oltre che da diverse città italiane, Roma, Taranto, Genova, Torino, si confronteranno nella Scuola « A.Amore, presso l’Auditorium Paolo Monaca, appena inaugurato con la donazione da parte della famiglia Monaca di un busto di bronzo dell’artista Paolo Marazzi che con la sua arte unisce Baltico e Mediterraneo passando per Assisi.

In apertura un importante omaggio alla città che ospita il Convegno, con la relazione di Grazia Dormiente sul carteggio inedito tra Giorgio La Pira e Salvatore Quasimodo.

Per la Francia, Andrè Ughetto parlerà del Premio Nobel Federic Mistral e Jean Pierre Castellani di Albert Camus ; per la Spagna Angel Basanta, Segretario Generale dell’AICL, relazionerà su Camillo Josè Cela, mentre le catalane Josefa Contioch e Lulisa Julià parleranno della diffusione in Catalogna dei premi Nobel italiani Deledda, Pirandello e Quasimodo. Anche il romeno Horia Alupului omaggerà l’Italia con la sua relazione su Grazia Deledda in Romania, e Tudorel Radu offrirà un parallelo tra il nostro Pirandello e il romeno Brancusi  e Stefan Damian vicepresidente dell’AICL relazionerà sui luoghi di Salvatore Quasimodo. ’albanese Arjan Kallco omaggerà anche la Sicilia parlando di Quasimodo mentre Andrea Guiati che insegna in USA parlerà dell’ultimo premio Nobel, Bob Dylan.

Molta nutrita la presenza italiana : Piefranco Bruni parla di Pirandello, di Quasimodo Silvano Trevisani, mentre il Dante dei Premi Nobel è il tema svolto da Giovanna Ioli. Montale e Quasimodo sono all’attenzione di Rosa Elisa Giangoia, e Sabino Caronia parla di Pirandello tra Sciasia e Debenedetti. Antonio Maria Masia affronta Dario Fo. Mentre Bruno Rombi parla di Neruda in Sardegna in rapporto a  Grazia Deledda e Franco Idone raccoglie i Nobel che salgono e quelli che scendono… Dal Venezuela, Antonio Mendoza offre un ritratto della polacca Wislawa Szybroska.

Il convegno sarà l’occasione anche per visitare i luoghi di cultura del territorio: a Pozzallo, dopo l’incontro con il Sindaco, ci sarà la visita alla Casa Natale e al Museo di Giorgio La Pira  e alla mostra didattica “ Pozzallo nel vortice del tempo- Pozzallo dalla preistoria al XXI secolo”  allestita presso l’Istituto Comprensivo A. Amore . A Ispica,  incontro  con il Sindaco e visita dei luoghi di” Divorzio all’italiana” di Pietro Germi e di Montalbano, il famoso commissario nato dalla penna di Andrea Camilleri. Infine a Modica per la casa di Salvatore Quasimodo e il Museo del cioccolato.

In conclusione del Convegno, come d’uso per gli incontri Internazionali dell’Associazione, verrà consegnato il Premio Europeo Farfa di cultura e territorio , che quest’anno andrà ad esponenti del territorio ibleo.

 



Maggiori informazioni https://aicl-org.webnode.it/

 

L'Association Internationale des Critiques Litteraires sbarca a Pozzallo

 

« Il Premio Nobel della letteratura nel mondo » è il tema che i critici e gli scrittori dell’Associazione Internazionale dei Critici letterari svolgeranno nel loro convegno annuale che si terrà a Pozzallo il 20-21 gennaio p.v.

Su invito ed organizzazione del prof. Corrado Monaca, Direttore Strategico cultura e territorio, l’AICL sbarca per la seconda volta in Sicilia dopo il Convegno di Gela del 2001, in occasione del centenario della nascita di Salvatore Quasimodo.

Nel 2017 ricorrono i centocinquanta anni dalla nascita del Premio Nobel Luigi Pirandello, del quale  insieme al premio Nobel Grazia Deledda proprio nel 2016 appena trascorso si sono celebrati gli ottanta anni dalla morte.

Per questo il Bureau Internazionale AICL, presieduto da Neria De Giovanni, ha invitato i delegati dell’Associazione a una riflessione sul valore dei Premi Nobel per la letteratura nei diversi Paesi del mondo.
Critici e scrittori provenienti dal Giappone, Spagna, Francia, USA, Venezuela, Romania, Albania , Catalogna, oltre che da diverse città italiane, Roma, Taranto, Genova, Torino, si confronteranno nella Scuola « A.Amore, presso l’Auditorium Paolo Monaca, appena inaugurato con la donazione da parte della famiglia Monaca di un busto di bronzo dell’artista Paolo Marazzi che con la sua arte unisce Baltico e Mediterraneo passando per Assisi.

In apertura un importante omaggio alla città che ospita il Convegno, con la relazione di Grazia Dormiente sul carteggio inedito tra Giorgio La Pira e Salvatore Quasimodo.

Per la Francia, Andrè Ughetto parlerà del Premio Nobel Federic Mistral e Jean Pierre Castellani di Albert Camus ; per la Spagna Angel Basanta, Segretario Generale dell’AICL, relazionerà su Camillo Josè Cela, mentre le catalane Josefa Contioch e Lulisa Julià parleranno della diffusione in Catalogna dei premi Nobel italiani Deledda, Pirandello e Quasimodo. Anche il romeno Horia Alupului omaggerà l’Italia con la sua relazione su Grazia Deledda in Romania, e Tudorel Radu offrirà un parallelo tra il nostro Pirandello e il romeno Brancusi  e Stefan Damian vicepresidente dell’AICL relazionerà sui luoghi di Salvatore Quasimodo. ’albanese Arjan Kallco omaggerà anche la Sicilia parlando di Quasimodo mentre Andrea Guiati che insegna in USA parlerà dell’ultimo premio Nobel, Bob Dylan.

Molta nutrita la presenza italiana : Piefranco Bruni parla di Pirandello, di Quasimodo Silvano Trevisani, mentre il Dante dei Premi Nobel è il tema svolto da Giovanna Ioli. Montale e Quasimodo sono all’attenzione di Rosa Elisa Giangoia, e Sabino Caronia parla di Pirandello tra Sciasia e Debenedetti. Antonio Maria Masia affronta Dario Fo. Mentre Bruno Rombi parla di Neruda in Sardegna in rapporto a  Grazia Deledda e Franco Idone raccoglie i Nobel che salgono e quelli che scendono… Dal Venezuela, Antonio Mendoza offre un ritratto della polacca Wislawa Szybroska.

Il convegno sarà l’occasione anche per visitare i luoghi di cultura del territorio: a Pozzallo, dopo l’incontro con il Sindaco, ci sarà la visita alla Casa Natale e al Museo di Giorgio La Pira  e alla mostra didattica “ Pozzallo nel vortice del tempo- Pozzallo dalla preistoria al XXI secolo”  allestita presso l’Istituto Comprensivo A. Amore . A Ispica,  incontro  con il Sindaco e visita dei luoghi di” Divorzio all’italiana” di Pietro Germi e di Montalbano, il famoso commissario nato dalla penna di Andrea Camilleri. Infine a Modica per la casa di Salvatore Quasimodo e il Museo del cioccolato.

In conclusione del Convegno, come d’uso per gli incontri Internazionali dell’Associazione, verrà consegnato il Premio Europeo Farfa di cultura e territorio , che quest’anno andrà ad esponenti del territorio ibleo.

 



Maggiori informazioni https://aicl-org.webnode.it/

 

L'Association Internationale des Critiques Litteraires sbarca a Pozzallo

 

« Il Premio Nobel della letteratura nel mondo » è il tema che i critici e gli scrittori dell’Associazione Internazionale dei Critici letterari svolgeranno nel loro convegno annuale che si terrà a Pozzallo il 20-21 gennaio p.v.

Su invito ed organizzazione del prof. Corrado Monaca, Direttore Strategico cultura e territorio, l’AICL sbarca per la seconda volta in Sicilia dopo il Convegno di Gela del 2001, in occasione del centenario della nascita di Salvatore Quasimodo.

Nel 2017 ricorrono i centocinquanta anni dalla nascita del Premio Nobel Luigi Pirandello, del quale  insieme al premio Nobel Grazia Deledda proprio nel 2016 appena trascorso si sono celebrati gli ottanta anni dalla morte.

Per questo il Bureau Internazionale AICL, presieduto da Neria De Giovanni, ha invitato i delegati dell’Associazione a una riflessione sul valore dei Premi Nobel per la letteratura nei diversi Paesi del mondo.
Critici e scrittori provenienti dal Giappone, Spagna, Francia, USA, Venezuela, Romania, Albania , Catalogna, oltre che da diverse città italiane, Roma, Taranto, Genova, Torino, si confronteranno nella Scuola « A.Amore, presso l’Auditorium Paolo Monaca, appena inaugurato con la donazione da parte della famiglia Monaca di un busto di bronzo dell’artista Paolo Marazzi che con la sua arte unisce Baltico e Mediterraneo passando per Assisi.

In apertura un importante omaggio alla città che ospita il Convegno, con la relazione di Grazia Dormiente sul carteggio inedito tra Giorgio La Pira e Salvatore Quasimodo.

Per la Francia, Andrè Ughetto parlerà del Premio Nobel Federic Mistral e Jean Pierre Castellani di Albert Camus ; per la Spagna Angel Basanta, Segretario Generale dell’AICL, relazionerà su Camillo Josè Cela, mentre le catalane Josefa Contioch e Lulisa Julià parleranno della diffusione in Catalogna dei premi Nobel italiani Deledda, Pirandello e Quasimodo. Anche il romeno Horia Alupului omaggerà l’Italia con la sua relazione su Grazia Deledda in Romania, e Tudorel Radu offrirà un parallelo tra il nostro Pirandello e il romeno Brancusi  e Stefan Damian vicepresidente dell’AICL relazionerà sui luoghi di Salvatore Quasimodo. ’albanese Arjan Kallco omaggerà anche la Sicilia parlando di Quasimodo mentre Andrea Guiati che insegna in USA parlerà dell’ultimo premio Nobel, Bob Dylan.

Molta nutrita la presenza italiana : Piefranco Bruni parla di Pirandello, di Quasimodo Silvano Trevisani, mentre il Dante dei Premi Nobel è il tema svolto da Giovanna Ioli. Montale e Quasimodo sono all’attenzione di Rosa Elisa Giangoia, e Sabino Caronia parla di Pirandello tra Sciasia e Debenedetti. Antonio Maria Masia affronta Dario Fo. Mentre Bruno Rombi parla di Neruda in Sardegna in rapporto a  Grazia Deledda e Franco Idone raccoglie i Nobel che salgono e quelli che scendono… Dal Venezuela, Antonio Mendoza offre un ritratto della polacca Wislawa Szybroska.

Il convegno sarà l’occasione anche per visitare i luoghi di cultura del territorio: a Pozzallo, dopo l’incontro con il Sindaco, ci sarà la visita alla Casa Natale e al Museo di Giorgio La Pira  e alla mostra didattica “ Pozzallo nel vortice del tempo- Pozzallo dalla preistoria al XXI secolo”  allestita presso l’Istituto Comprensivo A. Amore . A Ispica,  incontro  con il Sindaco e visita dei luoghi di” Divorzio all’italiana” di Pietro Germi e di Montalbano, il famoso commissario nato dalla penna di Andrea Camilleri. Infine a Modica per la casa di Salvatore Quasimodo e il Museo del cioccolato.

In conclusione del Convegno, come d’uso per gli incontri Internazionali dell’Associazione, verrà consegnato il Premio Europeo Farfa di cultura e territorio , che quest’anno andrà ad esponenti del territorio ibleo.

 



Maggiori informazioni https://aicl-org.webnode.it/

 

L'Association Internationale des Critiques Litteraires sbarca a Pozzallo

 

« Il Premio Nobel della letteratura nel mondo » è il tema che i critici e gli scrittori dell’Associazione Internazionale dei Critici letterari svolgeranno nel loro convegno annuale che si terrà a Pozzallo il 20-21 gennaio p.v.

Su invito ed organizzazione del prof. Corrado Monaca, Direttore Strategico cultura e territorio, l’AICL sbarca per la seconda volta in Sicilia dopo il Convegno di Gela del 2001, in occasione del centenario della nascita di Salvatore Quasimodo.

Nel 2017 ricorrono i centocinquanta anni dalla nascita del Premio Nobel Luigi Pirandello, del quale  insieme al premio Nobel Grazia Deledda proprio nel 2016 appena trascorso si sono celebrati gli ottanta anni dalla morte.

Per questo il Bureau Internazionale AICL, presieduto da Neria De Giovanni, ha invitato i delegati dell’Associazione a una riflessione sul valore dei Premi Nobel per la letteratura nei diversi Paesi del mondo.
Critici e scrittori provenienti dal Giappone, Spagna, Francia, USA, Venezuela, Romania, Albania , Catalogna, oltre che da diverse città italiane, Roma, Taranto, Genova, Torino, si confronteranno nella Scuola « A.Amore, presso l’Auditorium Paolo Monaca, appena inaugurato con la donazione da parte della famiglia Monaca di un busto di bronzo dell’artista Paolo Marazzi che con la sua arte unisce Baltico e Mediterraneo passando per Assisi.

In apertura un importante omaggio alla città che ospita il Convegno, con la relazione di Grazia Dormiente sul carteggio inedito tra Giorgio La Pira e Salvatore Quasimodo.

Per la Francia, Andrè Ughetto parlerà del Premio Nobel Federic Mistral e Jean Pierre Castellani di Albert Camus ; per la Spagna Angel Basanta, Segretario Generale dell’AICL, relazionerà su Camillo Josè Cela, mentre le catalane Josefa Contioch e Lulisa Julià parleranno della diffusione in Catalogna dei premi Nobel italiani Deledda, Pirandello e Quasimodo. Anche il romeno Horia Alupului omaggerà l’Italia con la sua relazione su Grazia Deledda in Romania, e Tudorel Radu offrirà un parallelo tra il nostro Pirandello e il romeno Brancusi  e Stefan Damian vicepresidente dell’AICL relazionerà sui luoghi di Salvatore Quasimodo. ’albanese Arjan Kallco omaggerà anche la Sicilia parlando di Quasimodo mentre Andrea Guiati che insegna in USA parlerà dell’ultimo premio Nobel, Bob Dylan.

Molta nutrita la presenza italiana : Piefranco Bruni parla di Pirandello, di Quasimodo Silvano Trevisani, mentre il Dante dei Premi Nobel è il tema svolto da Giovanna Ioli. Montale e Quasimodo sono all’attenzione di Rosa Elisa Giangoia, e Sabino Caronia parla di Pirandello tra Sciasia e Debenedetti. Antonio Maria Masia affronta Dario Fo. Mentre Bruno Rombi parla di Neruda in Sardegna in rapporto a  Grazia Deledda e Franco Idone raccoglie i Nobel che salgono e quelli che scendono… Dal Venezuela, Antonio Mendoza offre un ritratto della polacca Wislawa Szybroska.

Il convegno sarà l’occasione anche per visitare i luoghi di cultura del territorio: a Pozzallo, dopo l’incontro con il Sindaco, ci sarà la visita alla Casa Natale e al Museo di Giorgio La Pira  e alla mostra didattica “ Pozzallo nel vortice del tempo- Pozzallo dalla preistoria al XXI secolo”  allestita presso l’Istituto Comprensivo A. Amore . A Ispica,  incontro  con il Sindaco e visita dei luoghi di” Divorzio all’italiana” di Pietro Germi e di Montalbano, il famoso commissario nato dalla penna di Andrea Camilleri. Infine a Modica per la casa di Salvatore Quasimodo e il Museo del cioccolato.

In conclusione del Convegno, come d’uso per gli incontri Internazionali dell’Associazione, verrà consegnato il Premio Europeo Farfa di cultura e territorio , che quest’anno andrà ad esponenti del territorio ibleo.

 



Maggiori informazioni https://aicl-org.webnode.it/

 

L'Association Internationale des Critiques Litteraires sbarca a Pozzallo

 

« Il Premio Nobel della letteratura nel mondo » è il tema che i critici e gli scrittori dell’Associazione Internazionale dei Critici letterari svolgeranno nel loro convegno annuale che si terrà a Pozzallo il 20-21 gennaio p.v.

Su invito ed organizzazione del prof. Corrado Monaca, Direttore Strategico cultura e territorio, l’AICL sbarca per la seconda volta in Sicilia dopo il Convegno di Gela del 2001, in occasione del centenario della nascita di Salvatore Quasimodo.

Nel 2017 ricorrono i centocinquanta anni dalla nascita del Premio Nobel Luigi Pirandello, del quale  insieme al premio Nobel Grazia Deledda proprio nel 2016 appena trascorso si sono celebrati gli ottanta anni dalla morte.

Per questo il Bureau Internazionale AICL, presieduto da Neria De Giovanni, ha invitato i delegati dell’Associazione a una riflessione sul valore dei Premi Nobel per la letteratura nei diversi Paesi del mondo.
Critici e scrittori provenienti dal Giappone, Spagna, Francia, USA, Venezuela, Romania, Albania , Catalogna, oltre che da diverse città italiane, Roma, Taranto, Genova, Torino, si confronteranno nella Scuola « A.Amore, presso l’Auditorium Paolo Monaca, appena inaugurato con la donazione da parte della famiglia Monaca di un busto di bronzo dell’artista Paolo Marazzi che con la sua arte unisce Baltico e Mediterraneo passando per Assisi.

In apertura un importante omaggio alla città che ospita il Convegno, con la relazione di Grazia Dormiente sul carteggio inedito tra Giorgio La Pira e Salvatore Quasimodo.

Per la Francia, Andrè Ughetto parlerà del Premio Nobel Federic Mistral e Jean Pierre Castellani di Albert Camus ; per la Spagna Angel Basanta, Segretario Generale dell’AICL, relazionerà su Camillo Josè Cela, mentre le catalane Josefa Contioch e Lulisa Julià parleranno della diffusione in Catalogna dei premi Nobel italiani Deledda, Pirandello e Quasimodo. Anche il romeno Horia Alupului omaggerà l’Italia con la sua relazione su Grazia Deledda in Romania, e Tudorel Radu offrirà un parallelo tra il nostro Pirandello e il romeno Brancusi  e Stefan Damian vicepresidente dell’AICL relazionerà sui luoghi di Salvatore Quasimodo. ’albanese Arjan Kallco omaggerà anche la Sicilia parlando di Quasimodo mentre Andrea Guiati che insegna in USA parlerà dell’ultimo premio Nobel, Bob Dylan.

Molta nutrita la presenza italiana : Piefranco Bruni parla di Pirandello, di Quasimodo Silvano Trevisani, mentre il Dante dei Premi Nobel è il tema svolto da Giovanna Ioli. Montale e Quasimodo sono all’attenzione di Rosa Elisa Giangoia, e Sabino Caronia parla di Pirandello tra Sciasia e Debenedetti. Antonio Maria Masia affronta Dario Fo. Mentre Bruno Rombi parla di Neruda in Sardegna in rapporto a  Grazia Deledda e Franco Idone raccoglie i Nobel che salgono e quelli che scendono… Dal Venezuela, Antonio Mendoza offre un ritratto della polacca Wislawa Szybroska.

Il convegno sarà l’occasione anche per visitare i luoghi di cultura del territorio: a Pozzallo, dopo l’incontro con il Sindaco, ci sarà la visita alla Casa Natale e al Museo di Giorgio La Pira  e alla mostra didattica “ Pozzallo nel vortice del tempo- Pozzallo dalla preistoria al XXI secolo”  allestita presso l’Istituto Comprensivo A. Amore . A Ispica,  incontro  con il Sindaco e visita dei luoghi di” Divorzio all’italiana” di Pietro Germi e di Montalbano, il famoso commissario nato dalla penna di Andrea Camilleri. Infine a Modica per la casa di Salvatore Quasimodo e il Museo del cioccolato.

In conclusione del Convegno, come d’uso per gli incontri Internazionali dell’Associazione, verrà consegnato il Premio Europeo Farfa di cultura e territorio , che quest’anno andrà ad esponenti del territorio ibleo.

 



Maggiori informazioni https://aicl-org.webnode.it/

 

L'Association Internationale des Critiques Litteraires sbarca a Pozzallo

 

« Il Premio Nobel della letteratura nel mondo » è il tema che i critici e gli scrittori dell’Associazione Internazionale dei Critici letterari svolgeranno nel loro convegno annuale che si terrà a Pozzallo il 20-21 gennaio p.v.

Su invito ed organizzazione del prof. Corrado Monaca, Direttore Strategico cultura e territorio, l’AICL sbarca per la seconda volta in Sicilia dopo il Convegno di Gela del 2001, in occasione del centenario della nascita di Salvatore Quasimodo.

Nel 2017 ricorrono i centocinquanta anni dalla nascita del Premio Nobel Luigi Pirandello, del quale  insieme al premio Nobel Grazia Deledda proprio nel 2016 appena trascorso si sono celebrati gli ottanta anni dalla morte.

Per questo il Bureau Internazionale AICL, presieduto da Neria De Giovanni, ha invitato i delegati dell’Associazione a una riflessione sul valore dei Premi Nobel per la letteratura nei diversi Paesi del mondo.
Critici e scrittori provenienti dal Giappone, Spagna, Francia, USA, Venezuela, Romania, Albania , Catalogna, oltre che da diverse città italiane, Roma, Taranto, Genova, Torino, si confronteranno nella Scuola « A.Amore, presso l’Auditorium Paolo Monaca, appena inaugurato con la donazione da parte della famiglia Monaca di un busto di bronzo dell’artista Paolo Marazzi che con la sua arte unisce Baltico e Mediterraneo passando per Assisi.

In apertura un importante omaggio alla città che ospita il Convegno, con la relazione di Grazia Dormiente sul carteggio inedito tra Giorgio La Pira e Salvatore Quasimodo.

Per la Francia, Andrè Ughetto parlerà del Premio Nobel Federic Mistral e Jean Pierre Castellani di Albert Camus ; per la Spagna Angel Basanta, Segretario Generale dell’AICL, relazionerà su Camillo Josè Cela, mentre le catalane Josefa Contioch e Lulisa Julià parleranno della diffusione in Catalogna dei premi Nobel italiani Deledda, Pirandello e Quasimodo. Anche il romeno Horia Alupului omaggerà l’Italia con la sua relazione su Grazia Deledda in Romania, e Tudorel Radu offrirà un parallelo tra il nostro Pirandello e il romeno Brancusi  e Stefan Damian vicepresidente dell’AICL relazionerà sui luoghi di Salvatore Quasimodo. ’albanese Arjan Kallco omaggerà anche la Sicilia parlando di Quasimodo mentre Andrea Guiati che insegna in USA parlerà dell’ultimo premio Nobel, Bob Dylan.

Molta nutrita la presenza italiana : Piefranco Bruni parla di Pirandello, di Quasimodo Silvano Trevisani, mentre il Dante dei Premi Nobel è il tema svolto da Giovanna Ioli. Montale e Quasimodo sono all’attenzione di Rosa Elisa Giangoia, e Sabino Caronia parla di Pirandello tra Sciasia e Debenedetti. Antonio Maria Masia affronta Dario Fo. Mentre Bruno Rombi parla di Neruda in Sardegna in rapporto a  Grazia Deledda e Franco Idone raccoglie i Nobel che salgono e quelli che scendono… Dal Venezuela, Antonio Mendoza offre un ritratto della polacca Wislawa Szybroska.

Il convegno sarà l’occasione anche per visitare i luoghi di cultura del territorio: a Pozzallo, dopo l’incontro con il Sindaco, ci sarà la visita alla Casa Natale e al Museo di Giorgio La Pira  e alla mostra didattica “ Pozzallo nel vortice del tempo- Pozzallo dalla preistoria al XXI secolo”  allestita presso l’Istituto Comprensivo A. Amore . A Ispica,  incontro  con il Sindaco e visita dei luoghi di” Divorzio all’italiana” di Pietro Germi e di Montalbano, il famoso commissario nato dalla penna di Andrea Camilleri. Infine a Modica per la casa di Salvatore Quasimodo e il Museo del cioccolato.

In conclusione del Convegno, come d’uso per gli incontri Internazionali dell’Associazione, verrà consegnato il Premio Europeo Farfa di cultura e territorio , che quest’anno andrà ad esponenti del territorio ibleo.

 



Maggiori informazioni https://aicl-org.webnode.it/

 

L'Association Internationale des Critiques Litteraires sbarca a Pozzallo

 

« Il Premio Nobel della letteratura nel mondo » è il tema che i critici e gli scrittori dell’Associazione Internazionale dei Critici letterari svolgeranno nel loro convegno annuale che si terrà a Pozzallo il 20-21 gennaio p.v.

Su invito ed organizzazione del prof. Corrado Monaca, Direttore Strategico cultura e territorio, l’AICL sbarca per la seconda volta in Sicilia dopo il Convegno di Gela del 2001, in occasione del centenario della nascita di Salvatore Quasimodo.

Nel 2017 ricorrono i centocinquanta anni dalla nascita del Premio Nobel Luigi Pirandello, del quale  insieme al premio Nobel Grazia Deledda proprio nel 2016 appena trascorso si sono celebrati gli ottanta anni dalla morte.

Per questo il Bureau Internazionale AICL, presieduto da Neria De Giovanni, ha invitato i delegati dell’Associazione a una riflessione sul valore dei Premi Nobel per la letteratura nei diversi Paesi del mondo.
Critici e scrittori provenienti dal Giappone, Spagna, Francia, USA, Venezuela, Romania, Albania , Catalogna, oltre che da diverse città italiane, Roma, Taranto, Genova, Torino, si confronteranno nella Scuola « A.Amore, presso l’Auditorium Paolo Monaca, appena inaugurato con la donazione da parte della famiglia Monaca di un busto di bronzo dell’artista Paolo Marazzi che con la sua arte unisce Baltico e Mediterraneo passando per Assisi.

In apertura un importante omaggio alla città che ospita il Convegno, con la relazione di Grazia Dormiente sul carteggio inedito tra Giorgio La Pira e Salvatore Quasimodo.

Per la Francia, Andrè Ughetto parlerà del Premio Nobel Federic Mistral e Jean Pierre Castellani di Albert Camus ; per la Spagna Angel Basanta, Segretario Generale dell’AICL, relazionerà su Camillo Josè Cela, mentre le catalane Josefa Contioch e Lulisa Julià parleranno della diffusione in Catalogna dei premi Nobel italiani Deledda, Pirandello e Quasimodo. Anche il romeno Horia Alupului omaggerà l’Italia con la sua relazione su Grazia Deledda in Romania, e Tudorel Radu offrirà un parallelo tra il nostro Pirandello e il romeno Brancusi  e Stefan Damian vicepresidente dell’AICL relazionerà sui luoghi di Salvatore Quasimodo. ’albanese Arjan Kallco omaggerà anche la Sicilia parlando di Quasimodo mentre Andrea Guiati che insegna in USA parlerà dell’ultimo premio Nobel, Bob Dylan.

Molta nutrita la presenza italiana : Piefranco Bruni parla di Pirandello, di Quasimodo Silvano Trevisani, mentre il Dante dei Premi Nobel è il tema svolto da Giovanna Ioli. Montale e Quasimodo sono all’attenzione di Rosa Elisa Giangoia, e Sabino Caronia parla di Pirandello tra Sciasia e Debenedetti. Antonio Maria Masia affronta Dario Fo. Mentre Bruno Rombi parla di Neruda in Sardegna in rapporto a  Grazia Deledda e Franco Idone raccoglie i Nobel che salgono e quelli che scendono… Dal Venezuela, Antonio Mendoza offre un ritratto della polacca Wislawa Szybroska.

Il convegno sarà l’occasione anche per visitare i luoghi di cultura del territorio: a Pozzallo, dopo l’incontro con il Sindaco, ci sarà la visita alla Casa Natale e al Museo di Giorgio La Pira  e alla mostra didattica “ Pozzallo nel vortice del tempo- Pozzallo dalla preistoria al XXI secolo”  allestita presso l’Istituto Comprensivo A. Amore . A Ispica,  incontro  con il Sindaco e visita dei luoghi di” Divorzio all’italiana” di Pietro Germi e di Montalbano, il famoso commissario nato dalla penna di Andrea Camilleri. Infine a Modica per la casa di Salvatore Quasimodo e il Museo del cioccolato.

In conclusione del Convegno, come d’uso per gli incontri Internazionali dell’Associazione, verrà consegnato il Premio Europeo Farfa di cultura e territorio , che quest’anno andrà ad esponenti del territorio ibleo.

 



Maggiori informazioni https://aicl-org.webnode.it/